Vai al contenuto
studio.V

Passaggio di consegne - quindi non in rosso

Buongiorno a tutti.  Di recente sono stato nominato nuovo amministratore di un condominio e l ex amministratore mi ha inviato una pec dove mi invitava nel suo studio ad effettuare il passaggio di consegne.  Durante la seduta prendevo visione della documentazione relativa al condominio nonché delle diverse  fatture luce ecc pagate ( tramite bonifico) e del bilancio consuntivo chiuso con un passivo di 3000€ circa, somme per le quali l'amministratore uscente avanzava richiesta (scritta sul verbale di consegne)di rimborso da parte del condominio entro e non oltre 7 giorni altrimenti minacciava azione legale.  Da far presente che il saldo del conto corrente del condominio ammontava a +200€ ... quindi non in rosso. Com'è possibile vantare richiesta di rimborso se le operazioni sono state fatte tramite c/c bancario che non era in rosso ma soprattutto a solo un mese fa ammontava a oltre 10.000€????? Grazie 

studio.V dice:

Buongiorno a tutti.  Di recente sono stato nominato nuovo amministratore di un condominio e l ex amministratore mi ha inviato una pec dove mi invitava nel suo studio ad effettuare il passaggio di consegne.  Durante la seduta prendevo visione della documentazione relativa al condominio nonché delle diverse  fatture luce ecc pagate ( tramite bonifico) e del bilancio consuntivo chiuso con un passivo di 3000€ circa, somme per le quali l'amministratore uscente avanzava richiesta (scritta sul verbale di consegne)di rimborso da parte del condominio entro e non oltre 7 giorni altrimenti minacciava azione legale.  Da far presente che il saldo del conto corrente del condominio ammontava a +200€ ... quindi non in rosso. Com'è possibile vantare richiesta di rimborso se le operazioni sono state fatte tramite c/c bancario che non era in rosso ma soprattutto a solo un mese fa ammontava a oltre 10.000€????? Grazie 

In sede di passaggio di consegne tu devi rilasciare ricevuta di tutta la documentazione che ti viene rilasciata e della cassa ricevuta che deve rispecchiare quanto risultante dal registro di contabilità.

Eventuali rimborsi vantati dovranno essere accertati con una verifica contabile approvati dall'assemblea e non è possibile richiederli al mometo di passaggio di consegne.

L'amministratore deve consegnarti quanto risulta dal registri do coontabilità (cassa contabile) dal quale possono risultare solo 200 euro sul c/c ma possono anche risultare 200 euro sul conto corrente e duemila euro nella cassa contanti.

Il saldo risultante dal registro di contabilità rappresneta il saldo liquido comprensivo di tutte le risorse che comprendono conto corrente, cassa contanti, assegni nel cassetto ed altri eventuali titoli e libretti di deposito.

  • Mi piace 1
studio.V dice:

Durante la seduta prendevo visione della documentazione relativa al condominio nonché delle diverse  fatture luce ecc pagate ( tramite bonifico) e del bilancio consuntivo chiuso con un passivo di 3000€ circa, somme per le quali l'amministratore uscente avanzava richiesta (scritta sul verbale di consegne)di rimborso da parte del condominio entro e non oltre 7 giorni altrimenti minacciava azione legale.

A parte tutto il discorso preciso di Leonardo sul quale concordo e non mi addentro per non essere in grado di farlo, ma dalla lettura della discussione mi sorge una domada sperando di non dire una bestialità.

Lui ha chiuso il bilancio consuntivo con un passivo di 3000€ e perchè avanza richiesta di rimborso? Ha forse anticipato lui personalmente tale somma per pagare le fatture?  Se fosse così aveva forse l'autorizzazione del condominio per farlo? Perchè non si è rivolto ai condomini ( morosi?) per sollecitarli a versare il dovuto? Forse è solo una vendetta postuma?

Dino40 dice:

A parte tutto il discorso preciso di Leonardo sul quale concordo e non mi addentro per non essere in grado di farlo, ma dalla lettura della discussione mi sorge una domada sperando di non dire una bestialità.

Lui ha chiuso il bilancio consuntivo con un passivo di 3000€ e perchè avanza richiesta di rimborso? Ha forse anticipato lui personalmente tale somma per pagare le fatture?  Se fosse così aveva forse l'autorizzazione del condominio per farlo? Perchè non si è rivolto ai condomini ( morosi?) per sollecitarli a versare il dovuto? Forse è solo una vendetta postuma?

