Vai al contenuto
erreti

Polizza globale fabbricato e impugnazione spese danni da infiltrazioni

Un condominio ha una polizza globale del fabbricato, tra le garanzie incluse figurano le perdite da acqua condotta e la ricerca ed il ripristino del danno. Nello specifico il sinistro verificatosi a danno di un appartamento di un condomino, con evidenti segni da infiltrazioni sulle pareti di due stanz,e è stato causato dalla perdita generata dalla rottura del piatto doccia del condomino del piano superiore. Viene denunciato il sinistro e l'assicurazione riconosce un risarcimento per un dato importo al netto delle franchigie delle due garanzie. Il quesito è il seguente: chi dovrà farsi carico della franchigia, tenuto conto che il danno non è stato cagionato da condutture condominiali, il condominio perchè la polizza è condominiale o il proprietario dell'appartamento dal quale si è generato il danno?

Anche a mio avviso, ma sentendo il parere del perito dell'assicurazione la franchigia dovrebbe pagarla il condominio solo perchè la polizza è condominiale. E ciò mi sembra strano perchè volendo estremizzare e verificandosi dei danni su una metà delle unità immobiliari cagionati da altrettanti appartamenti (quindi da e su proprietà private), il condominio dovrebbe pagare le franchigie di tutti i sinistri che non riguardano parti condominiali. Altri pareri?

Anche a mio avviso, ma sentendo il parere del perito dell'assicurazione la franchigia dovrebbe pagarla il condominio solo perchè la polizza è condominiale. E ciò mi sembra strano perchè volendo estremizzare e verificandosi dei danni su una metà delle unità immobiliari cagionati da altrettanti appartamenti (quindi da e su proprietà private), il condominio dovrebbe pagare le franchigie di tutti i sinistri che non riguardano parti condominiali. Altri pareri?

La polizza condominiale non guarda chi è il proprietario della tubazione che ha causato il danno e risarcisce anche se la stessa è privata ma per la parte che non risarcisce l'assicurazione deve per legge ( art. 2051 c.c ) intervenire il proprietario della cosa che lo ha causato in quanto responsabile dell'accaduto e fortunato che esisteva un'assicurazione condominiale che ne ha pagato una buona parte che altrimenti sarebbe toccato ( il risarcimento ) tutto a lui.

Stiamo dicendo tutti e tre la stessa cosa, la differenza tra quanto risarcito e l'entità del danno (quindi la franchigia) è a carico del condomino che ha causato il danno e non del condominio. Confermate?

×