Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
martimia

Piccola modifica finestra porta in facciata si puo'??

Salve , vorrei chiederre un parere. Ho una porta e finestra(mozza) ciascuna di 60cm di apertura che affaccia sul balcone in facciata. entrambe sia la porta che la finestra hanno tapparelle singole anche se attaccate . [ATTACH]310[/ATTACH] [ATTACH]311[/ATTACH] [ATTACH]312[/ATTACH]

La mia idea sarebbe quella di togliere il muretto della finestra mozza come indicato in foto e fare una doppia anta avendo quindi un'apertura totale da 1,20 cm senza modificare le dimensioni gia' esistenti .. Dall'esterno del muretto c'è il contatore del gas che sposterei a mie spese ovviamente. Sono andato dall'Architetto del Comune ho esposto l'argomento e mi ha detto che posso fare tale modifica presentando la scia , poichè il pannello che c'è davanti ai terrazzi non fa vedere dall esterno se è una porta o una finestra , ma.... la stessa argomentazione all amm. condominiale nn va bene in quanto nessun' appartamento ce l ha ed io sarei l 'unico .. Voi cosa dite? Considerate che io in una porta da 60cm non ci passo devo mettermi di sbiego...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Per me si può fare, anche perchè sembrerebbe non visibile dall'esterno.

 

Ognuno può godere di parti condominiali come crede, senza compromettere tale diritto a nessun altro condomino, senza violare il decoro e stabilità e sicurezza dello stabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Anche secondo me si puo' ma L'Amn/tore mi parla di riunione condominiale (maggio) ma io ho i lavori gia' in corso finiscono a Marzo non posso aspettare Maggio .. In casa mia a mie spese non posso fare cio' che voglio (assurdo) .. Io fare una riunione straordinaria a mie spese ora per questa cavolata non ci penso neanche.. SE mi dimostri che qualcun'altro l ha fatta te la faccio fare... Ma se non inizia il primo a farla come si fa??? Mi sembra tutto uno schifo in Italia..

 

[ATTACH]313[/ATTACH] il pannello davanti non fa distinguere se è una porta o una finestra.. E' solo pignoleria...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'unica cosa a cui si possono appellare è il decoro, ma l'unico che può valutare e decidere è un giudice, quindi non possono impedirti nulla e se vogliono farlo, devono ricorrere all'autorità giudiziaria, o meglio alla mediazione prima di procedere.

 

Il tuo regolamento vieta qualcosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi quali sono i passi da fare? Cosa mi consigliate nel caso in cui l'ammn/tore mi facesse problemi?? C'è qualche legge legale che posso scovare ? Aiutatemi per favore Grazie a tutti ...Probabilmente le problematiche ci sono in quanto non mi conosce nessuno Amn/tore compreso perchè siamo nuovi..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si tratta d’un’opera individuale su parte di proprietà comune che in astratto è lecita seppur nei limiti dell’art. 1102 c.c., ciò vuol dire per l’appunto che il condomino non deve modificarne la destinazione d’uso o recar danno agli altri comproprietari.

 

Art. 1122. Opere su parti di proprietà o uso individuale.

Nell'unità immobiliare di sua proprietà ovvero nelle parti normalmente destinate all'uso comune, che siano state attribuite in proprietà esclusiva o destinate all'uso individuale, il condomino non può eseguire opere che rechino danno alle parti comuni ovvero determinino pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza o al decoro architettonico dell'edificio.

In ogni caso è data preventiva notizia all'amministratore che ne riferisce all'assemblea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi in sostanza?? Ha ragione lui o io ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ma se presento scia o domanda al Comune mi firma un'autorizzazione scavalcando cosi' amministratore ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

No l'amministratore devi comunque informarlo per informare il condominio, ma solo informare.

Per i lavori eseguiti dai singoli condomini, dobbiamo considerare due articoli del codice civile e cioè:

 

Art. 1102 c.c. - Uso della cosa comune:

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto . A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il migliore godimento della cosa.

Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

 

Art. 1122 c.c. - Opere su parti di proprietà o uso individuale:

Nell'unità immobiliare di sua proprietà ovvero nelle parti normalmente destinate all'uso comune, che siano state attribuite in proprietà esclusiva o destinate all'uso individuale, il condomino non può eseguire opere che rechino danno alle parti comuni ovvero determinino pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza o al decoro architettonico dell'edificio.

In ogni caso è data preventiva notizia all'amministratore che ne riferisce all'assemblea.

 

L’art. 1122 c.c., individua la porzione oggetto delle opere, essa è l'unità immobiliare di proprietà del condomino, o una parte normalmente comune per sua destinazione, il cui uso o la cui proprietà, siano stati attribuiti al condomino stesso, il teatro delle opere interessate dalla norma, sono le proprietà individuali o le parti comuni di uso individuale.