Lui dice di sì che ha anticipato di tasca propria . No nessuna autorizzazione. Si.. esattamente così 

Leonardo53 dice:

In sede di passaggio di consegne tu devi rilasciare ricevuta di tutta la documentazione che ti viene rilasciata e della cassa ricevuta che deve rispecchiare quanto risultante dal registro di contabilità.

Eventuali rimborsi vantati dovranno essere accertati con una verifica contabile approvati dall'assemblea e non è possibile richiederli al mometo di passaggio di consegne.

L'amministratore deve consegnarti quanto risulta dal registri do coontabilità (cassa contabile) dal quale possono risultare solo 200 euro sul c/c ma possono anche risultare 200 euro sul conto corrente e duemila euro nella cassa contanti.

Il saldo risultante dal registro di contabilità rappresneta il saldo liquido comprensivo di tutte le risorse che comprendono conto corrente, cassa contanti, assegni nel cassetto ed altri eventuali titoli e libretti di deposito.

L’unica cassa ricevuta sono il saldo del conto corrente bancario e basta 

Modificato da studio.V
studio.V dice:

L’unica cassa ricevuta sono il saldo del conto corrente bancario e basta 

Bene, se lui ha anticipato di tasca propria, poiche avrebbe dovuto transitare tutto dal cont corrente, dovrebbe risultare il prestito tracciato fatto da lui al condominio per poter poi pagare i fornitori.

In raltà potrebbe anche avanzare soldi dal condominio perhhè ha emesso fatture di suoi compensi e/o percentuali dovute che non ha riscosso ma qualsiasi sia il motivo deve essere documentato nel rendiconto.

  • Mi piace 1
studio.V dice:

Lui dice di sì che ha anticipato di tasca propria . No nessuna autorizzazione. Si.. esattamente così 

L’unica cassa ricevuta sono il saldo del conto corrente bancario e basta 

Ma nel conto economico e nella situazione patrimoniale cosa è stato riportato? 

Se lui afferma, di aver anticipato dei soldi questo debito del condominio deve comparire sia nelle entrate del conto economico, che nelle passività della situazione patrimoniale. 

L'amministratore non può di sua iniziativa e senza autorizzazione assembleare anticipare fondi per sanare debiti del condominio. 

[ Per ottenere il rimborso delle somme anticipate dall'amministratore è necessario che il rendiconto approvato dimostri l'esistenza di un disavanzo colmato da parte dell'amministratore, quindi in assenza di un rendiconto approvato dall'assemblea l'amministratore non potrà ricorrere in giudizio per ottenere la restituzione delle somme anticipate.
Fonte: https://www.condominioweb.com/amministratori-attenzione-ad-anticipare-le-spese-il-carattere-dellindifferibilita-ed-urgenza-delle.2065

Carta parla, villan dorme. 

 

https://www.condominioweb.com/amministratori-attenzione-ad-anticipare-le-spese-il-carattere-dellindifferibilita-ed-urgenza-delle.2065

 

https://www.condominioweb.com/se-lamministratore-non-veda-approvato-il-rendiconto-consuntivo-di-gestione-ne-quello.988

 

Modificato da Vito46
Leonardo53 dice:

In sede di passaggio di consegne tu devi rilasciare ricevuta di tutta la documentazione che ti viene rilasciata e della cassa ricevuta che deve rispecchiare quanto risultante dal registro di contabilità.

Eventuali rimborsi vantati dovranno essere accertati con una verifica contabile approvati dall'assemblea e non è possibile richiederli al mometo di passaggio di consegne.

L'amministratore deve consegnarti quanto risulta dal registri do coontabilità (cassa contabile) dal quale possono risultare solo 200 euro sul c/c ma possono anche risultare 200 euro sul conto corrente e duemila euro nella cassa contanti.

Il saldo risultante dal registro di contabilità rappresneta il saldo liquido comprensivo di tutte le risorse che comprendono conto corrente, cassa contanti, assegni nel cassetto ed altri eventuali titoli e libretti di deposito.

