Vai al contenuto
Eleyna

Pizzeria sotto casa = non dormiamo più

Buongiorno a tutti,

Io e mio marito abitiamo al primo piano in un piccolo condominio dal 2008.

Al piano terra ci sono delle attività commerciali che non hanno mai recato nessun disturbo.

Questo fino al maggio 2012, ovvero quando la pizzeria ha cambiato gestione.

Da lì sono iniziati i problemi.

 

1. Puzza di fritto/kebab tutto il giorno

2. Fuliggine sui balconi (questo è il meno)

3. Tavoli fuori dalla pizzeria piazzati esattamente a metà, in modo da non permettere il passaggio a carrozzine, e non usano nessun tipo di protezione per il pavimento (= macchie olio e altre schifezze per terra)

4. Bambini ospiti della pizzeria che per divertirsi si arrampicano sul cancello automatico dell'ingresso, dondolandosi come scimmie = cancello perennemente rotto, e indovinate chi paga?

5. Zona rifiuti nel box perennemente piena di sacchi della spazzatura, cartoni di pizza, vetri, ecc, e indovinate chi paga i viaggi in discarica per consentire il passaggio nel corsello box?

6. I tavoli e le sedie restano fuori 24 ore su 24, 7 giorni su 7

 

Ed è proprio il 6° punto ad essere quello più fastidioso.

 

La pizzeria chiude alle 22.30 ed il gestore se ne va.

Dopo le 23.00, puntualmente arrivano gruppetti che urlano, fumano e bevono allegramente.

Inizialmente mio marito ha pensato di parlare con il gestore, spiegando che la situazione non era delle migliori e che di notte la gente ha il diritto di dormire (soprattutto se la mattina si alza alle 6 per andare al lavoro).

Risposta del gestore? "Nessun problema, faccio spostare i tavoli, voglio avere un buon rapporto con il condominio"

Li avranno tolti, si e no, 3-4 volte.

Da lì ci abbiamo parlato altre 4-5 volte ma niente, solo promesse all'aria ed un "bello, guarda che io ho tutti i permessi in regola, quindi faccio quello che voglio".

 

Abbiamo fatto 2 assemblee condominiali e, ad entrambe, noi ed altri 2 appartamenti ci siamo lamentati.

L'amministratore ha scritto una lettera al gestore, chiedendo il ritiro di tavoli e sedie.

Che ovviamente non sono mai stati tolti, semplicemente sono stati spostati verso il muro e le sedie impilate una sull'altra (metodo efficacissimo secondo il proprietario della pizzeria per far smettere ai ragazzi di andar lì a divertirsi quando il locale è chiuso).

 

Chiedo quindi un vostro consiglio perchè ci stiamo stancando di chiamare i carabinieri in piena notte per far andar via la gente.

L'amministratore è in ferie, torna la prossima settimana, e sono intenzionata a dargli una svegliata visto che si vede/sente solo quando ci sono le spese condominiali da pagare :|

 

 

Il condominio può realmente imporre alla pizzeria di riporre i tavoli e le sedie all'interno, durante la chiusura?

In caso negativo, cosa possiamo fare?

 

 

Grazie

 

 

Ele

quando la pizzeria è chiusa, procurati 5 litri di benzina e dagli fuoco ai tavoli con le sedie, vedrai che da li n poi non ci saranno piu problemi :-)

quando la pizzeria è chiusa, procurati 5 litri di benzina e dagli fuoco ai tavoli con le sedie, vedrai che da li n poi non ci saranno piu problemi :-)

Ed io che avevo pensato solo a rivenderli su Ebay 😎

Il regolamento condominiale, se esiste, non prevede nulla?

Comunque io andrei in comune e vedere se è tutto ok con i permessi.

Se fossero in regola con i permessi tempesta i vigili urbani di telefonate quando non vengono rispettate le ore del silenzio.

In ultima analisi parti con gavettoni e fai cattiva pubblicità al locale: forse così il gestore capirà il fastidio che arreca.

Il regolamento condominiale, se esiste, non prevede nulla?

Comunque io andrei in comune e vedere se è tutto ok con i permessi.

Sicuro che se mi presento in comune mi daranno informazioni del genere?

 

 

Se fossero in regola con i permessi tempesta i vigili urbani di telefonate quando non vengono rispettate le ore del silenzio.

In ultima analisi parti con gavettoni e fai cattiva pubblicità al locale: forse così il gestore capirà il fastidio che arreca.

