Vai al contenuto
nillo

Nuovo amministratore - intraprendere la professione di amministratore se non ha il diploma come prescritto dalla ultima

una domanda che mi sorge, può una persona che ha eseguito un corso per amministrazione condominiali con relativo esame e attestato di idonetà, intraprendere la professione di amministratore se non ha il diploma come prescritto dalla ultima legge?

No non può, per effetto del punto f) dell'art 71 bis Dacc, infatti dice;

 

71-bis. Possono svolgere l’incarico di amministratore di condominio coloro:

f) che hanno conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado;

fatto salvo;

 

A quanti hanno svolto attività di amministrazione di condominio per almeno un anno nell’arco dei tre

anni precedenti alla data di entrata in vigore della presente disposizione, è consentito lo svolgimento

dell’attività di amministratore anche in mancanza dei requisiti di cui alle lettere f) e g) del primo

comma. Resta salvo l’obbligo di formazione periodica.

grazie Tuxx, lo immaginavo, anche se ha conseguito l'attestato prima dell'entrata in vigore delle disposizioni?

Se non ha esercitato l'attività per almeno tre anni, la norma è chiara, non può svolgere l'incarico se non ha conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado.

In compenso può essere amministratore del condominio dove è condomino, è sufficiente che l'assemblea lo nomini con le dovute maggioranze.

ancora una domanda? cosa può succedere se fa l'amministratore di altri condomini?

Qualsiasi condomino, nei condomini dove questo non potrebbe essere amministratore, potrebbe contestare il suo operato e ritengo che potrebbe chiedere la rimozione, prima all'assemblea poi al Giudice.

tante grazie per la risposta, come immaginavo, è che nel mio condominio un condòmino ha portato un'offerta di un amministratore di sua conoscenza di cui sopra

Se non ha esercitato l'attività per almeno tre anni, la norma è chiara, non può svolgere l'incarico se non ha conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado...

Arrata corrige 😂

buonasera, sono nuovo e mi scuso se scrivo in questa discussione anche se l'argomento non è appropriato, ho un problema: rappresento mia sorella in un condominio dove da + di un anno lotto per migliorare l'organizzazione di chi amministra in questo periodo ho riscontrato ripartizioni in tabelle che non esistono e addirittura spese non necessarie. Giorno 29 ottobre scorso in sede di assemblea l'amministrazione passa ad una società che si occupa di gestione condominiale, premetto che in seduta di assemblea con oltre 600 millesimi viene avviata una votazione dove risultano 300 millesimi alla società 200 millesimi al vecchio amministratore e 100 mill. astenuti. Si riporta in verbale testuali parole visto l'esito delle votazioni l'assemblea passa all'agenzia sopra citata. Oggi arriva in via informale una mail dove il presidente della riunione di giorno 29 ott 2013 impugna la delibera in data 15 nov.2013 . La mia domanda è questa può il presidente prima deliberare e poi impugnare la delibera? la società come deve comportarsi? Si può denunciare il presidente?

Non so per quale motivo il Presidente ha impugnato, ma se era astenuto oppure contrario è sua facoltà agire se ha rilevato un irregolarità per qualche delibera contraria alla legge oppure al regolamento di condominio, ma deve procedere come è previsto, ossia cominciare dalla conciliazione e poi magari procedere con ricorso al Giudice.

 

p.s. era meglio aprire un altro argomento

innanzitutto la nomina non è valida perchè sarebbe servita la maggioranza degli intervenuti che rappresentasse almeno 500 millesimi

il diritto ad impugnare da parte del presidente, invece, dipende dal voto da lui espresso. se aveva votato a favore del "nuovo" amministratore, pare come minimo singolare che poi impugni il proprio stesso voto e questa circostanza potrebbe avere il suo bel peso agli occhi di un giudice.

in ogni caso, al di là della mail che vale zero, chi ha impugnato deve iniziare il procedimento di mediazione entro 30 giorni dall'assemblea.

vista la sostanziale invalidità della delibera, consiglierei di far convocare una nuova assemblea e ripetere la votazione (stando attenti questa volta alla verifica puntuale delle maggioranze previste dalla legge)

innanzitutto la nomina non è valida perchè sarebbe servita la maggioranza degli intervenuti che rappresentasse almeno 500 millesimi

il diritto ad impugnare da parte del presidente, invece, dipende dal voto da lui espresso. se aveva votato a favore del "nuovo" amministratore, pare come minimo singolare che poi impugni il proprio stesso voto e questa circostanza potrebbe avere il suo bel peso agli occhi di un giudice.

in ogni caso, al di là della mail che vale zero, chi ha impugnato deve iniziare il procedimento di mediazione entro 30 giorni dall'assemblea.

vista la sostanziale invalidità della delibera, consiglierei di far convocare una nuova assemblea e ripetere la votazione (stando attenti questa volta alla verifica puntuale delle maggioranze previste dalla legge)

Probabilmente il presidente ha impugnato per quella ragione, ma non è dato a sapere e non si sa neppure se era contrario o astenuto, l'unica cosa certa è che c'è un impugnazione entro i 30 giorni, infatti l'assemblea si è svolta il 29 ott 2013 e l''impugnazione è stata al 15 nov 2013

in realtà, caro Tuxx, non è certo neppure quello, visto che si parla di una mail informale con la quale si dice di aver impugnato... anzi di impugnare!

mi domando se per il presidente questo (la mail agli altri condomini) sia lo strumento giuridicamente adatto a conseguire gli effetti da lui sperati...

