Vai al contenuto
AMC68

LETTERA AVVOCATO PER INFO SU OPERATO Amministratore

Salve, ieri ho ricevuto per raccomandata una lettera da parte di un avvocato che mi informava dei doveri dell'amministratore di condominio del mio stabile in seguito ad una mia mail indirizzata all'amministratore circa delle mie richieste di mancato operato da parte sua. 

La mia domanda è la seguente: Un amministratore di condominio può inviare una risposta ad un condomino addirittura attraverso un legale per informarmi su come intende gestire le manutenzioni ordinarie del giardino di uno spazio condominiale? Ovvero per informarmi che riguardo le spese di manutenzione ordinaria non è tenuta ad informare i condomini circa il costo, gli orari e il giorno di tale intervento? Spero di essermi spiegata. Grazie.

AMC68 dice:

Salve, ieri ho ricevuto per raccomandata una lettera da parte di un avvocato che mi informava dei doveri dell'amministratore di condominio del mio stabile in seguito ad una mia mail indirizzata all'amministratore circa delle mie richieste di mancato operato da parte sua. 

La mia domanda è la seguente: Un amministratore di condominio può inviare una risposta ad un condomino addirittura attraverso un legale per informarmi su come intende gestire le manutenzioni ordinarie del giardino di uno spazio condominiale? Ovvero per informarmi che riguardo le spese di manutenzione ordinaria non è tenuta ad informare i condomini circa il costo, gli orari e il giorno di tale intervento? Spero di essermi spiegata. Grazie.

Se ci sono dei contratti in essere basta fissare un appuntamento presso lo studio dell'amministratore e/o visionare o produrre copia , a tue spese dei documenti. La lettera di un legale per questo genere di informazioni mi sembra esagerata, salvo che non ci siano stati screzi e l'amministratore ha agito con il legale.

Beh se il legale se lo paga lui può farlo certamente. Se invece imputa la spesa al condominio, sarebbe bene contestare tale spesa in assemblea. 
 

  • Mi piace 1
Nicola L. dice:

Se ci sono dei contratti in essere basta fissare un appuntamento presso lo studio dell'amministratore e/o visionare o produrre copia , a tue spese dei documenti. La lettera di un legale per questo genere di informazioni mi sembra esagerata, salvo che non ci siano stati screzi e l'amministratore ha agito con il legale.

Salve, cosa intende quando scrive se ci sono contratti in essere? Intende contratto con giardiniere? La mia domanda era capire perchè l'amministratrice ha fatto scrivere dal legale in nome e per conto del condominio quando poteva tranquillamente rispondere lei direttamente alla mia mail, visto che fisicamente non è possibile incontrarla causa covid, dove le consigliavo di istituire un canale informativo sul suo operato ed eventualmente anche sui costi. La mia richiesta su questa chat è proprio capire quanto sia più o meno grave che un amministratore scriva ad un condomino attraverso un avvocato, solo per rispondere ad una mail. Sapevo che chiedere info sul suo operato da parte di un condomino fosse lecito e permesso. 

FrancescoM dice:

Beh se il legale se lo paga lui può farlo certamente. Se invece imputa la spesa al condominio, sarebbe bene contestare tale spesa in assemblea. 
 

Sapevo che il legale venisse scomodato solo per ingiunzioni di pagamento o per motivi gravi. La lettera inviatami secondo me non rientra tra questi casi, sembra più intimidatoria quasi a farmi capire chi è che comanda tra le due parti ed indurmi a evitare future mie richieste.

Modificato da AMC68
AMC68 dice:

 ... La mia domanda era capire perchè l'amministratrice ha fatto scrivere dal legale in nome e per conto del condominio quando poteva tranquillamente rispondere lei...

 La mia richiesta su questa chat è proprio capire quanto sia più o meno grave che un amministratore scriva ad un condomino attraverso un avvocato, solo per rispondere ad una mail. Sapevo che chiedere info sul suo operato da parte di un condomino fosse lecito e permesso. 

Nel forum non conosciamo il tenore della lettera da te inviata ma se l'amministratore l'ha interpretata come un tuo giudizio sul suo operato e non sa scrivere bene, magari ha fatto rispondere dal suo avvocato di fiducia per non sbagliare a scrivere, magari rischiando la querela se scrivesse qualcosa di sbagliato.

Finchè l'amministratore fa rispondere dal suo avvocato nulla osta ma se, come hai scritto, l'amministratrice ha fatto scrivere all'avvocato "in nome e per conto del condominio", presumibilmente il costo dell'avvocato sarà addebitato al condominio o, ancor peggio, a te come spesa personale.

Devi stare attento al prossimo rendiconto perchè se l'amministratrice addebita l costo dell'avvocato al condominio o a te, dovete contestare la spesa.

