Vai al contenuto
rebby78

Lettura contabilizzatori

Buongiorno, vi chiedo un consiglio.

Ho alla mano le letture dei ripartitori effettuate a fine dicembre.

 

Premetto che non ho praticamente usato i termosifoni, ma avendo in casa due climatizzatori con pompa di calore sto usando questa soluzione molto comoda perchè da app posso gestire in autonomia l'accensione e lo spegnimento.

 

La lettura era stata azzerata il 31-05 ed è ripartita all'accensione dell'impianto ad ottobre.

 

Ho monitorato l'uso quasi nullo, segnandomi ciò che il display mi segnala per ogni singolo termosifone.

 

La mia curiosità oggi è perchè la lettura è diversa da ciò che io vedo sul display?

 

Es: i due termosifoni del salone, identici per interasse e numero elementi, segnano rispettivamente 30 e 31, ma mi viene addebitato per un termosifone 85 e per l'altro 65. Questo numero mi dicono si ottenga dalla correzione data dal coefficiente di correzione.

 

Secondo voi è normale che io veda un numero sul display che non mi da la misura reale di quanto consumo?

Leggendo online ho capito che le termovalvole dovrebbero avere già inserito il coefficiente e dovrebbero già calcolarlo, infatti sul display vedo già apparire C.....

 

Inoltre non capisco come mai, i coefficienti per i miei due termosifoni siano i più alti di tutto il condominio e del condomino affianco.

 

Insomma, scusatemi se mi sono dilungata, ma non mi è chiaro il calcolo e l'impossibilità di avere dati certi. Grazie

Ripropongo il mio quesito perché non ho nessuno a cui chiedere e speravo che qualcuno mi potesse aiutare. Grazie

rebby78 dice:

Insomma, scusatemi se mi sono dilungata, ma non mi è chiaro il calcolo e l'impossibilità di avere dati certi.

Chiedi all'amministratore di avere copia della distinta termosifoni (cioè dove il gestore dell'impianto ha annotato i dati fisici dei termosifoni) e verifica se i due termosifoni che per te sono uguali, lo sono anche per chi ha rilevato i dati.

Controlla che la matricola del contabilizzatore annotato si effettivamente la stessa di quello installato. Magari potrebbero essersi sbagliati.

rebby78 dice:

Secondo voi è normale che io veda un numero sul display che non mi da la misura reale di quanto consumo?

Ni.

No non dovrebbe, ma in realtà purtroppo lo è perché spesso e volentieri li ha installati un tizio buono giusto a usare il cacciavite e la matita per scrivere, figuriamoci programmarli.

rebby78 dice:

i due termosifoni del salone, identici per interasse e numero elementi, segnano rispettivamente 30 e 31, ma mi viene addebitato per un termosifone 85 e per l'altro 65. Questo numero mi dicono si ottenga dalla correzione data dal coefficiente di correzione.

A parità di termosifoni anche il coefficiente di correzione dovrebbe essere il medesimo, visto che serve a dire al ripartitore quanto "potente" è il termosifone su cui è installato.

Chiedi conto a chi vi segue la contabilizzazione.

Modificato da Maxi
  • Mi piace 1

C'è sicuramente un ERRORE.

 

Le possibilità sono 2:

1 - i contabilizzatori sono programmati;

2 - i contabilizzatori non sono programmati.

 

1. Nel primo caso, dovrebbero essere addebitati direttamente 30 e 31 (come scatti).

2. Nel secondo caso, i valori 30 e 31 dovrebbero essere modificati con lo stesso coefficiente (dato che i termosifoni sono uguali) e, quindi, dovresti avere un addebito diverso (come scatti), ma 2 valori simili (per esempio 63 e 65).

 

 

 

Modificato da Mosquiton
  • Mi piace 1
rebby78 dice:

Ripropongo il mio quesito perché non ho nessuno a cui chiedere e speravo che qualcuno mi potesse aiutare. Grazie

Prima di tutto devi assicurarti che i due radiatori siano veramente identici in ogni loro parte. Per esempio, radiatori a piastra possono sembrare identici dall'esterno, ma possono avere più o meno convettori (lamiere) al loro interno.

 

Se sono identici, vale ovviamente quanto già detto da Maxi e Mosquionb.

Alla prossima lettura integrarla magari con alcune fotografie inquadrando un giornale con la data. 

Oggi ho risposto all'amministratore e al servizio esterno che gestisce la contabilizzazione. Si sono inalberati alla mia richiesta di delucidazioni.

Non so se posso postare la loro risposta. Per i termosifoni del salone (identici) non hanno risposto. Per quelli della cucina parlano di colonne differenti. Stasera controllerò.

 

Nel frattempo ho chiesto la mappatura e se sono programmati.