Ubaldo dice;

... Oggi arriva in via informale una mail dove il presidente della riunione di giorno 29 ott 2013 impugna la delibera in data 15 nov.2013 .
Per cui l'impugnazione sembra regolare e da come è scritto, sicuramente entro i 30 giorni, e la mail è di oggi 5 febbraio (data del messaggio di Ubaldo)
in realtà, caro Tuxx, non è certo neppure quello, visto che si parla di una mail informale con la quale si dice di aver impugnato... anzi di impugnare!

mi domando se per il presidente questo (la mail agli altri condomini) sia lo strumento giuridicamente adatto a conseguire gli effetti da lui sperati...

Il Presidente invia una lettera informale in cui comunica di aver impugnato.

La lettera informale non ha alcun valore per cui occorrerà aspettare gli atti formali per poter sapere il perchè dell'impugnazione se davvero impugnazione formale c'è stata.

Cari e gentili utenti, grazie per aver risposto alle mia richiesta di informazioni a quanto pare sembra singolare anche a voi, integro comunque altre informazioni per districare questa che sembra una matassa: 1) il presidente ha votato per l'amministratore uscente e nel verbale riporta testuali parole "Visto l'esito della votazione si approva il preventivo dell'agenzie Russo s.a.s. pertanto viene nominato amministratore l'Agenzie Russo s.a.s. potrebbe (anche se forzato) essere interpretato che dopo esito della votazione l'assemblea tutta da mandato al nuovo amministratore, il quale (agenzie Russo) ha provveduto tempestivamente a effettuare dovuto cambio sia in agenzie dell'entrate che passaggio di consegna del conto e dei documenti tenuti dal vecchio amm.. 2) l'impugnazione (pervenutami mezzo e.mail) non fa voce in merito alla regolarità della votazione ma bensì al mio voto che rappresento mia sorella perché (a detta loro) illegittimata a votare per l'agenzie Russo (amministratore dell'agenzie mio cugino) infatti citano come convenuti/ ingiunti / appellanti il vecchio amministratore, mia sorella e l'agenzie Russo. Vorrei precisare che giorno 12 c.m. ci sarà una riunione di condominio dove sarò presente come delegato di mia sorella e con mio cugino come amm. p.t.. In ogni caso di fatto. Domanda come dovremmo comportarci????

Cari e gentili utenti, grazie per aver risposto alle mia richiesta di informazioni a quanto pare sembra singolare anche a voi, integro comunque altre informazioni per districare questa che sembra una matassa: 1) il presidente ha votato per l'amministratore uscente e nel verbale riporta testuali parole "Visto l'esito della votazione si approva il preventivo dell'agenzie Russo s.a.s. pertanto viene nominato amministratore l'Agenzie Russo s.a.s. potrebbe (anche se forzato) essere interpretato che dopo esito della votazione l'assemblea tutta da mandato al nuovo amministratore, il quale (agenzie Russo) ha provveduto tempestivamente a effettuare dovuto cambio sia in agenzie dell'entrate che passaggio di consegna del conto e dei documenti tenuti dal vecchio amm.. 2) l'impugnazione (pervenutami mezzo e.mail) non fa voce in merito alla regolarità della votazione ma bensì al mio voto che rappresento mia sorella perché (a detta loro) illegittimata a votare per l'agenzie Russo (amministratore dell'agenzie mio cugino) infatti citano come convenuti/ ingiunti / appellanti il vecchio amministratore, mia sorella e l'agenzie Russo. Vorrei precisare che giorno 12 c.m. ci sarà una riunione di condominio dove sarò presente come delegato di mia sorella e con mio cugino come amm. p.t.. In ogni caso di fatto. Domanda come dovremmo comportarci????

Praticamente se il condòmino ha impugnato lo ha fatto solo perchè ritiene tua sorella in conflitto di interessi per aver votato a favore del cugino.

Se davvero ha impugnato ritengo abbia possibilità quasi zero se non proprio zero di veder annullata la delibera.

Il comportamento che devi tenere è quello di ignorare le sue comunicazioni ufficiose.

In assemblea dovrai dire che al momento la delibera resta valida e che se e quando il TRIBUNALE annullerà la delibera si prenderanno i provvedimenti necessari.

Ma questo consiglio avrebbe dovuto dartelo tuo cugino che da amministratore professionista queste cose dovrebbe saperle.

Grazie Leonardo,

della celere e della chiara risposta, con mio cugino avevamo già interpretata come soluzione valida ma l'umiltà di chiedere a chi ha più esperienza e interpellare altri amministratori era doverosa. Avere un riscontro da parte vostra è stata cosa molta gradita. grazie ancora a tutti. comunque se volete vi terrò aggiornati sull'evolversi, giorno 12 p.v. ci sarà la riunione. ( Vedremo )🙂

×