Vai al contenuto
rabinof

NORMATIVA MONTASCALE

Buongiorno, dovendo montare un montascale privato ad uso esclusivo , con velocità di 0,116 m/s ,in un condominiomi viene richiesta una manutenzione certificata con visita come l'ascensore, ai sensi di un DPR 214/10, ma secondo me un successivo DPR 23/gennaio 2017 g.u. marzo 17 lo esenta da tale procedura all'art 1? ho ragione io o il condominio???

 

Il riferimento normativo e’ il dpr 162/99 e successive modifiche . 

 

 

nel caso di montascale occorre verificare se ci sono i presupposti dell’applicazione del Capo II

   

 

 

Capo II
Art. 11.
AMBITO DI APPLICAZIONE.
1. Le disposizioni del presente capo si applicano agli ascensori e ai montacarichi in servizio privato, nonché a- gli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s, in servizio privato.
2. Le disposizioni di cui al presente capo, non si applicano agli ascensori, ai montacarichi e agli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s:
a) per miniere e per navi;
b) aventi corsa inferiore a 2 m;
c) azionati a mano;
d) che non sono installati stabilmente;
e) che sono montacarichi con portata pari o inferiore a 25 kg.

 

 

 

Il montascale rientra entra nella definizione di ascensore che non supera i 0,15 m/s

 

 

avevi gia’ postato la medesima domanda e avevi già ottenuto medesima risposta il 7 gennaio c.a.

 

 

 

 

Modificato da capocheyenn
  • Mi piace 1

Egr. CC, NON riesco a capire perchè viene ignorato il DPR 23/17 G U MARZO 17 CHE ALL'ART 1 MODIFICA E ANNULLA PROPRIO L'ART 11 DA LEI CITATO, SECONDO IL PARERE LEGALE DI UN AVVOCATO LA NORMA VIGENTE è QUELLA DEL'dpr23/17 CHE RECEPISCE LA DIRETTIVA EUROPEA 214  E ALL'ART 6 TRA LE ALTRE COSE IMPONE UN LIBRETTO DI IMPIANTO CHE non VIENE RILASCIATO CON LA RACCOMANDAZIONE "I VERBALI VANNO CONSERVATI SPILLATI AL VERBALE DI COLLAUDO!! PS io NON ho mai visto una risposta al mio precedente quesito, se no avrei risposto come sopra

 

Sig. CC mi scusi se la disturbo ancora...ma la norma da lei citata del dpr del 99 è stata recepita nel dpr 214/10 e mod8ficata dal dpr 23/17, perchè questo dpr 23 NON viene preso in considerazione visto che è l'ultimo in ordine di tempo?

 

Certo che il dpr 23/17 viene preso in considerazione .

 I dpr 214/10 e il dpr 23/17 non recepiscono il dpr 162/99 ma lo modificano in alcune parti .

 

quindi il riferimento resta il dpr 162/99 ovviamente modificato .

l’art 1 del 23/17 non modifica e non annulla l’ art 11 del dpr 162/99 ma modifica l’art. 1 .

 

non va letto semplicemente il dpr 23/17 ma devi leggerlo contestualmente al dpr 162/99 .

 

l’art 1 del dpr 23/17 modifica l’art. 1 del Capo I ( ovvero quella parte che riguarda solo gli ascensori ) che non si applica ai montascale .

 

Per i montascale trova applicazione il Capo II compreso art 11 .

 

 

Compreso art 12 comma 6

 

 

6. Ferme restando in capo agli organi competenti le funzioni di controllo ad essi attribuite dalla normativa vi- gente, e fatto salvo l'eventuale accertamento di responsabilità civile, nonché penale a carico del proprietario dell'immobile e/o dell'installatore e/o del fabbricante, il comune ordina l'immediata sospensione del servizio in caso di inosservanza degli obblighi imposti dal presente regolamento.

 

 

ovvero esiste il libero arbitrio , libero di non rispettare le leggi ovviamente assumendosi le responsabilita’ del caso .

