Vai al contenuto
Fossil

Ospiti ovvero affitto in nero

Ad una riunione condominiale, facendo l'appello si presentano due persone dichiarate come ospiti dal proprietario. Sapendo che costui è scorretto è verosimile che sia solo un modo per esigere affitti in nero. E' possibile verificare se c'è un evasione fiscale e sporgere denuncia alla Finanza? Inoltre, i sedicenti ospiti possono votare in assemblea condominiale?

Gli ospiti possono votare se hanno titolo per farlo, ossia se sono delegati da qualcuno, altrimenti non devono essere presenti all'assemblea salvo che tutti i presenti acconsentano la presenza come estranei uditori, ma devono stare muti come pesci. inoltre se sono ospiti nell'appartamento di un condomino non pagano nessun affitto.

Essere ospiti di un condominio è un modo sfacciato e sotterraneo per percepire affitti in nero. A Roma sono tanti i proprietari che aggirano la legge in questo modo! Come è possibile stanarli?

Bisogna avere le prove che questi pagano un affitto in nero, e non è facile dimostrarlo.

Essere ospiti di un condominio è un modo sfacciato e sotterraneo per percepire affitti in nero. A Roma sono tanti i proprietari che aggirano la legge in questo modo! Come è possibile stanarli?

questa e' una tua opinione personale .

Essere ospiti di un condominio è un modo sfacciato e sotterraneo per percepire affitti in nero. A Roma sono tanti i proprietari che aggirano la legge in questo modo! Come è possibile stanarli?

 

Prima di tutto sono "ospiti" di un condomino e non del condominio e poi , dove stà il tuo problema ? come ti è già stato detto hai le prove ? tu puoi anche denunciare ...achi, per che cosa, e a che scopo , ... ma attenta alla controdenuncia !

per quanto riguarda le altre domande, ti hanno già risposto egregiamente gli amici del forum .😉

Essere ospiti di un condominio è un modo sfacciato e sotterraneo per percepire affitti in nero. A Roma sono tanti i proprietari che aggirano la legge in questo modo! Come è possibile stanarli?

Ciao, te non puoi stanare nessuno.

1) Perché non sono affari tuoi, infatti a te non nuoce nulla se un condòmino del palazzo dove abiti te, ospita dentro casa sua ospiti, parenti, amici, amanti, che faccia beneficienza ecc....ecc....ecco a te di tutto questo non deve importare nulla.

 

2) L'eventuale evasione fiscale non la stabilisci te ma, eventualmente, un giudice chiamato a decidere su, tale eventuale cosa, e soltanto su prove cartacee.

 

3) Per fare una eventuale denuncia per evasione fiscale contro qualcuno bisogna avere delle prove che in qualche modo ti hanno danneggiato, altrimenti se non hai prove potresti beccarti una denuncia per calunnia.

 

3) Anche se dovessero presentarsi in assemblea e decidere per conto del proprietario lo faranno, sicuramente, con delega a cui tu e nessun'altro potrebbe opporsi, tranne se non lo vieta il regolamento di Condominio contrattuale.

 

4) Qualsiasi persona può essere ospite di qualcuno nel proprio appartamento, seguendo le regole del buon vivere, anche sfacciatamente sai perché? Perché non c'è nessuna legge che lo vieta.....

Ciao

Intanto, potresti chiedere all'amm.re come risulti la posizione dell'immobile sull'anagrafe condominiale. Ovvero se risulti locato o no. Puoi chiederlo, anzi, l'amm.re doveva dichiarare al momento del suo rinnovo sedi o orari per la consultazione del registro di anagrafe condominiale. Tutto ciò risulta dal codice civile.

 

Poi, controlla sul bilancio consuntivo se le spese risultanti per quell'immobile siano sdoppiate, ovvero ripartite su proprietario e "ospite".

In ogni caso, ancora non s'è capito se gli ospiti avessero delega o meno. E a tal proposito, poichè hai parlato di due, tieni presente che in assemblea, previa delega o di persona, può intervenire una sola persona per ogni immobile.

Intanto, potresti chiedere all'amm.re come risulti la posizione dell'immobile sull'anagrafe condominiale. Ovvero se risulti locato o no. Puoi chiederlo, anzi, l'amm.re doveva dichiarare al momento del suo rinnovo sedi o orari per la consultazione del registro di anagrafe condominiale. Tutto ciò risulta dal codice civile.

