Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
immobilstudio73

Multe condominiali - nel caso vorrei sapere con quale maggioranza può essere introdotta una simile norma di gestione condominiale

Vorrei sapere se è possibile approvare in Assemblea un'autorizzazione all'Amministratore ad erogare multe a condomini che non osservano (prove alla mano!) alcune norme del Regolamento condominiale (ad esempio a chi parcheggia auto in spazi condominiali). Nel caso vorrei sapere con quale maggioranza può essere introdotta una simile norma di gestione condominiale. Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Vorrei sapere se è possibile approvare in Assemblea un'autorizzazione all'Amministratore ad erogare multe a condomini che non osservano (prove alla mano!) alcune norme del Regolamento condominiale (ad esempio a chi parcheggia auto in spazi condominiali). Nel caso vorrei sapere con quale maggioranza può essere introdotta una simile norma di gestione condominiale. Grazie.
In assemblea si possono approvare delle sanzioni a carico di chi non osserva le norme del RdC, è previsto dall'art 71 Dacc, e sia approva con la maggioranza delle teste presenti in assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dello stabile (500 mlm), ovvero e p.es. divieto di sosta 50 euro, per altre infrazioni si stabiliranno altre quote;

 

Art. 70.

Per le infrazioni al regolamento di condominio può essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma fino ad euro 200 e, in caso di recidiva, fino ad euro 800. La somma è devoluta al fondo di cui l'amministratore dispone per le spese ordinarie. L’irrogazione della sanzione è deliberata dall’assemblea con la maggioranza di cui al secondo comma dell’articolo 1136 del Codice.

Una volta approvato però l'amministratore non potrà agire autonomamente, ma ci dovrà essere una delibera assembleare specifica ad agire per quella specifica infrazione al Tal dei Tali condomino, approvata con lo stesso quorum del 2°c. art. 1136 cc detto prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
è previsto dall'art 71 Dacc,
Errata Corrige - 71 Dacc con 70 Dacc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusate se riapro una discussione di qualche giorno fa, ma mi sorge un dubbio al proposito, dopo la risposta di Tullio Ts. Questo: se, dopo aver approvato in Assemblea sanzioni a carico di condomini che non osservano norme del Regolamento ed aver autorizzato l' Amministratore ad applicarle al condomino interessato, costui NON LE PAGA, come puo' procedere l'Amministratore? Puo' passare subito alla messa in mora e al Decreto Ingiuntivo? Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Bisogna sapere anche e soprattutto che le sanzioni vanno contestare nell' immediatezza del comportamento scorretto e non penso che gli amministratori si precipitano sul posto per i suoi adempimenti. La norma lascia desiderare. Sono d'accordo che il senso di civiltà va' rispettato , purtroppo ci sono soggetti al quanto prepotenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La mia idea è quella di introdurre delle sanzioni per "divieto di sosta" che verrebbero rilevate tramite foto mandata via whatsapp all'amministratore dal portiere o da un condomino.

Poi in assemblea dovrebbero essere votate tutte le sanzioni elevate.

A quel punto gli addebiti finirebbero sul conto personale dei condomini colpevoli e quindi escutibili anche a mezzo decreto ingiuntivo (ovviamente raggiunta una cifra congrua).

 

Non che un condomino non possa fare qualche ricorso, però in questo modo si lascia al singolo l'onere di avviare una lite col condominio. Non sempre ne vale la pena, quindi il sistema potrebbe anche funzionare.

In teoria...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

diventa un terreno minato.

un tutti contro tutti che trasforma una convivenza difficile -come quella in tutti i condomini- in un inferno.

nei cortili non c'è normativa anti incendio che tiene.

la sosta è vietata perché potrebbe recare serio pericolo a persone e cose.

E' consentito solo il carico e scarico sotto la responsabilità dei proprietari per l'attività dei loro sottoposti.

tu esponi un cartello di questo tenore,supportato dagli estremi della normativa,e lascia perdere whatsapp.

dammi retta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Condivido l'opinione e le modalità operative indicate da cicciopasticcio. Quindi credo che una volta approvate in Assemblea le quote delle sanzioni siano esigibili anche con normale Decreto Ingiuntivo in caso di non pagamento. Siete d'accordo o vedete qualche ulteriore ostacolo?

Saluti a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

buongiorno,

scusate non ho ben capito: se la sanzione non è prevista dal regolamento, è necessaria una modifica dello stesso per introdurla, corretto? basta quindi la maggioranza delle teste presenti in assemblea e 500millesimi per modificare il regolamento? ma non deve poi essere registrato da un notaio per fare in modo che sia contrattuale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
buongiorno,

scusate non ho ben capito: se la sanzione non è prevista dal regolamento, è necessaria una modifica dello stesso per introdurla, corretto? basta quindi la maggioranza delle teste presenti in assemblea e 500millesimi per modificare il regolamento? ma non deve poi essere registrato da un notaio per fare in modo che sia contrattuale?