Il lavoro del vigile urbano da me inizia la mattina alle 8 e finisce il pomeriggio alle 18.00.

Li ho chiamati un paio di volte per informarli e sai cosa mi hanno risposto?

"Dopo le 22.30 è disturbo della quiete pubblica. Chiami i carabinieri e se non escono chiami direttamente la questura a Varese che li fanno uscire loro a pedate...".

 

Gavettoni e cattiva pubblicità non credo servirebbero a molto.

Servirebbe di più avere il numero di casa del gestore e del proprietario dei locali in modo da svegliarli ogni volta che qualcuno si piazza sotto casa e sveglia noi 🙂

Servirebbe di più avere il numero di casa del gestore e del proprietario dei locali in modo da svegliarli ogni volta che qualcuno si piazza sotto casa e sveglia noi 🙂
Per il numero telefonico del proprietario è facile, se conosci il nome lo trovi scritto sul rendiconto, guardi sull'elenco telefonico e probabilmente lo trovi

Per quanto riguarda il Gestore, nella mia città vige questa regola, e ritengo sia per sicurezza, sull'entrata c'è una targhetta con nome cognome indirizzo e numero telefonico di chi ha le chiavi dei locali pubblici, negozi, officine, artigianato ecc ecc tutti insomma. Se tale regola vige anche dalle tue parti sei a cavallo

p.s. e O.T. bella la città giardino, Campo dei Fiori, Sacro Monte, piazza monte Grappa, i giardini del Palazzo Estense ....

Il proprietario non è in elenco, già guardato.

 

Mai viste targhette di quel tipo.

A proposito di targhette, mi hanno consigliato di far mettere la classica targhetta "non sostare dopo la chiusura della pizzeria" ma so già che farebbe la fine delle targhette "non appoggiare le biciclette al muro" e "non parcheggiare le moto davanti al cancello".. ovvero nel cestino dopo meno di una settimana perchè si divertono a staccarle.

 

ps: grazie!

quando la pizzeria è chiusa, procurati 5 litri di benzina e dagli fuoco ai tavoli con le sedie, vedrai che da li n poi non ci saranno piu problemi :-)

nel forum e' vietato dare consigli su comportamenti illegali anzi che configurano addirittura reati penali .

 

sei pregato di tenere detti consigli per te .

ciao

 

sono meravigliato da alcune risposte che ti sono state date, che ritengo assai poco costruttive e serie, salvo che non si volesse scherzare, ma sembra che forse ... non sia così.

 

Puoi fare in progressione molte cose.

 

La prima è sentire l'amministratore per vedere se i tavoli e le sedie sono posizionate su suolo condominiale o a uso esclusivo ( lo dovresti anche vedere dal tuo atto).

Se sono su spazi comuni, chiedi all'amministratore di intervenire e far rimuovere gli stessi, salvo che non ci siano regolamento o delibere ostative.

 

Qualora questa via non funzionasse, passa all'azione per danno biologico dinanzi al Giudice di Pace. Il titolare è responsabile anche per i suoi clienti anche se ha chiuso.

ma codesti tavolini su che suolo sono posti?

 

suolo di pertinenza del locale ,suolo condominiale ,suolo pubblico ?

"Il titolare è responsabile anche per i suoi clienti anche se ha chiuso."

 

e' responsabile durante l'orario di apertura se non richiama all'ordine i propri avventori .quando chiude il locale non e' responsabile .

Il gestore, in questo caso, non è responsabile nemmeno per i suoi dipendenti... figuriamoci dei clienti!

Davanti alla palazzina abbiamo un piccolo parcheggio che conduce alla rampa dei box.

I figli dei clienti della pizzeria quest'estate erano fissi in fondo al parcheggio, in corrispondenza della rampa, a giocare a calcio.

Quando un mio vicino l'ha fatto notare alla pizzeria, la risposta è stata "io non sono uno dei genitori, la colpa è loro ma di certo non posso dirgli nulla" (idem di quando i figli si attaccano al cancello imitando Cita). Quando invece ho rischiato io di investirne un paio uscendo dalla rampa, il mio commento ad un paio di genitori è stato "o fate spostare i vostri figli o se li tiriamo sotto in macchina non ve li paghiamo per buoni, fate voi".

"Ehhh ma poverini, si annoiano a stare seduti al tavolo in attesa delle pizze.. dovranno pur divertirsi in qualche modo" questo per dire il grado di QI/responsabilità vs i propri figli/educazione dei frequentatori del locale 🙂

×