Vai al contenuto
Flint69

Presa elettrica e contatore indipendente in garage seminterrato

Ciao a tutti. Abito in un condominio con garage seminterrati, quindi con corrente in comune e sprovvisti di prese elettriche. A giorni, dovremmo finalmente avere il C.P.I. Nell'ultima assemblea, ho chiesto all'amministratore se, per chi volesse, fosse possibile installarsi a proprie spese, un contatore nel garage, per avere cosi' la possibilita' di potere installare all'interno una presa elettrica ma lui mi ha risposto che nei garage seminterrati, non e' possibile installare prese elettriche di nessun tipo. Qualcuno mi sa dire se e' vero oppure l'amministratore e' male informato? Grazie

Quello che potresti fare è far installare una presa nel tuo garage collegata direttamente al contatore del tuo appartamento modificata però in maniera tale che in caso di incendio in autorimessa, con l'apposito pulsante di sgancio dell'impianto elettrico dell'interrato si stacchi anche la presa del tuo garage. Il tutto deve essere fatto da elettricista titolato che rilasci opportuna certificazione di conformità. Sentirei in ogni caso anche il perito che vi sta seguendo per il rilascio del CPI

Quello che potresti fare è far installare una presa nel tuo garage collegata direttamente al contatore del tuo appartamento modificata però in maniera tale che in caso di incendio in autorimessa, con l'apposito pulsante di sgancio dell'impianto elettrico dell'interrato si stacchi anche la presa del tuo garage. Il tutto deve essere fatto da elettricista titolato che rilasci opportuna certificazione di conformità. Sentirei in ogni caso anche il perito che vi sta seguendo per il rilascio del CPI

E' quello che aveva gia' proposto qualcuno ma lui insiste a dire che non si puo' e che se uno vuole fare dei lavoretti in garage l'unica e' che si procuri un generatore. La cosa mi pare un po' in contraddizione, visto che i generatori funzionano a carburante ed a mio parere sarebbe molto piu' pericoloso. La mia idea e' che l'amministratore dica che non si puo' per non avere delle scocciature in piu', fra certificazioni permessi vari...

... lui insiste a dire che non si puo'...

Chiedi qual'è la normativa di riferimento a ciò che afferma...

E' facile dire che non si può per Legge...

a volte diventa difficile citare la Legge di riferimento.

in maniera tale che in caso di incendio in autorimessa,

con l'apposito pulsante di sgancio dell'impianto elettrico dell'interrato

si stacchi anche la presa del tuo garage

Sembra una cosa interessante,

però scusami non ho capito bene di cosa si tratta,

potresti magari indicare un link o spiegare un pochino più dettaggliatamente?

 

t.i.a.

Nei garage seminterrati si possono fare impianti elettrici,non c'è nessuna norma che lo vieta.

Se l'amministratore insiste fatti citare la norma che lo vieta.

Anche a me sembra piuttosto insolita l'affermazione dell'amministratore, soprattutto al giorno d'oggi in cui alcuni condomini acquistano le auto ibride confidando sulla possibilità di installazione di una presa di corrente privata (spero non approfittino di eventuali prese che tali non sono) all'interno dei loro box allo scopo di ricaricare le batteria della propria autovettura: cosa facciamo, pubblicizziamo le auto elettriche e vietiamo la possibilità a chi le acquista di potersi "approvigionare" per proprio conto?

Pensate che un tipo in assemblea era disperato perche' aveva appena comprato un appartamento e gli piace fare lavoretti in garage e quando all'amministratore ha chiesto: "ma io allora come faccio?", gli ha risposto: "doveva pensarci prima e non prendere un appartamento in questo condominio". Mah, mi sembra tutto molto strano...

Pensate che un tipo in assemblea era disperato perche' aveva appena comprato un appartamento e gli piace fare lavoretti in garage e quando all'amministratore ha chiesto: "ma io allora come faccio?", gli ha risposto: "doveva pensarci prima e non prendere un appartamento in questo condominio". Mah, mi sembra tutto molto strano...

Spiega meglio all'amministratore che vuoi fare un allacciamento privato (contatore ENEL) con regolare contratto di fornitura.

Forse l'amministratore ha capito che vuoi allacciarti al contatore condominiale e mettere un contatore a defalco nel tuo garage per pagare il tuo consumo personale al condominio.

Fino al contatore sarà responsabile l'ENEL; dal contatore in poi sarai tu responsabile dell'impianto.

A questo lunk che ti invio dovresti trovare conferma della legittimità dell'installazione eseguita a regola d'arte: --link_rimosso--

Aggiornamento della situazione: ho parlato con l'elettricista del condominio ed anche lui mi ha confermato che non c'e' una norma che vieti di installare una presa nel garage. Il suo consiglio pero', sarebbe (anche per risparmiare un po' di soldi), di installare un contascatti nel proprio garage. Quindi, l'amministratore, quando fara' la ripartizione delle spese condominiali, non dovra' altro che tenere conto degli scatti fatti in piu' da chi ha installato il contascatti per far poi pagare la differenza. Anche lui ha il sospetto che l'amministratore non abbia detto questo in assemblea, proprio per non trovarsi a fine anno a dovere fare ulteriori calcoli. Prossimo passo: discorso a quattrocchi con l'amministratore

Comunque ricordati che i lavoretti in garage non si possono fare .Il garage e' una rimessa per auto o moto .