Allora, la cassa ricevuta pari ad 219,00 non potrà mai concordare con un passivo in bilancio di 3400€ circa... mi spiego?! C’è discordanza tra le due voci e ok. I rimborsi vantati invece, cioè il passivo del consuntivo ed altre spese pagate dal c/c condominiale l’amministratore li pretende entro 7 giorni dal giorno del passaggio e non di certo dopo l’assemblea... e tutto ciò messo per iscritto sul verbale del passaggio. 

studio.V dice:

Allora, la cassa ricevuta pari ad 219,00 non potrà mai concordare con un passivo in bilancio di 3400€ circa... mi spiego?! C’è discordanza tra le due voci e ok. I rimborsi vantati invece, cioè il passivo del consuntivo ed altre spese pagate dal c/c condominiale l’amministratore li pretende entro 7 giorni dal giorno del passaggio e non di certo dopo l’assemblea... e tutto ciò messo per iscritto sul verbale del passaggio. 

bene, lui ha scritto che li pretende ma non è detto che tu debba esaudire le sue richieste.

Digli che se ritiene di volere tutto e subito cominciasse a fare un'azione legale perchè tu devi prima verificare cosa gli compete.

  • Mi piace 1

Esatto, consigli sacri sono! Meglio rispondere per iscritto e nominare un revisore contabile con esperienza condominiale. Magari affiancato da altro condomino diligente. A volte ci provano a fare queste richieste.

saldo passivo

+ spese non pagate presenti nei consuntivi approvati

- spese pagate del nuovo anno condominiale

+versamenti del nuovo anno condominiale

--------------------------------------------------

cassa (tasca amministratore) + € 200,00 in banca

 

non c'è bisogno di un revisore condominiale, basta inserire in modo corretto le voci in contabilità e ricostruire il bilancio iniziale che deve pareggiare

 

 

 

sono stanco e ho letto di fretta e se dico una fesseria chiedo scusa.

ma queste anticipazioni non dovrebbero risultare in bilancio?

tra le entrate dell'ultimo conto econimico?

sono state dettagliate in bilancio?

nella relazione di accompagnamento al bilancio,che è un optionale per il 99,99 periodico degli ammin.(nonostante sia prevista ormai dal codice)è stato riportato questo non trascurabile particolare o no?

Ciao.

 

  • Mi piace 1
studio.V dice:

Allora, la cassa ricevuta pari ad 219,00 non potrà mai concordare con un passivo in bilancio di 3400€ circa... mi spiego?! C’è discordanza tra le due voci e ok. I rimborsi vantati invece, cioè il passivo del consuntivo ed altre spese pagate dal c/c condominiale l’amministratore li pretende entro 7 giorni dal giorno del passaggio e non di certo dopo l’assemblea... e tutto ciò messo per iscritto sul verbale del passaggio. 

Per impostare la nuova e personale contabilità l’amministratore neoeletto dovrebbe partire dall'ultimo rendiconto regolarmente approvato dall'assemblea e dal registro di contabilità, redatto dal suo predecessore per legge sino alla data del passaggio di consegne.

Dubito che il vecchio amministratore presenti un rendiconto completo relativo al periodo dell’anno da lui amministrato, compresa la situazione patrimoniale, tuttavia deve fornire tutti i dati contabili  e la documentazione a dimostrazione delle operazioni eseguite che consentano all'amministratore in carica di ricostruire la contabilità sino alla data delle consegne per poi  proseguirla sino al termine della gestione.

Pertanto, partendo dal saldo positivo (sempre) del registro di contabilità della gestione precedente e individuabile nell'attivo della situazione patrimoniale dell’ultimo rendiconto approvato, e controllando la corrispondenza fra le varie voci in entrata e in uscita con la documentazione contabile allegata, il saldo finale alla data delle consegne deve coincidere con la somma della cassa contanti e del conto corrente condominiale e solo tale somma deve essere consegnata e quietanzata.

Eventuali fatture emesse e non pagate devono essere elencate in apposito prospetto e fra queste anche gli eventuali compensi non riscossi dall'amministratore cessato.

Il solo registro di contabilità è sufficiente per ricostruire la contabilità, tuttavia ci si aspetterebbe dal professionista uscente l’elenco delle entrate e delle uscite a qualunque titolo manifestatesi nel periodo.

Eventuali anticipazioni fatte dall'amministratore devono essere annotate fra le entrate del registro di contabilità come prestito al condominio e devono corrispondere entrate di denaro nel conto corrente condominiale.

Eventuali anticipazioni in contanti per spese regolarmente registrate potranno risultare solo a chiusura dei conti della gestione.

Leonardo53 dice:

bene, lui ha scritto che li pretende ma non è detto che tu debba esaudire le sue richieste.

Digli che se ritiene di volere tutto e subito cominciasse a fare un'azione legale perchè tu devi prima verificare cosa gli compete.

