Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Elvivi

Passaggio tubazione orizzontale nel corridoio delle cantinole.

Un condomino residente a piano terra, mi ha richiesto di poter installare una tubazione orizzontale destinata alle acque nere, passante dal corridoio delle cantinole fino all'imboccatura della fecale.

Mi chiedevo:

Posso indire un assemblea parziale nella quale porre all'odg tale richiesta?

E con quale maggioranza la si può deliberare? Grazie anticipatamente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se non c'è alcuna norma del RdC che lo vieti e se la colonna fecale è in grado di sopportare un nuovo allaccio ... fermo restando che la tubazione "orizzontale" di scarico mi chiedo come non possa otturarsi...il condòmino potrebbe effettuare il lavoro senza alcuna delibera assembleare, in virtù dell'art. 1102 cc che consente a ciascun condòmino di utilizzare e modificare la cosa comune per ottenerne un maggior godimento, anche più intenso rispetto agli altri comunisti, a patto che non impedisca il pari uso, che non cambi la destinazione d'uso, che rispetti il decoro e che non pregiudichi stabilità e sicurezza dell'edificio ... naturalmente con spese interamente a carico del condòmino che effettua la modifica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se il proprietario dell’abitazione a piano terra non è proprietario di cantina e degli spazi ad esse comuni, col passaggio della tubazione sorgerebbe una servitù a carico di tutti i proprietari delle cantine.

Pertanto, in tal caso, è necessario il consenso unanime di tutti i proprietari delle cantine.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se il proprietario dell’abitazione a piano terra non è proprietario di cantina e degli spazi ad esse comuni, col passaggio della tubazione sorgerebbe una servitù a carico di tutti i proprietari delle cantine.

Pertanto, in tal caso, è necessario il consenso unanime di tutti i proprietari delle cantine.

Se non viene toccata nessuna proprietà privata direi proprio di no...altrimenti qualsiasi intervento sulle parti comuni costituirebbe quasi sempre una servitù: un canna fumaria ... una nuova linea elettrica ... un tubo del gas ....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per lè risposte.

Il condomino e anche proprietario di una cantinola dove si trova la colonna fecale.

Il problema penso sia una questione solo di decoro, che poi in realtà c'è ben poco da alterare. Mi suggerite con quale maggioranza farla deliberare? Bastano i due terzi o serve l'unanimita'.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Hai letto il post #2? Non serve alcuna delibera assembleare se non è specificatamente indicato nel RdC.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Certo che ho letto il post, il problema credo sia che la tubazione essendo esterna, alteri il decoro, quindi penso che sia meglio far decidere all'assemblea se concedere qunto su richiesto.

Non vorrei accollarmi delle inutili responsabilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Hai letto il post #2? Non serve alcuna delibera assembleare se non è specificatamente indicato nel RdC.

Ho ipotizzato che il proprietario dell’abitazione fosse estraneo alla proprietà delle cantine, quindi del corridoio che è parte comune ai soli proprietari delle cantine.

Pertanto, non è corretto il riferimento all’art. 1102 cc che consente a ciascun condomino di utilizzare e modificare la cosa comune per ottenerne un maggior godimento.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Certo che ho letto il post, il problema credo sia che la tubazione essendo esterna, alteri il decoro, quindi penso che sia meglio far decidere all'assemblea se concedere qunto su richiesto.

Non vorrei accollarmi delle inutili responsabilità.

Poichè hai precisato che sei proprietario di una cantina e quindi degli spazi comuni, l’allacciamento alla fogna comune e l’attraversamento del corridoio delle cantine non richiedono alcuna autorizzazione . Tuttavia, considerato che l’impresa cui affiderai i lavori dovrà operare su un impianto condominiale, sarebbe opportuno darne notizia all’amministratore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Certo che ho letto il post, il problema credo sia che la tubazione essendo esterna, alteri il decoro, quindi penso che sia meglio far decidere all'assemblea se concedere qunto su richiesto.

Non vorrei accollarmi delle inutili responsabilità.

Un'approvazione assembleare dell'intervento non ti toglierà il problema del decoro (se qualcuno successivamente volesse adire al giudice) a meno che l'autorizzazione non venga concessa all'unanimità. Poi ... mi sembra che stiamo parlando del corridoio delle cantinole ... non di una facciata.

 

@G.Ago - Non mi riferivo a te quanto ho chiesto se era stato letto il post #2. In ogni caso quando una parte è comune, se voglio modificarla per ottenerne un maggior godimento e nessuna norma del RdC lo vieta, si fa la modifica anche se viene creata una servitù (naturalmente su parte comune NON privata) perchè tutti ne sono comproprietari e tutti possono utilizzarla per ottenerne il maggior sfruttamento possibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×