Se il regolamento non prevede sanzioni, in assemblea regolarmente convocata si può deliberare con il quorum del 2°c. art. 1136 cc, > teste presenti in assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dello stabile (500 mlm), delle sanzioni per diverse infrazioni del RdC fissando anche la quota della sanzione, non è necessario far trascrivere e registrare il regolamento dal notaio, anche perchè in questo caso ci dovrebbe essere l'unanimità e la firma di tutti i condomini (1000/1000), ossia il regolamento che non contiene menomazioni ai diritti dei condomini può essere approvato con il quorum già detto senza nessuna trascrizione ai P.R.I. (ora AdE)

Ricordo che per comminare la sanzione sarà necessaria una nuova delibera assemblea con il quorum già detto, incaricando l'amministratore alla notifica al condomino e la relativa riscossione della quota.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Le sanzioni creano solo conflitti insanabili.

trovate un modo più intelligente e meno punitivo per risolvere i problemi.

e sono difficili da provare a meno che non trasformiate il condominio in una prigione piena di videocamere e pensionati e disoccupati appostati dietro un paravento sempre con il telefonino in mano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per la risposta : dunque l'assemblea stabilisce ad esempio che non si può parcheggiare nel parcheggio x e stabilisce euro 80 per l'infrazione. il condomino rossi durante l'anno si ostina a parcheggiare. l'amministratore per infliggere l'ammenda stabilita deve indire nuova assemblea? mi pareva che nell'art 70 fosse indicato che l'amministratore è tenuto ad irrogare sanzioni pecunarie ai condomini responsabili di infrazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie per la risposta : dunque l'assemblea stabilisce ad esempio che non si può parcheggiare nel parcheggio x e stabilisce euro 80 per l'infrazione. il condomino rossi durante l'anno si ostina a parcheggiare. l'amministratore per infliggere l'ammenda stabilita deve indire nuova assemblea? mi pareva che nell'art 70 fosse indicato che l'amministratore è tenuto ad irrogare sanzioni pecunarie ai condomini responsabili di infrazioni.
L'art 70 Dacc è molto chiaro in merito l’irrogazione della sanzione è deliberata dall’assemblea, da cui l'amministratore non può agire di propria iniziativa;

 

Art. 70. Per le infrazioni al regolamento di condominio può essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma fino ad euro 200 e, in caso di recidiva, fino ad euro 800. La somma è devoluta al fondo di cui l'amministratore dispone per le spese ordinarie. L’irrogazione della sanzione è deliberata dall’assemblea con la maggioranza di cui al secondo comma dell’articolo 1136 del Codice.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

A futura memoria sarebbe opportuno che qualsiasi norma regolamentare inserita nel RdC riportasse la data di delibera e che il RdC stesso venisse aggiornato costantemente (riportando la data di aggiornamento). Ciò comporta non solo un facile reperimento delle informazioni originarie, ma anche la possibilità di poter visionare un documento che sia sicuramente corrispondente all'ultima versione vigente!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

chiedo scusa è l'ultima volta che mi intrometto, ma io proprio non riesco ad adeguarmi alle assurdità.

in un cortile non si parcheggia e basta perché non ci sono le condizioni di sicurezza per farlo!

in genere è consentito il carico e scarico e basta.

Se chi lo fa paga una multa ma mette sotto qualcuno,lo uccide o lo ferisce gravemente,ma voi credete che il condominio non risponde?

Certo che ne risponde.

Se la macchina va a fuoco il condominio non ne risponde?

Certo che si!

Colpa in vigilando come minimo!!

Cosa ci fate con i vostri inutili 80 euro in casi simili? o anche qui è campagna elettorale?

80 euro poi che per essere riscossi dal giudice di pace ce ne vogliono almeno 500 se basta un'udienza perché il decreto ingiuntivo qui è difficile da esigere,o meglio si presta facilmente a ogni opposizione.

dovete insomma non disincentivare,ma vietare proprio i fatti in questione.

e con le multe non risolverete nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Enrico dimitri le responsabilità sono personali, se una auto va a fuoco o comunque altri problemi legati alla presenza di auto in luoghi destinati ad altro, la responsabilità è di chi tale auto la ha messa li. Ci potrebbe essere il concorso nella colpa per l'omessa vigilanza (potrebbe) se NON venissero fatte multe o richiami, ma se gli altri condomini e amministratore fanno tutto quello che è in loro potere(e più che cartelli con divieti, racc con richiami e multe non possono fare altro) nessuno potrà mai contestare nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se il regolamento non prevede sanzioni, in assemblea regolarmente convocata si può deliberare con il quorum del 2°c. art. 1136 cc, > teste presenti in assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dello stabile (500 mlm), delle sanzioni per diverse infrazioni del RdC fissando anche la quota della sanzione, non è necessario far trascrivere e registrare il regolamento dal notaio, anche perchè in questo caso ci dovrebbe essere l'unanimità e la firma di tutti i condomini (1000/1000), ossia il regolamento che non contiene menomazioni ai diritti dei condomini può essere approvato con il quorum già detto senza nessuna trascrizione ai P.R.I. (ora AdE)

Ricordo che per comminare la sanzione sarà necessaria una nuova delibera assemblea con il quorum già detto, incaricando l'amministratore alla notifica al condomino e la relativa riscossione della quota.