 

Poi, controlla sul bilancio consuntivo se le spese risultanti per quell'immobile siano sdoppiate, ovvero ripartite su proprietario e "ospite".

In ogni caso, ancora non s'è capito se gli ospiti avessero delega o meno. E a tal proposito, poichè hai parlato di due, tieni presente che in assemblea, previa delega o di persona, può intervenire una sola persona per ogni immobile.

Ciao Efisio, secondo me hai scritto alcune cose inesatte.

L'anagrafe condominiale può senz'altro essere consultata da qualsiasi condòmino e fin qui ci siamo ma se, ad esempio, io ho un ospite in casa mia non devo né dirlo a te, né dirlo all'amministratore, né l'amministratore commette una inadempienza se è o meno a conoscenza del fatto che io abbia degli ospiti o meno.

Nessuna legge lo impone, hai capito efisio?

Inoltre, devi sapere, che un bilancio consuntivo ma, anche quello preventivo e, comunque, tutta la documentazione condominiale, non può e non deve fare alcuna distinzione tra proprietari (che sarebbero i condòmini) e gli ospiti dei condòmini e, per essere ancora più precisi, neanche fra gli inquilini (anche se in questo post non si parla di inquilini ma soltanto di supposizioni pretestuose di fossil), l'amministratore si occupa soltanto delle parti comuni del Condominio e deve rendere conto SOLTANTO ai condòmini che sono i suoi datori di lavoro, non si deve occupare di chi porto a cena a casa mia......capito efisio?

Questo, ovviamente, non è che lo dico io, lo dice la legge, che basta consultare.

 

Se, poi, mi parli di deleghe per intervenire in assemblea allora sono d'accordo con te, tanto è vero che a tal proposito mi sono già espressa nel mio primo intervento

 

Per carità, ognuno può scrivere quello che vuole però, diamine, non bisogna far credere a chi pone domande o ipotesi cose o leggi che non esistono.

Quello che hai scritto te non esiste.

Senza polemiche eh.....è soltanto per precisare.

Ciao

Ciao Efisio, secondo me hai scritto alcune cose inesatte.

L'anagrafe condominiale può senz'altro essere consultata da qualsiasi condòmino e fin qui ci siamo ma se, ad esempio, io ho un ospite in casa mia non devo né dirlo a te, né dirlo all'amministratore, né l'amministratore commette una inadempienza se è o meno a conoscenza del fatto che io abbia degli ospiti o meno.

Nessuna legge lo impone, hai capito efisio?

Inoltre, devi sapere, che un bilancio consuntivo ma, anche quello preventivo e, comunque, tutta la documentazione condominiale, non può e non deve fare alcuna distinzione tra proprietari (che sarebbero i condòmini) e gli ospiti dei condòmini e, per essere ancora più precisi, neanche fra gli inquilini (anche se in questo post non si parla di inquilini ma soltanto di supposizioni pretestuose di fossil), l'amministratore si occupa soltanto delle parti comuni del Condominio e deve rendere conto SOLTANTO ai condòmini che sono i suoi datori di lavoro, non si deve occupare di chi porto a cena a casa mia......capito efisio?

Questo, ovviamente, non è che lo dico io, lo dice la legge, che basta consultare.

 

Se, poi, mi parli di deleghe per intervenire in assemblea allora sono d'accordo con te, tanto è vero che a tal proposito mi sono già espressa nel mio primo intervento

 

Per carità, ognuno può scrivere quello che vuole però, diamine, non bisogna far credere a chi pone domande o ipotesi cose o leggi che non esistono.

Quello che hai scritto te non esiste.

Senza polemiche eh.....è soltanto per precisare.

Ciao

No, guarda, quello che hai capito te non esiste. O meglio, quello che hai voluto capire, invece di dubitare di te stesso e rileggere un'altra volta. Ecco, la prossima volta, rileggi ulteriormente prima di imputare inesattezze al prossimo.

 

La prima frase del primo post chiarisce l'intento "Chiedere all'amm.re come risulti la posizione dell'immobile sull'anagrafe condominiale."

