Vai al contenuto
pibitzua

Molestie continue

buonasera, sono ormai alal disperazione in quanto sono vittima delle molestie dei vicini del piano di sopra in ogni momento della giornata tranne quando decidono di dormire (da mezzanotte alle 7). Quando io non sono in casa, o loro pensano che non ci sia, non si sente una mosca volare. Dopo 10 minuti dal mio rientro iniziano i rumori: oggetti strisciati sul pavimento dal nipotino, colpi di martello sul pavimento.. in mancanza di questo tv a tutto volume. Se alle 22 decido di andare a dormire (io lavoro tutto il giorno fino alle 17, non so come fanno ad accorgersi ma il volume della tv viene aumentato tanto che so quali programmi guardano. mi spia in continuazione, i miei davanzali sono pieni di peli, polvere.. comese vuotasse il sacchetto dell'aspirapolvere sul mio dvanzale. Tenete conto che anche una persona che ha visto ha detto che sembra proprio il contenuto del scchetto di un'aspirapolvere. Ormai posso riposare solo con i tappi per le orecchie ma durante il giorno non posso utilizzarli. Sottolineo che vivo sola e quindi non ho testimoni. dovrei vivere in casa mia in modo che loro no nsi accorgano che ci sono. E' vita queta? Si può configurare il reato di stalking? Proprio in questo momento hanno dato al nipotino una sedia e la trasina per tutta la casa, per non parlare di urla e altro.... preciso che non ho la tv in camera da letto, che sto molto attenta a non disturbarli ma non serve a nulla. l'unico mio difetto è che fumo e lei ha detto che ogni volta che accendo uansigaretta lei batte con il martello.. batte anche se non accendo la sigaretta

Modificato Da - pibitzua il 04 Feb 2013 alle ore 19:09:24

Scritto da Tesseri il 04 Feb 2013 - 18:58:57: Scappa via.

abito in centro e m isembr assurdo che con le molestie si possa mandare via uan persona da casa sua! no nriesco più a dormire serena e tornare a casa è un incubo

Appena puoi gurda il film "Un appartamento per tre" con Ben Stiller. Hanno girato anche un film per questi problemi. Quindi la cosa è molto comune e chi ti scrive è a sua volta uno che sta prendendo molto ma molto in considerazione di scappare via.

Scritto da pibitzua il 04 Feb 2013 - 18:55:37: buonasera, sono ormai alal disperazione in quanto sono vittima delle molestie dei vicini del piano di sopra in ogni momento della giornata tranne quando decidono di dormire (da mezzanotte alle 7). Quando io non sono in casa, o loro pensano che non ci sia, non si sente una mosca volare. Dopo 10 minuti dal mio rientro iniziano i rumori: oggetti strisciati sul pavimento dal nipotino, colpi di martello sul pavimento.. in mancanza di questo tv a tutto volume. Se alle 22 decido di andare a dormire (io lavoro tutto il giorno fino alle 17, non so come [...]

 

mamma mia...

 

"chi è causa del suo mal pianga se stesso"

Scritto da Tesseri il 04 Feb 2013 - 19:26:19: Appena puoi gurda il film "Un appartamento per tre" con Ben Stiller. Hanno girato anche un film per questi problemi. Quindi la cosa è molto comune e chi ti scrive è a sua volta uno che sta prendendo molto ma molto in considerazione di scappare via.

Guarderò pure il film, ma qualcuno m ispieghi come è possibile che, se delle persone, che io equiparo a bulli delinquenti, decidono di rtendermi la vita impossibile tanto da essere costretta a vender la casa e quindi subire un nocumento rilevante, sia dal punto divista economico che psicologico, debbano farla franca e godere del danno arrecato.

Modificato Da - pibitzua il 04 Feb 2013 20:00:51

ti capisco molto bene.ho perso il numero delle volte che sono andata dall'amministratore.io ti consiglio di documentare tutto con foto e video e poi vai da un avvocato per presentare querela,oppure vendi....

ma con la recente riforma del condominio non dovrebbe essere tutto più sotto controllo? Intanto informati cosa prevede il tuo regolamento condominiale: generalmente c'è un orario massimo in cui è consentito fare del rumore (ovviamente nei limiti della tollerabilità). Se questi fanno rumore tardi puoi sempre chiamare il 113, e poi ti fai rilasciare un verbale. Cosa prevede poi il regolamento riguardo ai tappeti scossi? Il mio per esempio prevede che non si possano scuotere (poi magari tutti lo facciamo ma con un po' di riguardo per chi sta sotto, verificando che non abbia le finestre aperte....). Se questi scuotono senza riguardo tienti una videocamera a portata di mano con tanto di data e orario ben programmati e riprendili mentre fanno i loro comodi.

