Vai al contenuto
stevej

Parete completamente bagnata ... in situazione condominiale critica.

Salve e buon anno a tutti, anche se avrei preferito iniziarlo in modo diverso, sta mattina mi sono accorto che un intera parete e completamente umida

Se non fosse per un quadro che ha perso la pittura dentro non me ne sarai mai accorto.

Due terzi in verticale delle parete e umida, la tapezzeria e leggermente gonfia, e tastandola si sente sotto come se la parete si sgretolasse...

Proprio sopra di me ci sono dei vicini che hanno un terrazzino che piu di una volta anche in assemblea e stato segnalato che aveva la vulcanizzazione e impermeabilizzazione completamente andata, negli anni scorsi ho piu volte chiamato l'amministratore per chiedere se potesse intervenire (dato che quel

terrezzino e comunque pertinenza del tetto per cui parte comune in caso di danni da esso derivati), ma ha sempre fatto orecchie da mercante, rassicurandomi

che andava tutto bene, e che non c'era niente...... adesso pero il danno e piu che evidente....

L'amministratore non e mai intervenuto perche con la scusa che fare un lavoro del genere, bisogna mettere un ponteggio, il che porterebbe ad un costo esorbitante per tutto il condominio, e siccome vige la regola "del menefreghismo", so gia in partenza che nessun condomino spenderebbe un centesimo per questa cosa.

Ad aggravare la situazione: quelli che abitano al piano di sopra, non fanno entrare nessuno, neppure se dovesse andare a fuoco la casa, sono in affitto (diciamo che affitto e un eufemismo), e il proprietario (extracomunitario), non si vede piu da anni, non si sa che fine abbiano fatto....

Non so come comportarmi, segnalare all'amministratore il fatto, oppure aspettare che scoppi il bubbone e che anche quello del piano di sotto si trovi la "sorpresina" sul soffitto.....

Se chiamo l'amministratore so gia che verra con un tizio che aprira la parete, provocandomi danni, (anche in altre occasioni ho chiesto per la ricerca di un danno, l'uso della termocamera a raggi infrarossi, ma il muratore all'antica, ha detto detto che a queste cavole tecnologiche non crede, e che la vera ricerca perdite si fa sul campo aprendo i muri, "alla vecchia maniera").....

Che ne pensate se posso chiamare un tecnico con una termocamera, che certifichi che il danno proviene dal terrazzino di quelli del piano di sopra, con relazione tecnica, e tutti i costi addebitati all'amministratore e al condominio, iniziare in qualche modo, una sorta di azione di "risveglio", facendo capire la gravita della situazione anche agli altri condomini, e quindi che alla fine spendere soldi per mettere apposto il proprio condominio e una cosa che prima o poi bisogna per forza fare.....

Grazie mille anticipate per le vostre risposte.

Ciao, ti consiglio di non prendere per assodato quello che dice l'amministratore infatti non è detto che sia necessario installare un ponteggio, in quanto da quello che dici l'infiltrazione dovrebbe provenire dal terrazzo dell'inquilino che abita sopra a te; a volte per una cosa del genere è sufficiente installare sopra al pavimento in questione un impermeabilizzante trasparente (anche mapei o aziende simili), ma dipende tutto dallo stato di conservazione del terrazzo quindi ti consiglio di farti fare un sopralluogo, meglio se da più aziende in modo da poter avere più informazioni e prezzi, ci sono in rete siti dove puoi richiedere preventivi e consulenze gratuite un di questi è http://www.edilnet.it di solito rispondono subito.

ciao cristianatmo

Ti ringrazio della risposta, seguiro sicuramente il tuo consiglio.

Il problema di questo terrazzino sta continuando dal 2011, il problema piu grosso è il fatto che il proprietario dell'appartamento non si fa piu trovare, e quelli in "affitto"

non aprono a nessuno, e quando dico nessuno intendo che se vengono fuori anche i vigili del fuoco, loro piuttosto di aprire, vanno a fuoco insieme alla casa....

Sul fatto che non si puo appunto entrare l'amministratore ci marcia, e adduce scuse di tutti i tipi del tipo "quella è proprieta privata come faccio ad entrare", oppure "l'unica cosa che posso fare e mandargli una raccomandata con ricevuta di ritorno".

Non so se gli ha mandato davvero una raccomandata, ma la situazione che e venuta a crearsi e quella di un circolo senza fine, il proprietario non italiano, non si vede da anni, e anche se sulla cassetta postale c'e ancora il suo nome, quella raccomandata alla fine non verra mai ritirata da nessuno, per cui il "grande sforzo" dell'amministratore si conclude con tante belle parole e un nulla di fatto.

Resta pero una certezza che comunque quel terrazzino è una pertinenza del tetto, per cui in caso di danni, l'amministratore che legalmente e "custode delle parti comuni" deve per forza intervenire, in caso di guasto, e fare n modo di ripristinare una situazione accettabile.

Se i tizi sono barricati in casa..... e non sono al primo piano (ma al sesto)..... ecco che sorge un altro problema..... da dove si fanno passare gli operai, e i materiali???

