Vai al contenuto
teresa65

Pagamento annualità successiva imposta registro

Spero qualcuno possa aiutarmi per il seguente problema:

L'1/8/2009 ho stipulato un contratto di affitto; il 31/7/2010 l'inquilino è andato via. A novembre 2010 ho mandato all'agenzia delle entrate la comunicazione di risoluzione anticipata del contratto, pagando gli e 67 + sanzioni e interessi (perchè inviata in ritardo. A dicembre 2014 mi è arrivata una cartella esattoriale dove mi ingiungono di pagare l'annualità decorrente dall'1/8/2010. Mi sono recata presso l'agenzia delle entrate, esibendo l'f24 e la comunicazione di risoluzione, ma mi hanno detto che non possono annullarmi quell'annualià (mentre lo faranno con quelle successive e cioè dal 2011) in quanto non basta aver pagato sanzioni ed interessi sui 67 e per dimostrare che effettivamente il contratto si è concluso in quella data e mi chiedono ulteriori prove (per es nuovo contratto stipulato entro il 31/8/2010 o raccomandata dell'inquilino nella quale comunicava la cessazione del contratto) che io non ho. Hanno ragione? Ma Allora a che serve aver pagato la risoluzione con sanzioni ed interessi?

Per piacere aiutatemi!!!!!!!:

mi chiedono ulteriori prove (per es nuovo contratto stipulato entro il 31/8/2010 o raccomandata dell'inquilino nella quale comunicava la cessazione del contratto) che io non ho. Hanno ragione? Ma Allora a che serve aver pagato la risoluzione con sanzioni ed interessi?

Purtroppo a loro serve una prova "provata" che attesti senza ombra di dubbio la data di cessazione del contratto (per questo ti chiedono copia della raccomandata, fa fede il timbro con la data di invio).

Potrebbe addirittura non servirti neanche il verbale di riconsegna immobile (se lo avete firmato) in quanto privo di "data certa" (avreste dovuto andare in posta per farci apporre il timbro con la data dall'ufficio, la cosiddetta "autoprestazione" prevista dall'art. 8 del decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 261, mediante apposizione del timbro direttamente sul documento avente corpo unico, anziché sull'involucro che lo contiene).

Altrimenti chiunque potrebbe chiudere il contratto ben prima la sua effettiva cessazione pagando solo le sanzioni e gli interessi di mora previsti per l'imposta di registro (ed evadere invece l'irpef sui canoni incassati e non dichiarati).

Insomma ti stanno solo chiedendo di fornire prova della effettiva data di cessazione del contratto.

Grazie per la risposta rapidissima. Quindi in buona sostanza, se non ho prove, hanno ragione loro e devo pagare.........

Tu porta tutto quello che è in tuo possesso, verbali di fine locazione, lettere etc etc e ...augurati di trovare l'impiegato accomodante (in itaglia funziona così) altrimenti preoccupati che (oltre alle sanzioni per la mancata annualità) potrebbero anche contestarti l'evasione IRPEF per canoni non dichiarati relativi, appunto, al periodo contestato.

 

Dimenticavo, se sei rimasta in buoni rapporti con l'ex inquilino potresti chiedegli la copia del nuovo contratto di affitto che ha stipulato una volta lasciato libero il tuo appartamento o quantomeno gli estremi della sua registrazione all'AdE. Tutto ciò quindi che potrebbe servire a suffragio della tua tesi (fine locazione in data 31/07/2010).

×