Vai al contenuto
MoonCastle

Luce scale assurda - inquilina

Buongiorno.

Ho letto molteplici post su questo tema ma nulla risponde alle mie esigenze.

Vorrei esporre il mio dubbio da affittuaria.

Abito dal1luglio in una palazzina di 2piani.un appartamento al piano terra.uno al 1piano.1al secondo e una casa semiindipendente di due piani di fronte a me.

Come apro la porta dell ingresso al condominio ho la mia porta sulla destra e quindi a due passi dalla porta(che ha anche il vetro semitrasparente e quindi fa entrare luce) si entra già nel mio appartamento.

In data di ieri ho ricevuto una raccomandata dal geometra che si occupa della ripartizione delle spese.il quale mi chiede un anticipo di 255euro sul preventivo di luce scala.

E non solo... mi chiede anche di versare la quota di75euro per la luce scala utilizzata da luglio a oggi.

premesso che io non la uso mai la luce della scala e che il mio appartamento non prevede neanche la cantina non ho neppure motivo di usarla.

Premetto che a 3m dalla mia porta c è un mini cortiletto di 4m quadrati nel quale sono presenti i bidoncini personali della raccolta differenziata e che la porta ha il vetro..quindi aggiungo che di giorno è luminoso senza che sia necessario

accendere la luce.

come è possibile che io abbia questa spesa? Enorme a mio parere.da dicembre è andata via una signora che abitava nella piccola casa indipendente la cui porta era posta nel cortiletto di4mquadrati..quindi utilizzava la luce per uscir la sera...al primo piano non c è nessuno e al 2è rimasta una ragazza.

Ora quindi siamo rimaste in due.come è possibile che la bolletta da pagare ancora per il 2012presenti un conguaglio di 75euro superiore?se il geometra chiede il preventivo 2013 significa che avrà chiesto anche 2012 e che i 75euro siano ricavati da una spesa che supera i 450euro di luce scala annua.Per carità non è che non voglio pagare ma mi sembra assurdo...prima che arrivassi io gli appartamenti erano tutti pieni...da quando sono subentrata non c era più il condomine al 1piano e ora è andata via l altra della casa semindipendente.siamo rimaste in due.come è possibile che io debba dare255euro X un preventivo 2013??mentre la ragazza al 2 piano ne paga110???potete aiutarmi?

spero di essermi spiegata nella maniera giusta.premetto che abito con il mio ragazzo.il mio appartamento interno è di 54mq non ho cantina a differenza degli altri 2appartamenti e la casa semi-indipendetne che ce l hanno a disposizione.pago già tanto di affitto e per quello che riguarda gli agi di questa casa sono davvero pochissimi.grazie in anticipo

 

Modificato Da - MoonCastle il 09 Feb 2013 alle ore 10:09:53

 

Modificato Da - MoonCastle il 09 Feb 2013 alle ore 10:11:46

Onestamente si capisce ben poco.

Siete un condominio di 3 condòmini ognuno occupante un piano?

La bolletta della luce si riferisce unicamente all'utenza illuminazione scale/antenna/citofoni/apertura portone?

Che tabelle in uso avete?

 

Cosa significa che ti viene chiesto un anticipo,senza preventivo approvato nessun anticipo andrebbe corrisposto,quindi,che il geometra convochi l'assemblea e giustifichi le somme richieste.

 

Staff

Moncastle, per fornirti qualche utile dritta, servirebbe una descrizione generale più pragmatica, da cui ti pongo diversi quesiti per meglio comprendere:

1) la palazzina e la casa semiindipendente sono di un unico proprietario?

2) che tipologia di contratto di locazione hai sottoscritto ?

3) gli appartamenti complessivamente sono 4 ?

4) i residenti sono tutti conduttori ?

5) cosa significa una palazzina con tre appartamenti + una casa semiindipendente? La palazzina e la casa semiindipendente per che cosa si differenziano?

 

Scusate è che non capendoci molto non so come specificare la situazione.

1)la palazzina è di 2piani.al piano terra ci sono io.al primo piano non c è più nessuno e al 2 c è una ragazza.dalla finestra di camera mia che sono al piano terra vedo l ingresso della casa che è poco staccata dal nostro stabile ma che è gestita dallo stesso geometra della palazzina perché di proprietà del mio stesso proprietario. E non abbiamo un amministratore.

2)La bolletta della luce si riferisce al citofono.portoncino e luce scale.

mi sono stati chiesti75euro di luce utilizzata da luglio a oggi.

in più devo fornire la caparra(a preventivo)del 2013 per la luce scale del valore di 255euro.

3)gli appartamenti occupati rimasti sono due.quello occupato da me del piano terra e quello occupato da una ragazza al 2piano.questo a dicembre...prima c ea anche l affittuaria della casa di fronte...questa infatti per uscire dalla palazzina deve per forza passare davanti alla mia finestra della camera .percorrere il corridio e passare davanti la porta del mio appartamento.

