Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
VitoCa

Modifica tabelle condominiali

Buon giorno e BUON ANNO a tutti.

Nel mio condominio, al terzo ed ultimo piano, esisteva un terrazzo di uso esclusivo di circa 70/80 mq. Tale superficie, un paio di anni fa, per circa l'80% (mq. 60) è stata completamente chiusa con una veranda costituita da infissi scorrevoli in pvc e vetrocamera con relativa copertura. Di questa situazione, pur essendone a conoscenza tutti, nessuno si è mai attivato per chiedere una revisione delle tabelle millesimali.

Lo abbiamo fatto, previa richiesta scritta all'amministratore, nell'ultima riunione di condominio nello scorso mese di novembre.

Nella stessa è stato spiegato al condomino che ha effettuato la modifica di cui sopra, della richiesta e soprattutto che tutti i costi, come stabilisce la legge, vanno ad esclusivo carico di chi ha effettuato le suddette modifiche.

Ora la mia domanda è la seguente :

 

- come ci dovremmo muovere qualora il condomino non dovesse attivarsi per la modifica delle tabelle?

 

- e soprattutto se le modifiche delle tabelle millesimali, una volta formalizzate, potranno essere

considerate retroattive e quindi rivedere tutti i costi pagati dai singoli condomini a far data

dall'installazione della veranda di cui innanzi .

 

Spero di essere stato esaustivo e nel ringraziare per la risposta saluto cordialmente

 

Vitoca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'art. 69 dacc, come dici tu, pone a carico del condòmino (responsabile di una viariazione millesimale della sua proprietà superiore a 1/5 rispetto a quella originale) le spese di rifacimento delle tabelle. Ciò significa che le spese gli verranno addebitate ... punto e basta. L'approvazione delle nuove tabelle dovrà essere formalizzata con i quorum stabiliti dal secondo comma dell'art. 1136 cc ovvero con il voto favorevole dei presenti che esprimano almeno la metà del valore millesimale dell'edificio.

 

La norma non dice che per il rifacimento delle tabelle si debba "attivare il condòmino responsabile" ma semplicemente che le spese di rifacimento sono a suo carico. Naturalmente nel caso in cui il condòmino non intenda sostenerle, l'amministratore avrà tutti gli strumenti per esigere il pagamento di quanto dovuto, anche mediante D.I.

 

Per quanto riguarda la retroattività non se ne parla. C'è ampia giurisprudenza in merito. Bilanci consuntivi approvati con tabelle non corrette non possono essere rivisti alla luce di successive variazioni, proprio perchè l'approvazione dei bilanci corrisponde ad una accettazione degli stessi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mi permetto di fare una considerazione, quello che dice Bilbetto è assolutamente corretto ci mancherebbe, ma se il terrazzo è sempre stato di proprietà esclusiva i suoi metri devono già essere presenti nei millesimi generali di proprietà, quello che probabilmente cambierà è il coefficiente utilizzato per attribuire valore millesimale a quei metri e non credo, ripeto credo magari mi sbaglio, che tale variazione vada a modificare per più di 1/5 il valore millesimale di partenza a meno che il terrazzo chiuso non venga considerato come l'appartamento...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Hai ragione j80 ... dipende dalla nuova destinazione d'uso, ma è anche vero che stiamo parlando di 60 mq, infissi con vetrocamera e quant'altro. A meno che non sia un abuso bello e buono suppongo che sia stata modificata radicalmente la destinazione d'uso e aumentare di 1/5 il valore è un attimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Hai ragione j80 ... dipende dalla nuova destinazione d'uso, ma è anche vero che stiamo parlando di 60 mq, infissi con vetrocamera e quant'altro. A meno che non sia un abuso bello e buono suppongo che sia stata modificata radicalmente la destinazione d'uso e aumentare di 1/5 il valore è un attimo.

Sarà un attimo, ma è tutto da dimostrare "aritmeticamente" con l'ausilio di un professionista.

Se 60 mq di terrazza a livello che hanno mediamente un coefficiente 0,22 sono diventati una veranda con vetri scorrevoli (di questo si tratta) con probabile coefficiente 0,40, non è affatto scontato che abbia incrementato il valore di oltre il 20% dell'appartamento.

 

Per rispondere a Vito, il condòmino che ha costruito la veranda non deve attivarsi ad un bel niente perchè a lui la situazione sta bene così.

Deve essere il condominio, A SPESE DI TUTTI, a deliberare la revisione delle tabelle e nel caso risulti l'incremento di valore di oltre il 20% e vangano approvate le nuove tabelle, ci si potrà rivalere delle spese sul condòmino che ha provocato la modifica, salvo che questi non impugni le nuove tabelle davanti al Giudice che sentenzierà dopo aver consultato un perito di propria fiducia.

 

In ultimo, se saranno approvate le nuove tabelle, queste non potranno essere retroattive ma andranno in vigore dalla data di approvazione per cui non potranno essere ricalcolate le spese regresse con i nuovi millesimi.

 

Al link di seguito i vari coefficienti

http://www.condomini.altervista.org/CoefficientiMilesim.htm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×