AMC68 dice:

 

Sapevo che il legale venisse scomodato solo per ingiunzioni di pagamento o per motivi gravi. La lettera inviatami secondo me non rientra tra questi casi, sembra più intimidatoria quasi a farmi capire chi è che comanda tra le due parti ed indurmi a evitare future mie richieste.

I legali danno anche pareri e scrivono lettere.

Non so gli antefatti della questione, ma probabilmente l'amministratore le ha risposto con avvocato per chiarirle che quanto ivi contenuto (i compiti dell'amministratore e cosa puo' o non puo' fare) non sono idee sue, dell'amministratore, ma previste dalle norme.

 

Per dire, io conosco amministratori che dopo aver spiegato n volte un certo  concetto ad un condomino, lo fanno ribadire a me, perchè alle volte il condomino di fronte alla risposta dell'amministratore dice "eh ma questo lo dice lei! non è così"

quindi l'amministratore si rivolge ad un legale e fa scrivere da questi che dovrebbe avere una conoscenza delle norme e forse sentirsi dire da un avvocato una cosa , fa un po' ricredere il condomino.

 

In questo caso va a difendere anche il condominio stesso, da eventuali impugnazioni che il condomino, ove non ricevesse lettera chiarificatrice da un legale, ad esempio, proponesse.

 

I motivi quindi possono essere molti per rivolgersi ad un legale. E potrebbe pure essere fatto nell'interesse del condominio. 

 

  • Mi piace 1
SisterOfNight dice:

Per dire, io conosco amministratori che dopo aver spiegato n volte un certo  concetto ad un condomino, lo fanno ribadire a me, perchè alle volte il condomino di fronte alla risposta dell'amministratore dice "eh ma questo lo dice lei! non è così"

quindi l'amministratore si rivolge ad un legale e fa scrivere da questi che dovrebbe avere una conoscenza delle norme e forse sentirsi dire da un avvocato una cosa , fa un po' ricredere il condomino.

Sante parole!!

 

solo per esempio e non nel caso specifico: dove abito ci sono due condomini effettivamente brave persone, ma quando si va spiegare problemi   condominiali non li convinci nella maniera più assoluta anche davanti alla  realtà dei fatti.

 

Antonio

Modificato da Molinodoppio
Molinodoppio dice:

solo per esempio e non nel caso specifico; ci sono due condomini effettivamente brave persone, ma quando si va spiegare problemi   condominiali non li convinci nella maniera più assoluta.

A me è successo una sola volta, nonostante il modo elementare di pormi, di non riuscire a spiegare in alcun modo da cosa scaturiva il rendiconto a seguito di riparti per millesimi per tabella, quote versate e saldi finali.

Quando proprio ho capito che non ce la potevo fare (nonostante il mio interlocutore fosse il figlio diplomato di un condòmino gli ho adto due soluzioni:

- farmi parlare con un contabile/commercialista di sua fiducia

- impugnare il rendiconto in modo che l'assemblea potesse essprimersi se farsi rappresentare in mediazione dall'avvocato di fiducia o saltare la mediazione e lasciar decidere tutto al giudice.

 

Di sicuro non mi sarei mai sognato di far scrivere dal commercialista a spese del condominio per tenere una lezione di contabilità al figlio del condòmino ignorante in materia.

SisterOfNight dice:

I legali danno anche pareri e scrivono lettere.

Non so gli antefatti della questione, ma probabilmente l'amministratore le ha risposto con avvocato per chiarirle che quanto ivi contenuto (i compiti dell'amministratore e cosa puo' o non puo' fare) non sono idee sue, dell'amministratore, ma previste dalle norme.

 

Per dire, io conosco amministratori che dopo aver spiegato n volte un certo  concetto ad un condomino, lo fanno ribadire a me, perchè alle volte il condomino di fronte alla risposta dell'amministratore dice "eh ma questo lo dice lei! non è così"

quindi l'amministratore si rivolge ad un legale e fa scrivere da questi che dovrebbe avere una conoscenza delle norme e forse sentirsi dire da un avvocato una cosa , fa un po' ricredere il condomino.

 

In questo caso va a difendere anche il condominio stesso, da eventuali impugnazioni che il condomino, ove non ricevesse lettera chiarificatrice da un legale, ad esempio, proponesse.

 

I motivi quindi possono essere molti per rivolgersi ad un legale. E potrebbe pure essere fatto nell'interesse del condominio. 

 

sono d'accordo che l'interpello del legale sia connesso con l'utilità dell'intero condominio, ma non in questo caso.

L'amm.re pro tempore non può non conoscere i propri doveri, soprattutto perchè se esercita professionalmente, ha imparato a memoria ciò che recita l'art. 1129 Codice Civile.

Secondo me l'intervento del legale è un chiaro monito per non permettersi la prossima volta di creare ingerenza con il suo operato, diversamente era compito suo rispondere; se non lo sa fare resto basito.

