Vai al contenuto
ioriacond

Nuovo accatastamento e contratto di affitto

Ciao a tutti.

 

Ero alla ricerca di un forum per questi temi, vediamo se fa al caso. Un mio inquilino (per altro moroso) possiede un contratto di affitto, regolarmente registrato per la locazione di una "partizione" di un immobile (l'immobile era su due piani e lui di fatto ha affittato solo il piano superiore, composto di sala+angolo cottura, bagno e camera, con ingresso indipendente).

 

Ora, sfruttando il piano casa ho di fatto partizionato l'immobile, dunque ne è conseguito un nuovo accatastamento sia del piano superiore che di quello inferiore. All'inquilino di fatto non cambia nulla, nel senso che prima abitava una porzione, ora abita l'interno immobile, secondo il nuovo piano del catasto.

 

Il problema ora è il contratto di affitto che ha. A leggerlo non è più valido, nel senso che riporta i vecchi riferimenti catastali e il fatto che lui possedeva una sola parte. Come fare? Oltretutto questo inquilino è moroso, non vorrei sfruttasse questa condizione come cavillo legale per non pagare o impugare eventuale lettera di sollecito pagamento per rate non solute, etc... come agire? Posso mandare raccomandata per informarlo? E come agire con l'agenzia delle entrate?

 

Capisco che è un problema spinoso, spero di trovare consigli utili. Ringrazio in anticipo.

 

Ioria.

Devi informarti presso l'Ufficio AdE ove è registrato il contratto se ti accettano subito un modello RLI per la sola comunicazione dei nuovi dati catastali riferiti all'immobile locato, o se invece devi attenerti alla prassi che prevede tale comunicazione fattibile alla proroga o a eventuale recesso anticipato della locazione.

 

Nel modello RLI Sezione II, è presente apposito adempimento successivo CDC, che è appunto l'opzione per comunicare i dati catastali corretti od omessi alla registrazione iniziale.

Leggendo il modulo RLI mi pare molto pertinente al mio caso. Una volta effettuata la variazione, per sicurezza invierò raccomandata all'inquilino ove lo informo in via ufficiale dei nuovi riferimenti catastali. Immagino dovrà indicarli anche per il pagamento delle sue tasse.

 

Grazie mille!

Ioria.

Il contratto di locazione, a meno che tu non abbia effettuato un cambio di destinazione d'uso dell'immobile (ad esempio da appartamento ad ufficio), non perde di efficacia e i patti rimangono validi.

Di fatto tu hai eseguito il frazionamento dell'originaria unità immobiliare, data parzialmente e regolarmente in locazione, ma comunque ad oggi con il riaccatastamento inerente sempre ciò che hai in origine locato.

Pertanto l'unico adempimento che ti compete è comunicare all'AdE i nuovi dati catastali del contratto di locazione con il modello RLI.

×