Vai al contenuto
Kadath Dragon

Messa a norma impianto a gas e passaggio tubature su spazi condominiali

Ho richiesto ad un tecnico una dichiarazione di rispondenza dell'impianto gas del mio appartamento, ma, dopo il sopralluogo, mi ha detto che non la può rilasciare perché le tubature sono interrate e quindi non può sapere come sono state eseguite. L'unica alternativa proposta è la messa a norma dell'impianto, con posa di una nuova tubatura esterna (come da normativa vigente) dal contatore al mio appartamento.

Il tubo in questione passerebbe in corridoi esterni condominiali (ma non in facciata per intenderci).

A mia richiesta l'amministratore ha prima detto che ci vuole un'assemblea straordinaria, e poi che per velocizzare i tempi si dovrebbe fare una raccolta firme con successiva ratifica alla prima assemblea.

Detto che sono ancora in attesa di chiarimenti su questa fantomatica "raccolta firme", ma è veramente necessaria l'autorizzazione del condominio, visto che si tratta di messa a norma di un impianto e non ho chiaramente alternative alla tubatura esterna?

Anche perché avrei una certa urgenza di fare i lavori (servono per il rilascio dell'idoneità alloggiativa al mio inquilino)

 

Grazie

Veramente anche le tubazioni interrate sono a norma. È invece vietato utilizzare spazi comuni interni per il transito delle tubazioni mentre sono ammesse sulle facciate esterne.

 

Se vuoi posareuna nuova tubazione sulla facciata non serve il permesso ma è buona norma consultare l'assemblea che può regolamentare ma non vietare.

Mi spiego meglio. Le tubazioni interrate probabilmente sono a norma, ma siccome la casa è stata ristrutturata negli anni '80 e non ci sono dichiarazioni di conformità, oggi un tecnico non si fida a rilasciare una dichiarazione di rispondenza perché dice che "non può sapere cosa c'è là sotto".

Anche gli spazi comuni che utilizzerei non sono "interni", sono comunque all'esterno del fabbricato ma sono in un androne aperto per cui non ci sarebbero neanche problemi di farli passare (detto che comunque ne passano già).

 

Questo è l'androne (non è un corridoio interno) in cui già si vedono altri tubi in alto a destra

--img_rimossa--

--img_rimossa--

 

A parte tutto, io posso anche consultare l'assemblea, ma i tempi sono biblici, soprattutto visto che l'assemblea viene fatta di norma solo una volta all'anno

Mi spiego meglio. Le tubazioni interrate probabilmente sono a norma, ma siccome la casa è stata ristrutturata negli anni '80 e non ci sono dichiarazioni di conformità, oggi un tecnico non si fida a rilasciare una dichiarazione di rispondenza perché dice che "non può sapere cosa c'è là sotto".

Anche gli spazi comuni che utilizzerei non sono "interni", sono comunque all'esterno del fabbricato ma sono in un androne aperto per cui non ci sarebbero neanche problemi di farli passare (detto che comunque ne passano già).

 

Questo è l'androne (non è un corridoio interno) in cui già si vedono altri tubi in alto a destra

--img_rimossa--

--img_rimossa--

 

A parte tutto, io posso anche consultare l'assemblea, ma i tempi sono biblici, soprattutto visto che l'assemblea viene fatta di norma solo una volta all'anno

a mio avviso, se la nuova tubazione del gas viene installata su spazi esterni, non hai bisogno di nessun permesso da parte dei condomini e/o dell'amministratore. L'unica cosa, per correttezza dovresti solo informare l'amministratore

Sicuramente al tecnico conviene molto dippiù ignorare la UNI 10738, rispetto alla possibilità di racimolare qualche centinaia di euro in più andando a realizzare nuovi impianti....

 

Che imbecilli i normatori che hanno elaborato la UNI 10738 ....

Sicuramente al tecnico conviene molto dippiù ignorare la UNI 10738, rispetto alla possibilità di racimolare qualche centinaia di euro in più andando a realizzare nuovi impianti....

 

Che imbecilli i normatori che hanno elaborato la UNI 10738 ....

Beh, spero che lo dica a ragion veduta...altrimenti hanno ragione quelli che "comprano" su ebay i certificati a 80 euro...

 

- - - Aggiornato - - -

 

a mio avviso, se la nuova tubazione del gas viene installata su spazi esterni, non hai bisogno di nessun permesso da parte dei condomini e/o dell'amministratore. L'unica cosa, per correttezza dovresti solo informare l'amministratore

Quello l'ho fatto...è stato lì che l'amministratore mi ha detto che ci vuole l'assemblea straordinaria

Beh, spero che lo dica a ragion veduta...altrimenti hanno ragione quelli che "comprano" su ebay i certificati a 80 euro...

Non ho ben capito il senso della frase.

Il mio era puro sarcasmo.

Gli impianti esistenti e funzionanti non è che vadano tutti dismessi e rifatti di nuovo, tant'è che i normatori tecnici hanno stabilito un preciso protocollo di controllo/verifica: se dai test scaturiscono valori e verifiche positive, l'impianto può continuare ad essere mantenuto in esercizio, e sarà corredato di idonea dichiarazione di rispondenza (che non costerà 80 euro, ma sicuramente costerà molto meno del rifacimento completo dell'impianto, con buona pace dell'installatore azzeccagarbugli di turno)

 

Saluti

Mi pare di capire che la UNI 10738 da la possibilità di certificare un impianto anche a chi non ha materialmente eseguito lo stesso, giusto?

Vale anche per impianti idraulici e termici o solo per quelli del gas?

Mi manca questa certificazione per l'impianto termoidraulico di casa

Beh, spero che lo dica a ragion veduta...altrimenti hanno ragione quelli che "comprano" su ebay i certificati a 80 euro...

 

- - - Aggiornato - - -

 

Quello l'ho fatto...è stato lì che l'amministratore mi ha detto che ci vuole l'assemblea straordinaria

Tu rispondi che non hai bisogno di nessuna autorizzazione in quanto l'installazione viene eseguita nel rispetto dell'art. 1102 c.c.

 

Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa.

Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

×