Vai al contenuto
mony71

Portiere responsabile della sicurezza D.L 81/2008

Buongiorno, questa è la mia prima discussione e mi scuso in anticipo se faccio qualche errore.

La mia domanda è : Per Legge il portiere di un Condominio deve conseguire il corso come responsabile della sicurezza??

Il mio condominio è composto da 6 scale, e in una scala a seguito di un incendio ha deciso di ristrutturare la scala appaltando i lavori ad una ditta ed il portiere è stato nominato responsabile della sicurezza. Ma quello che non mi convince è che dopo qualche giorno è apparso nella bacheca della portineria che si sarebbe assentato per il corso di aggiornamento da seguire come responsabile della sicurezza secondo D.L 81/08.

Ho chiesto al portiere maggiori informazioni e mi ha comunicato che per legge doveva fare il corso (cosa che non ha mai fatto).

Grazie per le delucidazioni in merito.

Puoi documentarti leggendo i contratto nazionale del portierato:

 

http://www.cisal.org/images/documenti/CCNL/CCNL-CONFEDILIZIA-CISAL-2013.pdf

 

La legge che imponne il responsabile della sicurezza è il Testo Unico sulla Sicurezza, il D.Lgs. 81 del 2008, dove è il datore di lavoro (proprietari nel condominio e amministratore) che dovrà nominare un RSPP esterno oppure, come specificato dalla normativa, frequentando un corso RSPP potrà svolgerlo in prima persona.

 

Infatti il Decreto 81 specifica che un RSPP deve ricevere, obbligatoriamente, un’adeguata formazione relativamente alla disciplina della prevenzione dei rischi in generale e, in particolare, alle criticità relative alla sua situazione aziendale specifica.

 

Bisogna poi sperare che i proprietari e il Direttore lavori (anch'essi responsabili penalmente) accettino che il responsabile della sicurezza, anziché un professionista, sia un portiere che ha frequentato qualche ora di corso.

Buongiorno, questa è la mia prima discussione e mi scuso in anticipo se faccio qualche errore.

La mia domanda è : Per Legge il portiere di un Condominio deve conseguire il corso come responsabile della sicurezza??

Il mio condominio è composto da 6 scale, e in una scala a seguito di un incendio ha deciso di ristrutturare la scala appaltando i lavori ad una ditta ed il portiere è stato nominato responsabile della sicurezza. Ma quello che non mi convince è che dopo qualche giorno è apparso nella bacheca della portineria che si sarebbe assentato per il corso di aggiornamento da seguire come responsabile della sicurezza secondo D.L 81/08.

Ho chiesto al portiere maggiori informazioni e mi ha comunicato che per legge doveva fare il corso (cosa che non ha mai fatto).

Grazie per le delucidazioni in merito.

Siccome responsabile della sicurezza non vuole dire nulla e' il caso che tu chiarisca cosa intendi per "responsabile sicurezza " anche perche' poi indichi che ci sara' un cantiere .

Stai parlando di luoghi di lavoro ? E quindi rspp, rls,aspp etc ?

 

Stai parlando di cantieri ? Quindi responsabile dei lavori,coordinatore della sicurezza etc ?

Sui luoghi di lavoro i responsabili della sicurezza sono :datore di lavoro,dirigenti,preposti e i lavoratori ciascuno nell'ambito delle proprie attribuzioni e competenze . Ovvero non esiste una figura denominata "responsabile sicurezza" ma tutti i soggetti partecipano alla propria e altrui sicurezza sui luoghi di lavoro .

Peppe

 

Ti consiglio di leggere Articolo 19 del decreto che ho citato sopra.

 

Obblighi del preposto (nel nostro caso il portiere)

1. In riferimento alle attività indicate all’articolo 3, i preposti, secondo le loro attribuzioni e competenze, devono:

a) sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori diretti;

b) verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico;

c) richiedere l’osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa;

d) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione;

e) astenersi, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato;

f) segnalare tempestivamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta;

g) frequentare appositi corsi di formazione secondo quanto previsto dall’articolo 37

 

Alla luce di quanto sopra, pensi che un "portiere" con qualche ora di corso possa svolgere con competenza il ruolo di preposto "responsabile della sicurezza" sollevando i condómini e l'amministratore in quanto committenti dalle responsabilità civili e penali loro ascrivibili?

 

Io non mi fiderei e assegnerei questo compito a professionista esperto, magari nella veste del D.L. sicuramente esperto anche in questa materia.

Il portiere non credo che sia un preposto ma un semplice lavoratore .

Comunque il preposto non si assume tutte le responsabilita' in materia di sicurezza , ripeto tutti i soggetti sono responsabili della sicurezza a partire dal datore fino al lavoratore . Ovviamente ognuno a le proprie responsabilita

 

Non esiste una figura che si chiama "responsabile della sicurezza' .

Qui mi sembra che si confondono le figure previste sui luoghi di lavoro dalle figure previste sui cantieri .

Ripeto forse e' il caso che mony71 chiarisca cosa intende per 'responsabile sicurezza ".

