Vai al contenuto
cimar46

Modalita' stipula polizza amm.re

buona sera, gradirei che qualcuno mi spiegasse le modalita' che l'amm.re deve seguire per la stipula. provo a capirci:una volta stipulato alla cifra corrispondente all'ultimo consuntivo, io condomino posso averne una copia, vero? nel caso lui ne abbia gia' una per conto suo e la abbia integrata, potro' io continuare ad averne copia?. ancora un ultimo caso, l'amm.re ha gia' una sua polizza, la integra con una nuova richiestagli dall'assemblea, nel contempo ci sono lavori straordinari. a questo punto lui avra' una sua personale polizza, una del condominio nostro e una per i lavori straordinari. ora, se io alla fine chiedo copia della polizza finale, come penso da mio diritto, puo' l'amm.re negarmi di averne copia adducendo che la stessa e' comprensiva anche della prima parte iniziale che non interessa il mio condominio? in c aso di un suo diniego e per non violare la sua privacy relativa al contenuto della sua originaria polizza, ai fini di un sempre utile controllo del suo operato, non pensate che sarebbe meglio farne stipulare una solo per il nostro condominio? se non sbaglio il costo dovrebbe ricadere su di lui, anche se poi potremmo accordargli un compenso adeguato. aspetto qualche risposta, ciao p.s. dimenticavo, la polizza per la sola parte dei lavori straordinari verrebbe pagata da noi?

vedo che c'e' gente che rimane a discutere sullo stesso argomento per delle settimane, mentre a qualcuno che chiede un parere su qualcosa abbastanza attuale non viene dato nessun credito. non e' che sono capitato su maria de filippi?!!!

Forse, perchè non è molto chiaro quello che chiedi ??

Provo a risponderti genericamente, tu puoi chiedere di visionare tutta la documentazione condominiale che vuoi, se vuoi estrarre copia, l'amministratore potrebbe addebitarti un costo.

IL fatto che lui abbia fatto una polizza che comprende anche la sua RC, mi sembra veramente strano in quanto quella è assolutamente privata e non ha nulla a che fare con il condominio.

Forse, perchè non è molto chiaro quello che chiedi ??

Provo a risponderti genericamente, tu puoi chiedere di visionare tutta la documentazione condominiale che vuoi, se vuoi estrarre copia, l'amministratore potrebbe addebitarti un costo.

IL fatto che lui abbia fatto una polizza che comprende anche la sua RC, mi sembra veramente strano in quanto quella è assolutamente privata e non ha nulla a che fare con il condominio.

cerco di essere piu' chiaro e possibilmente scarno. quando leggo che l'amm.re gia' in possesso di una polizza la deve integrare a seguito di richiesta dall'assemblea, io condomino posso averne una copia oppure mi e' vietato dal momento che solo la parte integrata interessa il mio condominio.? grazie per l'att.ne prestatami

Lo stabile deve avere una sua assicurazione (non obbligatoria) e l'amministratore una sua assicurazione professionale (non obbligatoria) che deve stipulare se l'assemblea lo richiede in fase di nomina.

Le due assicurazioni non possono essere fuse, ma restano distinte e tu puoi avere copia di entrambe le polizze.

La RC dell'amministratore deve essere adeguata in caso di lavori straordinari almeno per l'importo dei lavori da eseguire e l'assicurazione dell'amministratore deve rilasciare un' attestazione che garantisca che la copertura dell'amministratore copra anche il tuo condominio.

Lo stabile deve avere una sua assicurazione (non obbligatoria) e l'amministratore una sua assicurazione professionale (non obbligatoria) che deve stipulare se l'assemblea lo richiede in fase di nomina.

Le due assicurazioni non possono essere fuse, ma restano distinte e tu puoi avere copia di entrambe le polizze.

La RC dell'amministratore deve essere adeguata in caso di lavori straordinari almeno per l'importo dei lavori da eseguire e l'assicurazione dell'amministratore deve rilasciare un' attestazione che garantisca che la copertura dell'amministratore copra anche il tuo condominio.

grazie per l'estrema chiarezza, kurt, quello che non avevo ben compreso era che le polizze devono essere distinte.ciao

grazie per l'estrema chiarezza, kurt, quello che non avevo ben compreso era che le polizze devono essere distinte.ciao

Non è detto.

Nulla vieta all'assemblea di inserire nella polizza globale fabbricati, intestata e pagata dal condominio, la garanzia accessoria della responsabilità civile dell'amministratore pro-tempore.

 

Se il condominio optasse per la polizza professionale stipulata dall'amministratore, oltre ad avere la certificazione dell'assicurazione che attesti che è coperto anche un determinato condominio, credo sia importante sapere il massimale su cui l'assicurazione risponde per il singolo condominio indipendentemente dal massimale coperto per tutti i condominii.

Se per esempio un amministratore è assicurato per un massimale totale (per tutti i condominii) di duecentomila euro ed amministra 50 condominii a cui provoca sanzioni fiscali di diecimila euro ciascuno per un totale di cinquecentomila euro, pensate che l'assicurazione rimborsi tutti i condominii?

 

Gli amministratori professionisti nei loro preventivi di nomina (che si trovano anche nelle cassette postali) usulamente sottilineano il possesso di una polizza professionale che spesso altro non è che la polizza offerta dall'associazione di appartenenza e compresa nella quota associativa. Quelle polizze generalmente hanno un massimale per amministratore e non per condominio.

Non è detto.

Nulla vieta all'assemblea di inserire nella polizza globale fabbricati, intestata e pagata dal condominio, la garanzia accessoria della responsabilità civile dell'amministratore pro-tempore.

