Vai al contenuto
SandroF

Ordine del giorno assemblea - altri argomenti richiesti dai condomini ?

Può essere inserito nella convocazione assembleare un odg rubricato:" Altri argomenti richiesti dai condomini"? Nel caso e non conoscendone i contenuti si può procedere ad una eventuale votazione sulle questioni in esso punto affrontate (senza l'unanimità dei presenti)?

 

Se tra i punti all'odg ci sono anche l'approvazione del bilancio consuntivo e del preventivo l'amministratore non dovrebbe inviare i documenti prima della seduta? Può un condomino votare contro per questo motivo?

Grazie

In assemblea altri argomenti non presenti all'OdG è possibile discutere sempre nelle "varie ed eventuali", ma deliberare è possibile solamente se ci sono tutti i condomini presenti e favorevoli, perchè è necessario che l'argomento da trattare sia a conoscenza dei condomini, in caso si voti e si deliberi ugualmente, la decisione sarebbe annullabile su ricorso da parte di qualunque condomino ne abbia l'interesse.

 

L'amministratore non ha l'obbligo di inviare tutte le pezze giustificative ai condomini prima dell'assemblea se c'è all'OdG "approvazione bilancio consuntivo", l'importante è che i documenti siano presenti in aula per eventuali controlli, per il resto ogni condomino può controllare le documentazioni in qualsiasi periodo dell'anno, e meglio ancora qualche giorno prima dell'assemblea

Scusa mi sono espresso male, ha prescindere dalle pezze di appoggio del consuntivo, nel caso di approvazione del bilancio preventivo, lo schema di bilancio se non viene inviato (almeno in allegato o alla convocazione) come fa un condomino a valutarlo e fare eventuali osservazioni? durante la seduta il tempo potrebbe non essere sufficiente e il condomino potrebbe non avere adeguati strumenti di valutazione.

Mi sbaglio?

Oltretutto l'amministratore non ha inserito il punto varie ed eventuali ma "Altri argomenti richiesti dai condomini"

1) nelle varie ed eventuali non può essere deliberato nulla.

2) i punti all'odg devono essere concisi , ma esaurienti della problematica da discutere

3) Sarebbe opportuno inviare i bilanci e ripartizioni in contemporanea alla convocazione, ma non esiste nessun obbligo in tal senso, chiaramente qualora nono sia fatto e la documentaizone arrivi direttamente in assemblea, i condomini hanno tutto il diritto di non approvare il bilancio nella stessa seduta.

Oltretutto l'amministratore non ha inserito il punto varie ed eventuali ma "Altri argomenti richiesti dai condomini"

questa dicitura, secondo me, è una variante creativa di "varie ed eventuali".

si può discutere di qualsiasi cosa, ma non si può deliberare nulla di specifico poichè l'argomento oggetto di delibera eventuale non è stato reso edotto chiaramente ai condomini.

Scusa mi sono espresso male, ha prescindere dalle pezze di appoggio del consuntivo, nel caso di approvazione del bilancio preventivo, lo schema di bilancio se non viene inviato (almeno in allegato o alla convocazione) come fa un condomino a valutarlo e fare eventuali osservazioni? durante la seduta il tempo potrebbe non essere sufficiente e il condomino potrebbe non avere adeguati strumenti di valutazione.

Mi sbaglio?

Normalmente il bilancio di previsione del preventivo viene approvato sulla base del consuntivo, magari aumentato di una certa percentuale, per cui non è necessario inviare una dettagliata previsione;

 

In tema di condominio degli edifici, la validità dell’approvazione da parte dell’assemblea dei condomini del rendiconto di un determinato esercizio e del bilancio preventivo dell’esercizio successivo non postula che la relativa contabilità sia tenuta dall’amministratore con rigorose forme analoghe a quelle previste per il bilancio delle società, essendo invece sufficiente che essa sia idonea a rendere intelligibile ai condomini le voci di entrata e di uscita, con le quote di ripartizione; né si richiede che queste voci siano trascritte nel verbale assembleare, ovvero siano oggetto di analogo dibattito ed esame alla stregua della documentazione giustificativa, in quanto rientra nei poteri dell’organo deliberativo la facoltà di procedere sinteticamente all’approvazione stessa, prestando fede ai dati forniti dall’amministratore. Sono, pertanto valide le deliberazioni assembleari con le quali si stabilisce che il bilancio preventivo per il nuovo esercizio sia conforme al preventivo o al consuntivo dell’esercizio precedente, eventualmente aumentato di una certa percentuale, in tal modo risultando determinate, per riferimento alle spese dell’anno precedente, sia la somma complessivamente stanziata, sia quella destinata alle singole voci, mentre la ripartizione fra i singoli condomini deriva automaticamente dall’applicazione delle tabelle millesimali. (Cassazione Civile, sez. II, 25 maggio 1984 n° 3231)

