Vai al contenuto
MagaMagò

Manutenzione strada con servitù di passaggio

Buongiorno a tutti,

ho bisogno di capire come devo procedere per il lavoro di manutenzione della strada sterrata che porta al nostro condominio. 

Questa strada è di proprietà dei signori P1 e P2 (se non ho capito male, P1 e P2 dovrebbero essere il fondo servente); vi sono poi due condomini che godono della servitù di passaggio:

- il nostro, che indicherò con C1;

- un altro mini-condominio di due sole unità abitative, che indicherò con C2

(se non ho capito male, C1 e C2 dovrebbero essere il fondo dominante).

 

L'art. 1069 del Codice Civile dice che la manutenzione è a carico di chi ha la servitù di passaggio, a meno che anche i proprietari non ne traggano beneficio, e noi siamo proprio in questa situazione.

Tuttavia, P2 non vuole pagare, pur usufruendo della strada per andare nel proprio frutteto; neanche uno dei due proprietari di C2 vuole pagare, dicendo che usa poco la strada e che il suo ingresso principale è un altro (i due proprietari di C2 non vanno d'accordo tra di loro). 

 

Ho molte domande. 


1) P2 e C2 (entrambi i condòmini) devono pagare? Se sì, come faccio a farglielo capire?

 

2) Come va suddiviso l'importo? Noi avevamo pensato di dividere per unità abitativa, quindi per 10 (in C1 ci sono 6 proprietari, in C2 ce ne sono 2, e poi ci sono P1 e P2).

Per darvi un'idea, dai preventivi in mio possesso si tratta di una cifra che si aggira intorno ai 500-600 euro in tutto.

 

3) Posto che tra tutti riusciamo a trovare un accordo, il manutentore come deve fatturare l'importo? Può fare una fattura unica intestata al nostro condominio C1 e poi tutti i partecipanti contribuiscono "alla buona"? Oppure dovrà fare 4 fatture diverse (una per C1, una per C2, una per P1, una per P2), ciascuna con l'importo e l'IVA di propria competenza?

 

3) Per la fattura intestata al nostro condominio, C1, posso chiedere l'IVA al 10%, previa dichiarazione, e facendo tutte le considerazioni del caso riguardo a quanto incide il costo del materiale rispetto al costo della manodopera, come spiegato nella discussione seguente?

4) Io sono il rappresentante legale del condominio C1, ma non ho nessuna voce in capitolo sul condominio C2 e men che meno riguardo a P1 e P2; possibile che tocchi a me tutta questa rogna?? Richiesta preventivi, inseguimento del manutentore, inseguimento dei vari soggetti che non fanno parte di C1, eventuale raccolta fondi se dovesse esserci un'unica fattura intestata a C1, e chi più ne ha più ne metta!

 

 

Spero di non essere stata confusa! Un grazie a chi vorrà darmi qualche chiarimento su questo garbuglio. 

 

Modificato da MagaMagò
MagaMagò dice:

Buongiorno a tutti,

ho bisogno di capire come devo procedere per il lavoro di manutenzione della strada sterrata che porta al nostro condominio. 

Questa strada è di proprietà dei signori P1 e P2 (se non ho capito male, P1 e P2 dovrebbero essere il fondo servente); vi sono poi due condomini che godono della servitù di passaggio:

- il nostro, che indicherò con C1;

- un altro mini-condominio di due sole unità abitative, che indicherò con C2

(se non ho capito male, C1 e C2 dovrebbero essere il fondo dominante).

 

L'art. 1069 del Codice Civile dice che la manutenzione è a carico di chi ha la servitù di passaggio, a meno che anche i proprietari non ne traggano beneficio, e noi siamo proprio in questa situazione.

Tuttavia, P2 non vuole pagare, pur usufruendo della strada per andare nel proprio frutteto; neanche uno dei due proprietari di C2 vuole pagare, dicendo che usa poco la strada e che il suo ingresso principale è un altro (i due proprietari di C2 non vanno d'accordo tra di loro). 

 

Ho molte domande. 


1) P2 e C2 (entrambi i condòmini) devono pagare? Se sì, come faccio a farglielo capire?

 

2) Come va suddiviso l'importo? Noi avevamo pensato di dividere per unità abitativa, quindi per 10 (in C1 ci sono 6 proprietari, in C2 ce ne sono 2, e poi ci sono P1 e P2).

Per darvi un'idea, dai preventivi in mio possesso si tratta di una cifra che si aggira intorno ai 500-600 euro in tutto.

