Vai al contenuto
machinun

Obblighi fiscali amministratore

Buongiorno,

sono da poco amministratore interno (io sono un condomino) di un piccolo condominio di 5 unità abitative.

Non percepisco alcun compenso.

Da quel che so, avremmo anche potuto non nominare un amministratore, ma la banca richiedeva la nomina per l'apertura del conto corrente condominiale.

Il c/c condominiale è stato aperto per la domiciliazione delle utenze comuni (acqua e luce) e per poter ricevere la liquidazione da parte di un assicurazione per un sinistro avvenuto a nostro danno.

 

Le spese pagate quest'anno dal nostro condominio sono le seguenti:

1) utenze comuni (acqua e gas);

2) polizza assicurativa sul fabbricato;

3) spese bancarie per la gestione del c/c condominiale (canone e imposta di bollo);

4) quest'anno abbiamo pagato una fattura ad un'impresa di costruzione per la ricostruzione di un muretto danneggiato da un camion in manovra. Noi abbiamo anticipato l'importo e l'assicurazione della controparte ci ha risarcito completamente.

 

Volevo sapere se in quanto amministratore ho degli obblighi fiscali, come dichiarazioni da fare all'anagrafe tributaria o all'agenzia delle entrate.

Ringrazio in anticipo per i chiarimenti.

Sei amministratore con tutti i crismi...ne consegue che devi svolgere gli adempimenti fiscali.

 

Se le spese sono del 2014...il prossimo anno avrai il 770 e il quadro AC...se non erro dovevi pagare la RA sulla riparazione.

Sei amministratore con tutti i crismi...ne consegue che devi svolgere gli adempimenti fiscali.

 

Se le spese sono del 2014...il prossimo anno avrai il 770 e il quadro AC...se non erro dovevi pagare la RA sulla riparazione.

Esatto avresti dovuto pagare la RA sulla fattura di riparazione entro il 16 del mese successivo al pagamento........

Vi ringrazii per le informazioni.

RA vuol dire ritenuta di acconto?

Per quella fattura abbiamo pagato imponibile + IVA, è corretto?

No dovevate pagare Imponibile + IVA - Ritenuta d'acconto che andava pagata tramite f24.........

Vi ringrazio molto per le risposte.

Quindi è stato fatto un errore.

L'impresa che ha effettuato il lavoro ha emesso fattura con imponibile e la sola iva al 10%.

Noi abbiamo fatto un bonifico dell'importo totale della fattura (imponibile più iva).

Ora, come è possibile rimediare all'errore?

La fattura emessa in quel modo era corretta?

In caso negativo, come avrebbe dovuto emettere la fattura l'impresa per un imponibile pari ad esempio a 100?

Grazie

La ditta non è obbligata a evdenziare in fattura la R.A.....ma spettava a voi considerarla.

 

Esiste il ravvedimento con penali...ma non sono avendolo mai fatto è meglio che chiedi lumi a Dolores od a Patrizia Ferrari.

 

Se fai una ricerca dovresti pure trovare vecchie discussioni dove si spiegava se, come, quanto e quando.

Grazie, faccio subito una ricerca sul forum.

Quindi la fattura così strutturata è corretta.

E' corretta anche l'aliquota iva del 10% indicata dall'impresa che ha svolto i lavori?

 

Da quello che mi dite quindi dovrei fare un F24 del 4% dell'imponibile con codice tributo 1020 (visto che è una società) più le penali per il ritardato pagamento, giusto?

Grazie. Tutto si sta chiarendo nella mia ignoranza in materia.

Solo un ultimo chiarimento con un esempio pratico.

 

Mettiamo che l'imponibile di una fattura al condominio per lavori edili sia di €1000.

In questo caso l'IVA al 10% sarebbe di €100.

 

In questo caso la fattura del fornitore dovrebbe essere:

 

Imponibile €1000

IVA 10% €100

------------------------

Totale €1100

R.A. 4% -€40

------------------------

Netto da pagare €1060

 

E' giusto? In questo caso il condominio pagherebbe €1060 al fornitore e €40 di ritenuta di acconto. Totale €1100.

 

Ma nel caso, anch'esso corretto, in cui il fornitore emetta fattura in questo modo:

 

Imponibile €1000

IVA 10% €100

------------------------

Totale €1100

 

quindi omettendo la ritenuta di acconto, il condominio quanto avrebbe dovuto pagare al fornitore? Sempre €1060 oppure il totale di €1100?

 

Ti chiedo questo perchè noi abbiamo già pagato al fornitore l'importo totale (per intenderci, in questo esempio €1100).

...con codice tributo 1020 (visto che è una società) più le penali per il ritardato pagamento, giusto?

Il codice tributo per le società dipende dal tipo di società:

1020 per le società di capitale (S.p.A., S.r.l., S.r.l.s...)

1019 per le società di persone (S.n.c, S.a.S...)

