Vai al contenuto
ba1ba2

Prescrizione spese condominiali - cosa succederà se la delibera dovesse essere annullata?

il caso è questo:

un inquilino è moroso di quote condominiali del 2007 approvate

con delibera nel 2008. Tale delibera è stata impugnata e la relativa sentenza uscirà nel 2013. Cosa succederà se la delibera dovesse essere annullata? In assenza di lettere interruttive le quote non pagate sono prescritte? Oppure varrebbe una nuova delibera di approvazione fatta eventualmente del 2013?

forse non mi sono espresso bene. La domanda è:

 

una volta annullata dal giudice di I grado la delibera del 2008

le quote non pagate sono prescritte oppure in caso di nuova approvazione in eventuale delibera nel 2013 il condomino è tenuto a pagare ugualmente?

ma la costituzione in giudizio è del 2008 quindi nel 2013

 

i crediti del condomino sono prescritti.

 

Possono sanare tale posizione con una nuova delibera del 2013??

credo che il giudice non abbia sospeso l'efficacia della delibera.

 

Ma una volta che la delibera dovesse essere annullata è come se non fosse mai esistita dunque nel 2013 il condominio si troverebbe

a dover esigere quote del 2007 oramai prescritte.

 

Dunque anche se l'efficacia della delibera del 2008 non era stata sospesa, dopo la sentenza è come non fosse mai esistita.

 

Perchè la mancata sospensione della esecutività

della delibera del 2008 dovrebbe fungere da atto interruttivo?

siamo daccordo che il condominio può esigere le quote in pendenza del giudizio.

 

Quello che voglio sapere è se una volta annullata dal giudice la

delibera del 2008 le spese del 2007 non pagate sono prescritte

e dunque non più esigibili.

×