 

Qual'è il problema? Non si può fare o ti rode si possa fare?

 

L'amico Fossil ne ha tutto il diritto, lo dice il codice. Chissà, magari ha anche pagato qualche soldino extra per la compilazione dell'anagrafe. E l'amm.re aveva anche il dovere (sempre da codice), di specificare orari e luogo per visionare il registro.

 

E se non l'avesse fatto, intanto cominciamo a mettere le cose in regola. Tutto il resto che hai scritto sul chi viene a cena etc. è inutile e frutto della tua interpretazione fuorviata. Tieni sempre presente la prima frase. L'appartamento risulta o no occupato dal proprietario, oppure locato? Fossil ha diritto di saperlo e quello che ci farà è affar suo.

 

Sulla suddivisione delle spese, è storia nota, ma in molti continuano a far comparire in bilancio la ripartizione tra inquilino e proprietario. Difficile che al proprietario possa essere scappata, ma chi può dirlo?

No, guarda, quello che hai capito te non esiste. O meglio, quello che hai voluto capire, invece di dubitare di te stesso e rileggere un'altra volta. Ecco, la prossima volta, rileggi ulteriormente prima di imputare inesattezze al prossimo.

 

La prima frase del primo post chiarisce l'intento "Chiedere all'amm.re come risulti la posizione dell'immobile sull'anagrafe condominiale."

 

Qual'è il problema? Non si può fare o ti rode si possa fare?

 

L'amico Fossil ne ha tutto il diritto, lo dice il codice. Chissà, magari ha anche pagato qualche soldino extra per la compilazione dell'anagrafe. E l'amm.re aveva anche il dovere (sempre da codice), di specificare orari e luogo per visionare il registro.

 

E se non l'avesse fatto, intanto cominciamo a mettere le cose in regola. Tutto il resto che hai scritto sul chi viene a cena etc. è inutile e frutto della tua interpretazione fuorviata. Tieni sempre presente la prima frase. L'appartamento risulta o no occupato dal proprietario, oppure locato? Fossil ha diritto di saperlo e quello che ci farà è affar suo.

 

Sulla suddivisione delle spese, è storia nota, ma in molti continuano a far comparire in bilancio la ripartizione tra inquilino e proprietario. Difficile che al proprietario possa essere scappata, ma chi può dirlo?

Ciao, efisio a me non rode nulla.

Sulla anagrafe condominiale ho scritto questo:

 

"L'anagrafe condominiale può senz'altro essere consultata da qualsiasi condòmino e fin qui ci siamo ma se, ad..."

 

Quindi, come puoi leggere, non ho scritto che non sia un suo diritto consultarla.

Su tutto il resto e, soprattutto, su chi metto dentro casa mia, quali ospiti, quali amici ecc......non sono tenuta a farlo sapere né ai condòmini, né tanto meno all'amministratore.

Se, invece, concedo in locazione il mio appartamento allora e solo allora, fornirò il nome della persona a cui ho locato l'appartamento.

 

Questo è ciò che impone la legge.

 

Sul bilancio, nessun amministratore deve avere rapporti con gli inquilini, tranne se espressamente delegato dal condòmino, non c'è nessuna storia nota, qualunque storia, su ciò, è un errore, tanto è vero che se devi fare un d.i. lo fai al condòmino e non all'inquilino, non so se lo sai però ti assicuro che è così .

Per il resto, già te l'ho scritto, ognuno di noi puoi dire ciò che vuole, nell'ambito legale però, non su cose immaginarie.

Un'altra cosa, non ti arrabbiare, io non voglio questionare o polemizzare con nessuno, ho solo scritto che hai riportato notizie non corrispondenti alla legge, tutto qui.

Se ti arrabbi rischieresti di fare due fatiche.......

Ciao efisio.

Ma ancora insisti?

Me le specifichi, per favore, quali sarebbero queste "notizie non corrispondenti alla legge"?

 

Grazie.

Ma ancora insisti?

Me le specifichi, per favore, quali sarebbero queste "notizie non corrispondenti alla legge"?

 

Grazie.

Ma guarda io non è che insisto così tanto per dire, io sto dicendo che un amministratore può pretendere di sapere chi occupa l'appartamento interno x in quanto l'art. 1130 c.c. comma 1 n° 7 prevede che egli debba istituire una anagrafe condominiale.

