Vai al contenuto
GIADAC

Modifica Ordine del giorno Assemblea Straordinaria Richiesta 3 Condomini

3 Condomini Rappresentanti oltre i 400 millesimi del condominio hanno richiesto alla persona a cui è stato delegato il compito di convocare l'Assemblea(essendo 8 condomini abbiamo deciso di autogestirsi senza nominare un Facente Funzioni ma Delegando le Principali Funzioni di questa figura tra 2 persone)mettendo una serie di Argomenti all'Ordine del Giorno.

 

Il delegato a tale funzioni,tra l'altro un praticante avvocato, ha cambiato,tranne il punto della Nomina/Revoca Amministratore,tutti i punti all'ordine del giorno.Ho letto che la Corte di Cassazione, con la Sentenza n.26336 del 31 ottobre 2008, ha stabilito che quando l'Assemblea Straordinaria è richiesta da almeno 2 condomini rappresentanti 1/6 del valore del condominio,questi non possono essere in alcun modo modificati dall'Amministratore(cosa che ripeto lui non è):

http://avvertenze.aduc.it/condominio/ordine+giorno_16036.php

 

1)Lo poteva fare e mi confermate la validità di questa sentenza?

 

 

2)Per dei lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione che avevamo chiesto fossero messi all'ordine del giorno, ha scritto che sia necessario nominare un tecnico che ne valuti l'opportunità in quanto secondo lui non sono necessari.Chiedo conferma,a me non pare assolutamente,che un condominio per deliberare dei lavori anche di straordinaria manutenzione debba prima chiederne una valutazione circa l'opportunità ad un tecnico....Che sia il cambio di colore della facciata,la decisione di mettere una guaina che non esiste sotto il tetto condominiale non basta che l'assemblea deliberi con le maggioranze previste per legge? Mi sembra assurdo che un condomino dissenziente possa dire che senza un valutazione tecnica che attesti la validità e la necessità di questi lavori questi non potrebbero essere effettuati seppure validamente deliberati.

 

3)Ha ritirato la raccomandata il 05/06 e con l'intento chiaro e provocatorio,visto che non vuole che sia nominato un nuovo amministratore(ho letto che anche in seconda convocazione occorrono i 500 millesimi dei condomini)e che siano fatti questi lavori(ci ha detto chiaramente verbalmente a me ed un'altra persona varie volta la necessità di questi lavori.Ma dopo che non abbiamo fatto fare i lavori alla ditta del cognato di sua moglie che sarebbero costati al condominio 1300 euro in più da quella scelta dagli altri ci aveva promesso che ce l'avrebbe fatta pagare scrivendolo anche in un messaggio mail a me inviato...),ha convocato la stessa in prima e seconda convocazione il 04 ed il 05 Agosto(60 giorni dalla ricevuta della convocazione) alle 9 la mattina in entrambe le sedute.E' corretta questo modo di operare da chi non è ne Amministratore ne un Facente Funzioni?

 

Grazie mille in anticipo.

Salve,

questo é sicuramente il rischio di rivolgersi a gente che non ha conoscenze in ambito condominiale. Voglio ricordare che la nuova legge di riforma 220/2012 richiede una preparazione specifica per l'amministrazione co dominiale ed immobiliare.

Detto ció, andiamo ad analizzare le singole domande:

 

1) L'OdG viene di solito richiesto dai condomini e l'Amministratore si limita a scriverlo nelle forme canoniche o piú chiare e semplici possibili. Se si vuole deliberare sulla revoca amministratore, dovrá scrivere "Revoca e nomina Amministratore". Se il condomino gli chiede un Odg sui posteggi condominiali scriverá "Ipotesi di regolamentazione turnaria posteggio condominiale".

Sto facendo questi esempi per chiarire che l'OdG non puó essere stravolto nel suo significato intrinseco ed estrinseco.

 

2) A tal proposito voglio ricordare una massima: l'Amministratore é mero esecutore della volontá assembleare. Lui non puó deciddre nulla, caso mai proporre, ma a decidere sono sempre i condomini.

Quindi é sicuramente errato il comportamento di modifica dell'OdG. In ambito di assemblea può senz'altro proporre che venga nominato un tecnico, non tanto per valutare l'opportunitá o meno dell'opera, che non gli compete, quanto perché in ambito di lavori straordinari andrá nominato un Direttore dei Lavori. Quest'ultimo si occuperá di redigere il capitolato da far approvare all'assemblea.

Dunque per chiarire l'assemblea puó benissimo deliberare di cambiare colore facciata (attenzione alle norme comunali), o fare qualsiasi altra opera, approva tale delibera, poi si dovrá fare altra o contestule assemblea per la nomina del DL che seguirá i lavori. Di certo non spetta ne all'Amministratore ne al tecnico decidere se l'opera é opportuna o meno (sempre se opera a norma di legge).

 

3) Riguardo a tale comportamento, secondo alcuni basta che l'Amministratore convochi l'assemblea, non importa quando, basta che lo faccia.

In realtá secondo la Cassazione tale comportamento viene indicato come "ostruzionistico" e per tale motivo sanzionabile.

 

Cordiali saluti.

Grazie Nicolas,

Per il primo punto volevo avere conferma della sentenza della Cassazione n.26336 del 31/10/2008 che impedisce all'Amministratore di modificare l'ordine del giorno quando la richiesta di convocazione viene fatta da almeno 2 condomini che rappresentano 1/6 dei millesimi.

 

Per il secondo punto è chiaro che se ci vuole un D.L. questo andrà nominato con apposita delibare, ma in questo caso non si parla di questa opportunità ma di ben altro.Lui ha contestato,senza averne il diritto,l'opportunità di certi lavori sostenendo e ritenendoli non necessari e che allo scopo serve una relazione di un tecnico.Al posto delle delibera dei lavori ha messo come punto all'ordine del giorno nomina tecnico che valuti opportunità di questi lavori....

 

Per il terzo punto lui sta esercitando in toto un comportamento ostruzionistico esercitando tra l'altro funzioni e ruoli che non gli sono stati mai delegati o attributi attraverso una nomina.Si spaccia di essere il facente funzioni quando gli sono state attribuite solo 3 funzioni in modo esclusivo ed io risulto essere Rappresentante Legale ed ancora amministratore nei confronti dell'Ade,della banca(posso solo io pagare e riscuotere i crediti e debiti condominiali),con l'Assicurazione e il Fornitore Elettrico.Ci sono gli estremi per una denuncia e come si dimostra questo comportamento ostruzionistico?

Salve,

a prescindere dalle sentenze la quale ricordo hanno sempre valore tra le parti, ma sicuramente sono indicatorie di un certo orientamento giurisprudenziale, l'OdG in qualsiasi forma esso è richiesto non può essere stravolto.

 

Se lei è rappresentante presso l'AdE e presso la banca di fatto è lei che esercita le funzioni da Amministratori, di conseguenza l'eventuale mandato conferito si può revocare. Però su tale punto sarebbe utile capire e vedere nel dettaglio la nomina di questo facente funzioni.

 

Cordiali saluti.

×