Vai al contenuto
MICHELE969

Piano casa : autonomia funzionale.Basta l'autorizzazione del comune?

Salve

ho presentato il piano casa mesi orsono nei termini prestabiliti

Abito al piano terra di un condominio e sono dotato di autonomia funzionale avendo un cancello accatastato con apertura anche da fuori

Il progetto prevede di utilizzare la loggia tra la mia sala da pranzo e il giardino per ca 8mq

Sarebbe utilizzata quota parte della superficie della loggia e non andrei quindi in nessun modo al di fuori dei perimetri delle mura condominiali

Il Comune non ha richiesto di passare per una assemblea condominiale

Posso stare tranquillo che sia così e limitarsi a una mera informativa o è necessario comunque passare per una delibera?se si con quale maggioranza?

Il regolamento di condominio dice che è vietato realizzare strutture e/o arredi fissi nei balconi e nei giardini di qualunque materiale essi siano.....non si parla di loggie.

Posso avere un parere certo e magari fondato anche su riferimenti normativi?

grazie Mille

Il progetto prevede di utilizzare la loggia tra la mia sala da pranzo e il giardino per ca 8mq

Sarebbe utilizzata quota parte della superficie della loggia e non andrei quindi in nessun modo al di fuori dei perimetri delle mura condominiali

Cosa intendi esattamente con "utilizzare la loggia" ?

La richiamata loggia è annessa alla tua unità e di conseguenza di tua proprietà?

 

Poi la parte seguente del regolamento, e che citi, è sostanziale e potrebbe anche avere un impatto sull'intervento.

Il regolamento di condominio dice che è vietato realizzare strutture e/o arredi fissi nei balconi e nei giardini di qualunque materiale essi siano.....non si parla di loggie.

Tale impatto dipende dalla risposta che dai a

Cosa intendi esattamente con "utilizzare la loggia" ?

In quanto non è chiaro il tipo di intervento che vorresti attuare sulla loggia!

 

L'intervento per il piano casa, da chi è stato redatto ???

Il progetto è stato redatto da un architetto e prevede l avanzamento del muro della camera da pranzo impegnando 8mq della loggia che naturalmente è di mia proprietà. Dopo la loggia inizia il giardino mio.

Aggiungo che l estensione della camera da pranzo impegna quota parte della loggia che attualmente uso come ripostiglio.il nuovo muro quindi resterebbe nell ambito della suddetta loggia e non poggia sul balcone del condomino del piano di sopra (si ferma circa un paio di metri prima).il nuovo muro infine sarebbe in perfetta continuità con le mura condominiali non alterando il decoro aechitettonico

A quanto sembra la citata parte del regolamento non ha attinenza con gli interventi, i quali non interessano balconi nè insidiano il giardino.

 

E' da comprendere se il muro che viene spostato/avanzato nella loggia determina un aumento di volume.

E' ovvio che la loggia è uno spazio coperto e perimetrato, ma aperto .....e nel tuo caso credo che sia aperta almeno su 3 lati.

Ne discende che il nuovo muro determina un aumento di volume a vantaggio dell’unità abitativa....ed in merito a tale volume va stabilito se stai usando SOLO la quota parte (aliquota del totale) di volume che ti compete oppure stai usando anche del volume di altri condòmini ......

L' intervento determina un aumento di volume appunto di 8mq molto meno del 20 percento che dovrebbe spettare da piano casa. Avendo autonomia funzionale la mia quota non dovrebbe concorrere al totale spettante all intero condominio di 20 condomini.

Parlavo di mq perché nella legge del piano casa ho trovato che si possono utilizzare massimo 70 mq.io avendo autonomia funzionale posso fruire indipendentemente dal resto del condominio.per parlare di volume comunque sono ca 22mc moltiplicando 8mq per 2,70 di altezza

E tale volume corrisponde in termini proporzionale a quello che ti competente.

E' questa la domanda / questione che ti devi porre ......se usi anche volume che non ti compete devi essere autorizzato dall'assemblea.

Ed è questo quello che devi valutare o chi per te....tuo tecnico!!!!!

Se lui dice che è così, allora.......

Il fatto che la tua sia un unità autonoma, essa è sempre parte del condominio.

il volume totale e realizzabile e' funziona dell'aria di sedime dell'edificio nonché di quello che è stato già realizzato ossia edificio. Di cui la tua unità e' parte.

Nessun altro condomino ha presentato il piano casa

Chi non ha autonomia funzionale deve presentare un progetto unitario di condominio approvato dall assemblea

E da quanto in qua chi compie interventi sulla sua unità o proprietà esclusiva deve presentare un progetto unitario di condominio .

Fatto salvo che questo sia richiesto dalla stessa norma regionale che disciplina il piano casa.

 

Poi chiami in causa sempre l'autonomia funzionale .....questa in che modo ti dovrebbe agevolare in questo contesto, i tuoi diritti prevalgono su quelli degli altri........????

La legge sul piano casa del Lazio parla di progetto unitario del condominio da approvare da parte Dell assemblea eccetto per chi ha autonomia funzionale.io la ho e in base a tale legge dovrei disporre fino a 70 mq di ampliamento senza necessità di mettermi d accordo con altri

×