4)il contratto di locazione è semplicissimo e non ci sono punti particolari riguardanti le parti comuni.alla domanda sulla tabella non saprei che rispondere...(non so nel dettaglio).Non ci sono clausole sulla luce scale.

Modificato Da - MoonCastle il 09 Feb 2013 21:06:37

 

Modificato Da - MoonCastle il 09 Feb 2013 23:21:22

Francamente mi puzza un pò.

2 palazzine di tre piani.

Totale 18 appartamenti.

Cancello elettrico.

8 neon accesi tutta la notte per illuminare 700 metri quadri di cortile e box auto

Totale Bolletta Enel euro 60,00 ogni due mesi.

 

(Non c'è ascensore)

 

Rosario

Scritto da 1955R il 10 Feb 2013 - 17:03:27: Francamente mi puzza un pò.

2 palazzine di tre piani.

Totale 18 appartamenti.

Cancello elettrico.

8 neon accesi tutta la notte per illuminare 700 metri quadri di cortile e box auto

Totale Bolletta Enel euro 60,00 ogni due mesi.

 

(Non c'è ascensore)

 

Rosario

In effetti è un po' poco.

La media di piccoli condomini (sotto i 10 condòmini) con solo luce scale,citofono ed antenna si aggira intorno ai 50/55€

Staff

Albano59 hai capito appunto di cosa si tratta.

tra l altro ho faticato ad ottenere la metratura dell appartamento per registrarmi alla tassa dei rifiuti quindi dubito pure che mi diano i millesimi.

domani andrò in agenzia e discuterò su questi dettagli.

Il geometra mi ha pure trattata da scema quando gli ho detto che mi sembrava esoso e impossibile per me consumare così tanto di luce quando non la accendo e uso mai.e apro la porta con la chiave e non con il tasto.

piuttosto mi faccio allacciare il citofono al mio contatore se possibile.

per l appunto il testo del comma è identico a quello del mio contratto.ma di spese comuni non è nulla specificato.

il contratto che ho è un4+4con cedolare secca...

non c è ascensore... e le spese di luce enel per due mesi si aggirano sempre sui 60o 65 euro e mi sembra esoso.

non sapevo che per gli appartamenti sfitti deve pagare il proprietario.qui mi sa proprio che cercano di intortarmi visto che prevedono una spesa annua di382 euro e ne chiedono a me 255.

devo aggiornarmi bene.

Tra l alltro mi hanno pure dato come scadenza il12febbraio.non mi danno il tempo replicare.

posso non pagare o mi possono far pagare una mora di qualcosa?

grazie.

perché se fosse per me potrebbero benissimo staccarmela perché tanto non la uso.

Ti faccio un'ulteriore domanda...questa spesa è giusto che si divide per appartamento o per persona? Perché ora che siamo rimaste in tre ad abitare nella palazzina io che vivo con il mio ragazzo e non uso ne luce ne tasto apriporta andrò a pagare più della ragazza al secondo piano che la usa tutti i giorni e tutte le sere.

Ti ringrazio infinitamente della pazienza che hai avuto e dell interesse del mio caso.

 

grazie

Scritto da MoonCastle il 10 Feb 2013 - 22:06:18: per l appunto il testo del comma è identico a quello del mio contratto.Ma di spese comuni non è nulla specificato

Quindi attieniti a quel comma; ciò significa che PRIMA DI PAGARE è tuo diritto:

- pretendere e prendere visione di tutti i giustificativi di spesa quali bollette Enel (o similari), altre utenze adibite a servizio comune, ecc. Non sono giustificativi validi tutto ciò che non è fattura, ricevuta fiscale o scontrino fiscale: tanto per intenderci il foglio anonimo con appuntata una spesa non vale nulla.

- poter verificare il corretto riparto delle spese operato fra tutti gli appartamenti, per comprendere se al tuo è stato addebitato il giusto. Qui però insorge un problema: noto il valore totale di una spesa, avete concordato a suo tempo quale sia la quota di tua spettanza? Se non è chiaro questo punto non arriverai mai a risolvere il problema, perchè ti rigireranno la frittata a loro piacimento (geometra e proprietario)

- al tuo appartamento possono essere addebitate solo spese relative a servizio pulizia, fornitura utenze, spurgo fognature, ed altri eventuali servizi comuni.

- altre spese comuni (ad esempio camion ghiaia per il cortile) NON TI COMPETONO se nel contratto non è specificato che devi partecipare a tutte le spese di natura comune; quella è una spesa che rimane a carico della Proprietà.

 

Scritto da MoonCastle il 10 Feb 2013 - 22:06:18: non sapevo che per gli appartamenti sfitti deve pagare il proprietario

Confermo che cercano di intortarti.

Nella Comunione, così come nel Condominio, gli appartamenti pagano per l'uso potenziale e non per quello effettivo.

