Vai al contenuto
mikeross

Pensilina accesso giardino su facciata interna

Buongiorno,

 

abito al pian terreno di un condominio in un appartmento con giardino ad uso esclusivo e perpetuo, però, catastalmente condominiale. Avrei bisogno di posizionare una tettoia/pensilina in corrispondenza di una finestra e due porte finestra per proteggere l'uscita in giardino dalla pioggia. In particolare, riparare la parte inziale per evitare che si allaghi l'ingresso dal giardino, magari avere una parte asciutta per stendere e, soprattutto, non far marcire le persiane in legno che hanno già subito molta acqua. Posso, in modo indipendente, far eseguire i lavori o devo passare dal condominio? Ci sono vincoli che dovrei rispettare?

 

Lo chiedo perchè si tratta di una facciata, ma una facciata interna che vedrei solo io dal giardino. La vicina quando ha attaccato la ventola del condizionatore, bucando il muro della stessa facciata, non ha chiesto nessun permesso. Vorrei essere sicura al 100% per evitare di incorrere in problematiche future con i condomini. C'è per caso un articolo nel c.c. che copre questa situazione?

 

Ringrazio in anticipo per eventuali consigli e suggerimenti.

Buongiorno,

 

volevo sapere se qualcuno ha letto il mio post e può suggerirmi come procedere nel caso debba fissare una pensilina/tettoia e bucare il muro. Posso farlo serenamente? Ci sono dei vincoli?

 

Grazie

Per applicare una tettoia/pensilina alla facciata è necessario ottenere il permesso da parte del comune e l'assenso di tutti i condomini dei piani superiori (se ci sono), in quanto non si può precludere la vista appiombo;

 

Il proprietario del singolo piano di un edificio condominiale ha diritto di esercitare dalle proprie aperture la veduta in appiombo fino alla base dell'edificio e di opporsi, conseguentemente, ad ogni costruzione degli altri condomini che direttamente o indirettamente pregiudichi l'esercizio di tale suo diritto, senza che possa rilevare la lieve entità del pregiudizio arrecato (Cassazione Civile, Sez. II Sent. 16.01.2013, n. 955)

Per la vista in appiombo si può ovviare facilmente mediante la realizzazione della pensilina con materiale trasparente! (vetro-policarbonato).

Per le sentenze bisogna vedere le circostanze in cui si sono svolti i fatti: nella sentenza citata, la limitazione della veduta era costituita dalla realizzazione di un pergolato, cosa ben diversa da una pensilina.

Se si dovesse ritenere valido il rigetto, in considerazione della scarsa incidenza della limitazione, allora. in teoria non si potrebbe collocare nemmeno una seggiola, un tavolo, un ombrellone, e nemmeno il sostare dello stesso proprietario, in quanto quanto elencato costituirebbe una limitazione dell'originaria veduta!

Pertanto una pensilina, per di più trasparente, o una tenda impermeabile, a mio modesto parere non dovrebbero rappresentare limitazione di veduta!

Resta il fatto che, dato che "amor con amor si paga", una contestazione per una piccola pensilina, magari "fragile" per non consentire un facilitato accesso da parte di malintenzionati alla altrui proprietà, potrebbe essere "compensata" da una tintarella integrale magari da parte di un nerboruto individuo di colore (o mosaico/tappeto di pari tema), che non si vedrebbero ove ci fosse una sovrastante pensilina!

Il fissaggio potrebbe poi avvenire mediante staffe fissate all'imbotto delle aperture, che rappresentano incontrovertibilmente proprietà privata.

Unico fatto da dirimere sarebbe poi il fatto costituisca o meno lesione del decoro dell'immobile: ma difficilmente credo che un giudice possa esprimersi in tal senso!

Per la vista in appiombo si può ovviare facilmente mediante la realizzazione della pensilina con materiale trasparente! (vetro-policarbonato).

Per le sentenze bisogna vedere le circostanze in cui si sono svolti i fatti: nella sentenza citata, la limitazione della veduta era costituita dalla realizzazione di un pergolato, cosa ben diversa da una pensilina.

Scusami ma la sentenza citata non menziona minimamente il pergolato ne la pensilina (trasparente o no che sia), ma scrive chiaramente " ... ogni costruzione degli altri condomini che direttamente o indirettamente pregiudichi l'esercizio di tale suo diritto ..."

Grazie a tutti per la risposta. Nel mio caso, mi sono procurata una pensilina in policarbonato trasparente quindi, per il discorso della vista appiombo, non ci dovrebbero essere problemi. L'unico dubbio che mi rimane riguarda la distanza tra sopra la mia finestra e il davanzale della finestra dell'inquilino di sopra? C'è una legge che impone una distanza minima? Se si quale? Nel mio caso la staffa in ferro che attaccherei al muro è alta 50cm e non posso scendere sotto altrimenti non potrei chiudere/aprire le persiane serenamente.

 

In assemblea ho ottenuto il permesso dei condomini e il verbale dice che la mia richiesta di mettere una pensilina e/o tenda è approvata. All'epoca non avevo ancora la pensilina quindi non sono state specificate o richieste le misure. La pensilina deve essere lunga almeno 3,50m con escursione/profondità di 1m.

 

Per il discorso citato da Tullio, come si procede per ottenere il permesso del comune? Speravo di evitarlo, avendo già ottenuto il permesso dell'assemblea condominiale. Si tratta di facciata interna visibile solo dal mio giardino a cui si accede solo passando dalla mia proprietà.

Per il discorso citato da Tullio, come si procede per ottenere il permesso del comune? Speravo di evitarlo, avendo già ottenuto il permesso dell'assemblea condominiale. Si tratta di facciata interna visibile solo dal mio giardino a cui si accede solo passando dalla mia proprietà.
La cosa più semplice da fare è andare al comune, all'ufficio tecnico e chiedere
×