Vai al contenuto
Jey jey

Predisposizione fibra in un condominio fine anni 80, condomino con diritto di servitù rifiuta il passaggio dal suo giardino

Salve, abbiamo acquistato un appartamento in un condominio costruito a fine anni 80 (dall’87 all 89). Siamo arrivati ad installare la linea intenet/telefonica  sperando almeno che ci fosse la predisposizione per la fibra ottica ed invece no…

In questo condominio i pozzetti dove passano i cavi sono 4 e il terzo non veniva trovato dai tecnici, al che scopriamo essere nel giardino di un condomino seppellito dalla terra. Ci mettiamo a scavare PERSONALMENTE con il permesso del condomino stesso per risolvere quanto prima il problema e poter attaccare la linea ma anche qui nulla da fare perché i fili nel terzo pozzetto sono incastrati. Al chè, già innervositi contattiamo l’amministratore di condominio che a sua volta manda elettricisti e muratori, che fanno un prospetto per poter passare una canalina dal terzo pozzetto al 4 passando per forza di cose sul muretto del giardino del condomino in questione, esso al momento dell’intervento si rifiuta di fargli fare il lavoro lasciandoci quindi senza linea internet e telefonica per ben 2 mesi. In tutto ciò ,l’amministratore,  nonostante ci sia un decreto legge che afferma

:”Negli impianti di reti di comunicazione elettronica di cui all’articolo 90, commi 1 e 2, i fili o cavi senza appoggio possono passare, anche senza il consenso del proprietario, sia al di sopra delle proprietà pubbliche o private, sia dinanzi a quei lati di edifici ove non vi siano finestre od altre aperture praticabili a prospetto.
2. Il proprietario od il condominio non può opporsi all’appoggio di antenne, di sostegni, nonché al passaggio di condutture, fili o qualsiasi altro impianto, nell’immobile di sua proprietà occorrente per soddisfare le richieste di utenza degli inquilini o dei condomini.
3. I fili, cavi ed ogni altra installazione debbono essere collocati in guisa da non impedire il libero uso della cosa secondo la sua destinazione.
4. Il proprietario è tenuto a sopportare il passaggio nell’immobile di sua proprietà del personale dell’esercente il servizio che dimostri la necessità di accedervi per l’installazione, riparazione e manutenzione degli impianti di cui sopra.”, ha dato detta al condomino in questione rimandando tutto alla prossima assemblea condominiale a SETTEMBRE e con tanto di votazione lasciandoci senza servizi da GIUGNO.

Vorrei gentilmente avere un vostro parere da esperti su come comportarmi…

Modificato da Jey jey

Capisco il padrone del muro che non vuole la servitù. Quello che non capisco è tutto il resto: che vuol dire che vi siete messi a scavare? la fibra ve la devono portare gli "omini telecom" e sono loro che devono vedersela con il proprietario e risolvere il contenzioso - non tu, non l'amministratore. La soluzione più semplice è quella di passare attraverso una parte comune (per cui tutti ne hanno diritto all'uso salvo precludere l'uso ad altri) ma visto che non ne fai cenno sembra proprio che questa soluzione non sia esplorabile.

Allora è abbastanza complicato da spiegare a parole ma il condomino in questione compró l’appartamento con questo pozzetto condominiale  in giardino avendo quindi l’obbligo di far passare cavi e quant’altro; quindi mi sembra un po’ assurdo che si opponga al passaggio della canalina.

Punto 2: i tecnici che installano la predisposizione la installano solo se riescono effettivamente a fare il lavoro, non è compito loro risolvere il problema condominiale ne tanto meno parlare con l’amministratore (purtroppo); te la devi vedere da solo praticamente.

Punto 3: la canalina essendo per l’appunto il pozzetto nel giardino di questo condomino per arrivare alla parte condominiale deve comunque passare dalla sua proprietà per una piccola parte (tutti i condomini ne farebbero uso, non solo noi), essendo che lui ha comunicato all’amministratore il divieto di passaggio il lavoro non è stato possibile.