“Ricordo che per comminare la sanzione “ per essere piu’ corretti il termine e’ “Irrogare”

 

Le sanzione e’ già stata comminata (prevista )nel regolamento o in specifica delibera poi con successiva delibera verra’ irrogata (inflitta ) al trasgressore .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Le sanzione e’ già stata comminata (prevista )nel regolamento o in specifica delibera poi con successiva delibera verra’ irrogata (inflitta ) al trasgressore .
Hai ragione, se l'ammenda è stata già stabilita (o comminata), verrà irrogata (come avevo detto) dall'assemblea, comunque come minimo per esigere una ammenda sono necessarie almeno due assemblee, la 1° per deliberare le quote per le singole infrazioni, e la 2° per irrogare ed ambedue le decisioni devono essere approvate con il quorum del 2°c. art. 1136 cc.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Enrico, per quanto riguarda il mio condominio le sanzioni non vorrei farle inserire per scarico di responsabilità, ma perché non vedo alcun altro strumento legale per convincere i maleducati a non parcheggiare sui vialetti interni.

Tale malsana abitudine svaluta terribilmente l'aspetto del condominio, fatto di vialetti, alberi ad alto fusto e prati con piante ben curate. Detto in altre parole, vedere le auto dentro il condominio fa veramente schifo.

 

Credimi se ti dico che negli ultimi 15 anni ci sono state molte riunioni di condominio, discussioni tra persone con le buone e meno buone, tentativi di regolamentare meglio la cosa. Niente è servito. Chi vuol fare il porco comodo suo ha tutti i modi di continuare a farlo. Se li tocchiamo nel portafogli, forse, dico solo forse, qualcosa può cambiare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

la colpa in vigilando c'è sempre con o senza multe.

il pallino della sanzione è solo l'esaltazione folle del piccolo potere dei condomini su coloro che prendono in fallo, perché ognuno si sente puro e immacolato,fin quando la multa no te la prendi tu condomino,e allora vedi che reclami. e poi ti ripeto MIrko:se io non la pago che mi fai? vai dal giudice per 80 euro e ne spendi almeno 500 ad udienza? ma lo sai che i costi legali che non tornano mai indietro? e trasformi il condominio in un tutti contro tutti,come se già non bastasse il resto.

poi ognuno libero di pensarla come vuole.

nel quotidiano noto che più una cosa non ha senso,più è ostinatamente perseguita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sono appena rientrato dall'assemblea di condominio e abbiamo aggiunto al regolamento un punto che recita più o meno così: è fatto divieto di parcheggiare autoveicoli e motoveicoli nelle parti comuni all'interno del civico xxx dopo l'orario di portineria, che alla data è....

E altro articolo in cui viene stabilita una sanzione di euro 100 ai trasgressori della norma di cui sopra. L'amministratore si farà carico di raccogliere tutte le segnalazioni e le porterà nella prima assemblea di condominio per discussione e votazione.

Il tutto all'unanimità dei presenti (e con più di 500mls).

 

Servirà? Forse no, forse sì. Intanto abbiamo introdotto la norma e speriamo funzioni da deterrente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sono appena rientrato dall'assemblea di condominio e abbiamo aggiunto al regolamento un punto che recita più o meno così: è fatto divieto di parcheggiare autoveicoli e motoveicoli nelle parti comuni all'interno del civico xxx dopo l'orario di portineria, che alla data è....

E altro articolo in cui viene stabilita una sanzione di euro 100 ai trasgressori della norma di cui sopra. L'amministratore si farà carico di raccogliere tutte le segnalazioni e le porterà nella prima assemblea di condominio per discussione e votazione.

Il tutto all'unanimità dei presenti (e con più di 500mls).

 

Servirà? Forse no, forse sì. Intanto abbiamo introdotto la norma e speriamo funzioni da deterrente.

Mi pare tutto in regola, l'approvazione a norma, ti auguro che serva come deterrente, e chi ha l'abitudine di parcheggiare la smetta di farlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

enrico dimitri forse non hai ben chiaro il concetto di omessa vigilanza. Le responsabilità in tale senso ci sono se non attui tutti i mezzi a te possibili per evitare il fatto. e il condominio/amministratore di quei mezzi dispone. poi chiudo qui, se rimani di quella idea poco cambia ma con la tua logica ogni incidente ogni fatto sarebbe imputabile a qualcuno che non c'entra, oppure denuncerebbero ogni passante per omissione di soccorso quando passa davanti un incidente e non interviene attivamente non avendone le competenze.

 

ps Rubare la macchina di quello che la parcheggia in divieto e spostarla fuori non è consentito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×