E,data la potenza limitata - non caricare la linea. " come ti è stato già detto - non si possono fare determinati lavoretti nei garage -

... l'amministratore, quando fara' la ripartizione delle spese condominiali, non dovra' altro che tenere conto degli scatti fatti in piu' da chi ha installato il contascatti per far poi pagare la differenza. Anche lui ha il sospetto che l'amministratore non abbia detto questo in assemblea, proprio per non trovarsi a fine anno a dovere fare ulteriori calcoli. Prossimo passo: discorso a quattrocchi con l'amministratore

Indipendentemente dall'uso di energia elettrica che potrai i non potrai fare nel garage, per il contascatti non serve il discorso a quattr'occhi ma la delibera assembleare.

Se più di qualcuno decidesse di usare l'energia elettrica condominiale o si è già al limite di assorbimento massimo della potenza contrattuale, per alimentare le proprietà private con energia condominiale potrebbe essere necessario variare la potenza e quindi variare il contratto con aumento dei costi fissi e prezzo al Kw/h.

Se l'assemblea delibera l'aumento di potenza con differenza costi fissi e variabili a carico dei soli condòmini che richiedono la presa in garage...?

Se l'amministratore a fronte di questa ulteriore contabilizzazione chiede un ulteriore compenso e l'assemblea delibera il riparto di questa contabilizzazione a carico dei soli condòmini che richiedono la presa?

L'amministratore potrebbe anche convincere l'assemblea che mentre nei garage si usa l'energia elettrica condominiale, superando la potenza massima, potrebbe scattare il contatore e far restare qualcuno bloccato nell'ascensore; la vedo complicata se non c'è un'esigenza o quanto meno l'approvazione della maggioranza.

Più semplice installare un proprio contatore.

3oppure allacciare la presa al proprio contatore

Sempre che l'opera sia fattibile e/o il regolamento non vieti di installare canaline sulle parti comuni.

Immagina dover far passare un cavo dal decimo piano al piano interrato e magari farlo passare sotto traccia per non deturpare l'estetica.

E,data la potenza limitata - non caricare la linea. " come ti è stato già detto - non si possono fare determinati lavoretti nei garage -

Per quanto mi riguarda, io non devo fare lavoretti. Il mio unico scopo e' attaccare alla presa un carica/mantenitore di batterie alla moto, in modo cosi', visto che e' provvista di allarme, di non dovere tutti gli inverni togliergli la batteria, privandola cosi' di un ulteriore sicurezza contro i furti che da qualche tempo avvengono anche nelle autorimesse e ti posso assicurare che il consumo di un caricabatterie da moto, collegato in pratica 4/5 volte all'anno (mesi invernali) e' veramente minimo.

Indipendentemente dall'uso di energia elettrica che potrai i non potrai fare nel garage, per il contascatti non serve il discorso a quattr'occhi ma la delibera assembleare.

Se più di qualcuno decidesse di usare l'energia elettrica condominiale o si è già al limite di assorbimento massimo della potenza contrattuale, per alimentare le proprietà private con energia condominiale potrebbe essere necessario variare la potenza e quindi variare il contratto con aumento dei costi fissi e prezzo al Kw/h.

Se l'assemblea delibera l'aumento di potenza con differenza costi fissi e variabili a carico dei soli condòmini che richiedono la presa in garage...?

Se l'amministratore a fronte di questa ulteriore contabilizzazione chiede un ulteriore compenso e l'assemblea delibera il riparto di questa contabilizzazione a carico dei soli condòmini che richiedono la presa?

L'amministratore potrebbe anche convincere l'assemblea che mentre nei garage si usa l'energia elettrica condominiale, superando la potenza massima, potrebbe scattare il contatore e far restare qualcuno bloccato nell'ascensore; la vedo complicata se non c'è un'esigenza o quanto meno l'approvazione della maggioranza.

Più semplice installare un proprio contatore.

La linea dei garage e' separata da quella degli ascensori, percio' non accadra' mai che un ascensore si blocchi, unica cosa che accade e' che quando salta la corrente nei garage, non vanno le luci nelle autorimesse e non si apre il cancello. Il problema e' un altro: da qualche anno c'e' chi ha installato abusivamente delle prese elettriche nei garage, anche se non ci sono le prove, a grandi linee si sa', quindi penso che a questo punto, sarebbe meglio per tutti, avere un proprio contatore nel garage, sono convinto che, cosi' facendo, si metterebbero in regola tutti. Fra l'altro ho saputo che l'hanno fatto in un condominio vicino al nostro. Quello che non mi e' piaciuto, come avevo gia' detto in precedenza, e' che nell'ultima assemblea, dove purtroppo io non ero presente ma c'era mia moglie, l'amministratore non abbia dato alcuna possibilita', ha semplicemente detto che nei garage sotterranei non si possono installare prese elettriche, e a me sinceramente, di essere preso in giro proprio non ma va'

Per quanto mi riguarda, io non devo fare lavoretti. Il mio unico scopo e' attaccare alla presa un carica/mantenitore di batterie alla moto, in modo cosi', visto che e' provvista di allarme, di non dovere tutti gli inverni togliergli la batteria, privandola cosi' di un ulteriore sicurezza contro i furti che da qualche tempo avvengono anche nelle autorimesse e ti posso assicurare che il consumo di un caricabatterie da moto, collegato in pratica 4/5 volte all'anno (mesi invernali) e' veramente minimo.

Si l'assorbimento è minimo.

×