Jey jey dice:

Allora è abbastanza complicato da spiegare a parole ma il condomino in questione compró l’appartamento con questo pozzetto condominiale  in giardino avendo quindi l’obbligo di far passare cavi e quant’altro; quindi mi sembra un po’ assurdo che si opponga al passaggio della canalina.

Beh la servitù è solo sul pozzetto. Assurdo forse ma perfettamente legittimo.

 

Jey jey dice:

Punto 2: i tecnici che installano la predisposizione la installano solo se riescono effettivamente a fare il lavoro, non è compito loro risolvere il problema condominiale ne tanto meno parlare con l’amministratore (purtroppo); te la devi vedere da solo praticamente.

Mah guarda, io la fibra non l'ho ancora messa e non ho esperienza diretta ma per quanto ne so quelli di open fiber devono arrivare dentro al condominio con un armadietto per la fibra a costo di buttare giù la porta con un ariete. Non capisco perché tu debba "metterti in mezzo". Ma, lo sottolineo, posso sbagliarmi.

 

Jey jey dice:

Punto 3: la canalina essendo per l’appunto il pozzetto nel giardino di questo condomino per arrivare alla parte condominiale deve comunque passare dalla sua proprietà per una piccola parte (tutti i condomini ne farebbero uso, non solo noi), essendo che lui ha comunicato all’amministratore il divieto di passaggio il lavoro non è stato possibile.

Penso che la cosa migliore da fare sarebbe portare la questione in assemblea anche se capisco perfettamente che la cosa si concili poco con il "mi sono rotto le scale di essere senza telefono". Io però penso che il tuo diritto alla fibra non te lo possano togliere, solo che se il condomino non è conciliante devi passare per il tribunale :-S

 

desperados dice:

Beh la servitù è solo sul pozzetto. Assurdo forse ma perfettamente legittimo.

 

Mah guarda, io la fibra non l'ho ancora messa e non ho esperienza diretta ma per quanto ne so quelli di open fiber devono arrivare dentro al condominio con un armadietto per la fibra a costo di buttare giù la porta con un ariete. Non capisco perché tu debba "metterti in mezzo". Ma, lo sottolineo, posso sbagliarmi.

 

Penso che la cosa migliore da fare sarebbe portare la questione in assemblea anche se capisco perfettamente che la cosa si concili poco con il "mi sono rotto le scale di essere senza telefono". Io però penso che il tuo diritto alla fibra non te lo possano togliere, solo che se il condomino non è conciliante devi passare per il tribunale :-S

 

Purtroppo a quanto ci hanno detto a noi personalmente, i tecnici non possono intervenire su lavori a livello condominiale, anche se il condominio ha l’obbligo di fare migliorie per essere sempre aggiornato sulle nuove tecnologie 

Jey jey dice:

Purtroppo a quanto ci hanno detto a noi personalmente, i tecnici non possono intervenire su lavori a livello condominiale, anche se il condominio ha l’obbligo di fare migliorie per essere sempre aggiornato sulle nuove tecnologie 

Ma per caso questi sono i tecnici telecom\vodafone incaricati da voi o proprio quelli di openfiber? perché ho il sospetto che per i primi sia come dici tu, per i secondi come dico io (anche se mi pare strano che ci siano 2 pesi e 2 misure).

Sono i tecnici di Telecom, a noi avendo stipulato un contratto per la Fibra con la Tim ci hanno mandato direttamente loro

Jey jey dice:

Sono i tecnici di Telecom, a noi avendo stipulato un contratto per la Fibra con la Tim ci hanno mandato direttamente loro

L'unica cosa che mi verrebbe da dirti, per avere la linea attiva, è di provare a sfruttare il vecchio doppino telefonico (certamente presente) e accontentarvi della fibra misto rame sperando nell'intervento di openfiber (puoi controllare i piani programmati per il tuo comune sul loro sito). Però fa comunque girare le scatole.

×