 

 

EG CC, mi scusi se la disturbo ancora, ma Le invio l'ntestazione del dpr 23/17 che secondo la lingua italiana modifica sia l'art 162/99,già modificato da l214/10 a sua volta modificato  dal presente 23/17 proprio all'art 1 e all'art 2 dove prescrive gli obblighi in base alla pendenza  ,se inf a 0,15 ms NON arriva e secondo la logica e l'avvocato dovrebbe essere preso in considerazione quest'ultimo che armonizza TUTTA la normativa con il recepimento della direttiva 214 UE...., naturalmente senza urgenza e quando le fa comodo.RF

dpr 23 17 pg1.pdf

Mi scusi ancora ho dimenticato di rappresentarle che, a mio avviso sia l'ascensore che il montascale soggetto al regolamento sono denominati" macchine per sollevamento persone", Lart 6 del dpr 23 ESISTE e lotta con noi e cosa mi può dire sul mancato rilascio del "Libretto di impianto??? grazie

Abbia pazienza ma ho il computer che mi fa tribolare, in allegato Le allego la pag 2 del dpr 23 17 GU dove, secondo me dall'art 1 si evince che il montascale con vel inf a 0.15 ms è escluso dalla'applicazione del presente regolamento che all'art 2 si che determina la pendenza MA DEGLI APPARECCHI CON VEL SUP A 0.15 ms, secondo me e la lingua italiana, buongiorno

dpr 23 17 pag 2.pdf

Ripeto per l’ ennesima volta il riferimento non e’  l’art 1 del dpr 23/17 che modifica alcuni articoli del Capo I del Dpr 162/99 che recepisce la direttiva Ascensori ( ovvero regolamenta commercializzazione , istallazione e  collaudo degli ascensori )

 

e l’articolo 11 del dpr 162/99 che dopo la modifica prevista dal dpr 214/10 ( parziale attuazione della direttiva macchina ) tira in ballo nell’applicazione del Capo II ( che riguarda immatricolazione , manutenzione e verifiche periodiche )anche tutti gli “apparecchi di sollevamento che corrispondono alla definizione di ascensore “ .

 

 

il montascale viene escluso dal regolamento ma viene incluso dall’ applicazione del solo Capo II ( salvo alcuni casi previsti appunto nell’ articolo 11 del dpr 162/99)

 

 

p.s. 

Riesce cortesemente a  scrivere il testo dell’ articolo 6 del dpr 23/17 visto che ci sono solo 5 articoli nel citato Dpr ?

Ripeto per l’ ennesima volta il riferimento non e’  l’art 1 del dpr 23/17 che modifica alcuni articoli del Capo I del Dpr 162/99 che recepisce la direttiva Ascensori ( ovvero regolamenta commercializzazione , istallazione e  collaudo degli ascensori )

 

e l’articolo 11 del dpr 162/99 che dopo la modifica prevista dal dpr 214/10 ( parziale attuazione della direttiva macchina ) tira in ballo nell’applicazione del Capo II ( che riguarda immatricolazione , manutenzione e verifiche periodiche )anche tutti gli “apparecchi di sollevamento che corrispondono alla definizione di ascensore “ .

 

 

il montascale viene escluso dal regolamento ma viene incluso dall’ applicazione del solo Capo II ( salvo alcuni casi previsti appunto nell’ articolo 11 del dpr 162/99)

 

 

p.s. 

Riesce cortesemente a  scrivere il testo dell’ articolo 6 del dpr 23/17 visto che ci sono solo 5 articoli nel citato Dpr ?

al montascale non applichi il regolamento ma solo il Capo II .

 

 

non devi leggere solo l'art 1 ,leggi tutto .

Modificato da capocheyenn

Gent. sig capocheyenne, mano gialla (oglala), toro seduto, cavallo pazzo (Sioux lacota) pero erano più agguerriti degli cheyenne!!, mi scusi la facezia..come richiesto le invio l'art 6 del dpr 23 vhe vive e lotta con noi, ma se lei leggesse bene l'incipit  delDPR 23 e il 2014/33 EU da questi recepito e che è in vigore dal marzo 2017 che stabilisce la serie di sistemi di sollevamento persone a,b,c,d,e,f,g,h,i,l,m..che sono ESCLUSI dall'applicazione del presente regolamento, quindi a nulla valgono le magliaresche scuse ( infatti i suoi colleghi citano solo e sempre il 214/10, anche questi modificato o cancellato dal dpr 23 per la classificazione del sistemi di sollevamento persone ESCLUSI dal presente regolamento,  perchè se l'art 2 definisce  la classificazione di "ascensore", tutte queste macchine escluse tranne i marciapiedi mobili hanno una pendenza superiore al 15% e magari si chiamano anche ascensori ma non sono soggetti alle visite come gli ascensori definiti all'art 2 e in caso lo fossero DOVREBBERO  avere le caratteristiche e la documentazione prevista all'art 6 di cui lei (è mai possibile?) nega addirittura l'esistenza, sperando abbia voglia e tempo di chiarire il quanto le porgo distinti saluti.rf

