Vai al contenuto
eddiguff

Nomina amministratore privo dei requisiti

Buongiorno a tutti. Il caso è questo. Nel mio condominio stiamo cambiando amministratore e quindi sono stati proposti alcuni nominativi. Al momento, la scelta della maggioranza (seguirà poi il voto in assemblea) è ricaduta su un amministratore sconosciuto a tutti. Non sto a spiegarvi il perchè.

Questo amministratore ha inviato il suo preventivo nel quale afferma di fare questo mestiere da oltre dieci anni e che attualmente amministra 40 palazzine.

Il problema è questo: nell'intestazione della sua ragione sociale, non compare la partita IVA. Insospettiti, abbiamo chiesto all'agenzia delle entrate, la quale ci conferma che il soggetto non ha partita IVA e che dalle dichiarazioni dei redditi pare essere un contribuente occasionale. La partita IVA mi risulta sia obbligatoria già per amministrare due stabili, figuriamoci 40!

Io e alcuni condomini non vogliamo affidare il nostro condominio e il nostro denaro a un amministratore fantasma e non in regola.

Ma poichè alcuni lo sostengono (non sto a spiegarvi il perchè), possiamo al momento del voto esigere l'impossibilità di eleggere un amministratore privo dei requisiti?

Grazie per le risposte.

Salve,

se risulta nell'elenco dei protesti cambiari, si potete non nominarlo. Se non è in regola fiscalmente il problema è suo. In tal caso potete richiedere che adempia agli adempimenti fiscali.

Il fatto che non paghi le tasse non rientra tra i requisiti e quindi non potrà essere utilizzato come assenza di requisiti ma come motivo per non eleggerlo, perchè non vi fidate o perchè non vi va bene.

Per la partita iva va aperta fin dal primo condominio, perchè solo così facendo ed aderendo ad uno specifico regime fiscale si potranno palesare gli emolumenti percepiti.

 

Cordiali saluti.

Grazie Nicolas. La cosa che più mi interessa è la partita Iva. Come può un condominio eleggere un amministratore senza partita IVA, essendo obbligatoria per legge?

Grazie Nicolas. La cosa che più mi interessa è la partita Iva. Come può un condominio eleggere un amministratore senza partita IVA, essendo obbligatoria per legge?

nominare un amministratore senza partita iva significa avallare una evasione fiscale, a meno che non si tratta di un amministratore interno che non ha obbligo di partita iva

×