Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Luca Del Bello

Linea terra condominiale

Salve volevo mettere a terra il mio impianto elettrico ma manca una linea di terra condominiale che porti la terra da casa mia al picchetto.Desideravo sapere se la spesa per mettere una linea di terra condominiale spetta solo a me o devono pagare tutti i condomini anche se ne usufruirei soltanto io adesso??grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve volevo mettere a terra il mio impianto elettrico ma manca una linea di terra condominiale che porti la terra da casa mia al picchetto.Desideravo sapere se la spesa per mettere una linea di terra condominiale spetta solo a me o devono pagare tutti i condomini anche se ne usufruirei soltanto io adesso??grazie

Sei sicuro che ti possa essere utile? Cosa devi proteggere con la terra?

Gli interruttori magnetotermici differenziali svolgono appieno la protezione delle persone, si vendono pure a spina con intervento > o = a 5mA per bagno e cucina dove il pericolo è rappresentato dall'acqua.

Ricordarsi, ma nessuno ve lo ha spiegato, che essi hanno un pulsante di prova che ogni tanto va premuto per verificare il funzionamento.

 

https://www.amazon.it/Poly-Pool-PP0748-Interruttore-Differenziale/dp/B00OOMNTEO/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1494158391&sr=8-1&keywords=INTERRUTTORE+DIFFERENZIALE+portatile

 

In condominio: Interruttore magnetotermico fornitore, magnetotermico differenziale quadro elettrico, magnetotermico differenziale zona giorno, magnetotermico differenziale zona notte e uno per ogni bagno ad alta sensibilità 5 mA

Tutti sono in cascata sulla stessa linea, anche se uno si guasta interviene quello a monte.

Lo sciacallaggio sulla verifica dell'impianto di terra sta influenzando l'ignoranza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La 46/90 abrogata e SOSTITUITA DAL DM 37/08 estende la precedente oltre le abitazioni civili

 

http://stiasrl.it/norme/I01d%20DM37_2008%20-%20Guida%20e%20Confronto%20L46_1990.pdf

"GLI IMPIANTI ELETTRICI “CIVILI” REALIZZATI PRIMA DEL 13/03/90 (PRE L. 46/90) (art. 6)

Gli impianti elettrici nelle unità immobiliari ad uso abitativo realizzati prima del 13/03/90 (pre L. 46/90) si considerano adeguati se dotati di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti all'origine dell'impianto, di protezione contro i contatti diretti, di protezione contro i contatti indiretti o protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 mA."

 

La terra ha svolto la sua funzione (non obbligatoria) prima dell'utilizzo dei differenziali, io stesso negli anni 70 realizzai l'impianto di terra a casa di mio padre per proteggere scaldabagno, lavatrice, frigorifero e i lampadari realizzati con metallo.

Il sopravvento dei manager moderni e politici incompetenti hanno rispolverato tecniche obsolete di protezione.

 

La terra ha ancora la sua funzione solo dove le correnti disperse non possono essere protette con i 30 mA, carichi induttivi capacitivi che determinano una perdita superiore ma non certamente presenti in condominio; tutto ciò che è presente nei luoghi accessibili ai condomini non può avere una perdita superiore ai 30 mA, apparecchiature non commercializzabili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

A prescindere dal fatto se mi serva o meno la terra volevo sapere soltanto se tale spesa deve ricadere su tutti i condomini o me la devo accollare soltanto io anche se un giorno potrebbe tornare comodo a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
A prescindere dal fatto se mi serva o meno la terra volevo sapere soltanto se tale spesa deve ricadere su tutti i condomini o me la devo accollare soltanto io anche se un giorno potrebbe tornare comodo a tutti

Al momento vuoi intallare tu e ne consegue che le spese sono tue.

Nel futuro chi ne vuorrà usufruire ti dovrà la sua quota di partecipazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

I presupposti che rendono l'impianto a carico di tutti i condòmini sono la presenza nel condominio di attività lavorative alla diretta dipendenza dello stesso condominio, come per esempio il portiere etc. etc.

 

Ne consegue che sia in assenza di tali presupposti, e sia in mancanza di una delibera che ne approva l’installazione congiunta condominiale, il singolo condòmino intenzionato a fare l’impianto per la sicurezza della propria abitazione non ha altra soluzione che quella che indicavo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

I presupposti ci sono perché abbiamo la ditta delle pulizie però un conto è l'impianto condominiale altro è un impianto privato di un condomino che deve scaricare a terra come impongono le normative volevo sapere se le due cose vanno di pari passo ho letto prosiel e sembrerebbe darmi ragione grazie a tutti per i contributi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il documento linkato in #6 (prosiel) e' stato redatto in data 2004, quindi non tiene in contro del DM 37/2008 che è successivo.

Le tue esigenze non afferiscono a campi analoghi a quelli di attività lavorative, ma concernono una realizzazione a regola d'arte per salvaguardare la sicurezza personale.

Ritengo che in precedenza ti siano state date le indicazioni.

 

))La ditta delle pulizie e' alle dipendenze dirette del condominio, che ne e' anche il suo datore di lavoro.......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×