art6 dpr23 17.pdf

dpr 23 17 pg1.pdf

dpr 23 17 pag 2.pdf

Modificato da rabinof@alice.it
testo incmpleto

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/03/15/17G00031/sg

 

non sono io che nego l'esistenza dell'art 6 del dpr 23/17 ,lo nega la GAZZETTA UFFICIALE (IL DPR 23/17 e' composto solo da 5 articoli e un Allegato )

 

 

 

ripeto per l'ultima volta ,il dpr 23/17 non va letto da solo ma contestualmente al dpr 162/99 .  e non ci si deve limitare a leggere solo l'art.1 del dpr 23/17 che modifica l'art 1 del dpr 162/99.  il CAPO  I riguarda solo ascensori , il CAPO II riguarda anche montascale ,pedane e altri tipi di apparecchi di sollevamento .

 

CAPO I  riguarda solo ascensori (commercializzazione,istallazione,marcatura CE)

CAPO II (matricola,manutenzione,verifiche etc )

 

allegati (solo ascensori )

 

 

p.s. comunque visto che lei e' convinto che il suo montascale e' escluso dall'applicazione del CAPO II DEL DPR  162/99 E SUCCESSIVE MODIFICHE liberissimo di restarne convinto .

 

 

l'art 11 del dpr 162/99 modificato a suo tempo dal dpr 214/10 ma non dal dpr 23/17 (che ha solo aggiunto un nuovo comma ) e' il riferimento vigente per i montascale per eventuale immatricolazione,manutenzione e verifiche periodiche .

Modificato da capocheyenn

mi scusi ancora, io NON voglio infrangere la legge ma NON voglio buttare soldi inutilmente, ho visto il dpr 23 che mi ha inviato e non capisco come possa contenere solo 5 articoli , mentre quello che ho scaricato io ne contiene almeno 6, comunque resterebbe il fatto del mancato rilascio del libretto di impianto?  e riguardo l'interpretazione dell'art 1 dpr23 i montascale sono :macchine per il sollevamento persone come lo sono gli ascensori, solo che secondo me quello che li distingue è appunto la velocità che allora giustamente l'art 2  avendo una pendenza superiore a 15° e una velocità superiore a 0,15 ms  devono sottostare all'applicazione del regolamento dal quale sono esclusi quelli con velocità inferiore a 15ms, se no che senso avrebbe la distinzione fatta all'art1 alle lettere a,b,c,d,e,f,g,h,i,l,m...che sono anche denominati ascensori e comunque quasi tutti hanno una pendenza superiore a 15°. Sempre assumendo che quando Lei mi dice capo 1 e capo 2 intenda articoli e non qualche cosa che non vedo e non capisco.... forse non vorrei che per colpa mia che non lho precisto, il discorso riguarda un impianto installato il 14 07 17, un anno dopo l'entrata in vigore del dpr 23/17 ....scusi ancora il disturbo.

Modificato da rabinof@alice.it
testo con riferimenti errati
rabinof@alice.it dice:

mi scusi ancora, io NON voglio infrangere la legge ma NON voglio buttare soldi inutilmente, ho visto il dpr 23 che mi ha inviato e non capisco come possa contenere solo 5 articoli , mentre quello che ho scaricato io ne contiene almeno 6, comunque resterebbe il fatto del mancato rilascio del libretto di impianto?  e riguardo l'interpretazione dell'art 1 dpr23 i montascale sono :macchine per il sollevamento persone come lo sono gli ascensori, solo che secondo me quello che li distingue è appunto la velocità che allora giustamente l'art 2  avendo una pendenza superiore a 15° e una velocità superiore a 0,15 ms  devono sottostare all'applicazione del regolamento dal quale sono esclusi quelli con velocità inferiore a 15ms, se no che senso avrebbe la distinzione fatta all'art1 alle lettere a,b,c,d,e,f,g,h,i,l,m...che sono anche denominati ascensori e comunque quasi tutti hanno una pendenza superiore a 15°. Sempre assumendo che quando Lei mi dice capo 1 e capo 2 intenda articoli e non qualche cosa che non vedo e non capisco.... forse non vorrei che per colpa mia che non lho precisto, il discorso riguarda un impianto installato il 14 07 17, un anno dopo l'entrata in vigore del dpr 23/17 ....scusi ancora il disturbo.

