Vai al contenuto
archimede56

Perizia tecnica inviata tramite PEC

Buonasera, volevo sapere se una perizia tecnica, relativa ad un distacco impianto termosifoni centralizzato, inviata dal geometra all'amministratore, con tanto di timbro iscrizione all'albo e firmata, tramite PEC, ha la validità come se consegnata a mano o tramite RR? premetto che il servizio di PEC è in uso da ambedue i soggetti. Questa mia domanda è dovuta perchè il mio amministratore, oggi, mi chiede una copia cartacea "debitamente firmata".

La Pec tra due utenti dotati ambedue di Pec vale come una raccomandata, un fax, una raccomandata a mano con firma per ricevuta

ti ringrazio Tullio per la sollecita risposta, allora la richiesta del mio amministratore non è da prendere in considerazione. Però mi sorge un dubbio, non è che voleva percaso anche una firma digitale? o ho detto una fesseria?

ti ringrazio Tullio per la sollecita risposta, allora la richiesta del mio amministratore non è da prendere in considerazione. Però mi sorge un dubbio, non è che voleva percaso anche una firma digitale? o ho detto una fesseria?

Secondo me, per evitare qualsiasi possibilità di modifica del documento e validarne l'integrità, la perizia dovrebbe anche essere siglata da firma digitale del professionista. L'invio tramite PEC tra due soggetti dotati ognuno di PEC, come detto da Tullio, è forma assolutamente corretta.

perciò per avere una completezza devo chiedere al tecnico di rinviarla con apposta la firma digitale o se ne è sprovvisto di fornirmi copia cartacea con firma in calce e rigirarla all'amministratore. Ho detto bene?

Se la relazione è firmata digitalmente ed inviata tramite PEC ha valore legale a tutti gli effetti. Se invece si tratta di una copia scansionata della relazione e trasmessa in pdf tramite PEC questa non ha alcun valore legale in quanto "non originale" e pertanto si rende necessaria la copia cartacea, ovviamente timbrata e firmata in originale....

stamane un mio collega, più esperto di me, mi ha fatto notare che nell'allegato della PEC inviata dal Tecnico all'amministratore ci sono tre file, daticert2.xlm, postacert3.eml e ultimo smine.p7s dicendomi che quest'ultimo è la firma digitale. Rispondendo a spartakus, dentro il file postacert3.eml c'è la vera e propria mail scritta con 4 allegati, perizia tecnica e altre tabelle, in pdf. Cosi fatta, la PEC, è valida ai fini legali?

Si con la firma digitale è un documento valido ai fini legali, ma sinceramente non ha tutti i torti a chiederti copia autentica della stessa, non capisco perché non inviargli la stessa se richiesta.

Grazie a tutti per le cortesi risposte. Provvederò ad inviare la copia cartacea anche se mi sembra una presa di posizione dell'amministratore nei miei confronti.

Grazie a tutti per le cortesi risposte. Provvederò ad inviare la copia cartacea anche se mi sembra una presa di posizione dell'amministratore nei miei confronti.

La relazione è firmata con firma digitale??? Ossia hai apposto con la chiavetta e/o altri sistemi informatici la tua firma digitale nella relazione contenente i tuoi dati digitali di iscrizione all'albo professionale?????

Se non è così allora ha tutto il diritto di chiederti relazione con firma in originale... anche perchè il file smine.p7s non è relativo alla relazione tecnica allegata bensì all'indirizzo della PEC...

L'indirizzo PEC è obbligatorio per i professionisti iscritti ad Albi dal 29 novembre 2009. Per le modalità di uso tra privati leggi in:

 

--link_rimosso--

 

Per chi utilizza Aruba per la firma digitale il formato del file diventa .pdf.p7m, il formato p7s a cosa corrisponde?.

 

Ciao

Scusa ma mi sono scordato di evidenziarti che alla tua domanda se la PEC è valida agli effetti di legge, leggi l'art. 4, comma 1°, di quanto ti ho allegato nella precedente risposta.

 

Ciao

×