Vai al contenuto
puntoimm

Nomina amministratore in condominio privo di tabelle millesimali

Sono alla prese con un condominio privo di tabelle millesimali.

Da un primo riscontro e dopo avere interpellato la maggior parte dei condomini risulta che accetterebbero il mio preventivo.

Il problema è: visto che il condominio è sprovvisto di tabelle millesimali come si può procedere in modo corretto alla mia nomina?

Per quanto riguarda il quorum costitutivo e deliberativo come mi adeguo?

Nello specifico trattasi di un Condominio con 12 unità (abitative e commerciali) di cui sei unità abitative appartengono in comproprietà a sei persone diverse che hanno ricevuto i suddetti immobili in eredità posti rispettivamente su tre piani differenti (2 piano terra, 2 piano primo, 2 piano secondo - che a quanto pare per contratto non utilizzano l'ascensore );

quattro unità abitative poste rispettivamente due al piano 3 e due al piano 4 e lastrico solare condominiale al piano 5;

due unità commerciali poste rispettivamente al piano S1 di cui uno adibito a pizzeria e con ingresso indipendente (a suo dire non ha mai utilizzato l'ingresso principale con le scale che portano giù ma ha sempre utilizzato un ingresso indipendente direttamente da strada laterale in discesa, e uno adibito a scuola privata attualmente in locazione e il cui proprietario risulta essere uno dei quattro condomini che abita al piano quarto.

Spero di essere stato chiaro, se qualcuno può aiutarmi lo ringrazio anticipatamente.

Si può creare una tabella provvisoria sulla base del valore catastale di ciascuna u.i. oppure per metri quadrati, poi in seguito sara opportuno contattare un tecnico abilitato per la redazione di una tabella millesimale regolare ed approvarla.

Grazie Tullio. Ma il valore catastale di ogni singolo immobile tiene conto dei parametri di altezza, esposizione, ampiezza vani ect ect ect ?

Penso di no.

E' vero che deve essere provvisoria ma non mi sembra un metodo corretto.

Piuttosto, visto che la quadratura è uguale per tutti gli appartamenti chiedevo se vi sembra corretto per esempio affidare un valore in base all'altezza.

Se ci mettiamo a discutere su quale sia più o meno corretto non si sceglie nessun metodo . E' provvisorio.

Grazie peppe.

Il problema è che l'edificio è privo di tabelle e qualcuno dei proprietari vorrebbero nominare un amministratore.

Queste tabelle provvisorie chi dovrebbe redigerle e soprattutto come farle?

Puoi darmi un'idea da sottoporre loro.

Grazie

Le tabelle provvisorie possono essere approvate seduta stante, l'importante è adottare un criterio tra quelli elencati, ma rimangono provvisorie, ho letto su questo Forum che qualcuno ha nominato l'amministratore soltanto sulla base delle teste presenti, e se queste fanno parte di almeno la metà del numero dei condomini e concordi la delibera è valida, fatto salvo un'eventuale impugnazione da parte dei contrari, assenti ed astenuti

 

Questa Sentenza ad esempio tratta solamente le spese ma potrebbe parificarsi alla nomina dell'amministratore.

E’ valida ed efficace la deliberazione dell’assemblea di condominio, che in mancanza della tabella millesimale, adotti temporaneamente e provvisoriamente un criterio di ripartizione delle spese diverso da quello legale, al fine di provvedere, con le somme anticipate a titolo di acconto dai compartecipanti e da conguagliare successivamente all’approvazione della tabella dei coefficienti millesimali, alla gestione e alla manutenzione annuale dei servizi e delle cose comuni. (Sentenza 24 Luglio 1973 n° 2164)

Grazie peppe.

Il problema è che l'edificio è privo di tabelle e qualcuno dei proprietari vorrebbero nominare un amministratore.

Queste tabelle provvisorie chi dovrebbe redigerle e soprattutto come farle?

Puoi darmi un'idea da sottoporre loro.

Grazie

Se dici che gli appartamenti hanno uguale metratura puoi considerare, provvisoriamente, uguali millesimi per tutti.

Per nominare l'amministratore sarà sufficiente il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti che rappresenti metà del valore dell'edificio.

Se ogni condòmino è proprietario di una sola unità immobiliare sarà sufficiente il voto favorevole della metà+1 dei condòmini.

Poi, con calma, potrete dare incarico ad un tecnico per calcolare le tabelle e proporle all'assemblea per l'approvazione.

Se dici che gli appartamenti hanno uguale metratura puoi considerare, provvisoriamente, uguali millesimi per tutti.

Per nominare l'amministratore sarà sufficiente il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti che rappresenti metà del valore dell'edificio.

Se ogni condòmino è proprietario di una sola unità immobiliare sarà sufficiente il voto favorevole della metà+1 dei condòmini.

Poi, con calma, potrete dare incarico ad un tecnico per calcolare le tabelle e proporle all'assemblea per l'approvazione.

esatto. se sono 10 u.i. quando hai l'assenso di 6, ha sicuramente anche la maggioranza millesimale.

le tabelle millesimali partono innanzi tutto dai metri , poi ci sono i coefficenti correttivi, ma la base sono i metri

esatto. se sono 10 u.i. quando hai l'assenso di 6, ha sicuramente anche la maggioranza millesimale.

le tabelle millesimali partono innanzi tutto dai metri , poi ci sono i coefficenti correttivi, ma la base sono i metri

Infatti è il principio di quanto avevo scritto io al post nr 6, ma chissà perchè nessuno ne tiene conto?
Infatti è il principio di quanto avevo scritto io al post nr 6, ma chissà perchè nessuno ne tiene conto?

Io ne ho tenuto conto, ma come avrai potuto capire dalla risposta data al post n.10, non sempre quello che per te appare scontato risulta comprensibile a chi è completamente a digiuno di materia condominiale.

Come spesso dice un forumista, "repetita iuvant" (ripetere aiuta).

 

Se poi si ripete portando anche un esempio concreto, la ripetizione può risultare ancora più efficace. 🙂

Io ne ho tenuto conto, ma come avrai potuto capire dalla risposta data al post n.10, non sempre quello che per te appare scontato risulta comprensibile a chi è completamente a digiuno di materia condominiale.

Come spesso dice un forumista, "repetita iuvant" (ripetere aiuta).

 

Se poi si ripete portando anche un esempio concreto, la ripetizione può risultare ancora più efficace. 🙂

×