quello che lei ritiene essere l'art 6 del dpr 23/17 in realta' e' art 1 lettera h) del DPR 23/17 (ovvero e' il testo che modifica l'art 6 del DPR 162/99)

 

l'art 6 del dpr 162/99 non c'entra nulla con i montascale (riguarda solo gli ascensori )

 

ai montascale si applica solo il CAPO II DEL DPR 162/99 (come modificato dal dpr 214/10 che attua parzialmente la NUOVA DIRETTIVA MACCHINA )

 

IL DPR 23/17 attuazione della nuova direttiva ASCENSORI modifica il DPR 162/99 per la maggior parte negli articoli riguardanti il CAPO I (QUELLO CHE SI APPLICA SOLO AGLI ASCENSORI)

 mentre per il CAPO II prevede solo piccole modifiche .

 

 

ovvero per i montascale si applica solo il CAPO II ai sensi dell-art 11 del dpr 162/99 .

 

applicazione del regolamento riguarda solo ascensori 

applicazione del CAPO II  riguarda anche i montascale .

 

 

TESTO  DPR162/ MODIFICATO DAL 214/10

Capo II 
 
Art. 11. 
AMBITO DI APPLICAZIONE. 
1. Le disposizioni del presente capo si applicano agli ascensori e ai montacarichi in servizio privato, nonché agli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s, in servizio privato. 2. Le disposizioni di cui al presente capo, non si applicano agli ascensori, ai montacarichi e agli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s: a) per miniere e per navi; b) aventi corsa inferiore a 2 m; c) azionati a mano; d) che non sono installati stabilmente; e) che sono montacarichi con portata pari o inferiore a 25 kg. 

TESTO MODIFICATO DAL DPR 8/2015 Capo II 
 
Art. 11. 
AMBITO DI APPLICAZIONE. 
1. Le disposizioni del presente capo si applicano agli ascensori e ai montacarichi , nonché agli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s, in servizio privato. 2. Le disposizioni di cui al presente capo, non si applicano agli ascensori, ai montacarichi e agli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s: a) per miniere e per navi; b) aventi corsa inferiore a 2 m; c) azionati a mano; d) che non sono installati stabilmente; e) che sono montacarichi con portata pari o inferiore a 25 kg. 

 

 

 

SOPPRESSE LE PAROLE " in servizio privato"   quindi le disposizioni d'ora in poi si applicano anche a impianti in servizio pubblico .

«01. Le prescrizioni del presente Capo, necessarie per garantire la protezione delle persone allorche' gli ascensori sono messi in servizio o utilizzati, sono attuate senza implicare modifiche degli ascensori rispetto a quanto disposto dal Capo I del presente regolamento e nell'osservanza della legislazione dell'Unione europea.

questo e' il testo che il dpr 23/17 aggiunge all'art 11 del dpr 162/99 coordinato .

 

 

 

 

 

 

testo art 11 del dpr 162/99 coordinato al dpr 23/17  (testo  attualmente vigente )
Art. 11. 
AMBITO DI APPLICAZIONE. 

 

 

 

 

 

01. Le prescrizioni del presente Capo, necessarie per garantire la protezione delle persone allorche' gli ascensori sono messi in servizio o utilizzati, sono attuate senza implicare modifiche degli ascensori rispetto a quanto disposto dal Capo I del presente regolamento e nell'osservanza della legislazione dell'Unione europea.

1. Le disposizioni del presente capo si applicano agli ascensori e ai montacarichi , nonché agli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s, in servizio privato. 2. Le disposizioni di cui al presente capo, non si applicano agli ascensori, ai montacarichi e agli apparecchi di sollevamento rispondenti alla definizione di ascensore la cui velocità di spostamento non supera 0,15 m/s: a) per miniere e per navi; b) aventi corsa inferiore a 2 m; c) azionati a mano; d) che non sono installati stabilmente; e) che sono montacarichi con portata pari o inferiore a 25 kg.

