Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
ANASTASIO FABIO

Palazzina senza amministratore

Buonasera

Ho un quesito da porvi nella speranza che qualcuno possa darmi qualche soluzione. Abito in una palazzina composta da 5 unità immobiliare e non abbiamo un amministratore. Dobbiamo eseguire dei lavori di rifacimento della scala d'ingresso e sostituzione del portoncino d'ingresso. Il problema è che un condomino non vuole partecipare alle spese. Visto che 4 su 5 siamo d'accordo come possiamo "obbligare" il quinto a partecipare alla spesa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Effettuate una regolare assemblea condominiale con avviso (meglio con raccomandata) a tutti (deve giungere almeno 5 giorni prima della 1° convocazione), deliberate le spese a maggioranza prescritta ripartite le spese con i criteri legali oppure come previsto dal Regolamento Contrattuale (se lo avete), scrivete un verbale e inviate copia agli eventuali assenti, se il condomino poi non paga sentite un legale che provvederà alla richiesta del Decreto Ingiuntivo, e dopo la decisione giudiziale, quasi di sicuro questo condomino dovrà pagare il debito maggiorato degli interessi legali, le spese legali del Tribunale e quelle del vostro avvocato.

Se non sono stato chiaro in qualche punto, chiedi pure.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mi permetto di aggiungere, alla già chiara e perfetta descrizione fatta da Tuxx, che non c'è bisogno dell'amministratore in quanto siete soltanto 5 condòmini, infatti, c'è l'obbligo della nomina dell'amministratore soltanto quando i condòmini sono più di 8, ho aggiunto solo questo particolare visto che intitolavi il post in quel modo.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Certo non c'è l'obbligo dell'amministratore ma la gran scocciatura di convocazione assemblea,redazione verbale,spedizione e coinvolgimento di un legale con relativa perdita di tempo è tutta a carico di uno dei condomini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Certo non c'è l'obbligo dell'amministratore ma la gran scocciatura di convocazione assemblea,redazione verbale,spedizione e coinvolgimento di un legale con relativa perdita di tempo è tutta a carico di uno dei condomini

Assolutamente no!

Chi lo ha detto?

Nel caso posto da Anastasio si agisce come descritto da Tuxx, inizialmente se ne fanno carico tutti i condòmini, poi, le spese legali dell'azione che verrà intrapresa saranno tutte a carico del moroso.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Nominate un amministratore!

Molto meglio...anche perchè poi dovrete effettuare alcune pratiche fiscali per beneficiare della detrazione e dovrete anche esaminare dei preventivi di spesa con conseguente redazione di una SCIA per l'esecuzione di lavori da parte di un Geom./Arch./Ing. incaricato!

Meglio effettuare il tutto pagando un Professionista che arrangiarsi da soli per non corrispondere in un anno 150/200 Euro a testa (alla luce del fatto che avete un condomino dissidente e testardo con cui è meglio si relazioni un soggetto esterno che voi diretti interessati!)

Meglio prevenire....risparmierete tanta pazienza e inutili arrabbiature!

Buona fortuna...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Assolutamente no!

Chi lo ha detto?

Nel caso posto da Anastasio si agisce come descritto da Tuxx, inizialmente se ne fanno carico tutti i condòmini, poi, le spese legali dell'azione che verrà intrapresa saranno tutte a carico del moroso.

Ciao

Giulio si riferiva al tempo non agli oneri economici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Dovresti chiarire prima di tutto se avete già il Codice Fiscale del condominio oppure no. Pensiamo di no. Comunque la cosa migliore (altrimenti non potete chiedere il precetto nè fare cause di qualsiasi tipo), è costituire il condominio con un'assemblea, nominare un amministratore interno, fare tutto quello che dovete fare, e poi se volete ogni anno o ogni tanto nominate un altro condòmino come amministratore. Solo così potete utilizzare le vie legali e altro.

Purtroppo, le cose sono state complicate e in casi come questi non ci sono altre vie. Ci sono proprietari che non capiscono che più confusione c'è. più i costi aumentano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il condominio esiste senza sia necessario nessuna formalità, ovvero nasce spontaneo quando in uno stabile ci sono almeno due proprietari, per cui le spese deliberate regolarmente in assemblea sono obbligatorie per i dissidenti minoritari e si può procedere con la richiesta del Decreto Ingiuntivo, anche se il condominio non ha l'amministratore e non ha il CF condominiale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il condominio esiste senza sia necessario nessuna formalità, ovvero nasce spontaneo quando in uno stabile ci sono almeno due proprietari, per cui le spese deliberate regolarmente in assemblea sono obbligatorie per i dissidenti minoritari e si può procedere con la richiesta del Decreto Ingiuntivo, anche se il condominio non ha l'amministratore e non ha il CF condominiale.

