Vai al contenuto
ANNINA

Mini condominio - siamo un condominio di 5 unità senza amministratore esterno

Buon pomeriggio a tutti,

scrivo a proposito di una questione sorta oggi..... siamo un condominio di 5 unità senza amministratore esterno, e cmq muniti di c.f..

Stiamo eseguendo dei lavori su parti comuni e secondo una direttiva dell Ade, per usufruire della detrazione fiscale del 50% su parti comuni per i mini condomini senza amm.ore, si deve fare ft direttamente al condominio (munito di cf) e del pagamento se ne occupa uno dei condomini a mezzo bonifico parlante disposto dal conto corrente appunto di un condomino delegato dagli altri a fare questo.

quindi ho aperto un nuovo c/c sono state versate le quote di ogni condomino, e al momento di pagare la fattura allo sportello in banca il cassiere si rifiuta perchè il conto è intestato a persona fisica e la ft è intestata al condominio. Tutto questo invece accedendo al c/c on line è possibilissimo .... non c ' è impedimento alcuno nel preparare un bonifico e inserire come beneficiario il condominio (cf), il cf del condomino che effettua il pagamento e qualsiasi altra informazione.

Premetto che non ho richiesto l 'accesso on line perche' si trattava di soli due bonifici e poi sarebbe stato chiuso il c/c.

Non so se sono stata chiara, ma voglio andare fino in fondo a questa questione.... non la ritengo una cosa ammissibile......

Sto forse sbagliando in qualche punto, mi manca qualche passaggio, ma non mi convince il fatto che on line sarebbe già stato fatto e allo sportello non si puo'.....

Ormai è questione di principio e spostero' anche l altro c/c ma vorrei sapere da qualcuno se possono opporsi e se cmq posso segnalare questo ostruzionismo o non so come chiamarlo a qualche autorità competente.

Grazie, saluti

scusami ma non avete aperto un c/c bancario a nome del condominio? quindi persona giuridica!!

Mi associo, che c'azzecca intestare ad un privato un conto corrente condominiale? Il conto corrente DEVE essere intestato al codice fiscale del condominio, il referente potrà anche essere una persona fisica che si è registrata all'agenzia delle entrate quale "persona che svolge funzioni analoghe a quelle dell'amministratore"

No, ho letto questo articolo:

QUOTE:

In presenza di un "condominio minimo", edificio composto da un numero non superiore a otto condomini (prima delle modifiche apportate dalla legge n. 220 del 2012 all'articolo 1129 c.c. il riferimento era a quattro condomini), risulteranno comunque applicabili le norme civilistiche sul condominio, fatta eccezione dell'articolo 1129 e 1138 c.c. che disciplinano rispettivamente la nomina dell'amministratore (nonché l'obbligo da parte di quest'ultimo di apertura di un apposito conto corrente intestato al condominio) e il regolamento di condominio (necessario in caso di più di dieci condomini).

Ne discende che, al fine di beneficiare della detrazione per i lavori di ristrutturazione delle parti comuni prevista dall'articolo 16-bis del TUIR, i condomini che, non avendone l'obbligo, non abbiano nominato un amministratore dovranno obbligatoriamente richiedere il codice fiscale ed eseguire tutti gli adempimenti previsti dalla richiamata disposizione a nome del condominio stesso.

Per quanto concerne i pagamenti è necessario effettuare i bonifici indicando, oltre al codice fiscale del condominio, anche quello del condomino che effettua il pagamento (cfr. circolare n. 57/E del 1998), che potrà essere tratto indifferentemente sul conto corrente bancario ovvero postale di uno dei condòmini, a tal fine delegato dagli altri, o su conto appositamente istituito, demandando all'accordo degli interessati la definizione delle modalità interne di regolazione del pagamento, fermo restando il principio che la detrazione può spettare soltanto in ragione delle spese effettivamente sostenute da ciascuno e il rispetto delle altre prescrizioni stabilite dal decreto interministeriale n. 41 del 1998 e dal Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 2 novembre 2011.