 

 

 

quindi il dpr 23/17 non ha modificato lo stato delle cose . APPLICAZIONE DEL CAPO II DEL DPR 162/99 (OVVERO applicazione dall'art 11 in poi )

 

 

 

i motivi per escludere il suo montascale sono 

1) se non corrisponde alla definizione di ascensore (ovvero se sull'orizzontale ha meno di 15 gradi )   (deve verificarlo )

2) se istallato in una miniera o su una nave (il condominio non e' ne' una miniera ne' una nave )

3) se ha una corsa minore di 2 metri (mi sembra che la corsa e' sopra i 4 metri ,quindi non escluso)

4) azionato a mano ( credo che ovviamente sia azioanto meccanicamente ,quindi non escluso

5) che sia un  montacarichi con portata pari o inferiore a 25 kg. (il montascale non e' un montacarichi,quindi non escluso )

 

 

quindi l'unica cosa che devi verificare per vedere se il tuo montascale e' o meno escluso dall'applicazione del CAPO II   sono  i gradi sull'orizzontale .

 

se hai piu' di 15 gradi .devi applicare il CAPO II (immatricolazione ,manutenzione e verifica periodica ).

Modificato da capocheyenn
rabinof@alice.it dice:

Egr. CC, NON riesco a capire perchè viene ignorato il DPR 23/17 G U MARZO 17 CHE ALL'ART 1 MODIFICA E ANNULLA PROPRIO L'ART 11 DA LEI CITATO, SECONDO IL PARERE LEGALE DI UN AVVOCATO LA NORMA VIGENTE è QUELLA DEL'dpr23/17 CHE RECEPISCE LA DIRETTIVA EUROPEA 214  E ALL'ART 6 TRA LE ALTRE COSE IMPONE UN LIBRETTO DI IMPIANTO CHE non VIENE RILASCIATO CON LA RACCOMANDAZIONE "I VERBALI VANNO CONSERVATI SPILLATI AL VERBALE DI COLLAUDO!! PS io NON ho mai visto una risposta al mio precedente quesito, se no avrei risposto come sopra

 

Sig. CC mi scusi se la disturbo ancora...ma la norma da lei citata del dpr del 99 è stata recepita nel dpr 214/10 e mod8ficata dal dpr 23/17, perchè questo dpr 23 NON viene preso in considerazione visto che è l'ultimo in ordine di tempo?

 

giusto per precisione la direttiva e' 2014/33/ue .

 

per quanto riguarda il libretto d'impianto esso e' previsto dall'art 16 del dpr 162/99 (e non il fantomatico art 6 del dpr 23/17 che non esiste ) 

 

l'art 16 fa parte del CAPO II OVVERO IL CAPO che tratta l'immatricolazione ,la messa in esercizio,la manutenzione e la verifica periodica o straordinaria degli impianti ascensori,montacarichi e apparecchi corrispondenti alla definizione ascensore .

 

quindi se il tuo montascale rientra nell'applicazione dell' art 11 del capo II del DPR 162/99

AVRA' LIBRETTO IMPIANTO ,MATRICOLA ,MANUTENZIONE OBBLIGATORIA,VERIFICA PERIODICA OBBLIGATORIA .

 

 

oltre a documentazione prevista dalla direttiva ascensori  (per gli ascensori ) e dalla direttiva macchine ( per montascale e altri apparecchi di sollevamento )

 

 

sign CC, buongiorno e grazie per avere ancora dato retta al mio problema volto a NON infrangere la legge e a non buttare inutilmente soldi, dunque una delle prime cose che mi ha spinto a dubitare della norma notificatami DOPO l'acquisto (3 4 2018)  30gg, del montascale MACCHINA SOLLEVAMENTO PERSONE, di seguito MSP) è proprio la mancanza e rifiuto alla richiesta del libretto di impianto e l'unico numero è la matricola sulla targhetta che mancando il libretto NON è registrata in nessun posto, inoltre nella Sua cortese risposta non ho mai visto citato l'art 6 che come vede prescrive pure, per i soggetti a visita, il verbale di collaudo scritto a macchina e non a zampa di gallina dove non si legge niente e la scheda tecnica con i dati espressi correttamente es vel in ms e NON in m/m per ingenerare confusione nel vecchietto che acquista il montascale... e sopratutto tutto scritto in lingua comprensibile al cliente,(nel caso ITALIANO) dove ad es, se l'art 1 del dpr 23 e della direttiva 2014/33 rcitano un'esclusione degli 11 MSP lettere a/m dalle prescrizioni del presente REGOLAMENTO... Dovrebbe a dispetto(di Macchiavelli) che  al giorno 04 07 2018  il MSP a me venduto NON può essere assogettato all'art 2 che lo parificherebbe ad un ascensore in quanto con pendenza superiore al 15% ne all'art 11 che lo parificherebbe  ad un ascensore perchè di lunghezza superiore a due metri, ne a qualsiasi norma possa riguardare QUESTO regolamento dal quale è escluso dall'art 1 che differenza dei precedenti sostituiti NON RECITA " salvo quanto riportato all'art 11) , altrimenti TUTTI i msp citati o superano i 15 ms, o la lunghezza di 2 m, o la pendenza di 15° e quindi la precisazione sarebbe inutile.

