Vai al contenuto
yota79

Manutenzione giardino e potatura piante - affittuario

Buongiorno a tutti,

volevo sottoporvi il mio problema riguardante la potatura di una siepe del "mio" giardino privato.

 

Lo scorso anno ho preso in affitto un appartamento al piano terra di un palazzo con il suo giardino privato. In questo giardino è presente una siepe che andava sfoltita. Poiché suddetta siepe era abbastanza alta, circa 3 metri l'abbiamo abbassata a 2,5 metri circa. Adesso dopo circa un anno dovrei andar via dall'appartamento e il proprietario dice che dovrei sostituire tutte le piante poiché essendone stata tagliata la cima non ricresceranno più come prima.

 

E' nel suo diritto una simile richiesta? Premetto che le piante sono in ottima salute e la siepe risulta più alta della siepe in rete che vanno a coprire.

 

Grazie a chiunque vorrà darmi un consiglio, anche su come gestire la situazione.

Salve,

la potatura delle piante e la manutenzione del giardino è a carico dell'inquilino se è stato espressamente previsto nel contratto.

Ad ogni modo al massimo il proprietario potrebbe richiedere un risarcimento, ma dovrebbe dimostrare in sede di giudizio un qualche danno quantificabile economicamente. Se è uno puntiglioso potresti giungere ad una mediazione. In ogni caso nulla giustifica la sua richiesta.

 

Cordiali saluti.

La richiesta è illegittima. E poi chi lo dice che le piante non cresceranno come prima?

Prevede il futuro?

Non lo so guardi, dice che essendo tipo pini al centro non cresceranno più e quindi sarebbero da buttare. Io sinceramente non sono un esperto credo che comunque faranno dei rami esterni e che forse ci metteranno di più a crescere.

Non essendo un botanico o un perito agrario posso solo dirti che il c.c. prevede, per le siepi di confine, un'altezza max di mt 2,5 a meno che non vi sia un muro di altezza superiore, in tal caso non può superarlo in altezza.

Art. 892 c.c. comma 1 n. 3

×