 

3) Posto che tra tutti riusciamo a trovare un accordo, il manutentore come deve fatturare l'importo? Può fare una fattura unica intestata al nostro condominio C1 e poi tutti i partecipanti contribuiscono "alla buona"? Oppure dovrà fare 4 fatture diverse (una per C1, una per C2, una per P1, una per P2), ciascuna con l'importo e l'IVA di propria competenza?

 

3) Per la fattura intestata al nostro condominio, C1, posso chiedere l'IVA al 10%, previa dichiarazione, e facendo tutte le considerazioni del caso riguardo a quanto incide il costo del materiale rispetto al costo della manodopera, come spiegato nella discussione seguente?

4) Io sono il rappresentante legale del condominio C1, ma non ho nessuna voce in capitolo sul condominio C2 e men che meno riguardo a P1 e P2; possibile che tocchi a me tutta questa rogna?? Richiesta preventivi, inseguimento del manutentore, inseguimento dei vari soggetti che non fanno parte di C1, eventuale raccolta fondi se dovesse esserci un'unica fattura intestata a C1, e chi più ne ha più ne metta!

 

 

Spero di non essere stata confusa! Un grazie a chi vorrà darmi qualche chiarimento su questo garbuglio. 

 

Allora, Maga Mago', rispondo al quesito n. 3). Non so che tipo di lavori di manutenzione dobbiate eseguire sulla strada, ma AdE si è espressa circa le manutenzioni delle strade già esistenti e sostiene che l'iva da applicare sia il 22%, non c'è il diritto all'aliquota agevolata del 10%. I dettagli del "pensiero" di AdE li trovi nell'articolo pubblicato dalla rivista di AdE "Fiscoggi", qui:

http://www.fiscooggi.it/attualita/articolo/opere-di-urbanizzazione-meno-iva-strade-residenziali-e-costruzioni-ex-novo

per il resto il mio parere è:

1) se il fondo è necessario a tutti, tutti devono concorrere al suo mantenimento (art. 1069);ma esiste anche l'art. 1030 c.c. per cui il proprietario del fondo servente puo' non essere tenuto a partecipare alla spesa; in sostanza deve esserci un accordo stabilito fra le parti. Nei rogiti non è citato nulla?

2) anche la suddivisione è in relazione ai patti eventualmente sottoscritti; potreste accordarvi per suddividere in parti uguali fra tutti, oppure in proporzione all'eventuale maggior uso. Per esempio, se i due condomìni traggono maggior vantaggio dalla servitu' potreste stabilire di farvi carico del 60 - 70 - 80%....del costo e ripartirlo fra di voi in parti uguali. Dovete riunirvi e decidere collegialmente cosa e come fare, in base alla decisione farai intestare la fattura.

4) c'è sempre quello che tira il carretto....rassegnati

Se puo' servirti ti segnalo due articoli:

https://www.condominioweb.com/servitu-di-passaggio-a-chi-spettano-e-come-ripartiscono-le-spese.667

--link_rimosso--

Danielabi, comincio a ringraziarti per il contributo; mi leggerò i link. 

Nel frattempo cercherò anche di rassegnarmi a tirare il carretto. 😞

  • Haha 1
MagaMagò dice:

Danielabi, comincio a ringraziarti per il contributo; mi leggerò i link. 

Nel frattempo cercherò anche di rassegnarmi a tirare il carretto. 😞

Coraggio, i meriti non vanno mai persi, anche se non riconosciuti......😉

Ok, ho letto tutto. 

Quindi niente IVA al 10%: peccato. 

Riguardo al contributo di tutti, nel mio atto d'acquisto non compare nulla, figurati... per convincere P2 e quello recalcitrante di C2 a pagare, sto cercando di coinvolgere qualche vicino di casa volenteroso che mi dia una mano a tirare il carretto... perché sto carretto è pesantuccio e mi serve un aiutino! 🙂

MagaMagò dice:

Ok, ho letto tutto. 

Quindi niente IVA al 10%: peccato. 

Riguardo al contributo di tutti, nel mio atto d'acquisto non compare nulla, figurati... per convincere P2 e quello recalcitrante di C2 a pagare, sto cercando di coinvolgere qualche vicino di casa volenteroso che mi dia una mano a tirare il carretto... perché sto carretto è pesantuccio e mi serve un aiutino! 🙂

si, ti capisco! ma purtroppo, così è.......au🤞gurissimi!

×