Perchè NESSUNO mi impedisce, se ho una 500 con 50 KW di pagare un bollo per una ferrari di 500kw senza immatricolazione e i soldi se li tiene chi fa la "MANUTENZIONE", o sono tanto fuori strada. Per farle un esempio io ho viaggiato per 17 anni con un autotreno del quale la motorizzazione di Milano (via Paleocapa, a seguito dll'arresto di un gregge di funzionari e del trasloco alla nuova sede) ha perso TUTTI i miei documenti senza i quali non potevo rifare l'immatricolazione per acquistare un conto terzi, per il quale bisognava avere un autocarro immatricolato !!! Ecco perchè sono diventato così sospettoso, scusandomi ancora per l'approfittare della sua pazienza e cortesia, sperando non mi abbandoni,inoltre sono a precisare che il dpr 214/10 è quello che TUTTI tranne lei mi hanno sempre citato per questo fantomatico obbligo di vusita, grazie buonasera.

Per soprammercato le segnalo come correttezza della fornitura che l'msp fornito è composto di una guida fiswsa e una parte c a 60cm ribaltabile e che le istruzione consegnate con la macchina indicano come in grado ,se sollevata di impedire il funzionamento, mentre alla verifica non ha alcuna influenza, la macchina funziona sempre, alla lamentela con la scusa che facevo riferimento ad un documento obsoleto mi hanno mandato un libretto nuovo con gli stessi numeri di riferimento, ma sotto le istruzioni del blocco hanno scritto NON IMPLEMENTATO" !!! 20 giorni dopo l'installazione. la mia pretesa di concisione si urta sempre con il numero delle cose da esporre, BUONA SERA! RF

 

Buona sera

 

ciao Capo, assodato che il montascale va manutenuto, verificato da ente e debba avere tutta la documentazione apposto, secondo me si stà facendo confusione nel senso che il libretto di in questo caso sarà la dichiarazione CE del fabbricante dove ci sono riportati i dati dell'impianto e quindi non è null'altro che un foglio A4 con sopra i dati e con la firma del Direttore Tecnico, non è sicuramente un papiro come quello degl'ascensori che è molto più corposo. 

 

il fatto che il montascale con la piattaforma chiusa si muova è giusto, se devo spostare l'impianto da una posizione all'altra non si rende necessario aprire la pedana, ne impedisce il funzionamento nel senso che ovviamente non ci puoi caricare la persona quindi la sua funziona primaria, questa ovviamente è una mia considerazione ma mi sembra più che logica.

 

avrei una domanda per l'utente se vuole dirlo non è obbligato è solo per capire di cosa stiamo parlando, di che marca è questo montascale? 

 

buona serata

 

rabinof@alice.it dice:

