Vai al contenuto
ofelia

Nomi condomini morosi

Buongiorno,

sto preparando l'assemblea di condominio e visto che sono presenti nel condominio che amministro dei morosi e sapendo che in sede di assemblea è possibile rivelare i nomi su richeista, volevo sapere se era possibile che io dica anche l'ammontare della morosità.

Onde evitare problemi con la privacy. Premetto che non voglio affiggere nomi in bacheca ma su richiesta dirli in assemblea.

Attendo delucidazioni.

Grazie

Tranquillamente puoi rendere noti tutti i dati, non solo a richiesta ma nel resoconto saranno visibili nomi e ammontare del debito, per questo non c'è privacy che tenga nel condominio.

Grazie, allora li elencherò all'interno della nota sintetica esplicativa che accompagna il bilancio.

Grazie per la delucidazione.

Questo è solo un esempio, ma un consuntivo dovrebbe essere redatto in questo modo;

 

--img_rimossa--

 

Da cui si rileverà chi dei condomini è moroso e di quale cifra;

Nessun problema ad elencare i morosi in assemblea con il relativo ammontare dei debiti.

Una domanda ancora: in merito alla suddivisione delle quote non pagate dai morosi tra i paganti, premetto che sono cifre non esorbitanti e che potrebbero essere benissimo saldate con buona volontà insomma non sono somme per cui cominciare una azione giudiziaria con quel che costa, ho visto che la prassi giurisprudenziale afferma che occorre l'unanimità assembleare per fare ciò nelle more del giudizio. Vorrei da voi una conferma; visto che non accetteranno mai di pagarle loro nè di adire a via giudiziaria per cifre così modeste potrei addebitare le cifre sulle nuove rate dei morosi?

Grazie ancora, attendo risposte.

Una domanda ancora: in merito alla suddivisione delle quote non pagate dai morosi tra i paganti, premetto che sono cifre non esorbitanti e che potrebbero essere benissimo saldate con buona volontà insomma non sono somme per cui cominciare una azione giudiziaria con quel che costa, ho visto che la prassi giurisprudenziale afferma che occorre l'unanimità assembleare per fare ciò nelle more del giudizio. Vorrei da voi una conferma; visto che non accetteranno mai di pagarle loro nè di adire a via giudiziaria per cifre così modeste potrei addebitare le cifre sulle nuove rate dei morosi?

Grazie ancora, attendo risposte.

Puoi proporre tutto quello che vuoi però:

 

- se non si vuole cominciare un'azione legale per il recupero crediti

- se i non morosi non vogliono costituire un fondo per far fronte ai morosi

- se i morosi che già non pagano le quote modeste non pagheranno neanche le quote maggiorate

 

il risultato sarà che non ci sarà il denaro sufficiente per far fronte a tutte le utenze e servizi ed il condominio andrà in dissesto.

Una domanda ancora: in merito alla suddivisione delle quote non pagate dai morosi tra i paganti, premetto che sono cifre non esorbitanti e che potrebbero essere benissimo saldate con buona volontà insomma non sono somme per cui cominciare una azione giudiziaria con quel che costa, ho visto che la prassi giurisprudenziale afferma che occorre l'unanimità assembleare per fare ciò nelle more del giudizio. Vorrei da voi una conferma; visto che non accetteranno mai di pagarle loro nè di adire a via giudiziaria per cifre così modeste potrei addebitare le cifre sulle nuove rate dei morosi?

Grazie ancora, attendo risposte.

> dimettiti, non sei in grado di fare l'amministratore, ti mancano le nozioni base

> dimettiti, non sei in grado di fare l'amministratore, ti mancano le nozioni base

Perchè dimettersi?

 

- L'assemblea, come ha già spiegato Ofelia, onde evitare di anticipare spese legali, come da art. 1129, dispensa espressamente l'amministratore "ad agire per la riscossione forzosa delle somme dovute dagli obbligati"- L'assemblea non vuole costituire un fondo per anticipare le quote mancanti e pagare le spese condominiali

 

Cos'altro può fare un amministratore "super preparato" se non prospettare a cosa andranno incontro sia che

- resti l'attuale amministratore

- lo sostituiscano con uno nuovo

- gli revochino il mandato e si autogestiscono

Con la nuova legge del condominio, l'amministratore può di sua iniziativa iniziare l'azione legale, se l'assemblea non vuole costituire un fondo penso l'unica possibilità sia che l'amministratore anticipi lui le somme

Con la nuova legge del condominio, l'amministratore può di sua iniziativa iniziare l'azione legale, se l'assemblea non vuole costituire un fondo penso l'unica possibilità sia che l'amministratore anticipi lui le somme
L'amministratore poteva iniziare l'azione legale, ovvero la richiesta del Decreto Ingiuntivo ancora nella vecchia normativa.

Comunque l'amministrare non è tenuto ad anticipare nessuna somma, ossia se c'è cassa sufficiente può provvedere, altrimenti i condomini probabilmente si troveranno con D.I. verso il condominio richiesti dai vari fornitori a cui volenti o nolenti dovranno far fronte ad evitare pignoramenti.

In pratica l'amministratore, in mancanza di fondi potrebbe limitarsi ai solleciti verso i morosi, se non rientrano i crediti, potrà convocare un'assemblea straordinaria spiegando che non ci sono fondi sufficienti a coprire le spese, lasciando la decisione per risolvere la questione ai condomini.

In pratica, o i condomini pagano, oppure i condomini pagheranno, non c'è alternativa.

 

Tullio Ts Condomino

Con la nuova legge del condominio, l'amministratore può di sua iniziativa iniziare l'azione legale...

L'amministratore può finchè non c'è una delibera contraria.

Se l'assemblea delibera espressamente la rinuncia all'azione forzosa l'amministratore non può che eseguire la delibera e l'assemblea subirne le conseguenze.

L'amministratore può finchè non c'è una delibera contraria.

Se l'assemblea delibera espressamente la rinuncia all'azione forzosa l'amministratore non può che eseguire la delibera e l'assemblea subirne le conseguenze.

Se l'assemblea delibera di non procedere contro i morosi dovrebbe quantomeno onorare i debiti di questi non paganti, e se non corrisposti l'amministratore non avendo il fondo cassa per i pagamenti ai fornitori, è meglio che si dimetta immediatamente con ricorso al Giudice per la nomina di un amm.re giudiziale.

Grazie a tutti per le risposte date, avere degli scambi di opinione con persone che hanno più esperienza di me nel settore è sempre costruttivo.

E' ovvio che essendo giovane, pur studiando, è un accrescimento confrontarsi con chi è nel settore da più tempo.

×