Quando hai un po' di materiale utile da allegare come prova (oltre a qualcuno che ti renda testimonianza) fai una bella denuncia per stalking dai carabinieri a te più vicini. Ciao e coraggio!

 

Le leggi e i regolamenti ci sono ma non servono a nulla, perché presuppongo che esista in buon senso e l'educazione delle persone. Se chiami i carabinieri, al massimo verbalizzano il tutto. Se fai una denuncia, passa nel dimenticatoio, perché i problemi della giustizia italiana sono talmente tanti che, ovviamente, il tuo è molto, ma molto secondario. L'amministratore non può fare nulla. Oltretutto, anche davvanti a un ipotetico giudice dovresti dimostrare le tue accuse e non sarebbe una cosa così facile, perchè la tua parola vale quanto la loro e testimoni difficilmnete ne troverai. E' un po' come il posto auto per i diversamente abili. E' riservato a tutela del disabile, ma quando lo trovi occupato da un cretino, cosa puoi fare? Chiami i vigili, ma loro non escono in dieci minuti, perché sono pochi, hanno altre emergenze e tu aspetti, magari ore. Oppure quando entri in ascensore e senti odore di fumo, perché qualcuno, prima, ci ha fumato dentro. E potrei continuare per pagine intere a fare imbarazzanti esempi. Se non c'è educazione, senso civico e senso di responsabilità, non c'è legge che tenga.

Salve

Inizio col dirti che mi dispiace molto della tua situazione. Comunque al di la di questo io ti suggerisco la mediazione. È un incontro che fai con un mediatore della tua provincia, poi con te e la tua vicina dispettosa e alla fine dei giochi molte volte vengono a galla delle realtà che non avresti mai immaginato. Inoltre costa anche meno rispetto ad una causa in tribunale!

 

Vittorio Bocciero

Sembrano la fotocopia dei miei vicini di sopra, proprio la fotocopia. Per carità, hanno smesso di svuotare il sacchetto dell'aspirapolvere sui miei balconi, ma di quando in quando non disdegnano... E poi anche i miei sembrano in coma fin tanto che non siamo a casa (posso sottoscriverlo perchè spesso arrivo a casa e porto subito fuori il cane in giardino. Dalle loro finestre aperte non proviene un solo rumore. Appena rientro e apro i balconi inizia l'inferno... sarà un caso?). Stessa cosa dicasi per le sedie trascinate alle 23.00 di sera, troppa fatica alzarle!

Detto questo, c'è ben poco da fare. Come spiegato da altri prima di me, i mezzi ci sono, ma in realtà sono inefficaci. Puoi parlarci, puoi ricorrere all'amministratore per far valere il regolamento (chissà che con la riforma le ammende scoraggino i buzzurri), puoi ricorrere alle forze dell'ordine, ma non puoi cambiargli la testa. Cerca di stringere i denti e attivati come descritto sopra per limitare i danni (al sistema nervoso). Se le cose non cambiano, valuta seriamente di cambiare casa, è la tua vita.

 

Isola

Si tratta di un problema di difficile da risolvere in mancanza di prove oggettive.

E queste ultime non sono facili da reperire.

In un caso molto simile, noi abbiamo provveduto a registrare con una videocamera i rumori e quindi, dopo averne registrati per un totale di circa un paio d'ore, abbiamo portato tutto a un avvocato che ha chiesto al giudice di far rispettare la quiete dell'appartamento pena una condanna per disturbo alla quiete pubblica.

Siamo al momento in attesa di una prima udienza e di una relativa decisione del giudice.

Prima di tutto ciò, comunque, avevamo fatto inviare due raccomandate dal nostro avvocato che aveva intimato il silenzio, ma purtroppo ciò non è servito a nulla.

La cosa importante, in ogni caso, è mantenere i nervi saldi e non perdere mai il controllo, anche se non è facile.

Un'altra possibilità, consigliataci dal nostro avvocato, è di chiamare le forze dell'ordine in modo che esse verbalizzino l'accaduto, Ciò potrà essere al giudice, nel caso si dovesse giungere al suo suo ricorso.

Mi permetta, infine, di consigliarle, e lo faccio, mi creda con tutto il rispetto, anche di valutare se davvero e quando i vicini disturbano apposta. A volte, infatti, a causa di stress o di altri problemi, la nostra percezione può essere amplificata rispetto a quella che è la realtà.

Ciò non toglie che nulla giustifica i rumori molesti dei suoi vicini.

Spero di esserLe stato utile.

 

David_66

Scritto da david_66 il 05 Feb 2013 - 17:25:22: Si tratta di un problema di difficile da risolvere in mancanza di prove oggettive.

