Vai al contenuto
maumau

Pagamento locazione direttamente da datore di lavoro?

ciao a tutti, secondo voi si può mettere nel contratto di locazione 4+4 una clausola dove il conduttore consente al proprio datore di pagare direttamente lui l'affitto al proprietario decurtando la somma dalla busta paga che andrà a versare poi al lavoratore?

 

In pratica se il datore deve dare ad es. 1000 ne toglie 300, ossia la quota d'affitto, e quei 300 li versa direttamente lui al proprietario.

In sostanza sarebbe un modo per garantirsi da "poca voglia di pagare" dell'inquilino.

 

Si può fare secondo voi?

La puoi inserire ma non ti garantirebbe in ogni caso dalla "poca voglia di pagare" dell'inquilino. L'unica maniera sarebbe che il datore di lavoro comparisse come garante all'interno del contratto.

poi se avviene un licenziamento, o un fallimento, il condutttore continua ad abitare e il locatore non prende l'affitto e non potrebbe dare lo sfratto !!!

@Jerry ciao, come mai dici di no? Il punto sarebbe questo: ci si accorda, con datore e inquilino, che la sua quota di stipendio venga automaticamente versata dal datore al proprietario prima ancora che a lui, senza che l'inquilino nemmeno la percepisca.

In sostanza finchè lui resta alle dipendenze ci sarebbe la certezza che il canone verrebbe preso, perchè direttamente tagliato alla fonte dal datore e girato al proprietario.

Come mai dici che non garantirebbe?

 

La fideiussione però non sono disposti a farla, altrimenti l'avrei gradita.

 

- - - Aggiornato - - -

 

 

@pessina: avevo pensato anche a quello, nel senso di dire che comunque vale finchè dura il rapporto di lavoro 🙂

Ciao, come mai dici di no? Il punto sarebbe questo: ci si accorda, con datore e inquilino, che la sua quota di stipendio venga automaticamente versata dal datore al proprietario prima ancora che a lui, senza che l'inquilino nemmeno la percepisca.

In sostanza finchè lui resta alle dipendenze ci sarebbe la certezza che il canone verrebbe preso, perchè direttamente tagliato alla fonte dal datore e girato al proprietario.

Come mai dici che non garantirebbe?

Ammettendo che il datore di lavoro accettasse di versare direttamente a te la quota del canone dovuta dal suo dipendende, sarebbe solo una forma di pagamento (come lo può essere pagare con un assegno o un bonifico etc etc). Non sarebbe un obbligo verso il datore, solo un'ingiunzione del tribunale potrebbe costringerlo a farlo (fintanto che l'inquilino sia alle sue dipendenze e percepisca uno stipendio). In pratica se l'inquilino pur continuando a lavorare nello stesso posto dice al suo datore di non pagarti più tu non potresti costringerlo a pagare, o meglio per farlo dovresti avere un'ingiunzione di trbunale per il pignoramento di parte dello stipendio, ma questo indipendentemente da quanto inserito a contratto.

Se invece lo si inserisce come garante allora il datore si presta a fare da garante per il pagamento del canone di locazione, indipendentemente dal fatto che l'inquilino lavori o meno da lui ...ma dubito fortemente che accetterebbe una simile cosa.

Purtroppo il datore non darebbe la fideiussione.

Quanto alla mia idea, diciamo che si farebbe leva sull'"accordo" a tre: proprietario, inquilino e datore. Se l'inquilino accetta che il suo datore decurti e paghi direttamente al proprietario ci sarebbe un contratto da far eventualmente rispettare in tribunale.

 

Direi che un tale patto andrebbe rispettato sia dal datore che dall'inquilino che non penso che potrebbe dire "non pagare più", a meno che non ci sia qualche principio o norma che, anche considerando la natura molto importante della retribuzione, preveda che lo stipendio sia un po' "intoccabile" e debba prima essere incamerato dal dipendente e poi eventualmente "tagliato".

 

Ma tu contratti con una clausola del genere ne hai mai visti?

Ma tu contratti con una clausola del genere ne hai mai visti?

No perchè, come specificato, non servirebbe assolutamente a garantire il locatore. L'unica maniera per coinvolgere un terzo è inserirlo come garante.

L'unica maniera per fare in modo che il datore sia obbligato a versarti parte dello stipendio (ad ogni modo non più di un quinto dello stesso, mi sembra) è un'ingiunzione di tribunale ottenuta in seguito ad una causa di sfratto per sanare eventuali morosità del conduttore.

ad ogni modo non più di un quinto dello stesso, mi sembra) Jerry.Se il datore di lavoro ha firmato come garante,puoi chiedergli tutti soldi chedevi avere e non solo il quinto. Sarà poi lui a farsi autorizzare dal tribunale a trattenere il quinoto ( e a darsi del "MONA"per aver firmato.

Jerry.Se il datore di lavoro ha firmato come garante,puoi chiedergli tutti soldi chedevi avere e non solo il quinto

appunto, se inserito come garante, ma qui si vuole inserirlo solo come mezzo di pagamento ...senza essere garante. Quindi in caso di pignoramento ci si deve accontentare AL MASSIMO di un quinto dello stipendio.

Sarà poi lui a farsi autorizzare dal tribunale a trattenere il quinoto ( e a darsi del "MONA"per aver firmato.

appunto ...nessuno, a meno di ragioni a noi oscure, lo farà mai :icon_lol:

×