Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
patri1x2

Millesimi di proprietà - sono passati tre anni ma le cose non sono cambiate

Durante la prima riunione condominiale si è verbalizzato di far eseguire una verifica sui millesimi di proprietà di alcuni appartamenti tuttora vuoti per evidenti errori di calcolo, sui quali il costruttore, esecutore degli stessi, ha ammesso l’irregolarità contestata.

Sono passati tre anni ma le cose non sono cambiate. L’amministratore nonostante i continui solleciti non riesce a far modificare quanto richiesto. Fra breve ci sarà l’assemblea per l’approvazione del consuntivo 2014/2015 e ovviamente con millesimi di proprietà errati risulterà falsato.

Agli esperti si domanda cosa sarà possibile fare in quella occasione o in seguito per essere giustamente soddisfatti.

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Durante la prima riunione condominiale si è verbalizzato di far eseguire una verifica sui millesimi di proprietà di alcuni appartamenti tuttora vuoti per evidenti errori di calcolo, sui quali il costruttore, esecutore degli stessi, ha ammesso l’irregolarità contestata.

Sono passati tre anni ma le cose non sono cambiate. L’amministratore nonostante i continui solleciti non riesce a far modificare quanto richiesto. Fra breve ci sarà l’assemblea per l’approvazione del consuntivo 2014/2015 e ovviamente con millesimi di proprietà errati risulterà falsato.

Agli esperti si domanda cosa sarà possibile fare in quella occasione o in seguito per essere giustamente soddisfatti.

Grazie.

Art 69

I valori proporzionali delle singole unità immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui all'articolo 68 possono essere rettificati o modificati all’unanimità. Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista dall'articolo 1136, secondo comma, del codice, nei seguenti casi:

1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;...

Le nuove tabelle vanno in vigore dalla data di approvazione.

Se approvate il consuntivo le nuove tabelle di riparto potranno essere utilizzate solo dal prossimo esercizio.

Io consiglio di non approvare il consuntivo specificando che sarà ripresentato con le nuove tabelle dopo averle approvate.

 

Perchè non riuscite ad approvare le nuove tabelle?

Non avete la maggioranza di almeno 500 millesimi?

In mancanza di maggioranza, chi ne ha interesse deve rivolgersi al Giudice.

E' l'assemblea che approva e l'amministratore non ha alcun potere su questo.

Se invece l'amministratore indugia sul trovare un tecnico, trovatelo voi e deliberate di dare incarico al tecnico di vostro gradimento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il problema è che la maggioranza ce l'ha il costruttore essendo lo stabile per più della metà invenduto. Di conseguenza il costruttore si dovrebbe assumere l'onere completo del nuovo tecnico essendo suo l'errore visto che i millesimi sono stati da lui costruttore calcolati e rilasciati ai nuovi proprietari all'atto del rogito. Dopo tre anni però, non so per quali motivi, il costruttore non si muove e rimane impassibile alla richiesta di modifica, anche se lui ammette l'evidente errore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il problema è che la maggioranza ce l'ha il costruttore essendo lo stabile per più della metà invenduto. Di conseguenza il costruttore si dovrebbe assumere l'onere completo del nuovo tecnico essendo suo l'errore visto che i millesimi sono stati da lui costruttore calcolati e rilasciati ai nuovi proprietari all'atto del rogito. Dopo tre anni però, non so per quali motivi, il costruttore non si muove e rimane impassibile alla richiesta di modifica, anche se lui ammette l'evidente errore.

ll costruttore non aveva l'obbligo di far redigere le tabelle millesimali.

I condòmini hanno accettato quelle tabelle all'atto del rogito ma se sono errate, l'assemblea può deliberarne la modifica con la maggioranza degli intervenuti ed almeno 500 millesimi.

Il costo delle nuove tabelle sarà ripartito per millesimi di proprietà tra TUTTI i condòmini.

Se il problema non è rappresentato dai millesimi del costruttore (che ha ammesso l'errore) ma dal chi deve accollarsi le spese ed il costruttore, avendo più di 500 millesimi, rinvia per non pagare più di metà della spesa, avete 3 possibilità:

 

1) Aspettate che il costruttore venda qualche altro appartamento in modo da perdere la maggioranza assoluta dei millesimi.

 

2) Deliberate (al'unanimità) la revisione delle tabelle esentando il costruttore dalla partecipazione alla spesa

 

3) Un qualsiasi condòmino (o un gruppo di condòmini oppure tutti i restanti condòmini escuso il costruttore) si rivolge al Giudice per far approvare le nuove tabelle.

 

Chiaramente la soluzione N° 3 è più teorica che pratica perchè oltre ai costi per la redazione di nuove tabelle da un tecnico nominato dal Tribunale ci saranno da pagare anche le spese di Giudizio e la spesa aumenterà notevolmente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La predisposizione delle tabelle millesimali da parte del costruttore fa parte di un articolo del regolamento condominiale, anch'esso consegnato ai condomini all'atto del rogito.

Pertanto. visto che l'errore è stato fatto da parte del costruttore, non capisco perché la spesa debba essere suddivisa tra tutti i proprietari. Perché il tutto non va a ricadere sul costruttore?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
La predisposizione delle tabelle millesimali da parte del costruttore fa parte di un articolo del regolamento condominiale, anch'esso consegnato ai condomini all'atto del rogito.

Pertanto. visto che l'errore è stato fatto da parte del costruttore, non capisco perché la spesa debba essere suddivisa tra tutti i proprietari. Perché il tutto non va a ricadere sul costruttore?

Perchè l'errore deve essere riconosciuto e appurato dall'autorità giudiziaria. A meno che il costruttore non lo abbia ammesso per iscritto, la vostra parola vale la sua.

 

La via n.3 indicata da Leonardo, attualmente è l'unica se volete tempi minori (sulla carta), oppure uno strumento di pressione sul costruttore che potrebbe indurlo a miti consigli, dato che possiede immobili invenduti.

Se si è in più d'uno si divide la spesa, visto che nulla cade dal cielo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×