Due sono le possibili alternative:

- ponteggio

- autogru.

Contattato l'amministratore e spiegato tutto per filo e per segno, alla fine come risposta, ho ricevuto una sonora risata in faccia..... nessuno dei condomini, è disposto a tirare fuori un centesimo per fare lavori di questa portata.... risposte del tipo "ma lei si rende conto di quando costa un ponteggio..... se lo mettiamo, lo metteremo quando ci sara la ristrutturazione dello stabile (cioe mai)", oppure l'autogru..... "certo perche per lei e semplice noleggiare una autogru per chissa quanti giorni, e poi i permessi di occupazione di suolo pubblico chi li paga????"

Nel condominio vige il menefreghismo piu totale, anche se il 90% dei condomini sa benissimo che tutto quello che si andrà a spendere sarà comunque risarcito dall'assicurazione (di cui paghiamo un premio astronomico).

Quindi amministratore oramai ostile, ambiente condominiale menefreghista completamente.... e più il tempo passa più il danno aumenta, l'inverno non e ancora finito, e gli ultimi eventi meteorologici sono stati molto piu intensi del solito, per cui il colpo di grazia a quello che rimane alla vulcanizzazione e impermeabilizzazione del terrazino e molto vicino.

Pero l'amministratore era stato avvertito fin dal 2011 che le cose non andavano e la sua risposta "mi scusi ma lei si fascia la testa prima di essersela rotta".......

Adesso nel 2014 il danno totale è stato fatto, la parete è completamente bagnata, e grazie al menefreghismo, ci sara un effetto domino su tutti gli appartamenti di quella colonna, praticamente arrivera giu una cascata d'acqua.....

Mi domando se dopo un danno del genere la gente iniziera a svegliarsi, ma ho i miei dubbi.....

Rimane il dilemma se chiamare un tecnico con la termocamera ha fare una relazione tecnica, addebitando il costo al condominio, oppure aspettare che il bubbone esploda...... per l'amarezza e la rabbia che sto provando in questi giorni protendo piu per la seconda possibilità, forse sarà uno mero sfogo egoistico, ma sono davvero stanco del comportamento di questa gente che vede andare tutto in malora, ma che non capisce, che pensa di essere in villeggiatura, ognuno nella sua magnifica reggia, e non capisce che lo schifo e cio che va "condiviso in comunione", fa anche quello della loro realta quotidiana, e come spendono per le loro "reggie", cosi va speso anche per quello che c'e fuori dalla porta blindata, se c'e da fare una manutenzione, oppure un restauro globale, lo si deve fare, non c'e via di fuga o scusa che tenga......

Ma basta toccare l'argomento con uno qualsiasi di questi condomini, che la loro rabbia sale a mille (rabbia poi per cosa, perche non vogliono spendere????), ed essere preso a male parole, se non a vere e proprie prese in giro (sopratutto alle spalle), o etichette del tipo "ecco il catastrofista".....

Suggerisco di chiedere formalmente all'amministratore di coinvolgere l'assicurazione del condominio... in genere nelle polizze è compresa la ricerca guasti e quindi per il condominio il costo non dovrebbe esistere!

Difficile che il tecnico con termocamera, chiamato da Lei, fatturi al condominio. Ancora più difficile che l'amministratore accetti tale fattura per un lavoro che non ha commissionato lui. Penso che, stando così le cose, la via più breve sia di richiedere un provvedimento d'urgenza ex art.700 cpc. A Milano i tempi, rispetto a quelli ordinari, sono decisamente brevi.

ciao rickypink, grazie della risposta.

Questa cosa di chiedere un provvedimento di urgenza ex art 700 cpc mi sembra l'unica via di uscita da questa situazione.

Mi puoi spiegare come devo farla, serve l'avvocato oppure e una cosa che puo essere fatta in autonomia?

Ti ringrazio infinitamente per le info 🙂

Saluti a tutti cari amici....

Anch'io ho problemi simili....

Vi spiego....

Ho disinfettato la parete che da problemi e reimbiancato con prodotti antimuffa circa un mese fa....

Oggi,vedendo le stanze più fredde del solito ho dato un occhiata e praticamente,su 2 pareti dove non confino con nessuno(il mio appartamento prende i 3 angoli dello stabile e sotto ha l'area box che non è protetta da saracinesca ma che prende pochissima aria per come è conformata) in tutti gli angoli c'è muffa,il pavimento ed i battiscopa sono bagnati(ho dovuto spostare i mobili perchè dalla parte a contatto con il pavimento era tutto bagnato)....

Da cosa può dipendere?

E' un condominio recentissimo a 3 livelli(area box interrata,piano terra e primo piano)....

Leggevo che potrebbe dipendere dalle colonne portanti in cemento armato non isolate a dovere?

meglio richiedere l'intervento di un tecnico che possa appurare le cause della muffa... prova a sentire l'amministratore del tuo condominio al riguardo, magari è più collaborativo di quello di stevej!! 🙂

×