Vai al contenuto
eden2536

Manutenzione caldaia in conseguenza al distacco dall'impianto

Buongiorno,

secondo voi la voce ''manutenzione caldaia'' effettuata dal terzo responsabile nonchè manutentore della caldaia condominiale, la devono pagare anche chi attualmente è distaccato dall'impianto? rientra nelle spese di conservazione dell'impianto? c'è qualche riferimento normativo?

 

grazie!

Buongiorno,

secondo voi la voce ''manutenzione caldaia'' effettuata dal terzo responsabile nonchè manutentore della caldaia condominiale, la devono pagare anche chi attualmente è distaccato dall'impianto? rientra nelle spese di conservazione dell'impianto? c'è qualche riferimento normativo?

 

grazie!

Devi partecipare alla spesa se si tratta di manutenzione straordinaria.

Non devi partecipare alla manutenzione ordinaria (pulizia annuale dovuta all'uso e non alla conservazione).

Il riferimento normativo è l'articolo 1118 del codice civile:

 

Art.1118

... Il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma.

Buongiorno,

utilizzo questo forum per non aprirne uń altro.spiego quanto accaduto,

in una riunione precedente si parlò di distacco dal riscaldamento in base alla nuova legge ( che chi voleva distaccarsi lo poteva fare dopo aver chiamato un tecnico a sue spe ad avvenuto distacco comunicava alĺ amministratore con documento della ditta che ha effettuato ĺintervento ci sarebbe stato un sopralluogo da parte delĺamministratore. Tutto ciò è avvenuto, ora in una riunione tenutasi 11/11/2014 i signori che non si sono staccati chedono la messa a riposo delĺimpianto visto che nel distacco vi è il 55 dei millesimi.

la mia richiesta è il rimborso delle spese effettuate per il distacco visto che ĺimpianto non viene messo in funzione ho speso una cifra inutilmente.mentre coloro che ne chiedono la messa a riposo se ne escono incolumi da tale spesa. In merto al distacco ci sono dei termini per presentare tale richiesta ho si può fare anche alĺultimo momento? ?

Buongiorno,

utilizzo questo forum per non aprirne uń altro.spiego quanto accaduto,

in una riunione precedente si parlò di distacco dal riscaldamento in base alla nuova legge ( che chi voleva distaccarsi lo poteva fare dopo aver chiamato un tecnico a sue spe ad avvenuto distacco comunicava alĺ amministratore con documento della ditta che ha effettuato ĺintervento ci sarebbe stato un sopralluogo da parte delĺamministratore. Tutto ciò è avvenuto, ora in una riunione tenutasi 11/11/2014 i signori che non si sono staccati chedono la messa a riposo delĺimpianto visto che nel distacco vi è il 55 dei millesimi.

la mia richiesta è il rimborso delle spese effettuate per il distacco visto che ĺimpianto non viene messo in funzione ho speso una cifra inutilmente.mentre coloro che ne chiedono la messa a riposo se ne escono incolumi da tale spesa. In merto al distacco ci sono dei termini per presentare tale richiesta ho si può fare anche alĺultimo momento? ?

Secondo me la storia è nata male e potrebbe finire peggio.

 

La nuova Legge (art. 1118 c.c.) dice che

"Il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini."

Se si è staccato il 55% dei condomini per i restanti allacciati sarà facile sbugiardare i tecnici delle ditte.

L'amministratore non poteva rilevare alcunhè dal sopralluogo, a meno che non fosse anche un ingegnere termico.

Se vi impuntate i condòmini ancora allacciati dimostreranno sia lo squilibrio che l'aggravio di spesa per chi è rimasto allacciato con il risultato che chi si è distaccato continuerà a pagare le maggiori spese anche di consumo (gas o gasolio).

Mia opinione personale:

siete stati graziati nell'ottenere un distacco impossibile; ora lasciate che sia fermato l'impianto perchè conviene anche a voi.

Un solo condòmino che restasse allacciato potrebbe chiedere la partecipazione all'aggravio di spesa che sarebbe enorme.

Devi partecipare alla spesa se si tratta di manutenzione straordinaria.

Non devi partecipare alla manutenzione ordinaria (pulizia annuale dovuta all'uso e non alla conservazione).

Il riferimento normativo è l'articolo 1118 del codice civile:

 

Art.1118

... Il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma.

Scusa, ma tu dici che:

"Non devi partecipare alla manutenzione ordinaria (pulizia annuale dovuta all'uso e non alla conservazione)."

 

Mentre la legge dice:

"resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma."

 

Quindi, le spese per la pulizia (essendo per la conservazione) VANNO PAGATE!!!!

 

 

 

-

Scusa, ma tu dici che:

"Non devi partecipare alla manutenzione ordinaria (pulizia annuale dovuta all'uso e non alla conservazione)."

 

Mentre la legge dice:

"resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma."

 

Quindi, le spese per la pulizia (essendo per la conservazione) VANNO PAGATE!!!!

 

 

 

-

La spesa di pulizia è una spesa di USO come quella per le scale, ne spesa di manutenzione e ne di conservazione.

Se non usi non sporchi e puoi continuare a conservare senza fare manutenzione.

 

Altrimenti fammi l'esempio di una spesa di manutenzione ordinaria per la quale la Legge non prevede di concorrere, dato che ha specificato il concorso solo per la manutenzione straordinaria.

La spesa di pulizia è una spesa di USO come quella per le scale, ne spesa di manutenzione e ne di conservazione.

Se non usi non sporchi e puoi continuare a conservare senza fare manutenzione.

 

Altrimenti fammi l'esempio di una spesa di manutenzione ordinaria per la quale la Legge non prevede di concorrere, dato che ha specificato il concorso solo per la manutenzione straordinaria.

Ok, potresti spiegarmi allora quali solo le spese per la sua conservazione?

 

Grazie

Ok, potresti spiegarmi allora quali solo le spese per la sua conservazione?

 

Grazie

Spese di USO = spese di esercizio tra cui la pulizia, carburante e forza motrice

Spese di MANUTENZIONE ORDINARIA = spese per interventi periodici che servono a mantenere in efficienza l'impianto

Spese di MANUTENZIONE STRAORDINARIA = spese impreviste dovute a caso fortuito (manca una fase e si brucia il motore)

Spese di CONSERVAZIONE = spese per mantenere integro il bene (riparazioni e sostituzioni di parti importanti dell'impianto)

 

Secondo te quali sono le spese di manutenzione ordinaria?

Grazie, sei stato molto chiaro!

 

Quindi, se si cambia la caldaia o si modifica per installare un sistema di contabilizzazione del calore, anche chi è distaccato deve partecipare alla spesa, vero?

Grazie, sei stato molto chiaro!

 

Quindi, se si cambia la caldaia o si modifica per installare un sistema di contabilizzazione del calore, anche chi è distaccato deve partecipare alla spesa, vero?

Certo,la contabilizzazione di calore fa pare della messa a norma per cui la spesa condominiale sarà a carico anche dei distaccati.

Le modifiche in ciascun appartamento (valvole e contatori) saranno a carico dei singoli allacciati.

 

Se non avesse voluto differenziare la spesa di manutenzione ordinaria dalla straordinaria il Legislatore avrebbe scritto l'art 1118 in questo modo:

 

Art.1118

... Il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma.

×