Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Jay

Morosità inquilino su utenze condominiali

sono in difficoltà e mi scuso in anticipo se pongo una domanda nel luogo sbagliato (mi auguro di no) ma non so veramente più a chi rivolgermi: in un condominio di 5 appartamenti (4 di mia proprietà e uno di mio fratello) e di un ristorante (di mia proprietà), tutti allocati, un inquilino ha lasciato uno degli appartamenti e si è trasferito in un'altra città lasciando uno scoperto di oltre 5.000,00 € tra affitti non corrisposti e utenze inerenti le spese condominiali di energia elettrica, acqua e gas (nel fabbricato sono installate una caldaia con apposito accumulo di acqua sanitaria ed una pompa di calore centralizzate complete di sistema Coster per la contabilizzazione di ogni immobile). Ora l'amministratore intende addebitarmi tutti i costi non versati delle utenze, cosa che faccio fatica a comprendere, giacchè essendo stato investito ed avendo egli stesso accettato di amministrare i costi dell'intero stabile, con contributi sempre riscossi, ritengo non abbia svolto il suo mestiere nel modo migliore. Sbaglio? ha ragione lui? ringrazio in anticipo per la risposta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
sono in difficoltà e mi scuso in anticipo se pongo una domanda nel luogo sbagliato (mi auguro di no) ma non so veramente più a chi rivolgermi: in un condominio di 5 appartamenti (4 di mia proprietà e uno di mio fratello) e di un ristorante (di mia proprietà), tutti allocati, un inquilino ha lasciato uno degli appartamenti e si è trasferito in un'altra città lasciando uno scoperto di oltre 5.000,00 € tra affitti non corrisposti e utenze inerenti le spese condominiali di energia elettrica, acqua e gas (nel fabbricato sono installate una caldaia con apposito accumulo di acqua sanitaria ed una pompa di calore centralizzate complete di sistema Coster per la contabilizzazione di ogni immobile). Ora l'amministratore intende addebitarmi tutti i costi non versati delle utenze, cosa che faccio fatica a comprendere, giacchè essendo stato investito ed avendo egli stesso accettato di amministrare i costi dell'intero stabile, con contributi sempre riscossi, ritengo non abbia svolto il suo mestiere nel modo migliore. Sbaglio? ha ragione lui? ringrazio in anticipo per la risposta
Purtroppo per te l'amministratore ha ragione, in caso di morosità di un inquilino ne risponde il suo locatore, il quale però potrà rivalersi sull'inquilino;

 

In tema di spese condominiali non pagate, il debitore è sempre il condomino locatore il quale può comunque rivalersi sul conduttore. L'amministratore del Condominio, infatti, è legittimato solo nei confronti del proprietario, che è il soggetto tenuto a corrispondere i contributi concernenti i beni e i servizi comuni; il proprietario può pretendere il versamento dall'inquilino che non vi abbia provveduto direttamente, secondo gli accordi convenuti con il contratto di locazione. (Cassazione civile, Sezione II, 9 dicembre 2009, N. 25781)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

per le quote condominiali rimaste non saldate, l'amministratore - per legge - può rivolgersi esclusivamente nei confronti del condomino/proprietario/locatore, il quale (una volta pagato) potrà esercitare azione di rivalsa nei confronti del conduttore per pagato.

 

Il condominio è completamente estraneo alle intese contrattuali intercorse tra proprietario e conduttore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Come già detto, ha pienamente ragione l'amministratore.

Tu potrai rivalerti sul condomino, chiedi e ottieni un decreto ingiuntivo verso il tuo ex conduttore e rientri. Di certo non puo' l'amministratore chiedere i denari al conduttore, non ha legittimazione a fargli azione.

Ma puo' farla a te. Quindi salda.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Purtroppo per te l'amministratore ha ragione, in caso di morosità di un inquilino ne risponde il suo locatore, il quale però potrà rivalersi sull'inquilino;

 

In tema di spese condominiali non pagate, il debitore è sempre il condomino locatore il quale può comunque rivalersi sul conduttore. L'amministratore del Condominio, infatti, è legittimato solo nei confronti del proprietario, che è il soggetto tenuto a corrispondere i contributi concernenti i beni e i servizi comuni; il proprietario può pretendere il versamento dall'inquilino che non vi abbia provveduto direttamente, secondo gli accordi convenuti con il contratto di locazione. (Cassazione civile, Sezione II, 9 dicembre 2009, N. 25781)

Il compito del controllo del versamento delle quote condominiali aspetta al proprietario che anche se affitta rimane sempre l'unico responsabile. L'unica cosa che mi viene da pensare è come mai l'amministratore non ti abbia mai comunicato che l'inquilino non stava pagando gli oneri condominiali. Sei d'accordo Tullio che è strano?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il compito del controllo del versamento delle quote condominiali aspetta al proprietario che anche se affitta rimane sempre l'unico responsabile. L'unica cosa che mi viene da pensare è come mai l'amministratore non ti abbia mai comunicato che l'inquilino non stava pagando gli oneri condominiali. Sei d'accordo Tullio che è strano?
Si è strano, l'amministratore avrebbe dovuto come minimo inviare dei solleciti di pagamento al proprietario (indifferentemente chi dei due, tra proprietario ed inquilino, di solito pagava le spese condominiali), uno scoperto 5000 euro per un inquilino non è poco, sicuramente questo amministratore non avrà più la fiducia da parte di questo proprietario che possiede ben 4 appartamenti su 5 e un ristorante 🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×