Ad ogni modo questo intervento se lo DEVE pagare lui/lei perché non ha parvenza di legittimazione passiva, per la quale ha titolo, è un suo arbitrio e come tale è interamente a carico suo

AMC68 dice:

Salve, ieri ho ricevuto per raccomandata una lettera da parte di un avvocato che mi informava dei doveri dell'amministratore di condominio del mio stabile in seguito ad una mia mail indirizzata all'amministratore circa delle mie richieste di mancato operato da parte sua. 

La mia domanda è la seguente: Un amministratore di condominio può inviare una risposta ad un condomino addirittura attraverso un legale per informarmi su come intende gestire le manutenzioni ordinarie del giardino di uno spazio condominiale? Ovvero per informarmi che riguardo le spese di manutenzione ordinaria non è tenuta ad informare i condomini circa il costo, gli orari e il giorno di tale intervento? Spero di essermi spiegata. Grazie.

La risposta alla tua domanda è: si, può farti scrivere da chi ritiene opportuno, anche da Mattarella, resta però il fatto che, considerando che riguarda la sua sfera di competenza, è normale che tu resti stranita, soprattutto perché dotata di intelletto avresti compreso perfettamente la sua risposta.

La tua arguzia ti ha già dato una pista, anche per me condivisibile: ciò che faccio io riguarda me, tu non ti intromettere, se ti rispondo io molto presto mi importunerai per altro, ti faccio scrivere dal legale così ti calmi.

Peccato, e lo ribadisco, che il rapporto con il proprio amm.re è un rapporto fiduciario e bilaterlae, se diventa asettico anche i dubbi continueranno a permanere. tu non perdere le speranze, le cose che non ti sono chiare continua a raggiungerlo/a con le tue mail, sii educata e non scadere nel penale, prima o poi anche il legale lo mollerà, non si può diffidare un condomino se produce richieste lecite.

Al prossimo rendiconto e bilancio preventivo da approvare portati un enciclopedia di offerte per ogni servizio di tuo interesse, proponili all'assemblea in modo che possano essere approvati, in tal modo avrai un controllo anche sull'operato della ditta perchè la potrai contattare senza la sua autorizzazione

Modificato da andreapud
refuso

Dipende dal tenore della lettera.

Se ti ha fatto rispondere da un legale, un motivo ci sarà.

enrico dimitri dice:

Dipende dal tenore della lettera.

Se ti ha fatto rispondere da un legale, un motivo ci sarà.

AMC68 dice:

Un amministratore di condominio può inviare una risposta ad un condomino addirittura attraverso un legale per informarmi su come intende gestire le manutenzioni ordinarie del giardino di uno spazio condominiale?

L'opener all'inizio ha chiesto informazioni circa la manutenzione del giardino condominiale. 

Nicola L. dice:

L'opener all'inizio ha chiesto informazioni circa la manutenzione del giardino condominiale. 

Sono d'accordo, ma più che il tema potrebbe contare il tono.

enrico dimitri dice:

Sono d'accordo, ma più che il tema potrebbe contare il tono.

enrico sappiamo solo quello che ci è stato chiesto. Per il resto , visto che la discussione - costruttiva sotto diversi punti -  è interessante anche perchè, sotto l'aspetto  inquilino / proprietario ,c'è molto da dire: ci sono proprietari che non vogliono avere nulla a che fare con gli inquilini e scaricano tutto sugli amministratori: molte volte si ha a che fare anche con delinquenti; in questo caso serve una lettera al proprietario- scritta da un legale - per rimarcare che i rapporti sono " amministratore / proprietario e non inquilino amministratore". In questo caso le spese legali sono a carico del condominio o dell'amministratore? Visto che uno dei compiti fondamentali dell'amministratore è - riscuotere le quote condominiali - secondo il c.c.

AMC68 dice:

Salve, ieri ho ricevuto per raccomandata una lettera da parte di un avvocato che mi informava dei doveri dell'amministratore di condominio del mio stabile in seguito ad una mia mail indirizzata all'amministratore circa delle mie richieste di mancato operato da parte sua. 

La mia domanda è la seguente: Un amministratore di condominio può inviare una risposta ad un condomino addirittura attraverso un legale per informarmi su come intende gestire le manutenzioni ordinarie del giardino di uno spazio condominiale? Ovvero per informarmi che riguardo le spese di manutenzione ordinaria non è tenuta ad informare i condomini circa il costo, gli orari e il giorno di tale intervento? Spero di essermi spiegata. Grazie.