E queste ultime non sono facili da reperire.

In un caso molto simile, noi abbiamo provveduto a registrare con una videocamera i rumori e quindi, dopo averne registrati per un totale di circa un paio d'ore, abbiamo portato tutto a un avvocato che ha chiesto al giudice di far rispettare la quiete dell'appartamento pena una condanna per disturbo alla quiete pubblica.

Siamo al momento in attesa di una prima udienza [...]

Buonasera, la ringrazio per i consigli ma il problema è che, se chiamo i carabinieri e non ho prove: loro smettono di fare rumori molesti (no nso come si accorgono se c'è gente in casa) e poi mi querelano. una volta mi dissero, a mo' di sfida: "chiama la polizia e poi vediamo". Inoltre credo ci sia uan differenza enorme tra rumore normale e quello causato da martellate sul pavimento oppure mettersi a battere con i piedi alle 4 del mattino

 

Non possono querelarla se Lei chiama i carabinieri o la polizia, di Stato o locale. Lei ha tutto il diritto di rivolgersi alle forze dell'ordine a fronte di un problema di immissioni rumorose moleste nel suo appartamento. Li chiami, ovviamente, quando vi sono rumori di un certo rilievo. Se, come forse può accadere, quando giungono gli agenti i rumori cessano, Lei spiega loro tutta la Sua situazione e loro redigono un verbale. Se, meglio ancora, gli agenti constatano i rumori, li mettono a verbale e quindi Lei può procedere con un avvocato e, se lo vorrà, anche davanti a un giudice. Lo può fare in ogni caso, anche senza intervento degli agenti, ma con un loro verbale è più facile ottenere qualcosa. In ogni caso, è Lei, casomai, che querelerà i Suoi vicini molesti, non il contrario. Lei ha tutto il diritto di rivolgersi alle forze dell'ordine se viene disturbata. In ogni caso, io Le consiglio di registrare i rumori con una videocamera o con un registratore. Vedrà che anche Lei noterà come può rendere bene l'idea una registrazione. Con queste "prove" Lei potrà, ripeto, rivolgersi a un avvocato (ma in realtà anche senza prove, solo che con esse è più facile essere creduti) che valuterà, nel caso, il ricorso al giudice, che in questo caso è il giudice di pace.

 

David_66

Scritto da david_66 il 05 Feb 2013 - 22:19:06: Non possono querelarla se Lei chiama i carabinieri o la polizia, di Stato o locale. Lei ha tutto il diritto di rivolgersi alle forze dell'ordine a fronte di un problema di immissioni rumorose moleste nel suo appartamento. Li chiami, ovviamente, quando vi sono rumori di un certo rilievo. Se, come forse può accadere, quando giungono gli agenti i rumori cessano, Lei spiega loro tutta la Sua situazione e loro redigono un verbale. Se, meglio ancora, gli agenti constatano i rumori, li mettono a verbal [...]

Grazie! l'idea della videocamera mi sembra ottima, la userò eccome!

Ciao a tutti.Occhio alla videocamera!!!!Ho fatto una cosa simile e a momenti mi beccavo la denuncia per la violazione della privacy.La tipa sopra di me stendeva il bucato,le sue lenzuola mi arrivavano fino al naso...Ho pensato bene di filmare la situazione...Ho preso nele sedere.Siamo in Italia signori miei!!!

e' vero che e' difficile,pero' le leggi ci sono e' questione di spendere un po' di soldi.Prima di tutto,ha detto giusto chi affermava la" mediazione".La si puo' fare presso il sindaco della propria citta'.In caso negativo ,puo' rivolgersi all'ARPA (fa parte della ASL)o privati autorizzati che le verrano ad installare dei fonometri a pagamento ,che misurano l'intensita' del rumore.Se sono fuori legge ,potra' rivolgersi al giudice di pace(senza avvocato) il quale provvedera' a prendere le dovute decisioni.Questo per quanto riguarda il codice civile.Se vuole andare oltre potra' andare in tribunale per una causa penale.Premetto che con la nuova riforma condominiale (va in vigore tra maggio/giugno 2013),se provato,il condomino puo' essere multato: la prima volta per 200 euro e la seconda per 800 euro.Anche il giudice di pace,la prima volta multera'il condomino sino a 800 euro,la seconda volta sino a 10.000 euro.Volendo puo' anche intrapendere la via penale ,per istigazione perche' vada via, come afferma nel suo post.E' chiaro che tutto deve essere provato.Pero', le assicuro che vedendosi (il condomino disturbatore) chiamare davanti ad un giudice si calmera'.Le videocamere se non autorizzate dal giudice ,procurano una denucia

 

federico ferrara

Secondo me i rumori di tallonate o tv ad alto volume non si riescono a registrare con la telecamera.

i rumori come ho detto nel mio post, si registrano con i FONOMETRI e per avere legale devono essere installati(a pagamento) dall'ARPA o da aziende convenzionate.Le videocamere non c'entano.