Il condòmino, ossia il proprietario dell'appartamento deve comunicare se lo abita lui oppure se lo ha concesso in locazione, oppure ancora chiunque abbia un titolo per occupare l'appartamento per esempio l'usufruttuario.

Inoltre, sempre il condòmino, deve fornire, sommariamente (e sottolineo sommariamente poi se vuoi ti spiego pure il perché in quanto adesso non è oggetto di discussione)), alcuni certificati degli impianti inerenti l'appartamento all'amministratore per completare la sua anagrafe.

 

Se un condòmino qualsiasi volesse sapere se l'appartamento interno x sia occupato o meno, può farlo consultando l'anagrafe in questione (già te l'ho scritto), poniamo il caso che sia il mio questo appartamento x, l'amministratore saprà che lo occupo io, in quanto condòmino, di conseguenza, il condòmino efisio (esempio) o il condòmino fossil vengono a conoscenza che lo occupa la signora brico, proprio perché glielo ha detto l'amministratore e perché lo hanno letto.

 

Se la signora brico, (sempre per fare un esempio) va a Milano per 1/3/4/ anni o va a Palermo per 2/5/7 anni, fai te tanto è uguale, e lascia dentro il suo l'appartamento pinco pallino, tizio, caio e sempronio perché sono suoi parenti e/o perché sono suoi amici, non deve dirlo a nessuno, non è tenuta a farlo per i seguenti 4 motivi:

 

1° perché non lo dice nessuna legge

2° perché dove vado io non deve importare a nessuno

3° perché, comunque, anche se a distanza continuo ad adempiere ai miei doveri di condòmino, pagando io, tutto ciò che devo pagare, quindi essendo perfettamente in regola nei confronti del Condominio.

4° perché, come ti dicevo prima citando l'articolo del Codice Civile a riguardo, non avendo locato il mio appartamento non ho l'obbligo di fornire i dati anagrafici dell'inquilino all'amministratore.

 

Questo è ciò che mi può permettere la legge attualmente vigente nel territorio italiano, poi, se domani mattina cambia e venisse varata una legge come asserisci te, naturalmente, sarà mio dovere adeguarmi.

 

Inoltre, torno a ripeterti (questo più che mai è soltanto una sfumatura tecnica), l'amministratore ha doveri solo esclusivamente nei confronti dei condòmini.

Può averli con altri soggetti se espressamente delegato dal condòmino stesso per esempio, amici, parenti, avvocati, comodatari, usufruttuari, inquilini.

 

Inoltre ti ricordo, giusto per far capire a fossil che è colui che ha iniziato questa discussione, che se qualche condòmino insinuasse all'amministratore o a qualche altro condòmino o in assemblea o anche che faccia un esposto o una denuncia che, io brico o chiunque altro, in questo tipo di casi (sto facendo semplicemente degli esempi) possa aver posto in essere una locazione mascherata e/o che potessero esserci transito di soldi in nero tra me e pinco pallino, non farei altro che sporgere querela nei suoi confronti per calunnia e diffamazione.

Infatti, voglio vedere, in sede di giudizio dove verrebbe trascinato questo "chiacchierone", come, dove e quando ci sarebbe l'evasione fiscale, l'affitto in nero o quant'altro.

Esso non potrà dimostrarlo, per il semplice motivo che non è vero e che si trattava soltanto di calunnie in quanto, io, avevo semplicemente ospitato dei miei parenti e/o amici dentro la mia casa.

A questo punto, sta pur certo, che il "chiacchierone" verrebbe condannato.

 

Questi esempi riportati sono soltanto una dimostrazione di ciò che potrebbe succedere se si agisce come hai scritto te o come pensava il nostro amico fossil.

 

Sono stata chiara nello spiegarti il perché le tue notizie non corrispondono a ciò che, invece, dice la legge?

La mia non è una polemica, avevo soltanto fornito una risposta a fossil se, poi, qualcuno dice una cosa inesatta, come è stato il tuo caso, io lo dico, poi, ripeto se si vuole rimanere sulle proprie convinzioni liberi di farlo a me non importa nulla, è un forum, ottimo, dove si imparano tante cose e dove esprime i propri concetti.