Spesso gli Amministratori si sentono dei veri "Imperatori" padroni del palazzo, non al servizio dei condomini "Clienti" utilizzano gli Avvocati per intimorire, non per dare spiegazioni scritte, con minor perdita di tempo.  Quando si sceglie un Amministratore, i clienti (condomini) dovrebbero far firmare alcune regole d'ingaggio, allora i condomini sarebbero i padroni della loro casa e non un bancomat dell'Amministratore, buono o cattivo che sia.        Io l'avevo proposto, ma i sostenitori del precedente Amministratore si opposero, facendo eleggere un Amministratore, amico del precedente.

enrico dimitri dice:

Dipende dal tenore della lettera.

Se ti ha fatto rispondere da un legale, un motivo ci sarà.

Allego testo della mail da me inviata il 31 Agosto scorso all'amministratrice alla quale non è mai seguita una risposta ne' scritta, nè telefonica. La lettera dell'avvocato mi è stata scritta dopo due mesi e mezzo dalla mia mail senza che ci fosse nel frattempo un confronto diretto con l'amministratrice, buio totale. L'ho contattata al telefono dopo l'arrivo della lettera e mi ha detto che siccome c'erano stati attriti ha pensato di farmelo scrivere da un avvocato

"Buongiorno signora Amministratrice.

Gentilmente mi ricorda gli orari di ricevimento settimanali per poter parlare con lei? Sono la signora....... Via ..... int. ...

Le chiedo, di istituire , se non lo ha già fatto , un canale informativo tra noi condomini e lei, su tutte le operazioni che svolge, che comportano l'esborso di somme da parte nostra e che modificano l'estetica dei luoghi comuni di nostro utilizzo come accaduto ieri nell'area parcheggio, quando ci siamo trovati di fronte al fatto compiuto, senza esserne stati avvisati sui tempi, le modalità e i costi dei lavori eseguiti.  Le consiglio, ad esempio una mail condominiale,  per informarci sul suo operato, passo dopo passo e quindi poter decidere insieme prima e non dopo. Ci sentiamo comunque telefonicamente. Buona giornata. " Sono qui a chiedere a voi amministratori se i toni sono così accesi a tal punto di farmi scrivere da un avvocato. Forse non è tenuta a informarmi sulla spesa, anche se ciò lo trovo assurdo visto che li dobbiamo cacciare noi, ma almeno mettere un foglio sul portone che il giorno tot alle ore tot verrà un giardiniere a svegliarvi dal sonno improvvisamente con una sega elettrica molto rumorosa e non in ultimo dove sono parcheggiate le auto ed io in pigiama sono dovuta scendere velocemente per permettergli di tagliare l'erba dei posti auto? Chiedo un vostro parere.....

Ferdinando Rufino dice:

Spesso gli Amministratori si sentono dei veri "Imperatori" padroni del palazzo, non al servizio dei condomini "Clienti" utilizzano gli Avvocati per intimorire, non per dare spiegazioni scritte, con minor perdita di tempo.  Quando si sceglie un Amministratore, i clienti (condomini) dovrebbero far firmare alcune regole d'ingaggio, allora i condomini sarebbero i padroni della loro casa e non un bancomat dell'Amministratore, buono o cattivo che sia.        Io l'avevo proposto, ma i sostenitori del precedente Amministratore si opposero, facendo eleggere un Amministratore, amico del precedente.

Sono daccordo con lei, si risparmierebbe molto tempo e soprattutto non ci sarebbero condomini che si sentono più padroni di te degli spazi comuni soltanto perchè ci vivono da più tempo e si sono arrogati il diritto di utilizzarli come spazi privati,tipo pensiline, fili elettrici pendenti dal palazzo per farci un'officina personale, mentre gli stessi spazi sono destinati al solo parcheggio dell'auto. 

AMC68 dice:

L'ho contattata al telefono dopo l'arrivo della lettera e mi ha detto che siccome c'erano stati attriti ha pensato di farmelo scrivere da un avvocato

Beh, se già in passato c'erano state delle incomprensioni (attriti) la'mministratrice ha pensato bene di farti rispondere da un avvocato per darti una risposta il più pecisa possibile riguardo le sue attribuzioni previste dal codice civile.

Trattandosi di una scelta dell'amministratrice che non ritengo sia nell'interesse del condominio, come ti avevo già detto, l'unica cosa che dovrai attenzionare è se l'avvocato se lo paga lei oppure compare nel bilancio condominiale.

Leggendo la mail inviata dall'opener sembra che l'amministratrice abbia di sua inziativa e senza informare nessuno dato luogo a lavori di "modifica dell'estetica dei luoghi comuni" non ben precisati.
Si tratta di capire se questa"modifica dell'estetica dei luoghi comuni" sia catalogabile come lavoro di manutenzione ordinaria o meno.

Perchè se fosse catalogabile come manutenzione "straordinaria" mi risulta che l'amministratore non poteva intervenire di sua inziativa a meno che i lavori effettuati rivestissero carattere di urgenza e risultassero indifferibili.

×