Vai al contenuto
lisia81

Mancata convocazione e annullamento delibera?

Buona sera mi rivolgo a voi per chiedere opinione su una questione del nuovo condominio dove ho acquistato casa. Scusate se sarò lunga.

Una settimana prima del rogito un condomino mi mette in guardia dicendomi che la ditta costruttrice non ha pagato le spese condominiali ordinarie (per un valore di circa 8000 euro) e per l'anno di esercizio 2010-2011 ha emesso una fattura di 15.000 euro per vari lavori che ha eseguito il condominio (mai richiesti e che comprendono allacciamento alla rete fognaria e delle utenze di vari appartamenti, ma con il mandato organizzativo potevano fare un po quel che vogliono).

Alchè ho chiesto spiegazione al costruttore che mi ha assicurato che è una questione vecchia, mi ha fatto parlare con l'amministratore che mi ha detto che mi ha detto di tutelarmi come credevo ma che lui può chiedermi le spese qualora vengano messe in esercizio.

Morale al momento del rogito il notaio ha fatto scrivere che l'impresa ha assicurato che non ci sono arretrati ne nelle spese ordinarie, ne ci sono spese straordinarie e che in merito alla vertenza esistente tra il condominio e l'impresa io sono esonerata da qualsiasi tipo si spesa sia per il passato che per il futuro.

Due giorni dopo il rogito comunico all'amministratore l'avvenuto rogito avvenuto per cronaca più di un mese fa.

Quattro giorni fa mi chiama il famoso vicino dicendomi che la sera stessa ci sarebbe stata una riunione condominiale straordinaria per la questione spese condominiali non pagate e se l'amministratore mi ha convocato visto che lui quando aveva ricevuto l'avviso gli aveva subito chiesto se mi aveva convocato. Io dico di non aver ricevuto nessuna raccomandata, e comunque do la mia disponibilità ad andare.

Il pomeriggio mi chiama il costruttore dicendomi se mi avevano avvisato della riunione, e mi dice che lui con una delega presenzierà a suddetta riunione per chiudere la faccenda e che devo fargli una delega perché lui difenderà i miei diritti vista la clausola del mio rogito. Io gli dico che non gli faccio nulla visto che non sono stata convocata e che valore avrebbe una delega di una persona non convocata, che semmai posso presenziare e votare favorevole nel caso. Lui mi dice che non serve che presenzi in quanto non essendo stata convocata l'assemblea non sarà valida e non si potrà deliberare, ma sarà una serata per mettersi d'accordo.

A questo punto chiamo l'amministratore, che mi dice che non mi ha convocato perché solo il giorno precedente ha ricevuto le carte con i nuovi millesimi (il mio appartamento deriva dalla divisione di 2 appartamenti e ho cambiato il garage con un vicino) che posso presenziare per gentile concessione ma non avrei diritto di voto.

Alchè non ci vado.

Due giorni dopo si fa vivo di nuovo il mio vicino che ha fatto il presidente dell'assemblea, che mi dice che da bozza del verbale sono stata segnata assente con i millesimi dell'appartamento riunito (quindi non del mio), che l'amministratore non avendo i miei dati (ma avendo il mio numero di telefono) mi ha lasciato un avviso nella cassetta della posta del condominio della riunione (che non c'era, e comunque non c'è neppure il mio nome sulla bussola delle lettere) è stato deliberato di pagare i 15.000 euro al costruttore e l'amministratore ha dichiarato che qualsiasi clausola sia messa a rogito non sarà tenuta in considerazione.

Ora vi domando questo comportamento è corretto e legale? posso fare qualcosa per invalidare l'assemblea non essendo stata convocata? (oltretutto hanno deliberato anche sulle antenne condominiali) Il costruttore a parole mi ha detto che chiederà all'amministratore di scorporare la mia quota di spese in modo che in questo pagamento non vada a rientrarci ma verba volant scripta manent.

