Vai al contenuto
Zeta

Muffa parete coibentata

Buongiorno a tutti,

 

qualche giorno fa mi sono resa conto di avere la parete della camera da letto piena di muffa. Purtroppo, ad uno stadio avanzato in quanto davanti ho l'armadio (impossibile da spostare, se non smontato). Mi sono resa conto del problema perchè la muffa, dalla parete, ha intaccato il compensato dell'armadio ed è praticamente entrata dentro, a contatto con i vestiti.

 

Ho avvisato l'amministratore che mi ha fatta chiamare dal tecnico, il quale ha subito messo le mani avanti dicendo che potrebbe essere un problema di scarsa areazione. Oltre alla risposta scontata e poco tecnica, non vorrei che stessero mettendo le mani avanti per non intervenire: la parete piena di muffa, è una parete di cartongesso (o cmq di mattoncini forati), costruita dal precedente proprietario per isolare la stanza dalla parete esterna condominiale.

Dato che esternamente, la parete condominiale non è coperta da tettoia e presenta degli aloni molto visibili, secondo me ha immagazzinato acqua ed umidità che a lungo andare sono penetrate all'interno del muro creando muffa, che si è espansa ed ha oltrepassato la coibentazione.

 

Domani ho l'appuntamento con il tecnico che verrà a capire dov'è il problema. Mi ha già anticipato che:

 

1. non ha intenzione di bucare la parete coibentata per guardare la situazione all'interno

2. la muffa si toglie e la parete si ridipinge

3. devo spostare l'armadio dall'altra parte della camera.

 

Cose che io assolutamente non voglio fare. 1. non posso permettermi un armadio nuovo (il mio sull'altra parete non entra); 2. non voglio assolutamente che il problema si ripresenti l'inverno prossimo.

 

Ci sono delle normative che possono essermi d'aiuto? Posso "costringere" tecnico e condominio ad andare a fondo al problema facendo abbattere parte della parete coibentata?

In questo caso, lo smontaggio dell'armadio, è a carico mio o del condominio?

 

 

 

Vi ringrazio in anticipo

Identica cosa è successa anche a me, con la differenza che la muffa aveva attaccato solo superficialmente l'armadio, mentre aveva invaso il muro. Alla fine la soluzione più indolore è stata la seguente: armadio "segato" da un falegname, armadio spostato su una parete interna, letto girato, muro disinfettato e ridipinto. Ovviamente a mie spese.

Quale responsabilità addebiteresti al condominio o all'amministratore?

Saluti.

Uno dei motivi più frequenti per questo tipo di problema è sicuramente la scarsa aerazione delle stanze; in questo caso non sarebbe responsabile né il condominio né l'amministratore. Io farei fare una perizia da un tecnico abilitato nel settore in modo da capire esattamente l'origine del problema e poi mi regolerei di conseguenza.

Josefat in base a cosa si parla di scarsa areazione delle stanze? La finestra della camera da letto rimane aperta dalle 8 del mattino fino alle 17.30. Ovviamente la serranda è abbassata, ma l'aria passa eccome... Inoltre, sono 3 mesi che ho i deumidificatori in ogni stanza e non stendo MAI in casa... io ce la metto tutta!

 

Tramite i vicini ho saputo che il condominio, da quel lato del palazzo, soffre di problemi di umidità da 30 anni e l'unico accorgimento che i condomini hanno adottato nel tempo è stato coibentare le pareti di quel lato e spostare l'armadio.

Beh, se in 30 anni loro si sono adattati alla muffa, io non voglio farlo. In 30 anni a quanto pare non sono mai intervenuti, se non rattoppando qua e la e ridipingendo i muri.. Quindi al condominio addebiterei una grossa colpa, oltre tutte le spese che servono per risanare il mio appartamento ed il mio armadio! Ovviamente se è come penso io e che quindi il tutto derivi dalla parete esterna.

 

Madly perchè parli di soluzione più indolore?

 

 

.. grazie a tutti e due intanto!

Parlo di soluzione più indolore perché l'altra che mi era stata prospettata consisteva nella realizzazione del cappotto esterno, con dei costi ben diversi. Come hai potuto constatare le contropareti hanno un'efficacia limitata. Saluti.

dovete richiedere una perizia tecnica che attesti le cause effettive del problema e la loro risoluzione. Una volta accertata la responsabilità condominiale farete richiesta all'amministratore affinché si attivi per far eseguire i necessari lavori previsti in perizia.

×