E chiarisca se intende sicurezza sui "luoghi di lavoro" oppure sicurezza del " cantiere edile" .

il portiere non è in alcun modo responsabile della sicurezza,e non può esserlo! la legge va applicata a contesti importanti come gli appalti,la manutenzione della caldaia,i comprensori garage;il portiere dovrebbe avere quelle conoscenze tecniche per cui anche gli ingegneri vanno ad aggiornarsi! il portiere è un dipendente,e come tale va tutelato lui in tema di sicurezza sul luogo di lavoro da parte del condominio,non viceversa. Solo pensarlo mi sembra incredibile.

Grazie mille per le risposte esaustive. Dovrò informarmi meglio comunque il mio portiere svolge e prende compensi anche come 3° responsabile per la caldaia. Ma nel caso sopra descritto è stato solo comunicato a noi condomini quanto segue:il portiere si assenterà il giorno .... dalle ore ... alle ore... perchè dovrà partecipare ad un corso obbligatorio in materia di sicurezza sul lavoro secondo quanto disposto dall'art.37 del DL 81/08.

E questo perchè è stato nominato dall'amm.re e dalla scala in qui stanno facendo i lavori, come responsabile della sicurezza sul cantiere

Non credo che il portiere possa fare il 3 responsabile della caldaia.

Il corso deve farlo l'amministratore visto che non conosce la materia.

Presumo che trattandosi di lavoratore subordinato alle dirette dipendenze dell'amministratore il portiere debba frequentare i corsi obbligatori per i lavoratori, in aggiunta è probabile che nel Documento di Valutazione dei Rischi del condominio egli sia stato nominato "Addetto al Pronto Soccorso" e possibilmente "Addetto all'antincendio" è quindi naturale che sia obbligato a frequentare tutti e tre i corsi obbligatori per legge (lavoratore-Pronto soccorso-antincendio)

perfetto. Chiederò all'amministratore ulteriori delucidazioni e vi farò sapere.

Grazie mille siete stati tutti molto preziosi.

se avete un portiere (dipendente), chiederei all'amministatore se è stato fatto un DUVRI

il portiere puo' anche fare un corso sulla sicurezza, anzi ben venga... ma che mi faccia il responsabile sicurezza per il cantiere lo trovo assurdo!

Buonasera,

ho chiesto all'amministratore e come al suo solito mi ha solo comunicato che ha dovuto fare il DUVRi secondo dispozioni di legge, e poi ha aggiunto che il portiere ha dovuto frequentare un corso di sicurezza, in quanto se viene l'elettricista a cambiare una lampadina e cade ... il condominio ci passa i guai... (ma di solito è il portiere a cambiare le lampadine. Ha voluto come al solito come si dice a roma finire a tarallucci e vino!)

ripeto e' il caso che l'amministratore faccia corsi in materia di sicurezza perché da delle risposte "pastrocchio ";)

perché se cade il portiere niente guai ??????????????

 

a proposito (anche se si tratta di semplice lampadine ) lo sa l'amministratore che il portiere deve seguire un corso specifico visto che il cambio lampadine potrebbe presentare un "rischio elettrico " ?

Sin ora però non è chiaro, e l'amministratore non ha chiarito, se il corso per il portiere è assestante per il condominio oppure afferisce al futuro cantiere da aprire.....avendo citato a giustificazione l'apertura di un cantiere.

 

Detto questo per il cantiere il condominio, in qualità di committente, e nella figura dell'amministratore, e se e soltanto se, ve ne siano i presupposti deve :

- nominare il coordinatore per la progettazione - che redige il PSC

- nominare il coordinatore per l'esecuzione

- redigere il DVRI

 

Credo che si sia fatta un po’ di confusione sin dall’inizio

 

E’ corretto quanto è stato detto:

Il portiere non credo che sia un preposto ma un semplice lavoratore .”

Per l’esattezza per preposto non solo si deve intendere un lavoratore, ma un lavoratore alle dipendenze del datore di lavoro

Datore di lavoro = titolare dell’impresa esecutrice (cantiere)

Proprietario = Committente = amministratore > ed il portiere è un lavoratore SI ma alle dipendenze del committente ossia del condominio ……..in altre parole non ha nulla a che vedere con il Datore di lavoro = titolare dell’impresa esecutrice edilizia

 

E’ corretto anche quanto è stato detto:

il portiere dovrebbe avere quelle conoscenze tecniche per cui anche gli ingegneri vanno ad aggiornarsi! il portiere è un dipendente, e come tale va tutelato lui in tema di sicurezza sul luogo di lavoro da parte del condominio, non viceversa

 

E ancora l’Articolo 37 del D. Lgs. 81/2008 afferisce alla - Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti……ossia dei lavoratori impegnati direttamente nella lavorazione cantieristica della fattispecie del condominio.

 

Nota:

Dal D. Lgs. 81/2008

«DATORE DI LAVORO»: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa.

Nelle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165(N), per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest’ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall’organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell’ubicazione e dell’ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l’attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con l’organo di vertice medesimo;

 

«AZIENDA»: il complesso della struttura organizzata dal datore di lavoro pubblico o privato;

 

Vi sono casi in cui il datore di lavoro non coincide con il committente, infatti nel caso di cantieri edili:

COMMITTENTE: il soggetto per conto del quale l’intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione. Nel caso di appalto di opera pubblica, il committente è il soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell’appalto;

×