In un Condominio tutte le Proprietà pagano, presenti o meno nell'appartamento; al massimo si verifica una divisione dei costi fra Conduttore e Locatore se l'appartamento è affittato.

Analogamente nella Comunione ad ogni appartamento deve esser attribuita una determinata quota di spesa; se l'appartamento è sprovvisto di inquillino la spesa va naturalmente attribuita all'unico Proprietario del complesso, salvo patti scritti e sottoscritti (e questo non mi sembra il tuo caso).

 

Scritto da MoonCastle il 10 Feb 2013 - 22:06:18: mi hanno pure dato come scadenza il12febbraio.

Sempre quel famoso comma dice ben altro: il pagamento deve avvenire entro due mesi dalla richiesta!

Il termine ultimativo che ti hanno dato è nullo, pefettamente ignorabile se la richiesta è stata avanzata dopo il 13 dicembre 2012. Ancora, il termine dei due mesi si deve intendere se la proprietà soddisfa i presupposti stabiliti sempre da quel comma: dettaglio, giustificativi e riparto spese forniti correttamente per le tue verifiche!

Senza il rispetto contrattuale di questo comma puoi rifiutarti di pagare fino a quando la situazione oneri accessori non ti appare limpida e ben giustificata. E il rispetto contrattuale manca se nessuna quota è attribuita al Proprietario, appurato che in questo momento due appartamenti su quattro sono sfitti.

Scritto da MoonCastle il 10 Feb 2013 - 22:06:18: Ti faccio un'ulteriore domanda...questa spesa è giusto che si divide per appartamento o per persona?

Chi ti scrive gestisce una situazione sostanzialmente uguale, ma sta dall'altra parte della barricata, dalla parte del proprietario.

Trattandosi di Comunione, sarebbe stato bene accordarsi prima di firmare il contratto. Trattandosi di privato come me, è anche possibile in corso d'opera che il proprietario sia disponibile ad acconsentire e ad adottare riparti diversi per tutti quanti.

Per risponderti, si trattasse di ripartire consumo acqua nell'impossibilità di installare contatori divisionali si potrebbe adottare il riparto per numero di persone (sistema che applico io ai miei conduttori), ma per consuno elettrico riferite a parti comuni personalmente andrei a ripartire riferendomi ai metri quadrati dei singoli appartamenti: è una soluzione più logica e spesso adottata per varie tipologie di spesa anche in Condomini sprovvisti di tabelle millesimali.

 

In ultima analisi, proprietari come il tuo non mi piacciono; praticano all'apparenza un affitto basso, pure con la cedolare secca, e poi recuparano sul margine reclamando spese improprie esentasse lucrando sui loro conduttori con erronei riparti fin anche ad attribuirgli costi spettanti alla Proprietà

 

Con i miei inquillini non mi comporto così: gli dico chiaro e tondo prima di firmare il contratto pregi e difetti delle u.i. e come saranno divise le poche spese comuni che si verificheranno, perchè anch'io non dispongo e non ho necessità di tabelle millesimali.

Se tu non riesci a venirne a capo da sola, rivolgiti senza indugio ad un sindacato inquillini; nel frattempo continua a pagare solo l'affitto mensile. Questo è quello che si merita il tuo proprietario.

Lui non ti citerà in tribunale: non ne ha la convenienza economica .

Parola di un altro proprietario.

Saluti

Sei stato davvero gentilissimo.

sono molto sconcertata da questo sistema.

io sarò anche poco informata ma all atto del contratto mi hanno detto che le spese del condominio non c erano visto che la palazzina è inferiore a 4 appartamenti.mi hanno detto che per le spese della luce si sarebbero tenute delle riunioni.

io non mi sono più preoccupata della cosa perché questi ultimi mesi sono stati particolarmente pieni per me e me ne sono pure dimenticata.

io dopo 7mesi passati in questa casa non ho mai avuto notizia di alcuna riunione e quasi non sapevo del geometra.

poi mi arriva una raccomandata con un avviso di pagamento e il conguaglio di 75euro dell anno2012...

in fase di contratto l agenzia non mi ha detto nulla.

se fosse per me farei staccare la luce.tanto la porta d ingresso è su un marciapiede davanti alla strada quindi non ho problemi e

non mi interessa proprio averla...mi dispiace solo per la ragazza al 2piano che tra l altro è pure straniera e non partecipa neanche lei alle riunioni( fasulle poiché mai istituite).

Non pago nulla finché non mi è chiaro tutto.

In questa casa ho anche altri disagi dovuti a infiltrazioni( a parere mio) e non capisco il proprietario a che gioco stia giocando.

sono un Po amareggiata perché penso di pagare troppo questo affitto per quello di cui usufruisco.

Domani per prima cosa andrò in agenzia e chiederò informazioni.

la guerra è aperta =D.

grazie ancora.ti dirò come mi hanno risposto e forse avrò ancora bisogno di un tuo consiglio se sarai disponibile.

saluti e grazie infinite!

×