Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Frapa

Manca il riscaldamento e il locatore non me lo aveva detto

Buongiorno,

sono in affitto da questa estate e, con l'inverno mi sono reso conto che il riscaldamento a pavimento non funzionava bene.

La proprietà ha detto di aver sollecitato diverse volte il condominio per controllare e far alzare le temperature.

 

Quando è venuto il tecnico mi ha informato che in almeno due stanze della casa non ci sono le serpentine, non sono mai esistite e che la proprietà conosce questo problema da diversi anni. Problema che è stato omesso e nascosto in tutti i modi.

Il proprietario non sa ancora che sono a conoscenza del problema e non risponde nemmeno quando sollecitato alla risoluzione degli altri vizi dell'appartamento.

 

In casa fa freddo in generale e, nelle stanze senza serpentine, siamo sotto i 15 gradi. Ora, io non posso permettermi un altro trasloco, per questioni economiche e di tempo. Cosa posso fare? Vorrei sapere se mi spetta un risarcimento e una riduzione del canone dell'affitto. Eventualmente come devo procedere? Si può' parlare di malafede del proprietario e cosa comporta?

 

Grazie a chi mi risponderà

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Una bella raccomandata al Locatore chiedendo una risposta scritta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non ci sono bollette, ma spese condominiali che io verso insieme al canone di affitto.

Ho scritto due mail al locatore ma non risponde da oltre due settimane. Ci sono altri problemi gravi come acqua ferrugginosa dai rubinetti e altri problemi igienici.

 

La cosa piu' grave, a mio avviso, è l'omissione circa l'esistenza del riscaldamento in alcune stanze. Ho la certezza che la proprietà sapesse da tempo di questa situazione, come confermato da chi si occupa dell'impianto di riscaldamento.

 

cosa posso pretendere come risarcimento? puo' considerarsi truffa? mala fede?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

io scriverei a/r che mi limito al pagamento del canone di affitto togliendo il costo delle utenze, non avendo riscaldamento e dovendo compensare con stufe elettriche, fino al ripristino di una situazione accettabile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Avendo ragione piena non vorrei scivolare nel torto non pagando. ho letto che serve un accordo o una delibera del giudice per poter non pagare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

no telefonate, no mail, manda una raccomandata invitandolo appunto a dare delle spiegazioni e soprattutto a risolvere il problema. visto che l'impianto di riscaldamento non è completo e comunque non riesci a raggiungere una temperatura idonea chiedi che provveda immediatamente a rendere idoneo l'ambiente. comunica inoltre che non pagherai la quota riscaldamento fintanto non riterrai che il costo sia idoneo a quanto dovresti avere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se le spese per l'energia elettrica non sono intestate a te, ma hai una quota fissa, utilizza una bella STUFA ELETTRICA.

 

Il maggiore costo sara' addebitato al proprietario.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'aver omesso la presenza delle tubature nelle stanze in questione, cosa comporta in termini legali? Se mi rivolgessi a un giudice, a cosa avrei diritto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

avresti diritto ad una causa lunga e costosa...segui i consigli che ti sono stati dati è più rapido ed economico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Avendo ragione piena non vorrei scivolare nel torto non pagando. ho letto che serve un accordo o una delibera del giudice per poter non pagare

Non è detto... ci sono anche gli accordi stragiudiziali che si perfezionano con l'assistenza dei rispettivi legali.

Ma in questa circostanza il problema è talmente chiaro che più di un accordo che porti alla soluzione del problema serve solo la volontà del proprietario-locatore a porre rimedio al difetto dell'immobile. Se manca questa volontà seguita a breve da fatti concreti (dotazione di riscaldamento laddove manca) per te diventa preferibile disdettare e trovarti una nuova sistemazione certamente più confortevole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non è detto... ci sono anche gli accordi stragiudiziali che si perfezionano con l'assistenza dei rispettivi legali.

Ma in questa circostanza il problema è talmente chiaro che più di un accordo che porti alla soluzione del problema serve solo la volontà del proprietario-locatore a porre rimedio al difetto dell'immobile. Se manca questa volontà seguita a breve da fatti concreti (dotazione di riscaldamento laddove manca) per te diventa preferibile disdettare e trovarti una nuova sistemazione certamente più confortevole.

Vero, ma questa soluzione comporta dei costi che non posso permettermi e tempo che non dispongo. Possibile che una persona del genere non debba pagare le conseguenze delle sue azioni?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Vero, ma questa soluzione comporta dei costi che non posso permettermi e tempo che non dispongo. Possibile che una persona del genere non debba pagare le conseguenze delle sue azioni?

Te l'ho detto... fagli pagare la corrente elettrica e scalda le stanze fredde con un termoventilatore.

 

Un termoventilatore da 2000 Watt (v. immagine) costa 10-15 euro e scalda alla grande!!!

 

-img-gallery-28572253-1590.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

tocca a te farle pagare...solo che devi trovare il modo più adatto.

 

rivolgersi ad un giudice chiedendo cosa?lavori mentre sei in casa?sconto sul canone?tutte cose che non ti risolvono il problema, per risolverlo al momento puoi solo mettere delle stufe elettriche che comporteranno notevoli costi nella bolletta...quindi fossi in te, avvertirei, con a/r, che visto il difetto occulto e l'evidente malafede del proprietario sospendi i pagamenti delle bollette e volendo anche di parte del canone...a quel punto fai scrivere lui da un avvocato 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Vero, ma questa soluzione comporta dei costi che non posso permettermi e tempo che non dispongo.

Papale papale...

1) O il locatore installa rapidamente il riscaldamento dove manca...

2) Oppure ti fornisce gratuitamente le stufette e si fa carico per sempre del differenziale di costi elettrici derivante dall'uso delle stufette...

3) oppure sostiene tutti i costi necessari a trasferirti iin un'altra abitazione, dove per costi necesssari si devono intendere tutti i costi di trasloco e quelle legati a recesso locazione in essere nonché registrazione del nuovo contratto di locazaione.

 

Altrimenti gli dirai (anche se poi non è vero) che lo porterai in tribunale: il locatore sa perfettamente di essere un disonesto patentato perché non si cede in locazione un immobile con ambienti abitativi sprovvisti di riscaldamento. Questo soggetto vuole incassare senza spendere!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×