Sono d'accordissima!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mmmmh...meglio prima "regolarizzare" il Condominio. Assurdo "pretendere" quote senza che sia stato "affidato" una commessa dopo aver scelto fra almeno 1 preventivo...e visto che si tratta di bene condominiale il preventivo deve essere riferito ad un Condominio e non ad un singoo porprietario.

 

Quindi non è necessario l' amministratore....ma Codice Fiscale e tutto il resto si.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il condominio è già regolarizzato, l'amministratore non è necessario se i condomini non sono più di otto, come in in questo caso, e se l'assemblea delibera in maniera regolare, e gli eventuali assenti vengono informati con l'invio del deliberato, tutto regolare, se qualcuno non versa la quota parte stabilita o del RdC Contrattuale, ognuno degli altri può adire al Giudice con l'assistenza di un legale richiedendo il D.I. per i morosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

1)Non mi risulta che ANASTASIO abbia mai chiarito che il condominio abbia il Codice Fiscale...in mancanza è costituito (5 proprietari) ma non è "regolarizzato" e di conseguenza non possono essere fatti acquisti di beni o servizi con addebito al/in nome del Condominio.

 

2)Non ha spiegato se esiste Regolamento di Condominio (sono meno di 10)

 

Vista appunto la dimensine (5) e la mancanza di amministratore che fà presumere una situazione protratta nel tempo e mai "regolarizzata" non vedo alternative.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non confondiamo la parte fiscale con la parte giuridica, il condominio è regolarizzato ed è vivo e vegeto da quando i condomini sono almeno due e non è necessario nessun atto formale ne nessuna registrazione da nessuna parte.

Per quanto riguarda la parte fiscale qualsiasi condomino potrebbe assumersi l'onere per le competenze/fiscali condominiali sul suo personale C.F., a meno che non si provveda a nominare una persona che svolge funzioni analoghe a quelle dell'amministratore, la quale potrebbe essere anche un estraneo al condominio come ad esempio un fiscalista oppure un delegato fiscale che con il Mod. aa 5/6 presentato all AdE se ne assuma la responsabilità ed ottenere il CF condominiale a suo nome, ma questo non vorrà dire che sarà amministratore.

Anche se Anastasio non l'ha detto, il regolamento contrattuale o assembleare potrebbe esistere anche se i condomini sono due, nulla lo vieta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
1)Non confondiamo la parte fiscale con la parte giuridica, il condominio è regolarizzato ed è vivo e vegeto da quando i condomini sono almeno due e non è necessario nessun atto formale ne nessuna registrazione da nessuna parte.

 

2)Per quanto riguarda la parte fiscale qualsiasi condomino potrebbe assumersi l'onere per le competenze/fiscali condominiali sul suo personale C.F., a meno che non si provveda a nominare una persona che svolge funzioni analoghe a quelle dell'amministratore, la quale potrebbe essere anche un estraneo al condominio come ad esempio un fiscalista oppure un delegato fiscale che con il Mod. aa 5/6 presentato all AdE se ne assuma la responsabilità ed ottenere il CF condominiale a suo nome, ma questo non vorrà dire che sarà amministratore.

Anche se Anastasio non l'ha detto, il regolamento contrattuale o assembleare potrebbe esistere anche se i condomini sono due, nulla lo vieta.

1)Infatti non viene confuso nulla semplicemente il condominio esiste ma non è formalmente regolarizzato dal punto di vista fiscale e come tale non potrebbe operare come la normativa richiede a qualsiasi condominio sia esso di soli due condòmini ovvero di 50.

 

2)Questo è e rimane un tuo suggerimento in quanto fiscalmente possibile (per mancanza di controlli puntuali) ma non corretto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
2)Questo è e rimane un tuo suggerimento in quanto fiscalmente possibile (per mancanza di controlli puntuali) ma non corretto.
Non è corretto nominare una persona che svolge funzioni analoghe a quelle dell'amministratore?

A me pare sia previsto dall'art. 1129 cc (inderogabile), ovvero una persona che si assumerà l'onere analogo a quello dell'amministratore compresa e non esclusa la parte fiscale, poichè non si afferma da nessuna parte questo fatto che tu affermi non corretto, se c'è qualche norma sarebbe bene postrala.

Quanti piccoli condominii non hanno l'amministratore e uno dei condomini accede alla stipula di contratti con l'ente fornitore dell'energia elettrica, acqua e fornitura del combustibile riscaldamento condominiale? Per non parlare di altre prestazioni o lavori nel condominio.

Solamente a qualche tempo gli enti fornitori chiedono il C.F. condominiale, ma nulla vieta quanto da me detto, ovvero qualsiasi persona potrà essere rappresentante fiscale, nominata dall'assemblea e con richiesta del nominato all'AdE tramite Mod aa 5/6 del CF a suo nome a beneficio del condominio.

