Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
LORENZO ZAVAGLI

Piscina Condominiale - non hanno un'azienda specializzata per la manutenzione della piscina

Buon giorno, volevo sapere quali sono i rischi dell'amministratore che gestisce un condominio con la piscina che viene gestita autonomamente dai condomini. Non hanno un'azienda specializzata per la manutenzione della piscina, non hanno il bagnino (anche se non obbligatorio), i condomini a turno, si occupano di fare la pulizia dell'acqua, aggiungere cloro. Penso che comunque non tutte le norme vigenti vengano seguite correttamente. Io dovrei prendere l'incarico di amministratore e volevo sapere come gestire questa situazione e se devo "impormi" per portare a regime la situazione e non correre rischi.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buon giorno, volevo sapere quali sono i rischi dell'amministratore che gestisce un condominio con la piscina che viene gestita autonomamente dai condomini. Non hanno un'azienda specializzata per la manutenzione della piscina, non hanno il bagnino (anche se non obbligatorio), i condomini a turno, si occupano di fare la pulizia dell'acqua, aggiungere cloro. Penso che comunque non tutte le norme vigenti vengano seguite correttamente. Io dovrei prendere l'incarico di amministratore e volevo sapere come gestire questa situazione e se devo "impormi" per portare a regime la situazione e non correre rischi.

Grazie

ciao

è tuo compito provvedere a che tutte le norme in materia, siano rispettate, salvo che tu non sia chiaramente dispensato di cio dall'assemblea dei condomini. Per cui, o i condomini ti autorizzano e finanziano gli interventi necessari al rispetto delle norme, o ti dispensano da tale obbligo e se ne assumono ogni responsabilità in tutti i sensi. Provvisoriamente io apporrei un cartello col divieto d'uso della piscina senza la assunzione di responsabilità in modo formale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non so se il discorso della dispensa dalla responsabilità possa essere valido. Potrebbe essere un diritto indisponibile, di conseguenza la scrittura in tal senso potrebbe essere nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buon giorno, volevo sapere quali sono i rischi dell'amministratore che gestisce un condominio con la piscina che viene gestita autonomamente dai condomini. Non hanno un'azienda specializzata per la manutenzione della piscina, non hanno il bagnino (anche se non obbligatorio), i condomini a turno, si occupano di fare la pulizia dell'acqua, aggiungere cloro. Penso che comunque non tutte le norme vigenti vengano seguite correttamente. Io dovrei prendere l'incarico di amministratore e volevo sapere come gestire questa situazione e se devo "impormi" per portare a regime la situazione e non correre rischi.

Grazie

la piscina è un bene condominiale e quindi tu come amministratore hai il dovere che venga gestita secondo le attuale norme legislative, in caso contrario sei tu responsabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non so se il discorso della dispensa dalla responsabilità possa essere valido. Potrebbe essere un diritto indisponibile, di conseguenza la scrittura in tal senso potrebbe essere nulla.

ciao

 

non è nulla, ma perfettamente regolare non essendo più quel servizio oggetto del mandato che rimane in carico ai condomini o al responsabile che vorranno nominare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao

 

non è nulla, ma perfettamente regolare non essendo più quel servizio oggetto del mandato che rimane in carico ai condomini o al responsabile che vorranno nominare.

Non capisco che significa "non è nulla".

In ogni caso, bisogna anche vedere se il servizio piscina sia contemplato nel RdC. In tal caso, dubito si possa fare lo scorporo e bisogna vedere come è regolato il servizio.

 

Inoltre, la questione riguarda la sicurezza, il probabile obbligo dell'assistente ai bagnanti e la nota questione dell'autoproduzione dei servizi di pulizia.

I condomini non possono assolutamente procedere in proprio e l'amministratore non può siglare patti contrari alla legge. Per questo, forse non è un diritto disponibile e a nulla varrebbe in tal caso la manleva.

 

Sull'assegnazione a terzi, se non è contrario al regolamento, ovviamente deve essere decisa dall'assemblea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

se il regolamento di condominio contrattuale prevede qualcosa come obbligatorio, va applicato e quindi non sarà possibile ai condomini modificare l'obbligo della messa a norma e alla corretta gestione senza il parere unanime dei partecipanti al condominio. Quindi l'amministratore deve provvedere o rinunciare all'incarico per non avere conseguenze, o comunque inibire praticamente l'uso della piscina, con mezzi idonei atti a liberarsi di ogni responsabilità ( es. la recinta). Se invece i condomini alla unanimità dei partecipanti lo esonerano dal servizio, lui è ok in quanto non viola nessun obbligo di mandato, essendogli stato tolta la gestione della piscina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×