Vai al contenuto
halisea59

Le racc. inviate ai condomini dall'amministratore sono a carico del destinatario?

il mio amministratore mi manda comunicazioni via raccomandata anche per parti che non mi riguardano. Recentemente ha indetto riunione straordinaria per discutere sulle modifiche all'ascensore. Da notare che io non ho partecipato all'installazione perchè non interessata all'uso e infatti non sono inclusa nelle spese. Ora era necessario inviarmi una convocazione che riguardava i condomini che hanno partecipato alle spese di installazione? la racc. era di € 9,00. Più volte sollecitata a inviarmi comunicazioni non urgenti via mail, non ha mai utilizzato questo mezzo, ma continua a mandare racc. a carico mio. Ora vorrei sapere se e per quali motivi è obbligata a mandare racc. ai condomini, e se queste e quando sono a carico del condomino.

Grazie

Scusa ma nel consultivo non c'erano le spese di cancelleria? Noi diamo un certo tot per queste spese e l'amministratore le usa per raccomandate e/o fotocopie. Una raccomandata da 9 euro è esagerato, digli semmai di usare la raccomandata normale quella da 4euro per intendersi. La raccomandata obbligatoriamente si usa per la convocazione delle assemblee (ora puo' essere fatta pure via fax o email certificata) o inviare il verbale assembleare oppure per dare tempestiva comunicazione di spese improvvise e urgenti oppure per informare i condomini di una diffida/denuncia ricevuta (e a questo punto viene anche convocata l'assemblea).

 

Nel tuo caso mi pare che l'amministratore possa e debba risparmiare come il principio di diligenza del " buon padre di famiglia" gli impone.

Scusa ma nel consultivo non c'erano le spese di cancelleria? Noi diamo un certo tot per queste spese e l'amministratore le usa per raccomandate e/o fotocopie. Una raccomandata da 9 euro è esagerato, digli semmai di usare la raccomandata normale quella da 4euro per intendersi. La raccomandata obbligatoriamente si usa per la convocazione delle assemblee (ora puo' essere fatta pure via fax o email certificata) o inviare il verbale assembleare oppure per dare tempestiva comunicazione di spese improvvise e urgenti oppure per informare i condomini di una diffida/denuncia ricevuta (e a questo punto viene anche convocata l'assemblea).

 

Nel tuo caso mi pare che l'amministratore possa e debba risparmiare come il principio di diligenza del " buon padre di famiglia" gli impone.

Caro Brontolo00 secondo me stai facendo confusione le spese per racc e cancelleria riguardano le raccomandate inviate ad altri utenti che non siano condomini. Per quanto riguarda l'invio della email come già ci siamo espressi tutti più volte sul sito è questione di amministratore e di condominio, dato che un'amministratore non può mandare ad un condomino una PEC all'altro un fax ad un'altro una raccomandata e all'ultimo la consegna a mano, i condomini devono scegliere loro il metodo più consono che deve essere uguale per tutti.

Le spese di cancelleria e raccomandate riguardano le comunicazioni le fotocopie indipendentemente che siano verso i condomini o gente esterna al condominio. Semmai si puo' fare una distinzione tra la ripartizione delle comunicazioni/copie di interesse condominiale di tutti i condomini ovvero quele che vanno divise tra tutti e quelle verso una parte dei condomini o uno solo che potrebbero essere addebitate personalmente .Dipende tutto dagli accordi tra condomini e dai patti pre-nomina dell' amministratore. Per esempio il nostro vecchio amministratore attaccava la convocazione in condominio con lo spazio per firmarne la presa di visione, per ll'assemblea ordinaria è ok.

Pagare una raccomandata 9 euro mi pare eagerato, soprattutto se la raccomandata non era di interesse per la condomina.

Grazie siete gentilissimi, ho chiesto più volte di inviarmi le comunicazioni via email ma l'amministratore fa il sordo tanto dice che le racc. sono a carico del destinatario. Se non trovo una legge che specifichi le disposizioni in merito continuerà a mandarmele a carico mio, tanto le inserisce nel quantitativo delle spese di condominio personali.

Le spese postali sono a carico del condominio da ripartirsi per millesimi di proprietà, però l'amministratore se veramente professionale dovrebbe conoscere anche l'art 1123 cc che al terzo comma dice;

 

- Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell’intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità.

 

Per cui se l'assemblea trattava solo l'impianto ascensore che a te non interessa e non appartiene, avrebbe dovuto convocare solamente i condomini interessati.

 

Le spese postali, anche se attengono all'invio di corrispondenza o di solleciti di pagamento inviati a ciascun condòmino, devono essere addebitate a tutti i condòmini in proporzione ai millesimi di proprietà; non devono, dunque, essere addebitate al singolo condòmino cui si riferiscono.

In tal senso si è espressa più volte la Corte di Cassazione (sentenza n. 3946/1994; sentenza n. 24696/2008).

Quindi Tullio per le spese di sollecito di una rata devo fare la raccomandata all'interessato e addebitare il costo della stessa al condominio con la tabella di proprietà. Grazie

...Ora era necessario inviarmi una convocazione che riguardava i condomini che hanno partecipato alle spese di installazione? la racc. era di € 9,00. Più volte sollecitata a inviarmi comunicazioni non urgenti via mail, non ha mai utilizzato questo mezzo, ma continua a mandare racc. a carico mio. Ora vorrei sapere se e per quali motivi è obbligata a mandare racc. ai condomini, e se queste e quando sono a carico del condomino.

Grazie

"A pensar male si fa peccato... ma spesso ci si azzecca"

Che tipo di raccomandata hai ricevuto? postale? Hai ricevuto uno foglio o un fascicolo?

Una raccomandata fino a 20 gr. costa meno di 4 euro. Considerando che un foglio pesa 5 gr., mandare un fascicolo di 70 fogli (350 gr.) costa 6 euro.

 

Forse nel suo preventivo di compenso all'amministratore gli è stata riconosciuta la somma di €. 9,00 per ogni raccomandata inviata che è comprensiva delle spese vive più il compenso.

Se è così, è chiaro che l'amministratore ha interesse ad inviare raccomandate anche a chi non gli è dovuta perchè, tolte le spese vive, ci guadagna circa 5 euro.

 

Se la raccomandata ha un "costo reale" di 9 euro che ti addebita nelle spese personali, prova a chiedergli di visionare il giustificativo di spesa.

se la raccomandata é per convocazione o verbali assemblea è a carico di tutti se é per un sollecito di pagamento è a carico del moroso

Mi chiedo perché se io privato ti mando una comunicazione vado in posta e pago mentre se lo fa il condominio pago ancora io..

Mi chiedo perché se io privato ti mando una comunicazione vado in posta e pago mentre se lo fa il condominio pago ancora io..
Se tu vai alla posta ed invii una raccomandata a te stesso paghi, lo stesso vale per il condominio.

 

p.s. il Topic ha già due anni, forse era meglio aprire un topic nuovo.

×