Ciao efisio

Ma guarda io non è che insisto così tanto per dire, io sto dicendo che un amministratore può pretendere di sapere chi occupa l'appartamento interno x in quanto l'art. 1130 c.c. comma 1 n° 7 prevede che egli debba istituire una anagrafe condominiale.

Il condòmino, ossia il proprietario dell'appartamento deve comunicare se lo abita lui oppure se lo ha concesso in locazione, oppure ancora chiunque abbia un titolo per occupare l'appartamento per esempio l'usufruttuario.

Inoltre, sempre il condòmino, deve fornire, sommariamente (e sottolineo sommariamente poi se vuoi ti spiego pure il perché in quanto adesso non è oggetto di discussione)), alcuni certificati degli impianti inerenti l'appartamento all'amministratore per completare la sua anagrafe.

 

Se un condòmino qualsiasi volesse sapere se l'appartamento interno x sia occupato o meno, può farlo consultando l'anagrafe in questione (già te l'ho scritto), poniamo il caso che sia il mio questo appartamento x, l'amministratore saprà che lo occupo io, in quanto condòmino, di conseguenza, il condòmino efisio (esempio) o il condòmino fossil vengono a conoscenza che lo occupa la signora brico, proprio perché glielo ha detto l'amministratore e perché lo hanno letto.

 

Se la signora brico, (sempre per fare un esempio) va a Milano per 1/3/4/ anni o va a Palermo per 2/5/7 anni, fai te tanto è uguale, e lascia dentro il suo l'appartamento pinco pallino, tizio, caio e sempronio perché sono suoi parenti e/o perché sono suoi amici, non deve dirlo a nessuno, non è tenuta a farlo per i seguenti 4 motivi:

 

1° perché non lo dice nessuna legge

2° perché dove vado io non deve importare a nessuno

3° perché, comunque, anche se a distanza continuo ad adempiere ai miei doveri di condòmino, pagando io, tutto ciò che devo pagare, quindi essendo perfettamente in regola nei confronti del Condominio.

4° perché, come ti dicevo prima citando l'articolo del Codice Civile a riguardo, non avendo locato il mio appartamento non ho l'obbligo di fornire i dati anagrafici dell'inquilino all'amministratore.

 

Questo è ciò che mi può permettere la legge attualmente vigente nel territorio italiano, poi, se domani mattina cambia e venisse varata una legge come asserisci te, naturalmente, sarà mio dovere adeguarmi.

 

Inoltre, torno a ripeterti (questo più che mai è soltanto una sfumatura tecnica), l'amministratore ha doveri solo esclusivamente nei confronti dei condòmini.

Può averli con altri soggetti se espressamente delegato dal condòmino stesso per esempio, amici, parenti, avvocati, comodatari, usufruttuari, inquilini.

 

Inoltre ti ricordo, giusto per far capire a fossil che è colui che ha iniziato questa discussione, che se qualche condòmino insinuasse all'amministratore o a qualche altro condòmino o in assemblea o anche che faccia un esposto o una denuncia che, io brico o chiunque altro, in questo tipo di casi (sto facendo semplicemente degli esempi) possa aver posto in essere una locazione mascherata e/o che potessero esserci transito di soldi in nero tra me e pinco pallino, non farei altro che sporgere querela nei suoi confronti per calunnia e diffamazione.

Infatti, voglio vedere, in sede di giudizio dove verrebbe trascinato questo "chiacchierone", come, dove e quando ci sarebbe l'evasione fiscale, l'affitto in nero o quant'altro.

Esso non potrà dimostrarlo, per il semplice motivo che non è vero e che si trattava soltanto di calunnie in quanto, io, avevo semplicemente ospitato dei miei parenti e/o amici dentro la mia casa.

A questo punto, sta pur certo, che il "chiacchierone" verrebbe condannato.

 

Questi esempi riportati sono soltanto una dimostrazione di ciò che potrebbe succedere se si agisce come hai scritto te o come pensava il nostro amico fossil.

 

Sono stata chiara nello spiegarti il perché le tue notizie non corrispondono a ciò che, invece, dice la legge?

