Vai al contenuto
jeans1975

Pagamento debiti società costruttrice

Salve a tutti,

 

in questi giorni l'amministratore del mio condominio ha richiesto a tutti i condomini, in proporzione ai propri millesimi, il pagamento dei debiti accumulati dalla società costruttrice in sei anni, cioè da quando il condominio è stato costruito.

 

Il regolamento condominiale non dice niente riguardo all'esclusione del costruttore dal pagamento delle spese condominiali.

 

Con la riforma si parla di solidarietà tra condomini, ma solo dopo l'escussione del condomino moroso. Dato che non c'è alcuna sentenza di condanna della società costruttrice, per quale motivo i condomini regolari con i propri pagamenti dovrebbero pagare i debiti del condomino moroso?

 

grazie.

Hai provato a leggere sul tuo atto se previsto qualcosa?

Se per caso è inserita una clausola di esonero del costruttore che potrebbe essere vessatoria?

Hai provato a leggere sul tuo atto se previsto qualcosa?

Se per caso è inserita una clausola di esonero del costruttore che potrebbe essere vessatoria?

 

 

Sì, ho letto sia il regolamento che il rogito, ma niente è previsto in merito.

 

secondo voi posso rifiutarmi di pagare? la riforma non dice che bisogna pagare subito, ma che è necessario che i creditori agiscano per quanto possibile prima sul condomino moroso, quindi come minimo bisogna avere un titolo esecutivo e non riuscire a far valere i propri diritti per poter interpellare i condomini regolari. D'altra parte, però, nella fattispecie la società costruttrice ha ancora almeno 10 appartamenti di proprietà, per cui non vedo perché prima non si agisca per la vendita di alcuni di essi, invece di pretendere soldi da chi paga regolarmente le proprie quote.

 

Vi chiedo se ho interpretato male qualcosa della riforma.

 

grazie

Se non c'è nessun esonero, deve rivolgersi vs. il costruttore, tra l'altro è possibile eseguire quanto sta facendo il vostro amministratore, ma dovete essere tutti concordi.

 

Per la costituzione di un fondo cassa condominiale per morosità è necessaria l'unanimità a meno chè non si sia in presenza di un motivo grave e urgente.

Corte Cassazione n. 13631 del 5 novembre 2001.

Posso inoltre precisare che non si tratta di motivi gravi ed urgenti in quanto si tratta non di lavori straordinari ma di semplici spese ordinarie relative all'illuminazione condominiale, al giardino, all'ascensore, alle pulizie. Noi abbiamo tutti riscaldamento autonomo, e tutte le altre utenze sono autonome. Per quanto mi riguarda, tutti questi servizi potrebbero anche essere staccati, io vivo lo stesso.

 

L'unico dubbio che mi rimane, non avendo ancora ricevuto delucidazioni, è che l'assemblea abbia deciso di pagare all'unanimità. Infatti, io ho acquistato a pochi mesi e non ho ancora partecipato a nessuna assemblea.

avrei un ultimo dubbio. La decisione presa dall'assemblea, prima che io acquistassi l'appartamento, circa il pagamento (o meglio l'anticipo dei pagamenti) delle quote non pagate dal costruttore, può vincolare anche me?

×