sign CC, buongiorno e grazie per avere ancora dato retta al mio problema volto a NON infrangere la legge e a non buttare inutilmente soldi, dunque una delle prime cose che mi ha spinto a dubitare della norma notificatami DOPO l'acquisto (3 4 2018)  30gg, del montascale MACCHINA SOLLEVAMENTO PERSONE, di seguito MSP) è proprio la mancanza e rifiuto alla richiesta del libretto di impianto e l'unico numero è la matricola sulla targhetta che mancando il libretto NON è registrata in nessun posto, inoltre nella Sua cortese risposta non ho mai visto citato l'art 6 che come vede prescrive pure, per i soggetti a visita, il verbale di collaudo scritto a macchina e non a zampa di gallina dove non si legge niente e la scheda tecnica con i dati espressi correttamente es vel in ms e NON in m/m per ingenerare confusione nel vecchietto che acquista il montascale... e sopratutto tutto scritto in lingua comprensibile al cliente,(nel caso ITALIANO) dove ad es, se l'art 1 del dpr 23 e della direttiva 2014/33 rcitano un'esclusione degli 11 MSP lettere a/m dalle prescrizioni del presente REGOLAMENTO... Dovrebbe a dispetto(di Macchiavelli) che  al giorno 04 07 2018  il MSP a me venduto NON può essere assogettato all'art 2 che lo parificherebbe ad un ascensore in quanto con pendenza superiore al 15% ne all'art 11 che lo parificherebbe  ad un ascensore perchè di lunghezza superiore a due metri, ne a qualsiasi norma possa riguardare QUESTO regolamento dal quale è escluso dall'art 1 che differenza dei precedenti sostituiti NON RECITA " salvo quanto riportato all'art 11) , altrimenti TUTTI i msp citati o superano i 15 ms, o la lunghezza di 2 m, o la pendenza di 15° e quindi la precisazione sarebbe inutile.

Perchè NESSUNO mi impedisce, se ho una 500 con 50 KW di pagare un bollo per una ferrari di 500kw senza immatricolazione e i soldi se li tiene chi fa la "MANUTENZIONE", o sono tanto fuori strada. Per farle un esempio io ho viaggiato per 17 anni con un autotreno del quale la motorizzazione di Milano (via Paleocapa, a seguito dll'arresto di un gregge di funzionari e del trasloco alla nuova sede) ha perso TUTTI i miei documenti senza i quali non potevo rifare l'immatricolazione per acquistare un conto terzi, per il quale bisognava avere un autocarro immatricolato !!! Ecco perchè sono diventato così sospettoso, scusandomi ancora per l'approfittare della sua pazienza e cortesia, sperando non mi abbandoni,inoltre sono a precisare che il dpr 214/10 è quello che TUTTI tranne lei mi hanno sempre citato per questo fantomatico obbligo di vusita, grazie buonasera.

Per soprammercato le segnalo come correttezza della fornitura che l'msp fornito è composto di una guida fiswsa e una parte c a 60cm ribaltabile e che le istruzione consegnate con la macchina indicano come in grado ,se sollevata di impedire il funzionamento, mentre alla verifica non ha alcuna influenza, la macchina funziona sempre, alla lamentela con la scusa che facevo riferimento ad un documento obsoleto mi hanno mandato un libretto nuovo con gli stessi numeri di riferimento, ma sotto le istruzioni del blocco hanno scritto NON IMPLEMENTATO" !!! 20 giorni dopo l'installazione. la mia pretesa di concisione si urta sempre con il numero delle cose da esporre, BUONA SERA! RF

 

continua a fare una totale confusione . ripeto continua a leggere il dpr 23/17 in modo completamente sbagliato .

e continua a tirare in ballo un fantomatico art 6 ( ripeto se riesce a citarmi il testo forse mi aiuta a farle una mano )

 

l'art 6 del dpr 162/99 non parla di libretto d'impianto.

l'art 6 del dpr 23/17 non esiste .

 

quindi quando cita codesto art 6 a quale legge,dpr,dm,dlgs etc etc si riferisce ?

 

 

 

un altro punto in cui sbaglia e' che considera il montascale un ascensore .

 

da nessuna parte viene  detto che il montascale e' un ascensore .

 

 

si parla di "apparecchio di sollevamento che corrisponde alla definizione di ascensore "non di "apparecchio di sollevamento che e' un ascensore" .

 

 

altro errore continua a leggere solo l'art 1 del dpr 162/99 e non tutto il dpr ,ovvero non legge l'art 11 

 

non deve limitarsi a leggere " non si applica il regolamento " ma deve leggere l'art 11 

QUELLO CHE AFFERMA CHE ANCHE I MONTASCALE SONO SOGGETTI AL CAPO II  ovvero si applicano  art 11-12-13-14-15-16-17- etc 

 

 

 

Modificato da capocheyenn
Marco1959 dice:

Buona sera

 

ciao Capo, assodato che il montascale va manutenuto, verificato da ente e debba avere tutta la documentazione apposto, secondo me si stà facendo confusione nel senso che il libretto di in questo caso sarà la dichiarazione CE del fabbricante dove ci sono riportati i dati dell'impianto e quindi non è null'altro che un foglio A4 con sopra i dati e con la firma del Direttore Tecnico, non è sicuramente un papiro come quello degl'ascensori che è molto più corposo. 

