Vai al contenuto
francescaschiro

Piscina privata in villetta a schiera condominiale

Salve,

vivo con mio marito in una condominio atipico perchè e fatto da una serie di villette a schiera (12). La mia è una viletta di testa con un giardino nel quale voglio mettere una piscina interrata. Sto facendo fare il progetto ad un geometra, ma mi è sorto un dubbio prima di iniziare i lavori: devo avvertire l'amministratore del condominio ? Devo avvertire i condomini (suono a ogni villetta ?). Oppure faccio tutte le pratiche per la DIA e inizio fregandomene ?

Tenete conto che non arreco alcun fastidio a nessuno con i lavori (magari un po' di rumore il giorno dello scavo, ma nulla di più),

Potrebbero impedirmi di fare la piscina nel mio giardino privato (e recintato da una siepe di lauro per tutto il perimetro ?)

Grazie mille

Se il tuo giardino è privato e questo risulta ben chiaro dal titolo di acquisto (rogito) gli unici permessi da ottenere sono quelli del comune. Si pone il problema del consumo dell'acqua, per il quale, se già non è presente, sarebbe bene un pozzo, pure lui privato. Metti un avviso nella cassetta delle lettere dei vicini in cui avverti che ci saranno dei lavori nel tuo giardino che non interessano parti comuni e che ti scusi per gli eventuali disagi, senza specificare altro. Avvisa l'amministratore specificando che hai ottenuto i necessari permessi comunali. Metti in conto che attirerai l'attenzione dell'Agenzia delle Entrate... Saluti.

Grazie mille del suggerimento, non avevo pensato a mettere un foglio nella cassetta delle lettere dei vicini, lo farò e avvertiro' anche l'amministratore per conoscenza. Sull'agenzia delle entrate nessun problema ne io ne mio marito abbiamo nulla da nascondere e poi una piscina costa poco piu' di un'auto di media cilindrata, non capisco che differenza ci sia rispetto a quelli che acquistano una BMW e oltretutto aumenta il valore della casa, mentre l'auto è pura spesa.

Non ho capito la storia del pozzo... il progetto lo sta seguendo un geometra e non mi ha parlato di pozzi... o meglio forse si si tratta di un pozzetto di ispezione nella tratta dallo scarico della piscina alla fognatura, intendi quello ?

 

---

 

 

Se il tuo giardino è privato e questo risulta ben chiaro dal titolo di acquisto (rogito) gli unici permessi da ottenere sono quelli del comune. Si pone il problema del consumo dell'acqua, per il quale, se già non è presente, sarebbe bene un pozzo, pure lui privato. Metti un avviso nella cassetta delle lettere dei vicini in cui avverti che ci saranno dei lavori nel tuo giardino che non interessano parti comuni e che ti scusi per gli eventuali disagi, senza specificare altro. Avvisa l'amministratore specificando che hai ottenuto i necessari permessi comunali. Metti in conto che attirerai l'attenzione dell'Agenzia delle Entrate... Saluti.

il pozzo a regola non è obbligatorio, chi ha la piscina spesso l'acqua se la fa portare con i mezzi ogni tot anni

Ho posseduto in passato un casolare di campagna dotato di piscina, anche piuttosto grande, per cui parlo per esperienza diretta. Una piscina determina un consumo di acqua non indifferente. Penso che ogni unità abitativa del vostro condominio orizzontale (si chiama così un complesso di case a schiera) abbia il suo contatore, ma in alcuni comuni è fatto divieto di utilizzare l'acqua potabile per usi diversi da quelli domestici normali. Un pozzo ti fornisce a basso costo tutta l'acqua che serve per la pulizia all'inizio della "stagione balneare" e il successivo riempimento. Potresti anche dovere procedere a un ricambio imprevisto di tutta l'acqua (per un bambino che in acqua contemporaneamente ha vomitato e ha avuto un attacco di dissenteria, come mi è successo). Saluti.

×