Mi sembrava di aver letto online, che se presente sul display la lettera "c" seguita da un numero significava che erano già programmati e tutti i diplay riportano questa dicitura.

 

Calcolate che quando ho affittato l'appartamento a giugno, le proprietarie mi avevano paventato una spesa di €1100 di riscaldamento. Poi a settembre hanno fatto una riunione di condominio senza invitarmi e hanno disposto €2000 di spese di riscaldamento per il mio appartamento sulla base dei consumi  (oltre 14.000) dell'inquilino precedente che avevano calcolato solo a settembre, avendo chiuso l'impianto al 31 maggio. Mi sono aggiustata egregiamente con la pompa di calore, pagherò comunque il 30% di fisso, ma rimane una parte di consumi che non mi sembra sia addebitata correttamente.

 

 

 

 

Io per curiosità ho chiesto al tecnico che ha montato i contabilizzatori pur avendo alcuni termosifoni uguali in toto, i parametri potevano essere differenti dato dal fatto anche dal loro posizionamento. ( sotto finestra, nord, ecc...) variando anche il costo. Risposta confermata ranche dall' amministratore. 

rebby78 dice:

Oggi ho risposto all'amministratore e al servizio esterno che gestisce la contabilizzazione. Si sono inalberati alla mia richiesta di delucidazioni.

Non so se posso postare la loro risposta. Per i termosifoni del salone (identici) non hanno risposto. Per quelli della cucina parlano di colonne differenti. Stasera controllerò.

 

Nel frattempo ho chiesto la mappatura e se sono programmati.

Mi sembrava di aver letto online, che se presente sul display la lettera "c" seguita da un numero significava che erano già programmati e tutti i diplay riportano questa dicitura.

 

Calcolate che quando ho affittato l'appartamento a giugno, le proprietarie mi avevano paventato una spesa di €1100 di riscaldamento. Poi a settembre hanno fatto una riunione di condominio senza invitarmi e hanno disposto €2000 di spese di riscaldamento per il mio appartamento sulla base dei consumi  (oltre 14.000) dell'inquilino precedente che avevano calcolato solo a settembre, avendo chiuso l'impianto al 31 maggio. Mi sono aggiustata egregiamente con la pompa di calore, pagherò comunque il 30% di fisso, ma rimane una parte di consumi che non mi sembra sia addebitata correttamente.

 

 

 

 

Ahahah.... sai perché s'inalberano???

😃

Perché hanno paura che trovi gli ERRORI che hanno fatto!

 

In ogni caso, le colonne differenti non c'entrano nulla e sui termosifoni identici hanno SICURAMENTE sbagliato!

 

Ricordati che tu hai diritto ad avere TUTTE LE INFORMAZIONI riguardanti la programmazione e la mappatura dei tuoi contabilizzatori!

 

 

biagio64 dice:

Io per curiosità ho chiesto al tecnico che ha montato i contabilizzatori pur avendo alcuni termosifoni uguali in toto, i parametri potevano essere differenti dato dal fatto anche dal loro posizionamento. ( sotto finestra, nord, ecc...) variando anche il costo. Risposta confermata ranche dall' amministratore. 

Questo non mi risulta assolutamente!!!

 

Prima di darlo per scontato, aspetterei la conferma di qualche esperto!

 

 

 

 

 

Modificato da Mosquiton
  • Mi piace 1
rebby78 dice:

Mi sembrava di aver letto online, che se presente sul display la lettera "c" seguita da un numero significava che erano già programmati e tutti i diplay riportano questa dicitura.

Questo lo devi controllare nel manuale del produttore del ripartitore oppure ovviamente chi te lo ha installato: ogni produttore evidenzia in modo differente il significato delle lettere sul display.

 

biagio64 dice:

Io per curiosità ho chiesto al tecnico che ha montato i contabilizzatori pur avendo alcuni termosifoni uguali in toto, i parametri potevano essere differenti dato dal fatto anche dal loro posizionamento. ( sotto finestra, nord, ecc...) variando anche il costo. Risposta confermata ranche dall' amministratore. 

Io chiederei a chi sostiene queste affermazioni l'esatto riferimento alla norma dove cè scritto.

 

Per l'installazione dei ripartitori, la norma tecnica di riferimento è la UNI EN 834 (e anche la UNI 10200 ne fa riferimento diretto). In questa norma non sono previste compensazioni come ti sono state indicate: una volta identificata la potenza nominale del radiatore, per esempio secondo le schede tecniche del produttore, quello è il paramtero da prendere per il Kq, senza ulteriori calcoli.

 

La unità di consumo rilevata dal ripartitore e quindi le impostazioni del ripartitore sono ben e univocamente definite dalla norma.

 

Quindi sono d'accordo con Mosquiton! 

  • Mi piace 1
×