Vai al contenuto
Lorax

Posti auto privati in cortile condominiale

Abito un condominio d'epoca ristrutturato nel 1998 in 6 appartamenti. tra il portone di ingresso dello stabile e la strada esiste un piazzale privato dello stabile chiuso da un cancello automatico. Ci sono solo 5 posti auto in questo piazzale, io ho comprato l'appartamento per ultimo ed avete già capito che sono l'unico a non avere un posto auto. Di parcheggi pubblici vicini se ne trovano liberi solo per miracolo ed ho solo il diritto di ingresso nel piazzale per carico e scarico merce e persone davanti al portone di ingresso. Agli altri 5 è stato assegnato UN posto auto nel cortile peraltro non definendone il luogo esatto ne le dimensioni. Si parla solo di posto auto. Immaginate il piazzale come un trapezio, con l'accesso nella metà del lato lungo e 3 posti perpendicolari all'accesso su un lato ed altri due perpendicolari all'accesso sul lato opposto. I condomini con il posto auto si sono accordati e parcheggiano sempre nello stesso posto. Il problema è che alcuni di loro mettono più di una macchina perché le mettono una dietro l'altra. Infatti mettendo una macchina dietro l'altra, non danno fastidio agli altri. Al massimo devono solo accordarsi tra moglie e marito a chi esce per primo il giorno dopo. In verità, facendo in questo modo, lo spazio comune di manovra si riduce molto. Io per esempio, se entro per scaricare la spesa, devo uscire in retro su una strada senza visuale e pericolosissima, mentre se ognuno di loro parcheggiasse solo una macchina potrei girarmi senza dovere uscire in retro. La mia domanda è: Se è stato assegnato a ciascuno di loro UN posto auto, possono mettercene due allineandole e sconfinando nelle spazio comune che pure questo non è definito? Il posto auto non definito nello spazio e nelle dimensioni ha delle misure per così dire standard? La situazione è quella del disegno.PARC.jpg

Se il parcheggio è condominiale non si possono assegnare i posti se non all'unanimità di condomini, se non sono sufficienti per tutti si deve prevedere una turnazione fra tutti i condomini (una auto ciascuno), ovvero 5 dentro ed una fuori a turno, ed è anche illecito parcheggiare negli spazi di manovra e transito, infatti non si può impedire il transito e manovra, metti i caso ci sia una emergenza e devono intervenire pompieri e croce rossa;

 

In molti edifici che hanno il vantaggio di possedere un cortile possibile di destinazione a parcheggio delle auto dei condomini, spesso nelle assemblee chiamate a deliberare sull’assegnazione di quanti e quali spazi sia possibile occupare da parte di ogni condomino, alcuni proprietari avanzano l’ipotesi che l’assegnazione debba avvenire tenendo in massimo conto il peso millesimale di ognuno. (come dire più millesimi, più posti). Ipotesi da scartare già a partire dalla lettura dell’art. 1102 del codice civile che vieta l’uso della cosa comune in modo diverso dagli altri e tale da impedirne il pari uso.

Illegittima anche la possibilità di assegnare il posto auto in via esclusiva e nominalmente, in modo permanente e definitivo, tramite una delibera maggioritaria. Solo all’unanimità di tutti i proprietari sarà possibile una assegnazione come sopra detto.

Così, quando gli spazi soddisfano l’esigenze di parcheggio di almeno un’auto per ogni unità abitativa o diversa dall’abitazione, sarà alquanto semplice provvedere alla assegnazione provvisoria dei posti. Quando, invece, gli spazi risulteranno minori degli aventi diritto, sarà necessario provvedere a una turnazione che permetta a tutti di godere del posto auto per la stessa quantità di tempo

Fonte /ccortili-e-posti-auto-va-innanzitutto-tenuto-conto-che-quando-non-vietato.133#ixzz3dRkprksYhttps://www.condominioweb.com/ccortili-e-posti-auto-va-innanzitutto-tenuto-conto-che-quando-non-vietato.133#ixzz3dRkprksY

https://www.condominioweb.com

Il posto auto che ciascuno degli altri condomini ha, consta sul loro atto di compra vendita del loro appartamento come generico posto auto in cortile senza indicare il luogo e le dimensioni . L' unico a non averlo sull'atto di vendita sono io perché quando ho comprato il mio appartamento, non ne erano rimasti.

Bel problema... demolire il muro e fare una decina di posti auto a lisca di pesce con accesso dalla strada?

Il posto auto che ciascuno degli altri condomini ha, consta sul loro atto di compra vendita del loro appartamento come generico posto auto in cortile senza indicare il luogo e le dimensioni . L' unico a non averlo sull'atto di vendita sono io perché quando ho comprato il mio appartamento, non ne erano rimasti.
Ho il vago dubbio che i condomini si sono impossessati di una parte comune, ovvero non è possibile che sull'atto di vendita sia segnato "generico posto auto" e loro lo considerano come proprio, ovvero ho hanno un rogito che dimostri che quel posto occupato è di loro proprietà, oppure quel posto "generico" è parte comune a tutti.

Sull' atto di vendita c'è scritto "appartamento etc .... con posto auto di proprietà nel cortile " Non c'è scritto POSTO PER 2 AUTO... quindi non metto in dubbio che siano veramente proprietari del posto, ma quello che mi lascia perplesso è che ce ne mettano due di auto, approfittando del fatto che sull' atto non c'è scritto per esempio " posto auto di 2,30x4,00 metri". Sullo spazio che ognuno di loro si è preso, si può quasi parcheggiare un autobus ed in questo modo, la parte rimanente considerata come servitù di passaggio al portone per carico e scarico diventa esigua.

Sull' atto di vendita c'è scritto "appartamento etc .... con posto auto di proprietà nel cortile "
E' scritto indicando anche quale posto, particella catastale ecc ecc?

no, non c'è scritto quale posto, particella ecc.... In origine esistevano solo 5 appartamenti e non c'erano problemi, poi, l'ultimo piano con mansarda nel quale abito è stato diviso in due appartamenti perché troppo grande e di difficile vendibilità. Gli appartamenti sono diventati 6 ed io ho comprato per ultimo e sono rimasto senza posto auto.

Ho compreso, ma come detto se loro non dimostrano con documentazione (titolo) che quel determinato posto è di loro proprietà, quello è parte comune;

 

cc art. 1117 Parti comuni dell'edificio.Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo

2) le aree destinate a parcheggio nonché i locali per i servizi in comune, come la portineria, incluso l'alloggio del portiere, la lavanderia, gli stenditoi e i sottotetti destinati, per le caratteristiche strutturali e funzionali, all'uso comune;

Se desideri risolvere il problema senti un legale, parlarne qui sul Forum non risolve nulla, perchè sentirai solo dei consigli e pareri.

no, non c'è scritto quale posto, particella ecc.... In origine esistevano solo 5 appartamenti e non c'erano problemi, poi, l'ultimo piano con mansarda nel quale abito è stato diviso in due appartamenti perché troppo grande e di difficile vendibilità. Gli appartamenti sono diventati 6 ed io ho comprato per ultimo e sono rimasto senza posto auto.

Se il cortile non è accatastato come C/6 (Box o posti auto), i posti sono tutti irregolari e non può parcheggiare nessuno (anche se c'è scritto posto auto sull'atto di vendita)!!!

 

In tal caso, meglio trovare un accordo, o dovranno rinunciare tutti.

×