 

Per quanto riguarda la ritenuta d'acconto dovrai pagare:

RITENUTA 4% + INTERESSI + SANZIONE

La ritenuta del 4% sull'imponibile + gli interessi dovrai sommarli tra loro in unico importo da indicare con codice 1019 o 1020 (dipende dal tipo di società).

La sanzione (entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno d’imposta), calcolando i giorni dal 16 del mese successivo a quello dell'effettivo pagamento del ravvedimento, dovrai indicarla sull'F24 con codice 8906.

 

Puoi calcolare sanzione ed interessi online inserendo al link qui di seguito l'imponibile nella sezione "importo da regolarizzare" scegliendo come codice tributo "altro codice tributo".

 

http://www.normeetributi.it/ravvedimento/ravvedimento.htm

 

Se hai altri dubbi ti conviene aprire una nuova discussione nella sezione fiscale dove l'esperta fiscalista del forum potrà fornirti ulteriori dettagli.

No il fornitore dovrebbe sapere che ai condomini si applica la ritenuta d'acconto per le prossime volte ricordaglielo.........il codice tributo è 1020 se la società è un SRL, se è sas o snc è 1019.........per quanto concerne il ravvedimento da calcolare ed il codice da applicare per le sanzioni, come arrivo in ufficio ti mando il link di un sito che uso in questi casi

Grazie. Tutto si sta chiarendo nella mia ignoranza in materia.

Solo un ultimo chiarimento con un esempio pratico.

 

Mettiamo che l'imponibile di una fattura al condominio per lavori edili sia di €1000.

In questo caso l'IVA al 10% sarebbe di €100.

 

In questo caso la fattura del fornitore dovrebbe essere:

 

Imponibile €1000

IVA 10% €100

------------------------

Totale €1100

R.A. 4% -€40

------------------------

Netto da pagare €1060

 

E' giusto? In questo caso il condominio pagherebbe €1060 al fornitore e €40 di ritenuta di acconto. Totale €1100.

 

Ma nel caso, anch'esso corretto, in cui il fornitore emetta fattura in questo modo:

 

Imponibile €1000

IVA 10% €100

------------------------

Totale €1100

 

quindi omettendo la ritenuta di acconto, il condominio quanto avrebbe dovuto pagare al fornitore? Sempre €1060 oppure il totale di €1100?

 

Ti chiedo questo perchè noi abbiamo già pagato al fornitore l'importo totale (per intenderci, in questo esempio €1100).

Forse il fornitore neanche sapeva che ai condominii si applica la ritenuta d'acconto.

Il fornitore dovrebbe restituirti 40 euro che tu hai versato per suo conto sulle SUE tasse.

Se il fornitore non capisce questo meccanismo resta comunque tuo dovere operare la ritenuta perchè l'onere di trattenere e versare la ritenuta spettava a te e non al fornitore.

Corretta integrazione di Wild Bill...avevo omesso di specificare il tipo di società....e mi pare corretto anche il "calcolo".

Puoi calcolare sanzione ed interessi online inserendo al link qui di seguito l'imponibile nella sezione "importo da regolarizzare" scegliendo come codice tributo "altro codice tributo".

 

http://www.normeetributi.it/ravvedimento/ravvedimento.htm

 

Se hai altri dubbi ti conviene aprire una nuova discussione nella sezione fiscale dove l'esperta fiscalista del forum potrà fornirti ulteriori dettagli.

Vi ringrazio entrambi.

Mi rendo conto che sarebbe meglio discutere di questo argomento nella sezione fiscale, ma non saprei come spostare la discussione.

 

Per quanto riguarda il sito per il calcolo indicato, nella sezione importo da regolarizzare bisogna inserire davvero l'imponibile come Leonardo (alias Wild Bill Hickok) ha indicato o è stato un errore? perchè inserendo l'imponibile, nell' esempio €1000 il risultato è il seguente:

 

Importo da regolarizzare 1.000,00

Scadenza originaria 16/7/2014

Data regolarizzazione 28/7/2014

Giorni 12

Interessi 0,33

Sanzione 2,4% -

Totale tributo 1.000,00 Cod. tributo Altr

Totale interessi 0,33 Cod. tributo altro

Sanzione da versare 24,00 Cod. tributo tro

------------------------------------------

Totale Ravvedimento 1.024,33

 

Quindi cliccando (sempre nel sito indicato) sul bottone "Help compilazione delega" viene compilato il modello F24 con un totale da pagare di €1.024,33.

 

Io pensavo che nel campo "importo da regolarizzare" andasse indicata la ritenuta di acconto non versata, quindi nel caso dell'esempio €40:

Importo da regolarizzare 40,00

Scadenza originaria 16/7/2014

Data regolarizzazione 28/7/2014

Giorni 12

Interessi 0,01

Sanzione 2,4% -

Totale tributo 40,00 Cod. tributo Altr

Totale interessi 0,01 Cod. tributo altro

Sanzione da versare 0,96 Cod. tributo tro

----------------------------------------

Totale Ravvedimento 40,97

 

Che mi sembra un importo più ragionevole.