Il condominio come tale non è esente fiscalmente anche se non ha l'amministratore e qualcuno dovrà espletare le pratiche fiscali, chi meglio di un rappresentante fiscale od una persona che si assumerà l'onere analogo a quello dell'amministratore potrà farlo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
non è corretto nominare una persona che svolge funzioni analoghe a quelle dell'amministratore?

A me pare sia previsto dall'art. 1129 cc (inderogabile), ovvero una persona che si assumerà l'onere analogo a quello dell'amministratore compresa e non esclusa la parte fiscale, poichè non si afferma da nessuna parte questo fatto, se c'è qualche norma sarebbe bene postrala.

Non e' corretto che in presenza dei presupposti di apertura del cf condominiale si intestino le fatture al singolo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non e' corretto che in presenza dei presupposti di apertura del cf condominiale si intestino le fatture al singolo.
L'avevo detto, sinora si poteva fare ed ancora ci sono piccoli condomini che intestano ad uno solo di loro il contratto per le forniture, l'importante è essere regolari con la parte fiscale (che sia uno o sia il condominio), solo da qualche tempo gli enti fornitori richiedono il CF condominiale, ma hai voglia di mettere le cose a posto nel nostro Bel Paese.

Ma non dirmi che per questo motivo (mancanza di amministratore o altra persona analoga e/o CF condominiale) non si possa agire contro un condomino moroso con la richiesta del D.I. (tema del topic)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Patrizia mi ha preceduto ...togliendomi le parole di bocca.

 

Nulla centra quelle che possono essere abitudini e comportamento serio delle persone....ma se tu non mi presenti un conto intestato al condominio io sono libero di non darti alcuna quota.

 

Che si possa "chiudere" un occhio su certe pratiche illegali è un conto...ma di certo non è bene sbandierarlo in un forum pubblico.

 

Intestare una utenza ad un privato che poi di fatto "vende" a terze persone...era (e presumo ancora sia) spiegato come illecito nei contratti di fornitura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Patrizia mi ha preceduto ...togliendomi le parole di bocca.

 

Nulla centra quelle che possono essere abitudini e comportamento serio delle persone....ma se tu non mi presenti un conto intestato al condominio io sono libero di non darti alcuna quota.

 

Che si possa "chiudere" un occhio su certe pratiche illegali è un conto...ma di certo non è bene sbandierarlo in un forum pubblico.

 

Intestare una utenza ad un privato che poi di fatto "vende" a terze persone...era (e presumo ancora sia) spiegato come illecito nei contratti di fornitura.

Non c'entra nulla la parte giuridica con la parte fiscale, se il condominio delibera in maniera regolare tutti i condomini sono dovuti a versare la quota parte (cc art 1137).

Per la parte fiscale sarà l'AdE a vedere se le cose sono in regola o no, il Giudice demandato al D.I. non interviene sulla parte fiscale, decreterà lo stato di morosità e null'altro.

Come detto, se è un condomino ad essersi intestate le utenze al Fisco non interessa nulla se non esiste un CF condominiale a lui interessa che la quota dovuta sia corrisposta, Ma sai quanti piccoli condomini oggi sono così e quanti topic su questo forum lo affermano? Se fanno dei controlli a raso tutti domani mattina regolarizzano il condominio fiscalmente.

Ma non c'entra nulla con la morosità di un condomino se la delibera è stata approvata regolarmente e si può agire con la richiesta del D.I., non esiste nessun vincolo fiscale in questa questione, questo era il tema iniziale del Topic ed a questo ho risposto, divagare non serve a nulla, se c'è qualche impedimento, sotto questo punto di vista sia postata la Legge. Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

1)L'avevo detto, sinora si poteva fare ed ancora ci sono piccoli condomini che intestano ad uno solo di loro il contratto per le forniture, l'importante è essere regolari con la parte fiscale (che sia uno o sia il condominio), solo da qualche tempo gli enti fornitori richiedono il CF condominiale, ma hai voglia di mettere le cose a posto nel nostro Bel Paese.

 

2)Ma non dirmi che per questo motivo (mancanza di amministratore o altra persona analoga e/o CF condominiale) non si possa agire contro un condomino moroso con la richiesta del D.I. (tema del topic)

1)Sei caldamente invitato a non fornire suggerimenti "fiscali" scorretti giustificandoli con le inefficienze del Bel Paese.

Se questo forum si cerca di non fuorviare gli utenti.

 

2)E' un altro discorso.

Il tema del topic è chiaro ed è già stata data risposta.

Ciò non toglie che se vengono postate risposte inesatte o fuorvianti anche se di materia fiscale non oggetto proprio del topic esse debbano esser tollerate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ospite
Questa discussione è chiusa.
×