 

federico ferrara

Porto le mie esperienze per un caso quasi simile.

Nello specifico un condizionatore oltremodo rumoroso.

Mi sono rivolto telefonicamente e direttamente presso Polizia Municipale, Carabinieri, Polizia. Tutti hanno detto che non possono intervenire perchè posto in luogo privato. La pol Municipale mi ha consigliato di rivolgermi all'ARPA che mi ha risposto asserendo che il loro intervento si limita alla rumorosità proveniente da impianti di fabbriche, negozi, ecc, ma non per questioni tra privati.

Ho provato a registrare rumori con videocamera e registrtore (tipo elettronico) ma il suono riprodotto non risulta fedele al rumore realmente emesso.

Preciso che ai sensi della "Privacy" è possibile ogni forma di registrazione purchè esibita unicamente alle autorità o in giudizio; unico problema è che sarà il Giudice adito a valutare la ammissibilità (potere discrezionale alquanto discutibile).

Unico consiglio datomi da un legale di chiedere una perizia fonica da tecnico abilitato richiesto in Tribunale in forma anticipata rispetto al procedimento civile per ovviare ai tempi di nomina di un CTU in corso di causa.

Un verbale redatto da 112 0 113 in assenza di rumore non lo ritengo affatto utile, anzi potrebbe ribalatare le cose, sempre ammesso che si riesca a farli intervenire.

Nel mio caso loro mi hanno riferito che pur ritenendo il rumore del condizionatore eccessivo resterebbe una valutazione soggettiva e quindi senza valore perchè non dotati di fonometro.

Spero aver fornito u contributo utile fondato su esperienze fatte.

Un cordiale saluto a tutti gli utenti.

condivido la procedura di Rey 46 che ha intrapreso per il problema del condizionatore rumoroso.L'Arpa non interviene solo per grandi rumori provenienti da locali,industrie ecc.,basta chiedere(pagando) l'installazione dei fonometri oppure a ditte convenzionate.I fonometri registreranno i rumori e in base ai decibel(di notte a finestre chiuse,di giorno a finestre aperte o chiuse)e se questi vengono superati, incorrono in un reato anche penale,mi pare la 886 cp.Naturalmente il giudice prendera' il provvedimento del caso.Questo e' previsto dalla legge.Ho letto parecchie volte queste procedure,che me li ricordo a memoria

 

federico ferrara

Scritto da federiconino il 13 Feb 2013 - 07:47:57: condivido la procedura di Rey 46 che ha intrapreso per il problema del condizionatore rumoroso.L'Arpa non interviene solo per grandi rumori provenienti da locali,industrie ecc.,basta chiedere(pagando) l'installazione dei fonometri oppure a ditte convenzionate.I fonometri registreranno i rumori e in base ai decibel(di notte a finestre chiuse,di giorno a finestre aperte o chiuse)e se questi vengono superati, incorrono in un reato anche penale,mi pare la 886 cp.Naturalmente il giudice prendera' il [...]

Prenderò contatti con l'Arpas sperando di provare non si stratta di semplice maleducazione italiota, ma di molestie rivolte alla mia persona, come di fatto è. Per loro l'importante è rovinarmi l'esistenza in modo che io abbandoni la casa. SE questo non è stalking cosa è?

 

 

come ti ho gia' postato precedentemente,si puo' ipotizzare(naturalmente con prove) anche il reato di istigazione ad abbandonare la propria casa,in virtu' di tutti quelle molestie che ti fanno.Ciao e fai le cose secondo la legge.

Scritto da serafina salutini il 04 Feb 2013 - 22:47:12: ma con la recente riforma del condominio non dovrebbe essere tutto più sotto controllo? Intanto informati cosa prevede il tuo regolamento condominiale: generalmente c'è un orario massimo in cui è consentito fare del rumore (ovviamente nei limiti della tollerabilità). Se questi fanno rumore tardi puoi sempre chiamare il 113, e poi ti fai rilasciare un verbale. Cosa prevede poi il regolamento riguardo ai tappeti scossi? Il mio per esempio prevede che non si possano scuotere (poi magari tutti lo fa [...]

Il problema è che il 113 non interviene per queste cose, ti ride in faccia...

 

Snoopy

 

- Ma chi me l'ha fatto fa di andà a vive in condominio -

 

 

×