Cosa va quindi indicato nel campo "Importo da regolarizzare"?

Certo che tenere l'amministrazione non sapendo quelle 5/6 regole basi e' da folli. Solo immagino per risparmiare quei 100/150 euro annui che chiederebbe un collega preparato. IO non mi metto a fare il Dottore o Avvocato se non imparo ed esercito la professione a menadito. Povera Italia...sempre peggio....

Vi ringrazio entrambi.

Mi rendo conto che sarebbe meglio discutere di questo argomento nella sezione fiscale, ma non saprei come spostare la discussione.

 

Per quanto riguarda il sito per il calcolo indicato, nella sezione importo da regolarizzare bisogna inserire davvero l'imponibile come Leonardo (alias Wild Bill Hickok) ha indicato o è stato un errore? perchè inserendo l'imponibile, nell' esempio €1000 il risultato è il seguente:

 

Importo da regolarizzare 1.000,00

Scadenza originaria 16/7/2014

Data regolarizzazione 28/7/2014

Giorni 12

Interessi 0,33

Sanzione 2,4% -

Totale tributo 1.000,00 Cod. tributo Altr

Totale interessi 0,33 Cod. tributo altro

Sanzione da versare 24,00 Cod. tributo tro

------------------------------------------

Totale Ravvedimento 1.024,33

 

Quindi cliccando (sempre nel sito indicato) sul bottone "Help compilazione delega" viene compilato il modello F24 con un totale da pagare di €1.024,33.

 

Io pensavo che nel campo "importo da regolarizzare" andasse indicata la ritenuta di acconto non versata, quindi nel caso dell'esempio €40:

Importo da regolarizzare 40,00

Scadenza originaria 16/7/2014

Data regolarizzazione 28/7/2014

Giorni 12

Interessi 0,01

Sanzione 2,4% -

Totale tributo 40,00 Cod. tributo Altr

Totale interessi 0,01 Cod. tributo altro

Sanzione da versare 0,96 Cod. tributo tro

----------------------------------------

Totale Ravvedimento 40,97

 

Che mi sembra un importo più ragionevole.

Cosa va quindi indicato nel campo "Importo da regolarizzare"?

 

Scusami machinun ma leonardo ha detto La ritenuta del 4% sull'imponibile + gli interessi dovrai sommarli tra loro in unico importo da indicare con codice 1019 o 1020 (dipende dal tipo di società).

Quindi non ha parlato d'imponibile ma di ritenuta su imponibile ossia € 1000,00/100*4= € 40,00.......quindi sì come detto da leonardo il calcolo si fa su € 40,00 ed il codice da utilizzare come sanzione è 8906......

Ti semplifico la cosa:

 

€ 40,01 li versi con il codice tributo 1020/1019 a seconda del caso

 

€ 0,96 li versi con codice tributo 8906

 

Capita di sbagliare non ti preoccupare questo è un forum dove si viene appunto a chiedere consigli 😉

Mea culpa!!!

Avevo erroneamente suggerito:

Puoi calcolare sanzione ed interessi online inserendo al link qui di seguito l'imponibile nella sezione "importo da regolarizzare"

Nella sezione "importo da regolarizzare", invece, andava indicato l'importo della ritenuta dovuta (il 4% dell'imponibile).

La velocità è andata a discapito della precisione

Certo che tenere l'amministrazione non sapendo quelle 5/6 regole basi e' da folli. Solo immagino per risparmiare quei 100/150 euro annui che chiederebbe un collega preparato. IO non mi metto a fare il Dottore o Avvocato se non imparo ed esercito la professione a menadito. Povera Italia...sempre peggio....

Condivisibile che bisogna conoscere prima di avventurarsi in campi "alieni"...ma chi è senza peccato scagli la pietra.

 

Direi che pure tu commetti più di un errore...in fin dei conti i 100/150 euro per un Amministratore li pagavano pro-capite (senza garanzia di trovare il professionista che non ripetesse identico errore)...invece mal che vada sborseranno 10 Euro a testa per sanare la posizione.

 

Direi che da 10 ad almeno 100...ci sia comunque un risparmio...tranne per Machinun che si "danna" a favore di altri con spirito da "martire".

Mea culpa!!!

Avevo erroneamente suggerito:

Puoi calcolare sanzione ed interessi online inserendo al link qui di seguito l'imponibile nella sezione "importo da regolarizzare"

Nella sezione "importo da regolarizzare", invece, andava indicato l'importo della ritenuta dovuta (il 4% dell'imponibile).

La velocità è andata a discapito della precisione 🙂

Mea culpa!!!

Avevo erroneamente suggerito:

Puoi calcolare sanzione ed interessi online inserendo al link qui di seguito l'imponibile nella sezione "importo da regolarizzare"

Nella sezione "importo da regolarizzare", invece, andava indicato l'importo della ritenuta dovuta (il 4% dell'imponibile).

La velocità è andata a discapito della precisione

×