Quindi non devo firmare il passaggio in cui SOTTOLINEA che deve avere il suo credito entro 7 giorni??!! 

G.Ago dice:

Per impostare la nuova e personale contabilità l’amministratore neoeletto dovrebbe partire dall'ultimo rendiconto regolarmente approvato dall'assemblea e dal registro di contabilità, redatto dal suo predecessore per legge sino alla data del passaggio di consegne.

Dubito che il vecchio amministratore presenti un rendiconto completo relativo al periodo dell’anno da lui amministrato, compresa la situazione patrimoniale, tuttavia deve fornire tutti i dati contabili  e la documentazione a dimostrazione delle operazioni eseguite che consentano all'amministratore in carica di ricostruire la contabilità sino alla data delle consegne per poi  proseguirla sino al termine della gestione.

Pertanto, partendo dal saldo positivo (sempre) del registro di contabilità della gestione precedente e individuabile nell'attivo della situazione patrimoniale dell’ultimo rendiconto approvato, e controllando la corrispondenza fra le varie voci in entrata e in uscita con la documentazione contabile allegata, il saldo finale alla data delle consegne deve coincidere con la somma della cassa contanti e del conto corrente condominiale e solo tale somma deve essere consegnata e quietanzata.

Eventuali fatture emesse e non pagate devono essere elencate in apposito prospetto e fra queste anche gli eventuali compensi non riscossi dall'amministratore cessato.

Il solo registro di contabilità è sufficiente per ricostruire la contabilità, tuttavia ci si aspetterebbe dal professionista uscente l’elenco delle entrate e delle uscite a qualunque titolo manifestatesi nel periodo.

Eventuali anticipazioni fatte dall'amministratore devono essere annotate fra le entrate del registro di contabilità come prestito al condominio e devono corrispondere entrate di denaro nel conto corrente condominiale.

Eventuali anticipazioni in contanti per spese regolarmente registrate potranno risultare solo a chiusura dei conti della gestione.

prociotta dice:

saldo passivo

+ spese non pagate presenti nei consuntivi approvati

- spese pagate del nuovo anno condominiale

+versamenti del nuovo anno condominiale

--------------------------------------------------

cassa (tasca amministratore) + € 200,00 in banca

 

non c'è bisogno di un revisore condominiale, basta inserire in modo corretto le voci in contabilità e ricostruire il bilancio iniziale che deve pareggiare

 

 

 

Forse non mi sono spiegata bene. L’amministratore  uscente PRETENDE la restituzione delle somme pagate per  tutte quelle uscite/ fatture il cui pagamento è avvenuto con addebito sul c/c intestato al condominio, SOLO PERCHÉ SUL VERBALE DEL PASSAGGIO O FORSE PERCHÉ EXTRA BILANCIO 🤦‍♀🤦‍♀!!! Abbiamo chiaro il livello ..... o no??!!!

Leonardo53 dice:

Bene, se lui ha anticipato di tasca propria, poiche avrebbe dovuto transitare tutto dal cont corrente, dovrebbe risultare il prestito tracciato fatto da lui al condominio per poter poi pagare i fornitori.

In raltà potrebbe anche avanzare soldi dal condominio perhhè ha emesso fatture di suoi compensi e/o percentuali dovute che non ha riscosso ma qualsiasi sia il motivo deve essere documentato nel rendiconto.

Non c’è nessun rendiconto, solo bilancio e relativo riparto 

enrico dimitri dice:

sono stanco e ho letto di fretta e se dico una fesseria chiedo scusa.

ma queste anticipazioni non dovrebbero risultare in bilancio?

tra le entrate dell'ultimo conto econimico?

sono state dettagliate in bilancio?

nella relazione di accompagnamento al bilancio,che è un optionale per il 99,99 periodico degli ammin.(nonostante sia prevista ormai dal codice)è stato riportato questo non trascurabile particolare o no?

Ciao.

 

Non c’è un rendiconto piano economico o situazione patrimoniale.... niente 

G.Ago dice:

Per impostare la nuova e personale contabilità l’amministratore neoeletto dovrebbe partire dall'ultimo rendiconto regolarmente approvato dall'assemblea e dal registro di contabilità, redatto dal suo predecessore per legge sino alla data del passaggio di consegne.

Dubito che il vecchio amministratore presenti un rendiconto completo relativo al periodo dell’anno da lui amministrato, compresa la situazione patrimoniale, tuttavia deve fornire tutti i dati contabili  e la documentazione a dimostrazione delle operazioni eseguite che consentano all'amministratore in carica di ricostruire la contabilità sino alla data delle consegne per poi  proseguirla sino al termine della gestione.