Ho intenzione di mandare una raccomandata all'amministratore in cui gli dico che doveva convocarmi visti i miei diritti sanciti da un rogito avvenuto un mese prima, che mi ha detto di non presenziare in quanto non avrei avuto diritto di voto, chiedendo copia del verbale e che se in esso noterò dei vizi o qualcosa che mi lede agirò di conseguenza.

E' un corretto modo di agire o posso fare qualcosa di più preciso?

grazie a chi mi consiglierà

Scritto da lisia81 il 10 Lug 2012 - 19:06:52: Buona sera mi rivolgo a voi per chiedere opinione su una questione del nuovo condominio dove ho acquistato casa. Scusate se sarò lunga.

Una settimana prima del rogito un condomino mi mette in guardia dicendomi che la ditta costruttrice non ha pagato le spese condominiali ordinarie (per un valore di circa 8000 euro) e per l'anno di esercizio 2010-2011 ha emesso una fattura di 15.000 euro per vari lavori che ha eseguito il condominio (mai richiesti e che comprendono allacciamento alla rete fognaria e delle utenze di vari appartamenti, ma con il [...]

Ciao Lisia,

qui ci sono amministratori molto più titolati di me per darti consigli validi. Dal mio piccolo posso consigliarti di fare una raccomandata all'amministratore con la quale denunci il mancato invito all'assemblea (Egregio amministratore, essendo venuta casualmente a sapere che si è riunita l'assemblea, non avendo ricevuto alcun invito a partecipare, La prego di considerare nulla tale assemblea e di provvedere alla sua regolare convocazione, nei modi e nei termini prescritti dalla legge). Poi, se l'amministratore non dovesse darti ascolto, dal momento in cui ne verrai in possesso, hai 30 giorni di tempo per impugnare la deliberazione condominiale. Puoi farlo chiamando il condominio in mediazione.

Erre Ci

Modificato Da - Erre Ci il 10 Lug 2012 20:20:17

Puoi anche decidere di far annullare l'assemblea ma non è che risolvi il problema: basterà una nuova assemblea e la delibera sarà valida.

 

La clausola sul rogito, come giustamente ti ha detto l'amministratore, non vale nulla: il Codice Civile da facoltà all'amministratore di chiedere al proprietario attuale (te) i debiti del precedente proprietario per l'anno in corso e per l'anno precedente (art. 63 disp. att. C.C., INDEROGABILE, cioè non ci si può accordare diversamente), quindi casomai tu insisti affinchè sia il costruttore a pagare, perchè altrimenti dovrai farlo tu.

 

Staff

Puoi anche decidere di far annullare l'assemblea ma non è che risolvi il problema: basterà una nuova assemblea e la delibera sarà valida.

Non se la delibera è stata assunta con 3 millesimi di scarto e io non ero presente con i miei 78 millesimi (che poi da verbale erano 122)

Altra domanda ma una spesa straordinaria del 2010-2011 può essere inserita nelle spese ordinarie dell'anno dopo?

Scritto da lisia81 il 11 Lug 2012 - 12:00:57: Puoi anche decidere di far annullare l'assemblea ma non è che risolvi il problema: basterà una nuova assemblea e la delibera sarà valida.

1) Non se la delibera è stata assunta con 3 millesimi di scarto e io non ero presente con i miei 78 millesimi (che poi da verbale erano 122)

 

2) Altra domanda ma una spesa straordinaria del 2010-2011 può essere inserita nelle spese ordinarie dell'anno dopo?

1) nuova delibera nuova maggioranza

2) si, se così delibera l'assemblea

Ok grazie mille.

Ora scrivo all'amministratore.

La mia idea è fare un riassumo della mia situazione, mettere in evidenza i suoi errori. ma a questo punto mi consigliate di provare ad annullare tutto subito o chiedere il verbale e poi cercare di annullare la delibera?

 

Modificato Da - lisia81 il 11 Lug 2012 13:11:45

×