Oltretutto l'amministratore non ha inserito il punto varie ed eventuali ma "Altri argomenti richiesti dai condomini"
Devo dire che il vostro amministratore ha molta fantasia, ovvero ha trovato un'altro modo per chiamare le "varie ed eventuali" chiamandole "Altri argomenti richiesti dai condomini", comunque quanto detto prima vale ugualmente, nel punto "Altri argomenti richiesti dai condomini" se non specificatamente spiegato nel avviso d'assemblea e previsto all'OdG, non si può deliberare e sarebbe una delibera annullabile;

 

E' nulla (oggi annullabile) la delibera relativa ad argomenti assunti sotto la voce «varie ed eventuali» dell'ordine del giorno indicato nell'avviso di convocazione.

Tale formula, infatti, stante la sua genericità ed insignifìcanza, non è idonea a conseguire l'obbiettivo della preventiva informazione dei condomini richiesta ex art. 1105 c.c. per la validità delle deliberazioni assunte dalla maggioranza.

La formula « varie ed eventuali » che nella prassi si usa inserire come ultimo argomento dell' ordine del giorno, inoltre, è di regola riservato a mere «comunicazioni» che in assemblea intende fare l'amministratore o qualche condomino su argomenti di ordinaria amministrazione e non prelude ad alcuna deliberazione la quale, al massimo, può essere rinviata ad seduta, previa idonea informazione del suo oggetto. (Tribunale di Napoli, 11 luglio 2002, n. 11201)

Nel caso all'ordine del giorno ci sia questo punto: "Richiesto da condomino: Questioni afferenti ....." l'assemblea deve votare (approvare/non approvare) quanto rappresentato dal condomino richiedente o può decidere (anche non all'unanimità) di votare qualcosa di diverso da quanto richiesto dal condomino ma frutto della discussione dell'odg proposto dal condomino?

 

Grazie

Nel caso all'ordine del giorno ci sia questo punto: "Richiesto da condomino: Questioni afferenti ....." l'assemblea deve votare (approvare/non approvare) quanto rappresentato dal condomino richiedente o può decidere (anche non all'unanimità) di votare qualcosa di diverso da quanto richiesto dal condomino ma frutto della discussione dell'odg proposto dal condomino?

 

Grazie

Se questo argomento è inserito nell'avviso giunto ai condomini almeno 5 giorni prima della data della 1° convocazione, si può discutere e deliberare, se invece questo argomento viene esposto durante l'assemblea, si può discutere ma non deliberare, fatto salvo tutti i condomini dello stabile siano presenti (difficilissimo) e si decida di discutere e approvare.
Nel caso all'ordine del giorno ci sia questo punto: "Richiesto da condomino: Questioni afferenti ....." l'assemblea deve votare (approvare/non approvare) quanto rappresentato dal condomino richiedente o può decidere (anche non all'unanimità) di votare qualcosa di diverso da quanto richiesto dal condomino ma frutto della discussione dell'odg proposto dal condomino?

 

Grazie

si può deliberare su quanto chiaramente afferente a ciò che è scritto sull'odg.

se l'argomento (in seguito alla discussione diventa diverso da quanto scritto) si può decidere di far mettere al prossimo ordine del giorno (con magari richiesta di assemblea straordinaria se cosa urgente) quel diverso argomento su cui è scivolata la discussione.

Entro quali termini si può impugnare la delibera se affetta dal vizio dell'annullabilità?

Entro quali termini si può impugnare la delibera se affetta dal vizio dell'annullabilità?

c'è differenza tra delibera annullabile e nulla.

se annullabile l'impugnazione deve essere fatta entro 30 giorni dalla data dell'assemblea per i presenti o contrari, ed entro 30 giorni dal ricevimento del verbale per gli assenti.

se nulla, non ci sono limiti temporali.

 

http://www.altalex.com/documents/news/2014/12/03/condominio-negli-edifici-nullita-ed-annullabilita-delle-delibere-assembleari

 

×