Vai al contenuto
ofelia

Partecipazione spese straordinarie condomino diataccato dal riscaldamento condominiale

Buongiorno,

volevo sottoporvi questa questione a cui spero mi aiuterete a dare una risposta.

Nel condominio che amministro, i proprietari del piano attico si sono distaccati e partecipano alle spese della manutenzione del riscaldamento condominiale.

Orbene nella prossima assemblea si parlerà dell'efficientamento della centrale termica, in sintesi dovranno decidere se cambiare la caldaia con una a moduli oppure distaccarsi, e all'ordine del giorno c'è anche la questione della partecipazione alle spese da parte dei signori del piano attico.

Volevo quindi confrontarmi con voi circa la partecipazione dei condomini distaccati ( ritengo che la scelta del distacco verrà presa in considerazione anche da altri) alla sostituzione della caldaia.

Grazie mille per l'aiuto e spero mi risponderete.

A presto

Buongiorno,

volevo sottoporvi questa questione a cui spero mi aiuterete a dare una risposta.

Nel condominio che amministro, i proprietari del piano attico si sono distaccati e partecipano alle spese della manutenzione del riscaldamento condominiale.

Orbene nella prossima assemblea si parlerà dell'efficientamento della centrale termica, in sintesi dovranno decidere se cambiare la caldaia con una a moduli oppure distaccarsi, e all'ordine del giorno c'è anche la questione della partecipazione alle spese da parte dei signori del piano attico.

Volevo quindi confrontarmi con voi circa la partecipazione dei condomini distaccati ( ritengo che la scelta del distacco verrà presa in considerazione anche da altri) alla sostituzione della caldaia.

Grazie mille per l'aiuto e spero mi risponderete.

A presto

Il distacco esonera solo dalle spese di uso/consumo.

Il distacco esonera solo dalle spese di uso/consumo.

E solo se non crea squilibri (con perizia che lo attesta ai sensi dall’art. 1118 c.c.), altrimenti si paga anche parte del consumo (consumi involontari).

-

Buongiorno,

volevo sottoporvi questa questione a cui spero mi aiuterete a dare una risposta.

Nel condominio che amministro, i proprietari del piano attico si sono distaccati e partecipano alle spese della manutenzione del riscaldamento condominiale.

Orbene nella prossima assemblea si parlerà dell'efficientamento della centrale termica, in sintesi dovranno decidere se cambiare la caldaia con una a moduli oppure distaccarsi, e all'ordine del giorno c'è anche la questione della partecipazione alle spese da parte dei signori del piano attico.

Volevo quindi confrontarmi con voi circa la partecipazione dei condomini distaccati ( ritengo che la scelta del distacco verrà presa in considerazione anche da altri) alla sostituzione della caldaia.

Grazie mille per l'aiuto e spero mi risponderete.

A presto

Sarebbe opportuno spendere qualche soldo per ricevere da un termotecnico ( bravo) dei consigli su cui fondare le proprie scelte.

Vi serve sapere :

1) che rendimento potrà avere il vostro impianto riqualificato.

2) I costi per l'adeguamento del centralizzato e per nuovi impianti autonomi

3) valutare i costi di gestione dei diversi impianti .

4) valutare il costo per la produzione di acs con i due sistemi

5) Considerare i disagi per la realizzazione di impianti autonomi.

La legge consente la trasformazione di impianti centralizzati in autonomi solo dimostrando la maggior efficienza derivante dalla trasformazione, pertanto la sua fattibilità implica sicuramente una diminuzione dei costi energetici.

Se invece poi la maggioranza decide di spendere soldi per mantenere il vecchio impianto anche se poco efficiente e pretende di avere una contribuzione allo spreco comune, ne ha facoltà, a mio avviso, nei casi di distacco post riforma se manca dimostrazione di assenza di aggravio come detto da Mosquiton, sempre nei casi in cui il distacco è successivo ai nuovi sistemi di ripartizione , mai quando il distacco è precedente la riforma ed è stato accettato dall'assemblea o non è stata fatta opposizione

×