Fonte /agevolazioni-fiscali-ecco-perch%E8-lassenza-dellamministratore-di-condominio-complica-liter.2282#ixzz3amb6JW35https://www.condominioweb.com/agevolazioni-fiscali-ecco-perch%E8-lassenza-dellamministratore-di-condominio-complica-liter.2282#ixzz3amb6JW35

https://www.condominioweb.com

UNQUOTE

scusami, ma il tuo problema allo sportello in banca non è il codice fiscale del condominio, nè quello della persona condomino delegato a effettuare il bonifico, in banca ti hanno rifiutato di eseguire il bonifico per detrazione fiscale perchè voi avete aperto un c/c intestato a un condomino (persona fisica) e non al condominio (persona giuridica) , non so se sono stato chiaro. Voi dovevate aprire il c/c intestato al condominio (persona giuridica) con delega di un condomino ad eseguire le operazioni in banca.

intanto grazie per le risposte ma da quanto leggo io invece capisco che "il pagamento potrà essere tratto indifferentemente sul conto corrente bancario ovvero postale di uno dei condòmini, a tal fine delegato dagli altri, o su conto appositamente istituito"... ma non vuol dire che si puo' usare un c/c di un condomino??????

tratto da CIRCOLARE ADE N. 11/E DEL 21/05/2014 al paragrafo 4.3

Perfetto, allora sarà sufficiente mettere al corrente la banca di tali prescrizioni e presentarsi con la delega degli altri condomini.......................comunque mi sorge il dubbio che magari queste complicazioni si sarebbero evitate non aprendo un conto "personale"

Già fatto ... ho fatto vedere che avevo delega degli altri condomini che tra l altro hanno pure fatto i versamenti, e poi cosa strana agendo da casa on line avrei potuto fare tutto... è questa la cosa che non mi convince. so pure che per aprire il c/c intestato al condominio in banca avevano bisogno di verbali ufficiali di assemblea, convocazioni fatte a dovere ecc ecc e tante altre cose che sono al di fuori delle mie competenze e conoscenze. è stato fatto per semplificare le cose e non vorrei aver sbagliato.

scusami, ma il tuo problema allo sportello in banca non è il codice fiscale del condominio, nè quello della persona condomino delegato a effettuare il bonifico, in banca ti hanno rifiutato di eseguire il bonifico per detrazione fiscale perchè voi avete aperto un c/c intestato a un condomino (persona fisica) e non al condominio (persona giuridica) , non so se sono stato chiaro. Voi dovevate aprire il c/c intestato al condominio (persona giuridica) con delega di un condomino ad eseguire le operazioni in banca.

Per i condominii senza amministratore resta l'obbligo del codice fiscale del condominio ma non l'obbligo di apertura c/c condominiale.

La circolare 11/E del 2014 citata da Annina è chiara:

 

Per quanto concerne i pagamenti è necessario effettuare i bonifici indicando, oltre al codice fiscale del condominio, anche quello del condomino che effettua il pagamento (cfr. circolare n. 57/E del 1998), che potrà essere tratto indifferentemente sul conto corrente bancario ovvero postale di uno dei condòmini, a tal fine delegato dagli altri, o su conto appositamente istituito

Il problema è della banca che non vuole seguire questa procedura.

Più che farsi dare il nome dell'operatore anticipandogli, dopo avergli fatto leggere la circolare 11/E 2014 disponibile a questo link

http://efficienzaenergetica.acs.enea.it/doc/circolare_11e21maggio2014.pdf

che sarà scritta una lettera di protesta alla sede centrale con indicazione dell'operatore che ha rifiutato l'operazione...

direi che l'unica cosa che resta da fare e aprire un nuovo c/c o a nome del condominio o a nome di un condòmino non prima di aver verificato se consentono il bonifico per conto del condominio.

Grazie mille ... questo è confortante perchè è quello che sto aspettando da un' altra banca...... oggi mi sono sentita presa di mira dai dipendenti della banca e dalla direttrice che ne sapevano ben poco e direi proprio niente a tal proposito.

Grazie mille ... questo è confortante perchè è quello che sto aspettando da un' altra banca...... oggi mi sono sentita presa di mira dai dipendenti della banca e dalla direttrice che ne sapevano ben poco e direi proprio niente a tal proposito.

Fai un giro delle banche perchè ognuna ed ogni filiale ragiona a modo suo.

Se trovi la banca giusta anche l'apertura di un c/c/ condominiale è possibile con delega dei condòmini.

Due anni fa in due filiali diverse dello stesso istituto, nella stessa città, per il pagamento dell'IMU una filiale mi rifiutò il pagamento con F24 semplificato pretendendo l'F24 classico in 3 copie; l'altra filiale non mi fece nessun problema.

Siamo in Italia.

×