 

Se il condominio optasse per la polizza professionale stipulata dall'amministratore, oltre ad avere la certificazione dell'assicurazione che attesti che è coperto anche un determinato condominio, credo sia importante sapere il massimale su cui l'assicurazione risponde per il singolo condominio indipendentemente dal massimale coperto per tutti i condominii.

Se per esempio un amministratore è assicurato per un massimale totale (per tutti i condominii) di duecentomila euro ed amministra 50 condominii a cui provoca sanzioni fiscali di diecimila euro ciascuno per un totale di cinquecentomila euro, pensate che l'assicurazione rimborsi tutti i condominii?

 

Gli amministratori professionisti nei loro preventivi di nomina (che si trovano anche nelle cassette postali) usulamente sottilineano il possesso di una polizza professionale che spesso altro non è che la polizza offerta dall'associazione di appartenenza e compresa nella quota associativa. Quelle polizze generalmente hanno un massimale per amministratore e non per condominio.

la spiegazione di leonardo mi convince che alla fin fine, per una maggiore trasparenza e' consigliabile far stipulare all'amm.re una nuova polizza distinta da quella del fabbricato, riconoscendogli un adeguato compenso all'atto dell'accettazione dell'incarico. la versione di kurt per me e' la piu' consigliabile anche per una piu' facile comprensione da parte dei condomini, fermo restando che leonardo si riferisce ad amm.ri ben qualificati che per il momento penso non abbondino.

la spiegazione di leonardo mi convince che alla fin fine, per una maggiore trasparenza e' consigliabile far stipulare all'amm.re una nuova polizza distinta da quella del fabbricato, riconoscendogli un adeguato compenso all'atto dell'accettazione dell'incarico. la versione di kurt per me e' la piu' consigliabile anche per una piu' facile comprensione da parte dei condomini, fermo restando che leonardo si riferisce ad amm.ri ben qualificati che per il momento penso non abbondino.

Io sono dell'idea che se si vuole subordinare la nomina dell'amministratore ad una polizza, questi comunque chiederà un compenso adeguato alla spesa che dovrà sostenere.

Se il condomino ha già una polizza globale fabbricati, tanto vale che si accolli subito il costo (che in un modo o nell'altro è sempre a suo carico) aggiungendo la garanzia accesoria e personalizzando il massimale al solo condominio ed a favore dell'amministratore pro-tempore.

In tal modo il condominio, dovesse cambiare anche un amministratore al mese, è sempre coperto e non dovrà indagare sul tipo di polizza in possesso dell'amministratore subentrante.

Io sono dell'idea che se si vuole subordinare la nomina dell'amministratore ad una polizza, questi comunque chiederà un compenso adeguato alla spesa che dovrà sostenere.

Se il condomino ha già una polizza globale fabbricati, tanto vale che si accolli subito il costo (che in un modo o nell'altro è sempre a suo carico) aggiungendo la garanzia accesoria e personalizzando il massimale al solo condominio ed a favore dell'amministratore pro-tempore.

In tal modo il condominio, dovesse cambiare anche un amministratore al mese, è sempre coperto e non dovrà indagare sul tipo di polizza in possesso dell'amministratore subentrante.

sono perfettamente d'accordo, aggiungerei che, dopo aver fatto una buona indagine sull'amm.re prima della sua nomina e conosciuta la sua rettitudine, forse si potrebbe anche fare a meno della sua polizza. buona domenica

sono perfettamente d'accordo, aggiungerei che, dopo aver fatto una buona indagine sull'amm.re prima della sua nomina e conosciuta la sua rettitudine, forse si potrebbe anche fare a meno della sua polizza. buona domenica

Nel nostro condominio abbiamo assicurato l'amministratore pro-tempore (che ora sono io) per un massimale di 250 mila euro per un solo condominio.

Secondo me gli amministratori retti e corretti neanche la cominciano la professione senza cautelarsi con una polizza professionale perchè con tutti gli adempimenti fiscali e sulla sicurezza basta un niente per beccarsi pesanti sanzioni.

 

Un esempio pratico:

In base al decreto legislativo n. 31 del 2001 l'amministratore è responsabile della qualità dell'acqua erogata a valle del contatore dell'acquedotto ma il decreto non specifica e non obbliga l'amministratore a fare determinati adempimenti per manlevarlo da responsabilità.

 

Nel mio condominio si fanno 2 pulizie annuali del serbatoio acqua di duemila litri con amuchina; un'analisi annuale dell'acqua prelevata da un rubinetto del primo piano e da un rubinetto dell'ultimo piano; ogni due anni facciamo fare un intervento di sanificazione al serbatoio e alle colonne montanti con prodotto a base di periossido di idrogeno e ioni di argento (chiudiamo l'acqua per almeno 8 ore) come si fa negli alberghi ed ospedali.

Direi di averci messo la diligenza del buon padre di famiglia ma se nonostante tutto venisse un controllo ed in quel momento trovasse l'acqua non adatta al consumo umano scatterebbe una sanzione per l'amministratore da 10mila a 60mila euro.

Leggi questa discussione:

https://www.condominioweb.com/forum/quesito/controllo-acqua-condominiale-obbligatorio-51816/

ti devo confessare che di questa faccenda della responsabilita' dell'amm.re addirittura sul controllo delle acque non ne conoscevo nulla. immagino che oltre a questo, vi siano anche altri obblighi dell'amm.re di cui non solo io ne sia a conoscenza. alcuni condomini del mio parco vorrebbero mandar via l'amm.re per alcuni suoi comportamenti non troppo corretti. ho fatto notare a loro che al giorno d'oggi l'amm.re deve avere un mix di conoscenze amministrative, legali ed essere un professionista. se poi non ti sembra di fiducia devi essere tu condomino a stargli addosso. in definitiva, come ben dice leonardo, e' cosa buona e giusta prendere tutte le precauzioni del caso per la tranquillita' dei due soggetti. ciao

×