 

il fatto che il montascale con la piattaforma chiusa si muova è giusto, se devo spostare l'impianto da una posizione all'altra non si rende necessario aprire la pedana, ne impedisce il funzionamento nel senso che ovviamente non ci puoi caricare la persona quindi la sua funziona primaria, questa ovviamente è una mia considerazione ma mi sembra più che logica.

 

avrei una domanda per l'utente se vuole dirlo non è obbligato è solo per capire di cosa stiamo parlando, di che marca è questo montascale? 

 

buona serata

 

una cosa e' dichiarazione CE  e LIBRETTO USO E MANUTENZIONE ,questa documentazione vede esserci a prescindere dal fatto che poi il montascale sia o meno soggetto all'applicazione del CAPO II DEL DPR 162/99 

 

 

il LIBRETTO D'IMPIANTO e' previsto dall'art 16 del dpr 162/99 e' sara fornito solo per impianti soggetti al CAPO II del dpr 162/99 

 

 

quindi tutte i montascale devono obbligatoriamente avere MARCATURA CE ( E RELATIVA DICHIARAZIONE CE  direttiva MACCHINE) E LIBRETTO O FASCICOLO USO E MANUTENZIONE .

 

 

poi i montascale a cui si applica il CAPO II  avranno matricola del comune e reletiva targhetta immatricolazione ,libretto impianto,obbligo di incarico di manutenzione obbligatoria a ditta abilitata o persona in possesso di patentino prefettizio. obbligo di incarico organismo notificato per le dovute verifiche periodiche/straordinarie ,

  • Mi piace 3

Sig Marco, La ringrazio per il suo cortese intervento, però sarebbe bene parlare delle stesse cose per chiarire qualcosa e cioè se io dico guida sollevabile parlo di una cosa completamente diversa dalla "pedana sollevabile", cioè la guida, nel caso, è un profilato di alluminio lungo m 4, 30 che ad un certo punto tramite uno snodo si solleva per lasciare libera la porta quando NON si utilizza l'MSP e in queste condizioni il Manuale d'uso e M NON IL LIBRETTO DI IMPIANTO...prevede il blocco della macchina e così non è,  e il contendere è proprio questa assogettazione o meno del MIO msp a questa normativa che come sopra spiegato , secondo me è soggetta all'ultimo dpr 23/17 che all'art 1 esclude i montascale con vel inferiore a 0,15 ms dal "presente regolamento" modificando l'art 1 del 214/10 e del 162/99 NON prescrivendo più "SALVO QUANTO PREVISTO ALL'ART11", quindi la voce da me indicata con le altre11 b,c...m  vengono ESCLUSE dall'applicazione del regolamento, in quanto essendo tutte o di vel sup a 0,15ms o di pendenza sup a 15°, quindi assolutamente inutilmente citate inoltre il libretto d'impianto dovrebbe riportare TUTTI gli interventi di manutenzione e verifica è una cosa completamente diversa dal libretto di uso e manutenzione che nel caso ad esempio NON evidenzia neanche la posizione della batteria...E la mia perplessità a proposito di questo assogettamento è proprio il mancato rilascio del libretto di impianto e tutta la documentazione citata nell'art 6 del dpr 23/17  che recepisce la direttiva 2014/33 UE e che  a me il costruttore cita sempre e solo il dpr 214/10, grazie buongiorno

Modificato da rabinof@alice.it
correzione errori ortografici

Riesce cortesemente a postare il testo dell’art 6 del dpr 23/17 visto che esistono solo 5 articoli ? 

 

 

 

Perche’ che non riesce ancora a capire che una cosa e’ “applicazione del regolamento “ (art 1) Montascale esclusi 

e altra e’ “ l’applicazione del Capo II “ (art 11) Montascale inclusi ( salvo alcuni casi )

 

 

 

il dpr 23/17 non abroga l’art 11 del dpr 162/99 e non modifica ciò che aveva a suo tempo previsto il dpr 214/10 .

 

quindi resta applicabile ciò che ha introdotto il dpr 214/10 ovvero estende ai montascale il Capo II del Dpr 162/99 . 

 

 

 

 

 

Modificato da capocheyenn

La direttiva 2014/33/UE non riguarda i montascale , detta direttiva riguarda solo gli ascensori .

 

×