La mia non è una polemica, avevo soltanto fornito una risposta a fossil se, poi, qualcuno dice una cosa inesatta, come è stato il tuo caso, io lo dico, poi, ripeto se si vuole rimanere sulle proprie convinzioni liberi di farlo a me non importa nulla, è un forum, ottimo, dove si imparano tante cose e dove esprime i propri concetti.

Ciao efisio

No nel tuo panegirico farcito di sfondoni, non sei stata chiara per niente.

Te lo richiedo cortesemente: mi citi per favore cosa ho scritto di contrario alla legge e in quale post?

Tra l'altro citi le scorrettezze degli altri, scrivi di calunnia e diffamazione, ma di tuo scrivi "..potrebbe succedere se si agisce come hai scritto te..". E dimmelo dove e cosa ho scritto, no? Come mai in un post XL non lo fai?

 

Chissà, perchè magari non trovi proprio nulla, dato che ho solo scritto che l'AC deve essere compilata e Fossil ha diritto di visionarla. Stop. Tutto il resto che ci hai messo tu è fuffa a rabbercio della gran cantonata che hai preso.

 

In merito ai tuoi sfondoni, ti faccio presente che differentemente da quanto hai scritto sopra ("alcuni certificati degli impianti inerenti l'appartamento all'amministratore per completare la sua anagrafe."), ciò è stato modificato dal decreto Destinazione Italia (G. Uff. 21.02.2014), e ora, i famosi "alcuni certificati" sono riferiti alle parti comuni.

 

Prima di fare le pulci al prossimo aggiornati che ci fai una figura migliore.

Intanto, potresti chiedere all'amm.re come risulti la posizione dell'immobile sull'anagrafe condominiale. Ovvero se risulti locato o no.

 

Poi, controlla sul bilancio consuntivo se le spese risultanti per quell'immobile siano sdoppiate, ovvero ripartite su proprietario e "ospite".

.

Questo sopra lo hai scritto te, avallando ciò che erroneamente aveva scritto fossil.

A seguito di ciò io ti ho scritto il resto.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Qual'è il problema? Non si può fare o ti rode si possa fare?

 

L'amico Fossil ne ha tutto il diritto, lo dice il codice. Chissà, magari ha anche pagato qualche soldino extra per la compilazione dell'anagrafe. E l'amm.re aveva anche il dovere (sempre da codice), di specificare orari e luogo per visionare il registro.

 

E se non l'avesse fatto, intanto cominciamo a mettere le cose in regola. Tutto il resto che hai scritto sul chi viene a cena etc. è inutile e frutto della tua interpretazione fuorviata. Tieni sempre presente la prima frase. L'appartamento risulta o no occupato dal proprietario, oppure locato? Fossil ha diritto di saperlo e quello che ci farà è affar suo.

 

Sulla suddivisione delle spese, è storia nota, ma in molti continuano a far comparire in bilancio la ripartizione tra inquilino e proprietario. Difficile che al proprietario possa essere scappata, ma chi può dirlo?

Anche questo hai scritto te .......

Per questo ti ho scritto che non è così!

 

Ma poi scusami ma perché ti arrabbi ma che ti ho fatto?

Ciao

 

- - - Aggiornato - - -

 

In merito ai tuoi sfondoni, ti faccio presente che differentemente da quanto hai scritto sopra ("alcuni certificati degli impianti inerenti l'appartamento all'amministratore per completare la sua anagrafe."), ciò è stato modificato dal decreto Destinazione Italia (G. Uff. 21.02.2014), e ora, i famosi "alcuni certificati" sono riferiti alle parti comuni.

 

Prima di fare le pulci al prossimo aggiornati che ci fai una figura migliore.

Che poi.......era quello che ti volevo dire quando l'ho messo tra perentesi, ricordi?

Però è positivo che tu lo sappia.

Ciao e non ti arrabbiare...............!!!!!

Su con la vita........!!!!!!1

E chi s'arrabbia, anzi chi si rigira le cose mi diverte.

Non vedo la non conformità alla legge.

 

Nuvoletta n.1: parla di visionare l'AC. Dov'è il problema?

 

N. 2: c.s.

 

N. 3: nun ce provà.

 

Siccome la tecnica del disco rotto la conosco meglio di te e mi sembra diventato come sparare sulla Croce Rossa, ti saluto.

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×