Pertanto, partendo dal saldo positivo (sempre) del registro di contabilità della gestione precedente e individuabile nell'attivo della situazione patrimoniale dell’ultimo rendiconto approvato, e controllando la corrispondenza fra le varie voci in entrata e in uscita con la documentazione contabile allegata, il saldo finale alla data delle consegne deve coincidere con la somma della cassa contanti e del conto corrente condominiale e solo tale somma deve essere consegnata e quietanzata.

Eventuali fatture emesse e non pagate devono essere elencate in apposito prospetto e fra queste anche gli eventuali compensi non riscossi dall'amministratore cessato.

Il solo registro di contabilità è sufficiente per ricostruire la contabilità, tuttavia ci si aspetterebbe dal professionista uscente l’elenco delle entrate e delle uscite a qualunque titolo manifestatesi nel periodo.

Eventuali anticipazioni fatte dall'amministratore devono essere annotate fra le entrate del registro di contabilità come prestito al condominio e devono corrispondere entrate di denaro nel conto corrente condominiale.

Eventuali anticipazioni in contanti per spese regolarmente registrate potranno risultare solo a chiusura dei conti della gestione.

Non c’è un conto economico situazione contabile o registro entrate e uscite..... solo bilancio e riparto 

io comincierei con un esercizio provvisorio,anzi mi farei autorizzare dall'assemblea ad adottare un bilancio provvisorio, e ri/porterei questo problema nel verbale di passaggio di consegne che l'assemblea poi mi dovrà approvare.

ma che razza di contabilità hannoapprovato fino adesso?

p.s.:

te l'ho già scritto in primavera : Campomarino in provincia di Campobasso???vicino Termoli??

non credo di violare la privacy...

studio.V dice:

Non c’è un conto economico situazione contabile o registro entrate e uscite..... solo bilancio e riparto

Come ha fatto intendere anche Ago dubitando che l'amministratore uscente ti avesse presentato un rendiconto, l'amministratore uscente non è obbligato a presentarti alcun rendiconto ma solo il registro di contabilità o come tu lo voglia chiamare in qualsiasi modo, salvo che tutte le operazioni siano passate dal conto corrente e tutta la documentazione condominiale.

Tu devi partire dall'ultimo rendiconto approvato e ricostruirla tu la contabilità, smarcando ogni voce del registro di contabilità (o del conto corrente in assenza di registro di contabilità) con le fatture in tuo possesso.

Tutti i documenti non quietanzati rappresenteranno il debito del condominio.

In poche parole, se l'amministratore uscente non è collaborativo, devi ricostruire tu la contabilità, partendo dall'ultimo rendiconto approvato dall'assemblea.

All'amministratore uscente dirai che meno lui sarà collaborativo e meno documenti ti darà e più tempo ci vorrà per ricostruire la contabilità per cui se vuole il denaro entro 7 giorni senza averti consegnato nemmeno il registro di contabilità, che cominci pure un'azione legale perchè il registro di contabilità sarà la prima cosa che gli chiederai rispondendo alla sua azione legale, essendo tale registro un registro che lui è tenuto a tenere sempre aggiornato, come sancito dall'articolo 1130 del codice civile:

 

Articolo 1130 c.c.

L’amministratore, oltre a quanto previsto dall’articolo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve:
... 7) curare la tenuta del registro dei verbali delle assemblee, del registro di nomina e revoca dell’amministratore e del registro di contabilità. Nel registro dei verbali delle assemblee sono altresì annotate: le eventuali mancate costituzioni dell’assemblea, le deliberazioni nonché le brevi dichiarazioni rese dai condomini che ne hanno fatto richiesta; allo stesso registro è allegato il regolamento di condominio, ove adottato. Nel registro di nomina e revoca dell’amministratore sono annotate, in ordine cronologico, le date della nomina e della revoca di ciascun amministratore del condominio, nonché gli estremi del decreto in caso di provvedimento giudiziale. Nel registro di contabilità sono annotati in ordine cronologico, entro trenta giorni da quello dell’effettuazione, i singoli movimenti in entrata ed in uscita. Tale registro può tenersi anche con modalità informatizzate;

 

 

studio.V dice:

Quindi non devo firmare il passaggio in cui SOTTOLINEA che deve avere il suo credito entro 7 giorni??!! 