 

E’ consentito eseguire opere non solo al condomino sulla sua unità immobiliare, ma anche al condomino sulla parte comune quando a lui ne è stata assegnata la proprietà o l’uso ed il limite è rappresentato da quelli di cui all’art. 1102 c.c., che non viene richiamato, ma è costituito dal dovere di non provocare danni alle parti comuni o danni alla proprietà esclusiva che possano riflettersi in qualche modo sulle parti comuni.

 

Le opere effettuate non devono determinare pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza o al decoro architettonico dell’edificio.

 

L’art. 1120 c.c., non contiene il divieto che possano farsi opere che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino, non richiamato, perché il legislatore ha rielaborato la materia delle opere nelle parti comuni e nelle parti di proprietà esclusiva, stabilendo per alcune fattispecie speciali, una deroga normativa a quanto contenuto nell’art. 1120 ultimo comma c.c..

 

In riferimento alle parti di proprietà individuale l’omissione è logica e pacifica spiegandosi con il fatto che il proprietario ha diritto di utilizzare la propria porzione individuale nel modo più conveniente giacchè gli altri partecipanti non hanno alcun diritto su tale porzione, salvo che l’uso si rifletta sul decoro architettonico, la stabilità e la sicurezza dell’edificio.

 

La materia delle opere sulle porzioni comuni fatte dal condomino non avente l’uso esclusivo, continua ad essere regolata dall’art. 1102 c.c..

 

La fattispecie relativa alle opere eseguite dal condomino sulla porzione comune di cui ha l’uso esclusivo o la proprietà è regolata invece dall’art. 1122 c.c..

 

Nel co. 2 dell’art. 1122 c.c., è previsto che il condomino debba dare preventiva notizia all’amministratore delle opere che intenda fare il quale ne deve riferire all’assemblea.

 

La locuzione “in ogni caso” sta a significare che, qualunque opera, anche quella non travalicante i limiti di cui all’art. 1122 c.c., debba essere comunicata all’amministratore.

L’inosservanza dell’obbligo della preventiva comunicazione, non può comportare il diritto degli altri condomini di poterne chiedere la riduzione in pristino e ciò perché la norma non richiede, anche la preventiva autorizzazione della assemblea.

 

Trattasi pertanto di disposizione volta ad instaurare un iter procedurale che possa permettere alla assemblea di reagire qualora siano violati i limiti di cui all’art. 1122 c.c..

 

Nel caso in cui l’opera sia legittima la violazione dell’iter procedurale potrebbe al più portare ad un eventuale risarcimento dei danni qualora ne sussistano i presupposti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi Ricapitolando posso farla la modifica e il condominio solo per via legale me lo puo' impedire giusto ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Caro Curt Cobain volevo dire principalmente a te che mi hai dato il tuo pensiero che dall'altro lato della facciata(che sicuramente non è la facciata principale) ma è pur sempre una facciata , ho notato dei motori di condizionatori fissati sopra alle finestre appesi e inoltre le strutture delle finestre sono alcune con porta e finestra mozza (come la mia nella zona giorno, con doppia tapparella singola ed altre con unica tapparella e doppia anta ..Quindi mi chiedo e ti chiedo come possono appellarsi al decoro o quant'altro se poi dalla facciata zona notte è un porcaio? Grazie ! Aspetto il tuo punto di vista ..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Infatti per il decoro ci si rivolge a un giudice che deciderà, nessuno dei condomini o amministratore, può dirti che violi il decoro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
😜 Quindi diciamo che visto cio' che ti ho detto prima ho buone possibilità di spuntarla sulla realizzazione di cio' che voglio fare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

​Oggi ho parlato con l'Architetto del Comune .. Per loro posso fare la modifica.. Devi solo metterti d'accordo col tuo condominio mi ha detto..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
​Oggi ho parlato con l'Architetto del Comune .. Per loro posso fare la modifica.. Devi solo metterti d'accordo col tuo condominio mi ha detto..

 

Si dicono sempre così, perchè non sanno come funziona un condominio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Vi aggiorno ..... L'Amministratore oggi mi ha dato il consenso a modificare la finestra mozza e portarla a doppia anta con conseguente autorizzazione di spostamento del contatore del gas senza dover passare dall'assemblea in quanto il regolamento non vieta modifiche..Quindi via ai lavori... L'unica cosa è che Italgas per un piccolo spostamento del contatore (tubi) mi ha chiesto 680 euro...Pazienza.. Almeno posso fare la porta...😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×