Attenta: se lo firmi il condominio comunque non ne risponde.

tu sei una semplice mandataria con rappresentanza, non un "organo"societario.

non hai discrezionalità in questo.

studio.V dice:

Quindi non devo firmare il passaggio in cui SOTTOLINEA che deve avere il suo credito entro 7 giorni??!!

Ah, questo mi era sfuggito.

Tu devi firmare per ricevuta solo la distinta (elenco) dei documenti che ti consegna e nient'altro

studio.V dice:

Forse non mi sono spiegata bene. L’amministratore  uscente PRETENDE la restituzione delle somme pagate per  tutte quelle uscite/ fatture il cui pagamento è avvenuto con addebito sul c/c intestato al condominio, SOLO PERCHÉ SUL VERBALE DEL PASSAGGIO O FORSE PERCHÉ EXTRA BILANCIO 🤦‍♀🤦‍♀!!! Abbiamo chiaro il livello ..... o no??!!!

Evidentemente non hai letto con attenzione quanto da me scritto in #14, diversamente da Leonardo53 che ha esposto in maniera diversa, forse più comprensibile,  le mie opinioni già espresse.

Altri  hanno fatto riferimento a un rendiconto limitato al periodo di amministrazione sino alla data delle consegne, completo di conto economico e situazione patrimoniale.

Col mio intervento ti ho fornito dei criteri per valutare la consistenza e correttezza della cassa condominiale, che dovrai accettare ed eventualmente quietanzare.

A partire dall'ultimo rendiconto approvato, l’amministratore deve rendere il conto delle spese sostenute e delle somme incassate, che devono essere state annotate sul registro di contabilità la cui tenuta è obbligatoria per legge.

Le medesime operazioni devono risultare dall'estratto conto bancario o postale.

Infine il saldo del registro di contabilità deve coincidere col saldo del conto corrente postale, se non vi sono somme nella cassa contanti, e tale somma deve essere consegnata nel passaggio di consegne e quietanzata.

 

In mancanza del registro di contabilità, oltre alla cassa esistente al termine della precedente gestione, l’amministratore deve consegnarti l’elenco di tutte le spese effettivamente sostenute e le entrate effettivamente  incassate nel periodo della sua amministrazione e il relativo saldo : nel tuo caso € 200 coincidente col saldo del conto corrente condominiale.

 

Parli di una somma richiesta in base a un  bilancio e relativa ripartizione : quindi si tratta di un rendiconto parziale probabilmente redatto per competenza e privo dei flussi di cassa (registro di contabilità), quindi inaccettabile.

In conclusione devi calcolare la cassa come sopra indicato e se hai delle incertezze rilascia ricevute solo con la riserva di successivo controllo e rettifica, e comunque non sta a te riconoscere somme a debito non conoscendo la gestione.

Ti consiglio la lettura dell'articolo al seguente indirizzo:

https://www.condominioweb.com/come-si-deve-agire-per-ottenere-il-passaggio-di-consegne.17356

 

Modificato da G.Ago

Niente da fare: non si riesce a sapere se è il mio Campomarino!

informazione riservata coperta da impenetrabile segreto.

Modificato da enrico dimitri

ago e leonardo ti hanno detto con le parole, quello che io ti ho detto di fare con i numeri

enrico dimitri dice:

io comincierei con un esercizio provvisorio,anzi mi farei autorizzare dall'assemblea ad adottare un bilancio provvisorio, e ri/porterei questo problema nel verbale di passaggio di consegne che l'assemblea poi mi dovrà approvare.

ma che razza di contabilità hannoapprovato fino adesso?

p.s.:

te l'ho già scritto in primavera : Campomarino in provincia di Campobasso???vicino Termoli??

non credo di violare la privacy...

Leonardo53 dice:

Ah, questo mi era sfuggito.

Tu devi firmare per ricevuta solo la distinta (elenco) dei documenti che ti consegna e nient'altro

Grazie Leonardo, sempre gentile esaudiente e disponibile

Leonardo53 dice:

Ah, questo mi era sfuggito.

Tu devi firmare per ricevuta solo la distinta (elenco) dei documenti che ti consegna e nient'altro

Appunto.. ma nel verbale redatto dall’amministratore uscente non c’è solo l’elenco della documentazione ma la la dicitura che le somme anticipate devono essere restituite entro o non oltre 7 giorni.... è scritto e pretende che venga sottoscritto così com’è!!! 

×